This page has moved to a new address.

Tragedia Sfiorata a Bacoli, Motocicletta Sbatte Contro Auto in Divieto di Sosta: Due Feriti - FOTO

Freebacoli: Tragedia Sfiorata a Bacoli, Motocicletta Sbatte Contro Auto in Divieto di Sosta: Due Feriti - FOTO

venerdì 19 agosto 2011

Tragedia Sfiorata a Bacoli, Motocicletta Sbatte Contro Auto in Divieto di Sosta: Due Feriti - FOTO

feriti Sfiorata una nuova strage lungo la trafficata, e spesso letale, via Lungolago: due ragazzi trasportati in ospedale a seguito di un rovinoso impatto tra una motocicletta di grossa cilindrata, ed un’autovettura posta in evidente divieto di sosta.

Poteva essere molto più di un semplice incidente quello che, intorno all’1:00 di ieri notte, si è verificato presso la località di “Casevecchie”, a pochi passi dall’intersezione tra via della Shoah e via Lungolago.

Lì, a due passi al porticciolo, una motocicletta color bianco, giungendo da Miseno verso Bacoli e superato il rinomato dosso stradale posto al di sopra della foce atta a congiungere le acque del lago Miseno con il mare aperto, è violentemente sbattuta contro un’autovettura parcheggiata in carreggiata, immediatamente dopo la fine del sopraelevamento stradale.

Grave scontro che ha determinato l’improvviso sbalzo in strada del centauro e del passeggero, entrambi muniti di casco.

I due feriti, un ragazzo ed una ragazza, sono stati prontamente soccorsi dai residenti del posto e dai numerosi cittadini, nonché proprietari di locali, che vivono l’area di “Casevecchie”, soprattutto nelle calde sere estive. Gli stessi che hanno successivamente contattato sia il Pronto Soccorso che i carabinieri della stazione locale.

Impossibile invece reperire il Comando di Polizia Municipale che dalla domenica al giovedì chiude i battenti già alle ore 21:00.

All’arrivo dell’ambulanza, entrambi i feriti risultavano essere coscienti, sebbene particolarmente acciaccati. In ogni caso sono stati trasportati presso l’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, uno in barella e l’altra munita di apposito collare.

19082011(004) Sul posto è poi arrivata, dopo diversi minuti d’attesa, anche una pattuglia dei carabinieri che ha preso atto della situazione presente, individuando le gravi responsabilità dello spericolato automobilista, reo di aver parcheggiato la propria macchina su un dosso stradale.

Vera e propria anomalia che, così come testimoniato da numerosi cittadini del posto, si è trasformata in paradossale normalità che mette a repentaglio, costantemente, la salute di centinaia di centauri, pedoni ed automobilisti. Il tutto su un tratto stradale da sempre noto per via dei numerosi incidenti, spesso mortali, susseguitesi nel corso del tempo.

Solo qualche settimana fa un’autovettura si trovava scaraventata contro il muretto “di sicurezza” presente sui margini del dosso, mentre due estati fa, a pochi metri dal luogo dell’incidente di ieri sera, furono ben quattro i ragazzi a perdere la vita su quella che venne denominata “la strada della morte”.

Addebitare il tutto ad un semplice “Caso”, sarebbe un’analisi tipica di persone irresponsabili e non realmente consce della drammaticità della problematica.

L’ultima tragedia sfiorata, tanto per porre un esempio, con la presenza di un vigile controllo delle arterie comunali (soprattutto laddove si verificano ataviche e segnalate condizioni di illegalità), poteva di certo essere evitata.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: ,

5 Commenti:

Alle 19 agosto 2011 16:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Carmin Ranieri
ancora incidenti che aspettiamo altre vittime per errore

 
Alle 19 agosto 2011 19:30 , Anonymous manolo schiano ha detto...

Spero che questo animale che ha parcheggiato in quel modo sia stato arrestato...non è possibile barcheggiare un auto lì...è da pazzi!

 
Alle 20 agosto 2011 01:02 , Anonymous Anonimo ha detto...

c'è da dire che lo scooter (un sh, non una motocicletta di grossa cilindrata..) correva un bel pò..per il resto sono d'accordo, l'auto lì non doveva esserci

 
Alle 20 agosto 2011 20:27 , Blogger soria ha detto...

c'è gente che si ferma e mette le 4 frecce sul dosso con impossibilità di sorpassare perchè sarebbe un suicidio bello e buono!!...la gente se ne fotte proprio non capisce che mentalità di M....!!

 
Alle 11 ottobre 2011 00:26 , Blogger enza pagano ha detto...

nn è un sh ma un beverly 300, e vi posso assicurare ke nn correvamo !fra la sabbia ,il dosso e la makkina era inevitabile ma se almeno nn ci fosse stata l auto in divieto di sosta sicuramente nn sarebbe accaduto tutto ciò...abbiamo trascorso una fine estate nel peggiore dei modi ma fortunatamente anche se stiamo ancora in convalescenza tutto si è risolto nel migliore dei modi =) spero solo ke quel dosso lo eliminino!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page