This page has moved to a new address.

Incredibile a Bacoli, L’Amministrazione Vuol Chiudere la “Materna Guardascione”: E’ la Scuola Più Antica della Città

Freebacoli: Incredibile a Bacoli, L’Amministrazione Vuol Chiudere la “Materna Guardascione”: E’ la Scuola Più Antica della Città

venerdì 30 settembre 2011

Incredibile a Bacoli, L’Amministrazione Vuol Chiudere la “Materna Guardascione”: E’ la Scuola Più Antica della Città

imageMancano i soldi e, in maniera scellerata, si chiudono le scuole: la crisi economica cittadina punta il dito contro gli edifici scolastici del territorio.

Sarà il Plesso Scolastico dell’Infanzia di via Guardascione, secondo le ultime decisioni dell’amministrazione Schiano, a dover chiudere i battenti in tempi brevi per poter così meglio “razionalizzare” la spesa pubblica, accorpando più classi di ragazzi in un minor numero di edifici scolastici.

Una decisione oramai prossima all’ufficializzazione, e già annunciata nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale tenutosi ieri sera al Fusaro, presa a grossa distanza dall’impatto dell’opinione pubblica e della cittadinanza, già pronta a mobilitarsi per evitare l’ennesimo ingiustificabile atto proprio di chi non riesce a comprendere un dato incontrovertibile: la crisi, economica e soprattutto politica, può essere superata soltanto attraverso la preparazione delle nuove generazioni, decise a sovvertire un ordine di valori attualmente improntato sul mancato senso delle istituzioni e della rappresentanza popolare.

Una formazione personale e collettiva, che dalle materne giunge sino ai master universitari, resa possibile attraverso un improrogabile potenziamento della scuola pubblica nonché, in generale, dell’intero settore guidato dallo Stato. 

Ed invece chi amministra la città di Bacoli, specchio fedele del Berlusconismo imperante, dopo aver già venduto ai soliti noti la scuola materna sita in via Giulio Cesare al Fusaro (ex Disna), non mantenuto le promesse circa la riapertura della scuola di Miseno, liberandosi anche della sede distaccata del Liceo “Seneca” di Torregaveta, vendendola poi alla Provincia di Napoli, adesso è addirittura deciso a chiudere una tra le scuole più rinomate e antiche dell’interno Comune flegreo.

  • La protesta dei Cittadini e dell’Utenza Scolastica: “Schiano Continua la Politica di Coppola”

imageMa la cittadinanza, evidentemente molto più lungimirante di coloro che ha in gran parte votato, non è decisa ad abbassare la testa, comunicando, attraverso una nota ufficiale, il proprio sdegno e la volontà, già nei prossimi giorni, di effettuare delle vere e proprie barricate.

“E’ ancora nella mente di tutti i cittadini di Bacoli il tentativo operato dalla giunta comunale, guidata dal Sindaco Antoni Coppola, di espropriare il tessuto sociale di Bacoli delle sue scuole, anni difficili, che hanno visto tutti impegnati per non perdere quegli istituti che hanno ospitato ed allevato generazioni di Bacolesi, sicuramente anche molti familiari dei componenti di quella giunta. La cittadinanza, le famiglie e gli insegnanti dopo lunghi periodi di lotta riuscirono a riavere le loro scuole e bambini ritornarono felici ad abitarle , a crescere fra quelle mura in continuità con le generazioni precedenti.

 ADESSO la giunta Comunale ci riprova, è cambiato il Sindaco, ma non la politica, che persegue.

E’ proprio di ieri la notizia , che al tavolo tecnico, svoltosi presso la Provincia di Napoli, a cui hanno partecipato esponenti della Regione, della Provincia, dei Comuni e rappresentanti delle Dirigenza scolastica, il Comune di Bacoli si è presentato con un piano di dimensionamento delle Scuole del Territorio. Per nessuna scuola di Bacoli , si prevede il dimensionamento degli edifici, anche a fronte di un probabile dimensionamento delle Direzioni Scolastiche.

imageMa c’è un’ eccezione l’unica scuola che il Comune intende chiudere è il PLESSO SI SCUOLA DELL’INFANZIA GUARDASIONE”; tale proposta sarà ratificata entro la fine del mese di ottobre. La Scuola dell’Infanzia in oggetto è la scuola più antica sul territorio, raccoglie più di 120 bambini, costruita esclusivamente come scuola dell’infanzia, per la sua collocazione sul territorio, per la ricchezza della sua storia e per la disposizione interna degli ambienti è l’unica in grado di garantire una scuola a misura della propria utenza, bambini di 3, 4 e 5 anni.

