This page has moved to a new address.

FOTO - Bacoli ha la Sua Discarica, L'Inferno è al Lago Fusaro: Degrado Impressionante alla Foce di Torregaveta

Freebacoli: FOTO - Bacoli ha la Sua Discarica, L'Inferno è al Lago Fusaro: Degrado Impressionante alla Foce di Torregaveta

venerdì 9 marzo 2012

FOTO - Bacoli ha la Sua Discarica, L'Inferno è al Lago Fusaro: Degrado Impressionante alla Foce di Torregaveta

Sembra fatto apposta...quasi come se volessimo ricalcare sempre gli stessi argomenti. Eppure non si può che restare basiti, difronte a quella che è la situazione di Degrado ed Inquinamento del Lago Fusaro. 

Forse i cittadini dovrebbero essere accompagnati di persona presso questi siti, poichè sembra che pur appartenendo alla medesima terra, la maggior parte dei Bacolesi resti indifferente riguardo ciò che sta accadendo anche in queste ore alla laguna salmastra famosa in tutta Europa per le cozze che produce. 

Come se ci fosse una casa con un giardino alle proprie spalle...e gli abitanti di questa casa, non sapendo come, dove e quando smaltire i propri rifiuti, li prendono e li gettano proprio nel vicino pezzo di terra, della serie "occhio non vede, cuore non duole". 

Ebbene la Redazione Freebacoli invita seriamente tutti i nostri lettori a prendere atto di tale richiesta e di farsi un giro, sulle sponde del lago in questione, magari accedendo da uno dei tanti sbocchi privati delle abitazioni e dalle attività commerciali che si possono facilmente ammirare da via Cuma. Il lago Fusaro appartiene al Centro Ittico Campano, società del Comune di Bacoli e come tale è da considerarsi a tutti gli effetti bene comune accessibile a chiunque voglia farvi visita.

Canali di Troppo Pieno: Il Primo Abusivo è il Comune

Arrivati sul posto, la cosa più lampante che si possa notare, sono gli innumerevoli canali, posti in più punti della costa, i quali sversano quasi periodicamente liquami fognari nelle acque del lago. Sottoliniamo il "quasi" dovuto al fatto che tali condotti sotterranei sono stati costruiti in modo tale da liberare le acque nere in quelle salmastre, solamente quando il sistema fognario del quartiere non riesce a sopperire allo smaltimento delle stesse. 

Dunque una strategia, da parte delle Amministrazioni, per mostrare ai residenti della zona, di esser riusciti a limitare esponenzialmente il riversamento di tali sostanze melmose in strada durante i giorni particolarmente piovosi. Un fiore all' occhiello, se così può definirsi, che appassisce inesorabilmente nel momento in cui, specialmente durante le afose giornate estive, questi riversamenti creano un tanfo fetido e insopportabile che costringe dunque gli abitanti della zona a rinchiudersi in casa, per sopportare non solo il calore estremo, ma anche la puzza che si viene a creare. 

Interventi spregiudicati quindi, se si considerano gli enormi danni alla salute pubblica che il Comune di Bacoli continua a perpretare, a discapito anche ( e quì bisogna dirlo ) degli innumerevoli lavori stradali di "ripezzamento" svolti con i soldi pubblici...eh già, è oramai noto che nel nostro comune i cantieri spuntano come funghi...mai una volta che si riuscisse a pianificare un singolo e preciso intervento definitivo.

La Melma Bagna le Cozze

Ma non divaghiamo, di questo discuteremo in altri articoli. L'aspetto più sconcertante, è ammirare tutti quei galleggianti colorati...che da lontano possono facilmente confondersi con quelli usati per delimitare le corsie delle piscine olimpioniche. Ops...abbiamo osato troppo, eventi sportivi tali sono vietati persino nei sogni più audaci...cosa potranno mai essere?

Ebbene sì, sono centinaia di fusti di cozze, allevate proprio a pochi metri da quegli stessi scarichi fognari che permettono loro di cresceregrandi e pompose, in modo da impressionare positivamente i futuri aquirenti. E' ben risaputo infatti, che la cozza, è un filtro naturale, che trattiene gran parte delle scorie e delle sostanze inquinanti al suo esterno, rilasciando acqua pulita. 

