This page has moved to a new address.

Il Lupo Perde il Vizio, Iannuzzi Non Sporca la Targa del Sindaco: Emozioni al “Pala Coppola”

Freebacoli: Il Lupo Perde il Vizio, Iannuzzi Non Sporca la Targa del Sindaco: Emozioni al “Pala Coppola”

sabato 10 settembre 2011

Il Lupo Perde il Vizio, Iannuzzi Non Sporca la Targa del Sindaco: Emozioni al “Pala Coppola”

image Ci sono dettagli, apparentemente marginali, che spesso fanno la differenza.

Ieri, la cerimonia di intitolazione della Casa dello Sport, in via Bellavista al beneamato ex sindaco di Monte di Procida, Giuseppe Nicola Coppola, il caro Pippo, come preferiva farsi chiamare da tutti. Una celebrazione che rimarrà nella storia ma soprattutto negli animi di coloro i quali si sono stretti attorno ad un dolore ancora struggente.

Presenti, col cuore in gola i tanti cittadini che, in questi mesi, si stanno facendo promotori, di una campagna di sensibilizzazione che con ogni mezzo (tra cui anche una petizione popolare) sta tentando di colmare la carenza di levatura morale da cui sembrerebbe affetta l’attuale classe dirigente, in primis il sindaco Francesco Paolo Iannuzzi.

Uno strano caso, il suo che non troverebbe riscontro in altre località e limitrofe e a livello nazionale: quello di esporre, nella targa commemorativa dedicata ad un uomo illustre e celebre del piccolo comune flegreo, a lettere piuttosto grandi, centrale e in bella vista, il suo nome, quale “autore della dedica”.

  • La Targa e la Commemorazione Priva di Macchie

Ci si guardava negli occhi ieri, qualcuno incrociava le dita, altri preferivano non aspettarsi nulla piuttosto che avvertire la sensazione di una speranza andare in frantumi, lo spazio di un secondo, quello di un velo che cade giù.

imageMa ad un “vizio” tanto vile, ieri si è contrapposta una singolare dicitura, impregnata della linfa vitale di 14mila abitanti, del pensiero condiviso da un’intera comunità. All’ingresso del “Palacoppola”, una targa commemorativa recitava testuali parole:

“Dott.Giuseppe Nicola Coppola. Medico esemplare e sindaco indimenticato. I cittadini tutti posero in solenne ringraziamento e a perpetuo ricordo di tutte le iniziative a favore dei Giovani e dello Sport di Monte di Procida”.

Per la scelta dell’intitolazione qualche settimana fa è stata costituita un’apposita Commissione composta da volti noti e non della cittadina flegrea ma da sempre vicini al compianto amico Pippo. Una commissione che, è riuscita appieno nell’intento di rappresentarci tutti, nessuno escluso senza particolarismi ed invadenze che avrebbero turbato il ricordo altrui.

  • Le Cattive Abitudini del Sindaco Autocelebrativo.

E’ la prima targa celebrativa che, dal 2009 ad oggi trova unita la collettività tutta, priva di macchie, rancori e polemiche. L’ultima scoperta tra l’indignazione e la delusione dei presenti, quella dedicata, il 30 luglio scorso, nella frazione di Cappella, all’apprezzatissimo poeta Michele Sovente.

imageLimiti “strutturali” differenziano l’una dall’altra celebrazione. A buon diritto si descrive il poeta cappellese quale “Raro esempio di bontà e modestia”, la stessa modestia che, con tanto di souvenir, è venuta a mancare all’amministrazione Comunale, nonché al sindaco Iannuzzi, il quale probabilmente forzando il tentativo di autocommemorarsi a tutti i costi, al centro, a chiare lettere e ben visibili ha fatto incidere il suo nome “Francesco P. Iannuzzi”, quasi ad oscurare quello del dedicatario con presuntuosa sfacciataggine.

Lo stesso che si riscontra in altri casi non dissimili, sempre lui che con il suo carpe diem non perde mai occasione per autocelebrarsi e passare ad imperitura memoria.

  • Una Speranza Futura

E ancora una volta non resta che aggrapparsi alla speranza che il Primo Cittadino abbia inteso la differenza tra l’ “autocommemorazione” ed il “riconoscimento” senza secondi fini ad un proprio compaesano di aver condotto una vita esemplare e degna di essere omaggiata ai posteri affinché possano, questi ultimi affidarsi al suo buon insegnamento pur non avendo avuto la fortuna di conoscerlo ed ammirarlo in vita.

“Errare humanum est, perseverare autem diabolicum”, tradotta letteralmente significa “commettere errori è umano, ma perseverare -nell'errore- è diabolico". Sarebbe un grande evento, degno realmente di essere celebrato se il Primo Cittadino facesse un passo indietro e restituisse alla comunità la purezza di rendere “grazie” ad un proprio compaesano senza “pecche” di populismo e protagonismi cui è avvezzo il sindaco pro tempore.

Melania Scotto d’Aniello

Etichette: , , ,

5 Commenti:

Alle 10 settembre 2011 17:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

Da notare le differenze tra le due targhe
IANNUZZI ELIMINA IL TUO NOME ANCHE DA QUELLA DI SOVENTE!!!
CAPPELLA C'è (QUELLA VERA!)

 
Alle 10 settembre 2011 17:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

Questa redazione è in grado di ''sporcare'' con i loro titoli, pagine che rimarranno nella storia! Viva il PalaCoppola, e forza sindaco! che il tuo nome venga inciso nei ricordi belli della gioventù odierna!

 
Alle 10 settembre 2011 18:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Pippo sei ancora con noi

 
Alle 10 settembre 2011 19:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sono d'accordo col commento precedente, ragazzi mi spiace ma è così. Se qualcuno oggi ha "sporcato" siete voi.
La notizia di oggi, è quella del tributo di tutti, nemici, amici, amicipoinemici, proprio di tutti a un gran sindaco e un grandissimo uomo!

 
Alle 10 settembre 2011 20:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

IANNUZIIIIIIII TOGLI IL NOME ANCHE DA SOVENTEEEEEEEEEEEE
GIU LE MANI DALLA POESIAAAAAAAAAAAAAAAA

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page