This page has moved to a new address.

Elezioni Sindacali al Comune, Una Sola RSU è Donna. Vince la CISL, Scompare il Sindacato Autonomo - I RISULTATI

Freebacoli: Elezioni Sindacali al Comune, Una Sola RSU è Donna. Vince la CISL, Scompare il Sindacato Autonomo - I RISULTATI

giovedì 8 marzo 2012

Elezioni Sindacali al Comune, Una Sola RSU è Donna. Vince la CISL, Scompare il Sindacato Autonomo - I RISULTATI

imageElezioni sindacali per il personale dipendente del Comune di Bacoli: vince la CISL, mentre scompaiono clamorosamente le rappresentanze del sindacato autonomo DICCAP.

Vira decisa verso un indirizzo politico vicino ai pseudo-partiti di centrodestra, la lancetta dei dipendenti comunali accorsi alle urne il 5-6-7 Marzo per la nomina delle Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU), organismo sindacale che esiste in ogni luogo di lavoro pubblico e privato, costituito da non meno di tre persone elette da tutti i lavoratori iscritti e non iscritti al sindacato.

Dai dati diffusi in giornata, e che saranno resi ufficialmente noti attraverso l’affissione all’Albo Pretorio, si denotano una serie di dati emblematici tra cui, su tutti, spicca l’allontanamento di massa dell’elettorato dal sindacato autonomo “Dipartimento Autonomie Locali e Polizie Locali”, verso i sindacati storici della CISL e della CGIL.

Tutti al Voto: Il 90% Alle Urne

C’è innanzitutto da registrare la partecipazione degli aventi diritto al voto che si sono recati alle urne con una percentuale che sfiora il 90%. Su 285 dipendenti comunali, ben 256 hanno dato una propria preferenza. Un dato impressionante, se si considerano altro tipo di tornate elettorali (basterebbe considerare quelle amministrative), che rappresenta però un trend stabile per la macchina comunale di Bacoli.

imageLapalissiani, nel concreto, i dati numerici, da cui scaturisce la suddivisione dei rappresentanti: La CISL, con ben 121 voti di lista, riesce a portare a casa ben sei eletti, ovverosia la metà dei “seggi” disponibili. Una vittoria evidente del sindacato moderato, guidato in ambito nazionale dal segretario Raffaele Bonanni, ottenuta grazie ad una percentuale di preferenze pari al 47,2% e che permette di migliorare il passato dato di ben due seggi (passando da quattro a sei).

L’Analisi Sindacato per Sindacato: Tonfo del DICCAP

Migliora, seppur di poco, anche la CGIL che, con 84 preferenze, si attesta su di una percentuale del 32,8% riuscendo a coprire quattro “poltroncine”. Una in più rispetto al dato precedente.

Stazionaria invece la condizione della UIL, che fa capo al segretario nazionale Luigi Angeletti. Con una percentuale di voti pari al 16%, riesce a conservare due “postazioni” tra le RSU, eguagliando quanto già fatto in passato e andando a rafforzare quindi, all’interno della torta sindacale, le posizioni moderate.

 image Crolla invece il DICCAP. Vero e proprio outsider nel corso della passata tornata elettorale, avvenuta tre anni fa, esce invece distrutto dall’esito del voto 2012, scomparendo dallo scenario istituzionale. Il sindacato autonomo difatti, con soli 10 voti di lista, raggiunge a stento il 4% non riuscendo ad ottenere neanche un rappresentante da far sedere al tavolo decisionale.

Una realtà sconfortante se si pensa che sino a qualche giorno fa i rappresentanti del DICCAP erano ben 3, mentre ora scendo inesorabilmente a quota 0.

I Candidati e le Preferenze

Interessante poi, discusso delle liste, passare ai singoli candidati, tenuto conto che ogni dipendente comunale aveva la possibilità di scegliere due propri RSU di fiducia.

Seguiranno quindi di seguito i risultati dei candidati, accompagnati dal numero di preferenze ottenuto. In rosso balzeranno agli occhi i nominati degli eletti.

