This page has moved to a new address.

Ecco la nostra proposta: Abbattiamo gli speculatori

Freebacoli: Ecco la nostra proposta: Abbattiamo gli speculatori

venerdì 11 novembre 2011

Ecco la nostra proposta: Abbattiamo gli speculatori

Ecco il testo della mozione presentata nel consiglio comunale del 09/11/11 dai consiglieri Josi Della Ragione e Adele Schiavo in merito alla questione dell'abusivismo edilizio e bocciata dal consiglio.
La proposta era volta alla salvaguardia degli abusi di necessità colpendo quelli speculativi.




INTEGRAZIONE DOCUMENTO “QUESTIONE ABBATTIMENTI”
I sottoscritti Consiglieri Comunali del Comune di Bacoli, letto con attenzione il documento ad oggetto la tematica abbattimenti sul territorio regionale, proposto a quest’assise così come già avvenuto all’interno di altri consessi civici della Regione Campania (Giugliano, Monte di Procida).
Che detto documento, particolarmente generico e privo di una chiara analisi della drammaticità nella sua interezza, per poter essere effettivamente irrobustito nelle sezioni in cui risulta essere debole, abbisogna di essere emendato così come di seguito riportato:


Premesso che
- Il condono non è e non può in ogni caso rappresentare uno strumento preventivo, non dovendo più essere utilizzato in futuro in quanto, per la sua stessa natura, deve essere inteso alla pari di un  “unicum” la cui riproposizione mal concilia con la periodicità con cui, nell’ultimo trentennio è stato sistematicamente utilizzato per riparare ad incongruenze di chiara matrice politica/amministrativa.
- Che l’uso che se ne vuole fare è strumentale ad esigenze di carattere politico/gestionale, in altro modo non riparabili, e non può far altro che dequalificare l’azione politica di un’amministrazione del paese che, nel suo continuum, ha palesemente permesso una diffusa edificazione creativa.
Ritenuto pertanto:
Di appoggiare il documento di cui sopra, posto all’attenzione del consiglio ( relativo alla sospensione di 12 mesi degli abbattimenti imminenti e concernenti abusi di necessità), soltanto se si provvederà ad inserire ulteriori vincoli così come di seguito riportati:
-  Nominare una commissione costituita da membri e personalità esterne alla macchina comunale ( la cui competenza dei componenti rappresenti una garanzia di trasparenza, affidabilità e autorevolezza) nominati attraverso un apposito e trasparente bando concorsuale ed il cui lavoro dovrà essere reso pubblico.
Tempi di Costituzione
La medesima commissione dovrà essere costituita entro due mesi dalla data odierna, mentre la il bando concorsuale non dovrà essere pubblicato dopo le tre settimane dalla stessa data, ed i lavori della medesima dovranno produrre risultati, mediante un lavoro serrato ma sereno, fattivi e concreti entro il 31/12/2012
Compiti
a) Dovrà effettuare una chiara distinzione tra quelli che sono da intendersi come abusi di necessità e quelli che debbono ritenersi nient’altro che abusi speculativi, garantendo successivamente una priorità d’abbattimento di questi ultimi rispetto ai primi. I criteri di distinzione tra l’abuso di necessità e quello speculativo, saranno adottati dal Consiglio Comunale su indicazione preventiva dell’Ufficio Tecnico Comunale
b) Aggiornare il Piano Regolatore Territoriale provvedendo nel contempo alla realizzazione e/o aggiornamento di tutti i piani paesaggistici particolareggiati, nonché quelli di altra natura urbanistica e/o paesistica;
c) Verificare le peculiarità e le caratteristiche geologiche, morfologiche, paesaggistiche e storiche del territorio individuando gli abusi che potrebbero creare pericolo alla salute, all’incolumità pubblica, ed al territorio mantenendone quindi l’integrità paesaggistica e naturalistica. Si rammenta difatti, in particolar modo per i prefabbricati siti in aree inficiate dal dissesto idrogeologico,  che la casa è certamente un bene di prima necessità ma che la vita, sia propria che altrui, è da individuarsi ovviamente alla pari  di un bene superiore.
Ribadito
Che ogni eventuale condono dovrà essere vincolato alla presentazione di un progetto atto a garantire il recupero della natura e realtà urbanistica della zona
Di dover prioritariamente escludersi dal condono, pervenendo quindi ad abbattimenti immediati ed esemplari, di tutte le strutture di proprietà di coloro che ricoprono o che abbiano ricoperto in passato cariche pubbliche, politiche e di controllo, ribadendo che il primo passo per poter esigere il rispetto di una specifica normativa è determinato dal rispetto della medesima da parte di chi, con coscienza e autonomia, si è proposto come rappresentante della cittadinanza e, di riflesso, dello Stato, inteso come organo istituito dall’umanità per poter addivenire alla costituzione di civiche società
Che vanno escluse dal condono, provvedendo di riflesso ad abbattimenti immediati, di tutte le strutture edificate su suolo pubblico, in particolar modo sui territori di proprietà del Centro Ittico Campano
Di iniziare nel contempo ad abbattere, come segnale da dare alla cittadinanza ed alla medesima Procura, gli ecomostri presenti sul territorio ( es. pontili Lubrano e Coppola; prefabbricato esistente da decenni a pochi passi dal parco Vanvitelliano in via Vanvitelli al Fusaro)
Di stimolare la magistratura, attraverso ogni atto consentito, all’individuazione dei geometri, degli esperti in genere, e delle ditte esecutrici che hanno garantito e quindi contribuito fattivamente al cosciente concretizzarsi di lavori abusivi, e di coloro che hanno vidimato atti per l’edificazione di edifici erti in aree non edificabili, prevedendo per gli stessi sanzioni di tipo civile e penale
Di prevedere sanzioni civili e penali per gli organi preposti al controllo dei sigilli che, in modo palese, non hanno effettivamente controllato il territorio evitando quindi che in aree già soggette a controllo si perpetuassero nel tempo maggiori ed intese attività illecite, afferenti all’edilizia creativa