In base a tali considerazioni è facile comprendere che quanto più è sporca l'acqua nella quale vengono coltivate, tanto migliori e gustose appariranno sulle tavole di molti ristoranti locali i quali, pur di risparmiare pochi centesimi di euro, preferiscono non acquistare questi saporiti frutti di mare presso il poco distante centro IRSVEM di Baia. 

Ed è ancora più deludente sapere che le amministrazioni e gli organi di controllo, pur conoscendo bene la situazione non facciano nulla sia per la questione miticoltori e sia per sanzionare i trasgressori dell'ormai noto divieto di pesca.

Abusivismo Edilizio Sulle Sponde del Lago

Ma andiamo oltre, cercando di percorrere una pseudo-carreggiata che dovrebbe ospitare in futuro la tanto decantata pista ciclabile del Fusaro...lì dove le abitazioni dovrebbero rispettare il limite di 7 mt. dalle acque, riscontriamo una situazione al limite dell'igiene e del decoro umano. 

A prescindere dalle numerose abitazioni ed attività commerciali che occupano abusivamente tale suolo di proprietà del Centro Ittico Campano, troviamo uno scenario a dir poco squallido e disarmante: rifuti organici in decomposizione, materiali di risulta, pezzi di ferro arrugginito, legno marcio, vetro e lattine, plastica d'ogni genere, sedie, giochi ed oggetti per bambini, mobili, televisori, radio etc...il tutto, incorniciato in una splendida culla composta da canneti, sterpaglie e rovi spinati che, nelle migliori delle ipotesi vengono bruciati illegalmente insieme ad altri rifiuti indifferenziati. 

Una vasta area senza alcun tipo di legalità e sorveglianza, che quindi costituisce, l'ennesima discarica a cielo aperto per tutti quegli incivili e quei vandali che deturbano la zona, riversandovi qualasiasi tipo di materiale che ingombri troppo la mansarda, il garage o la cantina. 

La Foce di Torregaveta: Tra Sabbia e Discariche

Il nostro cammino però è interrotto dall'improvvisa impossibilità di proseguire sul tortuoso passaggio di terriccio friabile dunque torniamo sui nostri passi per terminare questo tour del Degrado Ambientale lì dove tutto ha inizio e tutto ha fine, ossia LA FOCE.

Per chi non vi fosse mai stato, diamo come punto di riferimento, un vecchio scheletro di un edificio, in via Spiagge Romane ( zona Pineta ) che in passato ha ospitato una caserma della Guardia di Finanza. Anche quì lo scenario che troverete vi costringerà a coprirvi il naso con le mani, visto che ratti, lepri e gatti morti sono ormai all'ordine del giorno oltre agli innumerevoli rifiuti indifferenziati, che però oramai sono diventati una consuetudine del Comune di Bacoli; della serie l'eccezzione è rappresentata da quelle poche zone rimaste ancora pulite! 

Questa è identificata come la foce di Torregaveta ed è parzialmente insabbiata sia da detriti, materiali di risulta e rifiuti d'ogni genere che da sterpaglia e materiali ingombranti. e cosa risaputa, che una foce, se non viene costantemente ripulita si ostruisce naturalmente già di per sè...se poi a questo fattore aggiungiamo che la zona non è controllata nè recintata e permette a chiunque di gettarci dentro qualsiasi cosa non sia più utile, allora potrete ben comprendere come sia possibile che allo stato attuale delle cose 2 delle 3 foci siano completamente ostruite.

Il Parco della Quarantena, L'Inferno è Qui

Anche in merito a questo argomento potremmo dilungarci oltremodo, descrivendovi lo stato di degrado della Pineta stessa, sito di abbandono illegale in più punti di rifiuti tossici e nocivi quali le lastre di amianto. 

Oppure potremmo citare la totale assenza sia di segnaletica stradale che di illuminazioni in via Spiagge Romane, rappresentando un'ingente pericolo mortale per automobilisti, ciclisti e corridori che vi transitano specialmente nelle ore notturne...per non parlare della latitanza totale ed assoluta di vigili e carabinieri che controllano l'area, diventata oramai rifugio sicuro di tossicodipendenti, nomadi e senzatetto. 

