This page has moved to a new address.

Liceo Sociale, Montati i Primi Climatizzatori. La Mobilitazione Non Si Ferma: “Aspettiamo l’Incontro con la Provincia”

Freebacoli: Liceo Sociale, Montati i Primi Climatizzatori. La Mobilitazione Non Si Ferma: “Aspettiamo l’Incontro con la Provincia”

lunedì 5 marzo 2012

Liceo Sociale, Montati i Primi Climatizzatori. La Mobilitazione Non Si Ferma: “Aspettiamo l’Incontro con la Provincia”

image Bagni aggiustati, termosifoni riattivati e cominciano a vedersi i primi climatizzatori: dopo i successi per la protesta studentesca, s’attendete l’incontro con la Provincia di Napoli.

Non si ferma la mobilitazione al Liceo delle Scienze Sociali di Monte di Procida.

Abbandonate dalle istituzioni locali, le rappresentanze dei genitori, dopo la tre giorni di protesta degli studenti di alcune settimane fa, scrivono a Gennaro Ferrara, vicepresidente della Provincia di Napoli (delegato a: Affari generali, Rimborso ai Comuni, Politiche scolastiche e formative - diritto allo studio; Sicurezza e Legalità) affinché tuteli “almeno lui” l’incolumità della platea scolastica e metta gli studenti in condizione di svolgere con dignità le attività curriculari.

Il Testo della Lettera

Nella lettera pervenuta ai vertici, protocollata due settimane fa, le inadeguatezze dell’istituto sono così descritte: “impianto di riscaldamento debole, inefficiente e obsoleto, che costringe gli studenti a seguire le lezioni in situazioni imbarazzanti muniti di cappotti,guanti e sciarpe; struttura in stato di fatiscenza con muri sgretolati negli intonaci crepati, che non fa altro che nutrire un senso di insicurezza comune e di abbandono amministrativo; assenza delle minime garanzie di tutela dell’incolumità pubblica, dovuta a sistemi di sicurezza inadeguati e fantasma; sala video impraticabile, perché inagibile, che consenta di effettuare i lavori multimediali e/o attività extrascolastiche”.

I Diritti degli Studenti

“L’art.2 comma 8 dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti della scuola Secondaria chiarisce che: ‘la scuola si impegna a porre progressivamente in essere le condizioni per assicurare un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona e un servizio educativo-didattico di qualità’, inoltre ‘la salubrità e sicurezza degli ambienti, debbono essere adeguati a tutti gli studenti, anche con handicap’, ma nulla di concreto ancora è stato fatto dalla dirigenza scolastica dell’istituto, dall’amministrazione comunale e dalla proprietà “Schiano”, sebbene quest’ultima percepisca un lauto canone mensile”.

“Pertanto ci affidiamo al Suo buon senso e comprensione in quanto Vice Presidente della Provincia di Napoli, ma soprattutto in qualità di valente docente dalle esperienze pluriennali, che sia quantomeno riparata al più presto la caldaia dell’ istituto, ai sensi dell'art.3 della Legge 11 gennaio 1996 , n.23: ‘I comuni e le province provvedano altresì alle spese varie di ufficio…e per il riscaldamento ed ai relativi impianti’, consentendo ad alunni, docenti e quanti altri operano presso il liceo “Seneca” di adempiere ai propri doveri in condizioni efficienti ma soprattutto dignitose ed umane”.

Melania Scotto d’Aniello
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette:

3 Commenti:

Alle 5 marzo 2012 19:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

finalmente !!!!

 
Alle 5 marzo 2012 23:07 , Anonymous Antonio C. ha detto...

Azz mp che è frnut a vernat.

 
Alle 6 marzo 2012 16:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vincenzo Scillia
Ma i professori di questa cosa che dicono?

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page