CISL

Capuano Giovanni (87), Scotto Lavina Antonio (33), Castaldo Nicola (22), Capuano Pasquale (19), Scamardella Pasquale (18), Di Stasio Luigi (15), Amoroso Vincenzo (12), Lucci Angelo (8), Costagliola Monica (6), Illiano Biagio (4), Scamardella Pasqualino (2), Carannante Pietro (2).

CGIL

Napolitano Franco (53), Ranieri Antonio (24), Agostiniano Antonio (22), Paparone Elisa (12), Tomaselli Mario (11), Capuano Luigi (9), Scotto di Luzio Vincenzo (6), Tiano Renato (6), Avallone Nando (5), Onorato Roberto (4), Jacobsthal Angela Maria (2), Costagiola Pasquale (0), D’Agostino Salvatore (-).

UIL

Ramazio Luigi (25), Napolitano Pasquale (22), Esposito Michele (14), Sorte Salvatore (4), Vicidomini Aniello (3), Scotto di Luzio Ciro (0), Scotto D’Aniello Mariano (0), Vitigni Ludovico (0).

DICCAP

Guardascione Giovanni (7), Sanfratello Alain (7), Carannante Carmine (2), Costagliola Antimo (1).

La Strana Festa della Donna: Una Sola Donna Come RSU

Da segnalare infine, tenuto conto della contemporanea Festa della Donna dell’8 Marzo, che tra i 12 eletti è presente soltanto una RSU di sesso femminile (Paparone Elisa, CGIL). Mentre dei 37 candidati, soltanto due erano donne (oltre alla Paparone, c’è d’annoverare Costagliola Monica della CISL).

Un’evidente sconfitta al femminile che però non ha scoraggiato i circa 300 dipendenti comunali che, proprio in onore delle festività “della mimosa”, hanno marcato il cartellino d’uscita alle ore 12:30, evitando così (recuperandolo poi il prossimo martedì) anche il classico rientro del giovedì pomeriggio.


Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

9 Commenti:

Alle 8 marzo 2012 21:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sergio Travi
Che in tempi di crisi ci si affidi a sindacati "di tradizione" non mi sorprende: danno maggiore affidabilità. Sulle donne: una eletta su tre sole candidate è quasi un miracolo...

 
Alle 8 marzo 2012 21:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

alla grande : u'puorc, equivalente sindacale di geppy !

 
Alle 8 marzo 2012 22:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Per l'anonimo delle ore 12.25.
Visto il tuo commento mi sa che sei uno dei TROMBATI ah ah ah!!!!
Ritenta la prossima volta sarai più fortunato.
FORSE.

 
Alle 9 marzo 2012 00:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Maria Antonietta
Quaranta a Quarto stravince CGIL scompare la CISL . . .

 
Alle 9 marzo 2012 12:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Con immenso piacere vedo escluso un soggetto, che piacere.
Non sono una comunale per fortuna.

 
Alle 9 marzo 2012 13:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

fessacchiotto, non sono trombato, nè sindacalista, nè tantomeno dipendente comunale...non credo ci sia bisogno di rientrare necessariamente in una di queste tre categorie, per notare come il più amato dagli elettori bacolesi, ed il più votato sindacalista comunale, si comportino, come noto a tutti, con il medesimo raffinato stile da gentiluomini di altri tempi (detto con ironia, meglio spiegartelo per non correre il rischio che tu possa prenderlo sul serio) ...il tuo commento è tipico del bacoloide sostenitore di entrambi, e rappresenta il sintomo di quanto siamo ancora distanti dall'europa, e forse anche dall'italia

 
Alle 11 marzo 2012 18:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

we we hanno trombato Tommaselli, una vera fortuna per la CGIL

 
Alle 15 marzo 2012 15:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

è proprio uno dei trombati e fatic o comun

 
Alle 17 marzo 2012 14:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

ribadisco il fessacchiotto, mi confermi i miei dubbi sulle tue rarefatte capacità di intuire e comprendere

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page