L’unica in grado di fornire un servizio ai cittadini in concorrenza con una scuola privata, che svolge e fornisce un servizio ,che non è a costo zero. Non tutte le famiglie sono nelle condizioni di sostenere una spesa economica per garantire ai propri bambini la partecipazione alla vita sociale e di relazione. La scuola gode di ottima salute, è una scuola viva , che fornisce ricchezza culturale ed educativa ad un territorio ,già sofferente sotto questo versante.

In essa operano 8 insegnanti e 2 collaboratori scolastici. Il team educativo ha negli anni affinato e perfezionato le proprie capacità organizzative , educative e didattiche, costruendo una rete di relazioni con le famiglie e con il territorio, costruendo una scuola di qualità un punto di riferimento per bambini e genitori. Tutto questo patrimonio culturale sarà completamente azzerato dalla miopia, di una classe dirigente, che opera e governa nella solo logica dell’economia e del risparmio.

Per quanto su esposto i bambini, le famiglie, i docenti, i collaboratori i cittadini tutti, intendono avere da chi preposto a questa scelta :

· Informazioni chiare e corrette

· Motivazioni che giustifichino una scelta così onerosa per i bambini , le famiglie i docenti

· imagePossibilità di partecipazione attraverso i canali istituzionali, a scelte che sono così lesive dei diritti dei bambini e delle famiglie.

 In attesa delle risposte dovute, i genitori e i docenti organizzano la proprie azioni per manifestare tutto il loro dissenso per questa scelta, che impoverisce il territorio e la cittadinanza”.

  • Ermanno Schiano: “Ci sono i tagli”

Nota carica di rabbia a cui è poi seguita, direttamente in assise consiliare, la risposta del sindaco Ermanno Schiano: “E’ un periodo di crisi economica e bisogna tagliare da qualche parte. La Regione Campania ci ha riferito che bisogna razionalizzare la spesa. La Guardascione è tra i plessi scolastici che potrebbero essere chiusi. Bisogna anche considerare che la platea studentesca a Bacoli è in netto declino rispetto al passato. Gli studenti, nel totale, non superano le 2500 unità”.

La colpa è della Regione, i tagli li ha fatti il Governo, la crisi è internazionale, ed il primo cittadino (da buon scolaro di partito e fautore della mitologica “filiera istituzionale”), anziché far aumentare la richiesta di iscrizioni alle scuole cittadine, migliorandone i servizi, decide di svolgere il ruolo di burocrate, abbandonando il ruolo di difensore delle istanze popolari e mettendo in applicazione quanto, a suo dire, è dettato dall’alto.

E dove andranno a finire i 120 bambini della Guardascione? Nessuna risposta.

  • La Risposta alla Crisi è nella Scuola Pubblica

Cosa ne sarà allora della scuola pubblica cittadina, posta nel cuore del paese e da decenni attiva sul territorio? Silenzio assoluto, nell’attesa di un primo incontro delucidativo che si terrà al Municipio di via Lungolago nella mattinata di lunedì prossimo

Nell’attesa che anche l’attuale primo cittadino bacolese possa comprendere, al pari dei suoi superiori, che l’unica speranza riposta nel cassetto di questa nazione allo sfascio è la scuola pubblica. Solo ergendosi sulla forza dell’istruzione e della cultura questa Repubblica potrà realmente puntare ad un futuro diverso da un presente affamato di coscienza civica, meritocrazia e voglia di cambiamento.

imagePrerogative che devono essere assicurate dalla Stato e, di riflesso, dalla popolazione che lo ha ottenuto con immensi sacrifici.

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese, così recita l’articolo 3 della Costituzione Italiana.

Mortificare il presente con politiche cariche di menefreghismo e prive di lungimiranza, è un errore imperdonabile. Ma tagliare la speranza ad un futuro alternativo, distruggere lo stato sociale e radere al suolo le fondamenta della crescita individuale, è nient’altro che un omicidio premeditato.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

13 Commenti:

Alle 30 settembre 2011 17:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma questo chiude solo scuole?!
ma anna addiventà tutt comm i suoi scagnozzi?