Potremmo citarvi lo scempio del Parco della Quarantena e tanto altro ancora, sta di fatto che l'unica cosa certa e sicura che ad oggi, è stata effettuata per il Lago Fusaro e l'annessa pista Ciclabile sono inutili progetti a spese degli onesti contribuenti...lavori effettuati grazie ad i finanziamenti dell'unione Europea, utilizzati per sperperare e scialaquare acquistando diversi materiali edili e non...il tutto per concedere ai soliti ignoti di rubarli e vandalizzarli ( come è successo per il rame, il ferro, le staccionate etc. ). 

Queste le iniziative di cui sono capaci gli attuali organi di governo, che si sono permessi, tra l'altro, di sbandierare in campagna elettorale, programmi politici che comprendevano interventi mirati alla valorizzazzione e ripristino di tutti quei beni comuni ambientali quali laghi, spiagge, piste ciclabile, parchi, ville etc. 

Tutto ciò a nostro avviso è semplicemente vergognoso e vorremmo quantomeno che chi si è lavato la bocca nelle passate Elezioni, di tali iniziative così nobili e virtuose, e che occupa le attuali poltrone di maggioranza in consiglio comunale, abbia il coraggio di affrontare i cittadini in una interrogazione diretta sulla questione, o quantomeno di abbassare il capo, nascondendosi e restando in un religioso silenzio nelle tenebre dell'inettitudine e dell'inutilità che contraddistinguono questi politici.

M.Rosaria Schiano
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , , ,

7 Commenti:

Alle 9 marzo 2012 18:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Aldo Guadagnino
Il tutto unito ai liquami del "depuratore" di Cuma fa della fascia costiera domiziana una vera e propria bomba ecologica al centro di un territorio densamente abitato e privo di qualsiasi opera di controllo e di bonifica.

 
Alle 9 marzo 2012 19:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Titti Di Caterino
‎...il lago Fusaro ...il mio rifugio segreto ....che pena!!!!

 
Alle 9 marzo 2012 20:14 , Anonymous Anonimo ha detto...

tutto intorno a noi è marcio...ma mi chiedo..dove sono i medici sanitari?' nel lago fusaro c'è una coltivazione di mitili da far paura e vengono immessi sul mercato...le autorità dove sono??
Che vergogna, che scempoi, che monnezza...

 
Alle 10 marzo 2012 09:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il quadro è tanto degradante quanto complesso e per migliorare le cose sarebbero necessari diversi cambiamenti: sensibilità dei cittadini; serietà della politica; diligenza degli organi di controllo...
E' tanto difficile quanto auspicabile sperare che tutto questo avvenga in tempi brevi...Ma per il momento penso che ci siano almeno gli estremi per una denuncia all'ASL competente: quelle cozze finiscono sulle nostre tavole!!

 
Alle 10 marzo 2012 17:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

mi è venuto da vomitare pensando a quelle cozze,per fortuna mai mangiate!
ma al fusaro mica c'è solo questo?
ricordiamo il disturbo acustico perpetrato tutta l'estate e tutte le notti da parte di alcuni lidi di torregaveta,ne vogliamo parlare?ma quest'anno,anche con la caduta dei vari sindaci,c'è intenzione di un bis?
e i fuochi d'artificio in tempi di crisi,ogni notte(segnalazione arrivo di droga),verso mezzanotte in quei luoghi????
quest'anno vorranno ripetersi,mi auguro di no,mi auguro che vengano rispettati i diritti di tutti i cittadini,e non gli interessi economici di qualcuno.

 
Alle 10 marzo 2012 23:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il lago e' veramente in condizioni tragiche ed ormai lo e' da troppo tempo...ma il comune non ha occhi e d'altronde non li ha anche per altre cose... E se non e' bastata la brutta figura fatta a livello nazionale con il servizio di Anno Zero.... Non credo ci siano speranze di qualche intervento... Forse i cittadini che abitano proprio sul lago potrebbero tentare di fare una denuncia di mancanza di tutela della salute... Speriamo bene continuate così. Michele da Roma

 
Alle 12 marzo 2012 23:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

...qualche biologo dell'IRSVEM insiste, il lago è pulito, perchè non vi fidate, è solo un dito di polvere, vorrei vedere a casa vostra, un pochino di polvere c'è sempre, anche nelle migliori famiglie.

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page