This page has moved to a new address.

Sotterrati Rifiuti Speciali ad Acquamorta: I Cittadini Scoprono Batterie, Cemento e Bidoni Arrugginiti - FOTO

Freebacoli: Sotterrati Rifiuti Speciali ad Acquamorta: I Cittadini Scoprono Batterie, Cemento e Bidoni Arrugginiti - FOTO

sabato 17 marzo 2012

Sotterrati Rifiuti Speciali ad Acquamorta: I Cittadini Scoprono Batterie, Cemento e Bidoni Arrugginiti - FOTO

image E’ a dir poco sconcertante la brutalità con la quale l’essere umano si “scaglia” contro la natura ed il paesaggio circostante nonostante siano essi parte integrante del mondo in cui vive. Purtroppo, quanto “scovato” qualche giorno fa dalla nostra Redazione, ad Acquamorta è la prova evidente di come, le parole e i fatti siano tra loro discordanti a Monte di Procida e tra chi ne detiene le redini.

Una scampagnata che si tramuta in un’inaspettata quanto mai incredibile scoperta.

Un vero e proprio cimitero di rifiuti è venuto alla luce nei pressi dell’area verde adiacente la spiaggetta di Torrefumo, lì dove il degrado regna sovrano ma, in questo caso, le responsabilità di un tale scempio sono da attribuirsi a meschini congegni umani e non soltanto all’inciviltà dei “soliti ignoti” o alle mareggiate che, secondo natura, vomitano sulla spiaggetta e sulla scogliera tutto quanto depositatosi sul fondo o trasportato dalle forti correnti.

Nella mattinata di martedì, 13 marzo, coi primi raggi del sole che riscaldavano la giornata avevamo pensato bene di trascorrere qualche oretta all’aria aperta, immersi nel verde, lungo la passeggiata turistico paesaggistica “che non c’è”. imageIn un’area compresa tra la zona demaniale data in concessione al Comune e il tratto di porticciolo municipale, a ridosso del costone tufaceo, una collinetta “sospetta” ha destato la nostra attenzione.

Le forti piogge dell’inverno appena trascorso hanno fatto sì che gran parte del terriccio friabile venisse giù e si dispianasse laddove era stato accumulato e uscissero alla luce alcuni materiali di diversa natura e provenienza.

Il Materiale Trovato Scavando nel Terreno

Ci è bastato davvero poco per comprendere che si trattava di rifiuti interrati in quel luogo appositamente da ignoti scellerati, anni addietro e certamente non oggi. Incuriositici, a mani nude ci sono fatti spazio tra le sterpaglie, spostate quelle appositamente depositate nell’area interessata, issato alcuni massi tufacei e fatto spazio ad un abnorme quantitativo di rifiuti.

imageUna scoperta a dir poco sconcertante e per le modalità con le quali si è provveduto a deturpare in questa maniera il piccolo Eden nostrano, e per l’incredulità di fronte ad un così ben fatto “misfatto” da non riuscire a comprendere il motivo per il quale “qualcuno” abbia pensato bene di agire in questo modo e, come, nessuno si sia accorto di nulla.

Materiale di risulta, reti di pescatori abbandonate, boe, relitti di barche in vetroresina, batterie, ferri arrugginiti, latte d’acciaio e, addirittura, tre bidoni di ferro contenenti del cemento. Ma, questo, non sarebbe che l’inizio, dunque la superficie di una vera e propria discarica “a cielo aperto” in una zona che solo per le ricchezze di cui è dotata, andrebbe continuamente valorizzata e monitorata.

O, forse, di quella cloaca qualcuno ne era già al corrente, in un tacito assenso?

Qualcuno Sapeva Ma non ha Fatto Nulla

image Alcuni di voi, leggendo queste poche righe, avranno certamente creduto alla favola della scampagnata ma ingenuamente, dal momento che oltre il cancello d’accesso al piccolo Eden montese è impossibile accedervi, a meno che non ci si voglia imbattere in una vera e propria giungla, altri, invece, penseranno ad una “soffiata” giunta alla nostra associazione e, da lì, il sopralluogo, altri ancora si staranno chiedendo chi mai sia stato il “traditore” fra loro, fra quei pochi che sapevano e, qualcun altro (ed è quel che ci auguriamo) si starà facendo il suo buon esame di coscienza (sempre meglio tardi che mai).

Ebbene, al di là di chi ha in mano la patata bollente, che, con il solito modus operandi vedrà un continuo scaricabarile crediamo sia il caso che l’Assise provveda nel minor tempo possibile, a rimuovere nell’immediato quanto rivenuto, a prescindere da chi e come abbia commesso un gesto tanto sconsiderato.

Il Comune di Mdp Adesso Risponda alla Capitaneria di Porto

imageChiaramente, dal momento che, i Piani Alti come per tante cause da noi portate avanti attraverso manifestazioni di proteste, denunce e quant’altro, continuano a far orecchie da mercante o, come per ciò che concerne la Cava in località Cappella, ad aprire i cantieri come nulla fosse mai accaduto, non mantenendo la promessa di offrirci delucidazioni in merito alle nostre richieste né consentendo ai cittadini di cui essi stessi sono rappresentanti di avere un confronto con loro, il nostro punto di riferimento sarà, anche in questo caso, la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, dell’Ufficio Locale Marittimo di Baia, sede distaccata del Circomare di Pozzuoli.

