This page has moved to a new address.

Notte da Star per Luigi Della Ragione: Querela Freebacoli e Perde il "Suo" Assessore

Freebacoli: Notte da Star per Luigi Della Ragione: Querela Freebacoli e Perde il "Suo" Assessore

venerdì 30 novembre 2012

Notte da Star per Luigi Della Ragione: Querela Freebacoli e Perde il "Suo" Assessore

Il freddo ed il maltempo non sono bastati a fermare quanti hanno preso parte al Consiglio Comunale di ieri pomeriggio, alle ore 18:00 nel Complesso Vanvitelliano del Fusaro e nonostante la scarsa partecipazione cittadina, alla pubblica assise non sono mancati momenti di "agitazione" interna da parte di alcuni consiglieri che si sono confrontati sui punti all' Ordine del Giorno. 

Sembrava dovesse essere una seduta tempisticamente breve, e invece, a causa della complessità dei contenuti affrontati, anche questo Consiglio Comunale è andato "per le lunghe" riscontrando l'abbandono della sala sempre maggiore, da parte del pubblico accorso .

Diritto al Salario Garantito 

Il "parlamentino" civico bacolese si è aperto con una serie di comunicazioni richieste da alcuni consiglieri: prima fra tutti la richiesta di delucidazioni in merito al preoccupante mancato pagamento degli stipendi ( come documentato da un nostro recente articolo ) di circa 280 dipendenti comunali - per lo più residenti nel nostro comune - da parte della componente del Gruppo Indipendente Adele Schiavo. 

Quesito in risposta del quale è interventuto direttamente il Sindaco Ermanno Schiano, precisando che a causa di alcune complicanze di natura finanziaria dell' Ente, la busta paga relativa al mese di Novembre, sarà accreditata solo nella prima settimana di Dicembre ( intorno al prossimo Lunedì 3 ). Impegno che ci auguriamo venga rispettato, considerato lo stato già grave in cui versano le condizioni economiche delle famiglie bacolesi interessate, che tra pigioni, spese ordinarie e tasse, riescono a malapena ad arrivare a fine mese ( e nemmeno )

Intervento non attinente 

La seconda comunicazione "fuori programma" avviene da parte del consigliere di maggioranza Luigi della Ragione, il quale rivolgendosi ai restanti membri della seduta, nonchè agli spettatori, dichiara pressapoco le seguenti parole  

"...E' un periodo che mi vedo coinvolto in una campagna calunniosa e denigratoria, e quindi voglio mettere a conoscenza l'intero Consiglio Comunale di già aver provveduto a presentare 3 querele per diffamazione e che i miei legali stanno procedendo, perchè si ravvedono ulteriori reati più consistenti...però giacchè la cosa riguarda anche il Blog Freebacoli, mi dispiace l'assenza del Consigliere Josi della Ragione per cui io adesso mi riservo, in un'altra occasione, alla presenza del Consigliere di discutere di questa problematica...per dare diritto di replica...e quindi faccio solo questa comunicazione e discuteremo di tale situazione nella prossima seduta consiliare...." 

Senza voler scendere nel dettaglio dell' episodio, viene da chiedersi "Perchè?"...Perchè mai un politico simile deve servirsi - ogni volta - dell' Articolo 40 del Regolamento del Consiglio Comunale, per esprimere verbalmente un intervento legato, tra l'altro, ad un fatto personale e lontano dalle finalità che dovrebbero riguardare l' assise in questione?

Perchè mai un politico dovrebbe lanciare messaggi intimidatori nei confronti di un Blog d'informazione e di un Consigliere Comunale, tra l'altro assente, che pur appartenendo alla Redazione dello stesso, non può e non deve essere additato, nel corso della seduta, come esponente dell' Associazione, ma solo in riferimento al ruolo istituzionale ricoperto ? 

Molto più semplicemente, si sapeva da tempo che il consigliere in questione non avrebbe, per motivi personali, potuto partecipare  al consiglio ( notizia confermata all' ingresso dell' aula consiliare, vista la sua assenza ) però si decide ugualmente (non solo di tenere e convocare proprio in quella stessa data il Consiglio) di commettere l'ennesimo abuso di potere per fatti che nulla hanno a che vedere con i "lavori" e gli obiettivi dell' assise, portato avanti da chi cerca, senza riuscirci, di spaventare, zittire e minacciare quegli stessi componenti del Blog che in modo palese e sfrontato, occupano le prime fila della sala. 

Ed ecco che la verità, quindi, emerge dalle subdole intenzioni di chi "dice le cose a metà" pur sapendo che i destinatari di quella stessa comunicazione, sono presenti al consiglio, della serie "...Non vi specifico il motivo, ma vi dico che vi ho querelati, quindi temetemi..." Missione Fallita, ci dispiace, bisognerà riprovarci e forse sarà più fortunato!