Cons. Josi Gerardo Della Ragione        Cons. Adele Schiavo

Etichette:

9 Commenti:

Alle 11 novembre 2011 15:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Che gosuria questo documento

 
Alle 11 novembre 2011 16:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

Invece di abbattere le case già finite e abitate non sarebbe meglio se prima di costruirle o quando iniziano i lavori CECATE e nn le fate costruire ??? Ma dato che al comune di Bacoli e del resto in tutta l'Italia chi ci governa e ci rapresenta sono tutti Ladri di onesti...purtroppo si è persa la semenza eccoci qua come ci siamo ritrovati. Allora se è cosi dovete abbattere mezza Bacoli, se non tutta? Stiamo a vedere un pò cosa succede, e invece di abbattere case di persone che magari quella casa l'hanno costruita con tanta fatica e tanti sacrifici, prima di lasciarli senza una casa, non sarebbe stato meglio fare un piano regolatore ?

 
Alle 11 novembre 2011 17:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sicuramente chi ha dato il via all'abbattimento stanotte non potrà dormire, e non potete sapere com'è bello dormire la notte in pace con la coscienza apposto......FIRMATO UNA VECCHIA SETTANTENNE CHE NELLA VITA NE HA VISTE DI TUTTI I COLORI E CHE COMUNQUE RIESCE A STARE IN PACE E SERENA

 
Alle 11 novembre 2011 17:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sicuramente chi ha dato il via all'abbattimento stasera non dormirà; e credetemi non sapete quanto è bello dormire tranquilli con la coscienza apposto. FIRMATO UNA VECCHIA SETTANTENNE.

 
Alle 11 novembre 2011 19:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma gli abusi dei nostri benemeriti..... assessori- sindaci (vedi costone baia) vigili urbani ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc.e cc.ecc.ecc. saranno abbatutti anch'essi.

 
Alle 12 novembre 2011 10:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Rettifico, le mie congratulazioni vanno alla Procura della Repubblica, presso la Corte di Appello di Napoli, non al sindaco.

 
Alle 12 novembre 2011 12:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

Pasquale Merone
trovarsi ad avere + di mezza città costruita abusivamente, solo perchè in TRENT'ANNI, con tutte le amministrazioni ke ci sono state, nessuno è stato cazzo di varare uno sfaccimma di piano regolatore, VERGOGNA!!!!!

 
Alle 12 novembre 2011 12:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

Pasquale Ruggiano
paradossalmente secondo me se dovessero fare un nuovo piano regolatore (non improbabile...di più) sarebbe più restrittivo del precedente!

 
Alle 12 novembre 2011 18:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

Parlatene con il magistrato lui è stato integerrimo Si al condono dei condoni dall'83 a oggi

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page