This page has moved to a new address.

Occupati i Binari della Cumana, Stipendi Non Pagati ai Lavoratori: Si Preannuncia “Protesta ad Oltranza”

Freebacoli: Occupati i Binari della Cumana, Stipendi Non Pagati ai Lavoratori: Si Preannuncia “Protesta ad Oltranza”

martedì 20 marzo 2012

Occupati i Binari della Cumana, Stipendi Non Pagati ai Lavoratori: Si Preannuncia “Protesta ad Oltranza”

image Bloccati i binari a Fuorigrotta, stop improvviso per la Cumana: gli altoparlanti ai capolinea di Montesanto e Torregaveta annunciano lo spezzettamento della tratta che conduce i pendolari dalla periferia sino al centro partenopeo.

E’ assolutamente inaspettato il blocco causato in questi minuti da gruppi di lavoratori che hanno deciso di scendere direttamente tra i binari per manifestare il proprio disagio per via del mancato pagamento dello stipendio di marzo. A scioperare sono quindi gli operaia della Florida 2000, società di servizio per la Sepsa, addetta alla pulizia di treni, impianti e passaggi a livello.

Una presa di posizione particolarmente dura che ha palesato i primi disagi già per gli utenti presenti all’interno del treno partito dalla stazione di Torregaveta alle 15:20 e che, proprio a causa della presenza di persone sui binari, non è riuscito a giungere in porto presso il capolinea di Montesanto.

Ma la mobilitazione dei lavoratori aveva avuto primi momenti di tensione anche in mattinata quando, a causa dei mancati accordi con l’azienda, alcuni operai avevano bloccato per pochi minuti i treni presso la stazione di Torregaveta.

I Motivi della Protesta

Alla base della protesta, così come si è evinto interloquendo anche con gli stessi operai, vi è il mancato pagamento degli stipendi del mese di febbraio. Difatti mentre la busta paga doveva essere indirizzata al lavoratori entro il 10 marzo, ad oggi nulla ancora è stato risolto palesando un ritardo nell’erogazione del danaro di oltre dieci giorni.

Slittamento, oramai cronico, che si somma agli atavici problemi già evidenziatesi in passato.

Nel settembre dello scorso anno, altro mese caldo di mobilitazione popolare ed operaia, la goccia a far traboccare il vaso fu relativa al mancato pagamento residuo delle spettanze economiche nel mese di agosto. Un’evidenza posta all’epoca all’attenzione della Prefettura di Napoli, del Presidente della Regione Campania, Caldoro, dell’assessore Vetrella, dell’amministratore delegato dell’EAV, Polese, dell’amministratore unico della SEPSA, Cecere, e della medesima Florida 2000.

La Protesta Non Terminerà a Breve

Ed è proprio per tali motivazioni che questa volta i manifestanti, dopo una lunga serie di proteste pacifiche e rispettose dell’utenza, hanno annunciato di non liberare i binari fin quando non vedranno attribuitogli quanto gli stessa.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

FOTO Tratta da Internet

- SEGUONO AGGIORNAMENTI -

Etichette:

8 Commenti:

Alle 20 marzo 2012 18:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

Tiziano Di Martino
TRA POCO SUCCEDERA' ANCHE IN ANM, SIAMO NELLA STESSA CONDIZIONE!!!

 
Alle 20 marzo 2012 20:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sembra di capire che il mancato pagamento delle spettanze salariali ai dipendenti della ditta di pulizie sia da attribuire ai mancati pagamenti di Sepsa alla Florida 2000, per le note condizioni fallimentari in cui versano tutte le società del Gruppo Eav che non hanno liquidità. Non si comprende come mai che la protesta non investe anche gli impianti di Circumvesuviana essendo la ditta Florida 2000 appaltatrice degli stessi servizi in questa società. La protesta deve intendersi come sciopero bianco? In tal caso non essendo stata eseguita la prestazione contrattuale Sepsa alla fine dovrebbe non pagare il corrispettivo previsto dal contratto di appalto risparmiando notevolmente. Però è da dire che le condizioni di pulizia e di igiene dei treni e degli impianti della Sepsa-Cumana fanno letteralmente pena.

 
Alle 20 marzo 2012 22:57 , Blogger Vincenzo ha detto...

andassero a protestare a casa dei padronI/dirigenti sepsa e non sui binari che se ne sbattono

 
Alle 20 marzo 2012 23:18 , Anonymous Giovanni ha detto...

Ma qualcuno ha mai visto negli ultimi anni treni e stazioni pulite in Sepsa? La stazione di Montesanto così come le altre sono un letamaio per non parlare dei treni (si fa per dire).Ma lo scandalo vero sta nell'indifferenza dei politici regionali, degli amministratori e dei dirigenti di queste società succhia soldi.

 
Alle 21 marzo 2012 00:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ivan Di Stasio
dispiace solo per tutti quelli che oggi hanno avuto difficoltà,ma purtroppo lo sciopero è sacrosanto

 
Alle 21 marzo 2012 00:57 , Anonymous Anonimo ha detto...

Antonio Mazzella
situazione davvero drammatica,l'eav non ha un solo euro e la giunta regionale con i suoi gioketti politici non ne viene fuori! siamo nella merda totale!

 
Alle 21 marzo 2012 12:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

...ma perchè, la cumana era dotata di un servizio di pulizia ?!? nessuno lo avrebbe mai pensato, per cui, se gli addetti scioperassero, e basta, nessuno dei passeggeri se ne accorgerebbe...piuttosto, scioperanti, andate ad assediare ed occupare gli uffici dei dirigenti, sono loro il vostro interlocutore, e non le migliaia di cittadini che, già in situazioni normali (diciamo!) sopportano pazientemente ritardi, maleducazione, sporcizia e menefreghismo per andare a lavorare o studiare...lo sciopero degli addetti alle pulizie, e la paralisi dell'attività dirigenziale, per quello che servono in pratica, non cambierebbero di molto la vita dei pendolari, mentre bloccare i binari è un atto di vandalismo ed una prepotenza verso i deboli...forze dell'ordine, aiutateci voi !

 
Alle 21 marzo 2012 17:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

La mia risposta va direttamente alle autorità competenti e all'azienda: nn si può pretendere di offrire 1 servizio alla città senza pagare gli stipendi agli addetti ai lavori Sono tt lavoratori con i loro problemi e ke aspettano il 10 del mese x pagare bollette, pigioni , mutuo ma fondamentalmente DEVONO mettere il piatto a tavola A Caldoro dico: ilprossimo tavolo x sbloccare soldi nn farlo a confindustria ma direttamente con tt i lavoratori ke da diversi mesi affrontano certe problematiche

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page