Carte "volanti" 

La terza Comunicazione improvvisa è giunta invece da parte del Consigliere di minoranza del PD, Francesco Macillo, il quale ha richiesto al sindaco di centrodestra, spiegazioni in merito ad un documento (che riportava una firma simile a quella del primo cittadino  ) pervenuto ai membri dell' assise, sul tavolo consiliare, all' inizio della seduta che alleghiamo all' articolo per farlo visionare ai lettori


Dopo apposita lettura del foglio, il sindaco Schiano, mostrando un certo imbarazzo ( deducibile dal colorito facciale ) chiede stranamente ai presenti "la provenienza" di tale notifica visto che sembra lui non ne sia a conoscenza. Ed allo stupore del consigliere Macillo, nel prendere atto che il primo cittadino chiede informazioni su di un documento che apparentemente porta la sua firma, quest' ultimo ribatte affermando di sottoscrivere solo ed esclusivamente documenti che mostrano apposito protocollo d' ufficio ( etichetta assente sul foglio in questione ) e che quindi quella presente sulla missiva appena letta non è certamente la sua firma. La tensione a riguardo sale maggiormente quando il sindaco di centro destra chiede ai dipendenti comunali presenti in aula, che collaborano nei lavori del consiglio, come sia possibile che una missiva presumibilmente "non ufficiale" che porta una firma fittizia, giunga al tavolo consiliare.


Il sindaco "caccia" l'assessore Scotto di Vetta

E dopo un vergognoso "botta e risposta" nel quale si è cercato di arginare la figuraccia a danno dell' amministrazione e di nascondere il mandante di tale documento, si viene a sapere che il mittente del foglio in questione è nientedimeno che l' Assessore Giuseppe Scotto di Vetta che - a detta dello stesso Ermanno Schiano - non possiede più i presupposti per far parte della sua Giunta Comunale. 

Episodio increscioso, messo successivamente a tacere, con un invito da parte del primo cittadino nei confronti di Macillo & Company, di rivolgersi agli appositi Uffici di Segreteria per dichiararne l' illeggittimità nonchè di presentare la richiesta di una convenzione con il parcheggio presente a via Lungolago, per concedere agli "eletti" dal popolo di sostare nelle vicinanze del Municipio durante le ore d'ufficio ( visto che il parcheggio lì presente chiude alle 13:00 ). 

Forse recentemente qualcuno avrà avuto problemi di "Sosta e Viabilità" e si sarà inalberato non poco per non aver trovato il parcheggio a 3 passi dall' ufficio in cui lavora.

CONTINUA...

M.Rosaria Schiano
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette:

8 Commenti:

Alle 30 novembre 2012 18:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gennaro Esposito
La firma è apocrifa o ha firmato l'assegno in bianco? Se l'assessore ha apposto una firma falsa penso che andrebbe denunciato

 
Alle 30 novembre 2012 18:37 , Anonymous Peppino Esposito ha detto...

due sono le cose: o il sindaco per sbaglio ha firmato, tra le tante carte che gli giungono sulla scrivania, un documento di cui non ha memoria, oppure l'assessore in questione ha falsificato la sua firma ed in entrambi i casi è una cosa GRAVISSIMA!!!

 
Alle 30 novembre 2012 18:39 , Anonymous Tonino di Colandrea ha detto...

il Sindaco chiede ai collaboratori comunali presenti in aula chi ha diffuso quel foglio...risponde un dipendente che scarica il barile su un altro inserviente che a sua volta passa la patata bollente ad un altro impiegato ancora che alla fine è costretto ad ammettere che il documento proviene dall' assessore Scotto di Vetta...COSE DA PAZZI!!!

 
Alle 30 novembre 2012 18:43 , Anonymous Totore Quartiglia ha detto...

Sono un elettore di giggin della ragione e dico che se ne ha i presupposti fa bene a querelare, ma onestamente non può venirsene ogni volta in consiglio a discutere di queste cose personali. in consiglio rappresenta un numero di cittadini e deve lavorare per il loro interesse. punto. altre questioni non ci interessano. esistono gli avvocati per notificare le querele, non c'è bisogno di dare tutta questa importanza al blog e a quelli che ci scrivono dentro...
così facendo non fate altro che puntare i riflettori su di loro...MANC NU POC I FURBIZIA TENIT!!!!

 
Alle 30 novembre 2012 19:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

due semplici domande:
1) che data ha il documento ?
2) la sigla VP tc di chi è ?

 
Alle 30 novembre 2012 19:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Freebacoli è un organo politico che prende le parti,in modo fazioso,dei componenti del gruppo indipendente,se non fosse così non si capisce come mai viene usato il termine "Macillo e company",quando poi i consiglieri del PD sono stati eletti regolarmente ed a pieni voti.

 
Alle 30 novembre 2012 21:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

E k c'azzecc chest mò? Bàh...

 
Alle 30 novembre 2012 21:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ercole Mirabella
Però pure voi.......avete scritto quelle cose su di lui............chil è accussì brav !!!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page