Almeno a loro, il Comune di Monte di Procida, dovrà pur fornire risposte esaustive e “credibili” in merito.  

L’attività politico amministrativa, cara classe dirigente si fa in strada, nel cuore della comunità, a contatto con la popolazione e non nelle segrete stanze della Casa Comunale in via Panoramica!

Articolo: Melania Scotto d’Aniello,
Foto e sforzi per far venire alla luce la “cloaca a cielo aperto”: Mariarosaria Schiano e Domenico Mazzella
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , , ,

23 Commenti:

Alle 17 marzo 2012 16:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Anthony X Scotto
E pensare che la tassa sull'immondizia la pagate pure ...

 
Alle 17 marzo 2012 17:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Danila Fiorillo
sinceramente nn è una scoperta! è risaputo

 
Alle 17 marzo 2012 17:04 , Blogger Freebacoli ha detto...

Ciao Daniela,
Se leggi l'articolo ne capirai il senso.
Tra il silenzio istituzionale ci siamo recati in loco con pala e forza di volontà scavando di nostro pugno ed abbiamo trovato una miriadi di rifiuti sotterrati.
Un'ulteriore certezza che le reali discariche non solo quelle "interrate" ma quelle politiche.
Buona lettura

 
Alle 17 marzo 2012 17:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Danila Fiorillo
ho solo detto che non è una scoperta in quanto si può scavare ovunque e trovare rifiuti.

 
Alle 17 marzo 2012 17:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Appunto, ancor peggio quando i politicanti sanno e nulla fanno, chiudendo più di qualche occhio

 
Alle 17 marzo 2012 17:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

Danila Fiorillo
certo ovvio che il tutto è semplicemente scandaloso!

 
Alle 17 marzo 2012 19:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Esposito Lucia si accusa i turisti di portare sporcizia... in alcuni casi può essere, ma questo scempio è provocato dai paesani stessi. Peccato!!!

 
Alle 17 marzo 2012 19:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Assunta Costanzo non ci sono paroleeeeeeeeeeeeeeee

 
Alle 17 marzo 2012 19:02 , Anonymous Anonimo ha detto...

Dana Lore L'ignoranza e' la bestia peggiore di tutte...

 
Alle 17 marzo 2012 19:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Assunta Costanzo e cosi' andranno ancora per secoli

 
Alle 17 marzo 2012 19:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Dana Lore Speriamo di no..

 
Alle 17 marzo 2012 19:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Assunta Costanzo non ci illudiamo

 
Alle 17 marzo 2012 19:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Dana Lore Come si dice la speranza e' l'ultima a morire....ma mi sa che con tutto l'inquinamento che e' stato prodotto in queste meravigliose terre in pochi si possono salvare...compresa la speranza..

 
Alle 17 marzo 2012 19:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Assunta Costanzo abbiamo una zona ke non esiste al mondo peccato non se la curano la distruggono solamente a pensare quando vado in spiaggia qua in clearwater si é una bella spiaggia bel mare pulito pero' non mi sento soddisfatta ,penso il mio bellissimo paese andare in rovina infatti in questo momento sto piangendo

 
Alle 17 marzo 2012 19:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Dana Lore ti capisco profondamente...

 
Alle 17 marzo 2012 19:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Assunta Costanzo saluti di freebacoli grazie del vostro interesse per bacolie dintorni!!! ciaooooooooooo

 
Alle 17 marzo 2012 23:18 , Anonymous Anonimo ha detto...

Pessima idea interpellare la capitaneria di porto. E' come andare a gridare aiuto nella tana del lupo.
E poi la capitaneria di Baia, a rigore di legge, non sarebbe competente su Monte di Procida, in quanto ufficio marittimo locale. La competenza è della capitaneria di Pozzuoli, che è ufficio circondariale marittimo.
Comunque reati ambientali, etc. sarebbero da segnalare ai NOE dei carabinieri o alla polizia provinciale.

 
Alle 18 marzo 2012 09:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

Rosa Spinelli deprimente! quello che sconvolge è che facendo la passeggiata da torre fumo verso miliscola, i rifiuti non sono neanche sotterrati, ma semplicemente scaricati lì negli anni '80 soprattutto, e lasciati lì a decorare la passeggiata....

 
Alle 18 marzo 2012 09:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

mannaggia, mai che, scavando scavando, capiti di trovare rottami di qualche politi-culo locale...

 
Alle 18 marzo 2012 10:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

Anna Maria Minutolo TERRIBILE....

 
Alle 18 marzo 2012 10:41 , Anonymous Massimo ha detto...

Ma Montediprocida.com dov'è? Possibile che le notizie vere le possiamo leggere SOLO qui?

 
Alle 18 marzo 2012 15:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

Melania Scotto

A dire che i medici sostengono che correre attorno al Lago di Miseno e a Torrefumo fa bene alla salute.. O__O :) che la corsa quotidiana faccia bene credo lo sia a prescindere dai luoghi, ma è sul fatto che giovi alla salute attorno ai nostri laghi che sono un pò perplessa, tra l'altro in luoghi pericolosissimi per l'incolumità pubblica dato lo stato di degrado in cui versano! XD

 
Alle 18 marzo 2012 17:32 , Anonymous luca ha detto...

Che brutto scoprire queste cose, era meglio trovare un tesoro nascosto!! il problema è sempre lo stesso il pesce puzza dalla testa.!! Chi rispetta la natura rispetta se stesso il problema è anche questo!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page