This page has moved to a new address.

Rifiuti e Liquami nel Lago Miseno, Il Comune Dimentica la Manutenzione: Inutile il Lavoro dei Comitati - VIDEO

Freebacoli: Rifiuti e Liquami nel Lago Miseno, Il Comune Dimentica la Manutenzione: Inutile il Lavoro dei Comitati - VIDEO

domenica 13 novembre 2011

Rifiuti e Liquami nel Lago Miseno, Il Comune Dimentica la Manutenzione: Inutile il Lavoro dei Comitati - VIDEO

image La Redazione di Freebacoli pubblica di seguito uno sconcertante video girato presso il lago Miseno e relativo alla presenza di rifiuti e liquami che, a pochi giorni di distanza dall’ultima pulizia effettuata dalle associazioni, attraverso una giornata di bonifica straordinaria e messa in essere attraverso la buona volontà di volontari.

Purtroppo a mancare è proprio la manutenzione ordinaria di uno specchio lacustre, comprensivo di pista ciclabile, interessato da pulizie soltanto un paio di volte all’anno quando a muoversi sono le numerose realtà associative del territorio.

Tra le soluzioni utili per evitare tale stato di fatiscenza dovrebbero essere prioritarie la disposizione di un servizio di videosorveglianza (utile per scongiurare l’ulteriore furto di staccionate poste lì attraverso i fondi della Comunità Europea); la predisposizione di un servizio comunale di manutenzione ordinaria, la presenza di illuminazione lungo la pista ciclabile; la funzionalizzazione di entrambe le foci e l’apposizione presso queste ultime di reti capaci di non far accedere all’interno del lago la spazzatura proveniente dal mare; individuare la presenza di possibili scarichi abusivi; la pulizia dei canali di scolo che permettono il deflusso dell’acqua piovana all’interno del bacino lacustre.


Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

9 Commenti:

Alle 13 novembre 2011 19:13 , Anonymous Anonimo ha detto...

d'accordo con manutenzione pulizia ecc. ma videosorveglianza luci ecc. sono il contrario di quello che va fatto, già i ristoranti con musica e luci sono un pugno nello stomaco paesaggistico e il contrario del recupero del lago per cui si sono avuti i fondi, peraltro un lago non si circonda con un cordolo di cemento ma si cerca di ricostituirne la sponda naturale, vi sono spazi intorno che sempre più vengono sottratti al verde... se continua così sarà una pozza circondata da cemento.. le palettature sono in gran parte cadute in acqua ma comunque mancando di manutenzione il legno è secco e gli attacchi insicuri... il mare di bottiglie di plastica non deve diventare un alibi per fare di peggio..
non cè da inventare non c'è da pensare non cè da cacciare l'ultimo suggerimento queste cose hanno le loro scienze le loro pratiche e sono state studiate da chi di dovere... il problema è che ad amministrare e a decidere sono personaggi del tutto estranei..

 
Alle 13 novembre 2011 22:09 , Anonymous Antonio Carannante ha detto...

Ma il Centro Ittico Campano, cosa fà, quali sono le competenze ,visto che dispone di personale con la qualifica di guardiani. Ho sbaglio.

 
Alle 13 novembre 2011 22:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Caro Antonio Carannante, "o sbaglio" si scrive senza la H !!!!!

 
Alle 13 novembre 2011 22:30 , Anonymous Antonio Salzano ha detto...

Bravi! Un buon lavoro. Due settimane fa ho constatato il penoso stato ben documentato nel filmato. Sacchetti e rifiuti lungo il percorso. Grande inciviltà da parte della gente ma assenza delle istituzioni che consentono un degrado vergognoso.
Antonio Salzano

 
Alle 14 novembre 2011 11:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

Per mantenere pulito il lago bastano pochi accorgimenti: due linee di galleggianti stretti sulle foci per tattenere i rifiuti provenienti dal mare, una persona in barca con bidoni e retino per raccogliere quanto trasportatato dal vento o buttato dai soliti incivili. Tali accorgimenti non dovrebero mettere in difficoltà il bilancio di qualsiasi ente. Questione di volontà, che manca nelle teste dei "bottegai" che credono di essere amministratori pubblici.

 
Alle 14 novembre 2011 12:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ci sono anche gli incivili, che in barba al divieto di pesca, continuano a gettare le loro esche nel lago e a lasciare quando vanno via una marea di rifiuti (es. contenitori di polistirolo). Basta guardare nelle vicinanze del piccolo ponte situato all'ingresso dal lato di Miliscola. Il problema è che tutti se ne strafottono. Mi auguro che coloro che mangiano il pesce pescato nel lago possano finire in ospedale con una bella intossicazione alimentare.

 
Alle 14 novembre 2011 14:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

io penso che il lago vada pulito e basta......nei paesi civili sui laghi è composto maggio parti di attrattive.... non sono i locali o le belle passeggiate il problema, ma molta parte del nostro passato,

 
Alle 14 novembre 2011 15:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma quella me la chiamate pure pista ciclabile, bisogna andarci con la bici da cross, non certo da strada, visto il terreno sconnesso. Andrebbe terminata la pista e ripristinato lo steccato, oltre che fatta una pulizia di tutto il percorso, al termine di questo si potrebbe arredare con luci panchine piante....vandali permettendo.

 
Alle 15 novembre 2011 20:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Scusate, io ho visto il lago, ma solo un pazzo potrebbe mangiarsi il pesce pescato lì dentro!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page