 
Alle 30 settembre 2011 17:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ragazzi è Cesaro che sta chiedendo di chiudere le scuole. pioi regala lui a tutti una laurea in giurisprudenza. non vi preoccupare
crescete pecore

 
Alle 30 settembre 2011 17:57 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giovanni Lombardi
ha seppellito un paese!

 
Alle 30 settembre 2011 18:02 , Anonymous Anonimo ha detto...

ho letto sul sito comunale ke è stata istituita la 6 commissione consiliare " AMBIENTE"
ma avete visto i i membri ?????
Cons. Domenico Luigi ILLIANO

Presidente
Cons. Antonio CARANNANTE

Membro
Cons. Salvatore GRANDE

Membro
Cons. Giuseppe LARINGE

Membro
Cons. Francesco MACILLO

e infine lo YES MAN di MO' VENGO ERMANNO , gino ILLIANO ,che dopo aver rilanciato il turismo a Bacoli imporrà le sue scelte anche nel campo dell'ambiente!!!
bastardi avete lasciato fuori!!!!!!!!!
si proprio lui: il pignazza!!!

josi fuori dalle balle!!!
rompi troppo tu la legalità la civiltà
ma ki ti ha chiamato vai fuori!!!!

 
Alle 30 settembre 2011 18:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Antonino Gnolfo
Non ci sarà un consigliere comunale pronto a comprare l'edificio?

 
Alle 30 settembre 2011 18:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bernadette Della Ragione
spero in una reazione della cittadinanza,TUTTA!

 
Alle 30 settembre 2011 19:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Giulietti
Già stamm bell

 
Alle 30 settembre 2011 22:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

io pensavo che coppola era il peggiore perche' se stiamo in queste condizioni coppola ha contribuito molto. ma stu sindaco attuale e' propio peggio.

 
Alle 1 ottobre 2011 00:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

i soldi non ci sono e poi 300000 euro per una statua si

a tutti i politici bacolesi tranne josi dico

"dovevate morire di latte"

jo lo sai che sono io pubblica



i tempi per una rivoluzione mondiale stanno arrivando attendo ermanno
non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo

 
Alle 1 ottobre 2011 04:02 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gianni Longo
Condivido pienamente! Da un agguerrito difensore della scuola di Miseno!

 
Alle 1 ottobre 2011 16:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

Maria Cincinnato
Caro Josi,
il problema e ben'altro che credo che tu conosci molto bene visto che sei un consigliere comunale ma ovviamente tu sei bravo nel strumentalizzare. se qualche scuola chiude è xchè sul territorio di Bacoli ci sono molte scuole grandi con pochi alunni all'interno,quindi io credo che il lavoro dell'amministrazione è quello di: trasferire i ragazzi nelle altre scuole x chiuderle,in modo che quando si devono ristrutturare le scuole,L'amministrazione invece di investire esempio: sù 15 scuole( che con i pochi soldi possono mettere solo in sicurezza )nè investiranno x 10 scuole (esempio) con molti più soldi quindi le scuole invece di fare una semplice messa in sicurezza sarà strutturata una scuola nel miglior modo possibile con tutte le optional che i bambini,giovani e ragazzi possano avere mi riferisco anche ai laboratori. distinti saluti M. C.

 
Alle 1 ottobre 2011 16:58 , Blogger Freebacoli ha detto...

Il problema non è affatto strumentale ma esiste realmente. Questa amministrazione è riuscita in un anno e mezzo a disfarsi di una scuola, venerdìne un'altra, non aprire un'altra ancora e adesso s'accinge a chiuderne altre. Gli sprechi, e ce ne sono, non riguardano affatto le scuole che, in ogni caso, devono essere consoni ad un'istruzione di livello. Rintanare centinaia di ragazzi in poche scuole significherà inevitabilmente diminuire gli spazi, aumentando i disagi e rendendo ancor meno utile il lavoro di insegnanti e genitori.
Dalla crisi, generata dall'ssopimento delle coscienze, si rinasce con la cultura.

 
Alle 11 novembre 2011 15:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

SCUSATE E POSSIBILE VEDERE IL VIDEO DEL CONSIGLIO COMUNALE FATTO AL FUSARO IL GIORNO 09-11-2011

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page