This page has moved to a new address.

Conflitto d’Interessi sulle Licenze Edilizie, “Consiglieri Geometri” Decidono Chi Esaminerà le Pratiche dei Propri Clienti - VIDEO

Freebacoli: Conflitto d’Interessi sulle Licenze Edilizie, “Consiglieri Geometri” Decidono Chi Esaminerà le Pratiche dei Propri Clienti - VIDEO

venerdì 9 dicembre 2011

Conflitto d’Interessi sulle Licenze Edilizie, “Consiglieri Geometri” Decidono Chi Esaminerà le Pratiche dei Propri Clienti - VIDEO

image La Redazione di Freebacoli pubblica di seguito un video da cui si evince parte di una discussione svoltasi in Consiglio Comunale circa la strutturazione della Commissione Edilizia Integrata (oggi riconosciuta con il nominativo di “Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio”), organismo di notevole importanza esistente all’interno di ogni Comune italiano e posto a supporto, sul tema “urbanistico”, degli Uffici Tecnici cittadini.

Più in generale, e richiamando la normativa vigente in materia, possiamo asserire che la Commissione Edilizia è l’organo consultivo ( quindi non ha alcun potere decisionale definitivo) tecnico di un Comune per la disciplina dell’attività edilizia ed urbanistica nel territorio comunale sulla base dello strumento urbanistico vigente (Piano Regolatore Generale) nonché del Regolamento Edilizio.

I pareri della Commissione Edilizia sono obbligatori, ma non vincolanti per le Amministrazioni Comunali, e non costituiscono presunzione di rilascio della concessione edilizia.

I Compiti della Commissione Edilizia Integrata

La Commissione Edilizia esprime il proprio parere oltre che sulle modifiche al Regolamento Edilizio, anche sulle richieste avanzate dai cittadini al Sindaco o al Responsabile de Settore Edilizia Privata (o Urbanistica, nel caso di settori unificati), al fine di ottenere la concessione edilizia.

La CEI, sentite le osservazioni di carattere tecnico e regolamentare espresse dagli uffici comunali ed in particolare dal responsabile del procedimento (Dal tecnico cui è affidata la tutela della pratica edilizia in osservazione), esprimerà il proprio parere, valutando l’impatto e  la qualità estetica dell’intervento, il rapporto con il contesto, la qualità  progettuale, la compatibilità con i valori paesistici ambientali esistenti.

Detto ciò, in un territorio contraddistinto dal vincolo paesaggistico con indice di edificabilità pari a “0”, si comprenderà da sé quanto sia ad oggi importante (e quanto soprattutto in passato lo sia stato) una Commissione del genere.

La Sacralità della CEI

Qualsiasi modifica strutturale sul territorio, deve passare da lì: un terrazza, un’opera in legno, un’antenna, un traliccio, una grata, una semplice copertura, una finestra.

- Critica e Proposta in Consiglio Comunale - Dal Minuto 3:20 al Minuto 05:25 -


Tutto, se vuol esistere nella regolarità, deve prima passare per il parere della CEI che, lo si ribadisce, non è la “Conferenza Episcopale Italiana” ma semplicemente la Commissione Edilizia Integrata.

Due organi completamente diversi i quali, in piccoli centri in cui s’ergono quotidianamente altari imbanditi alla divinità della “Costruzione Abusiva”, hanno quasi la stessa rilevanza. E la stessa assise, a ben guardare, diviene addirittura “catalizzatrice di voti”, se si pensa che a votarne i componenti sono i consiglieri comunali.

Conflitto d’Interessi di Consiglieri Geometri e Consiglieri: Controllati e Controllori Sono le Stesse Persone

Sì, proprio così: a scegliere i cinque componenti della CEI sono soltanto i consiglieri comunali. I medesimi che una volta al mese siedono tra i banchi del Consiglio e che tutti i giorni, un po' come rappresentanti istituzionali ed un po' come geometri ed ingegneri, bazzicano all’interno degli uffici tecnici alla ricerca di pareri e di liste misteriose.

image Proprio loro che, come successo qualche settimana fa al Consiglio Comunale locale, hanno poi la possibilità di nominarsi i galoppini di riferimento pronti a visionare documenti, a votare “a ritmo di preferenza”, e a scegliere quello anziché quell’altro in nome della clientela e delle logiche di studio. Delle preferenze dettate dal “padrone-consigliere” che gli paga lo stipendio e lo vota in Commissione.

Allora pare opportuno chiedersi: “Se la Commissione ha l’obiettivo di raccogliere competenze di spicco in materia urbanistica, che siano quindi un segnale di trasparenza e conoscenza degli strumenti urbanistici, che senso ha far scegliere ad un titolare di uno studio di geometri o di ingegneri (poi magicamente divenuto consigliere comunale), il nome di colui che dovrà valutare le sue stesse pratiche?”.

E’ come se un criminale scegliesse il giudice che lo deve giudicare. O come se un responsabile di un centro di stabulazione per mitili, nominasse una “sua” società di biologi per valutare il proprio prodotto.

Praticamente non ha alcun senso.

Nel napoletano si è soliti richiamare un proverbio che, più o meno, recita in questo modo: “Acquaiolo l’acqua è fresca?”. E a Bacoli, così come anche altrove, la situazione presente all’interno delle CEI è proprio questa. Nient’altro che questa.

La Nostra Proposta in Consiglio: “Fare un Bando Pubblico Aperto alle Reali Competenze Esistenti sul Territorio”

image Ed è per questo che dinanzi a cotanto conflitto di interessi, in sede di Consiglio Comunale il cons. Josi Gerardo Della Ragione ha spronato l’assise a procedere attraverso una modalità di voto che tenga conto sia della competenza in materia che della trasparenza: istituire un bando pubblico dando l’opportunità a geometri, ingegneri (ecc) di proporsi per tale incarico esibendo semplicemente il proprio curriculum vitae.

Per la serie: “Per ricevere questo incarico non serve a nulla sapere per chi hai votato”.

Un istituto semplice e lineare che, calpestando brutalmente la protervia di chi da decenni identifica nelle stesse persone i controllati ed i controllori, appagherebbe finalmente quella sete di legalità, lealtà e di conoscenza senza interessi da tempo carente in città.

Inutile sottolineare la sorte designata per la proposta sopraindicata: indifferenza totale e bi-partisan da parte di maggioranza (che ha nominato ben 4 membri su 5 disponibili, anche grazie al supporto dell’UdC guidato dal consigliere Marotta) e della minoranza (che ha preferito nominarsi il proprio prescelto, senza fare troppe storie).

D’altronde chi da decenni siede comodamente al tavolo della “spartenza locale”, non prova di certo l’esigenza di alzarsi per aprire la porta a chi, come il popolo onesto residente in questo paese dell’assurdo e del ridicolo, bussa da tempo in attesa di un barlume di limpidità nell’azione amministrativa.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: ,

10 Commenti:

Alle 9 dicembre 2011 23:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

Caro Josi l'abbiamo capita che la giunta Schiano è un accozzaglia di ......, ma perchè l'opposizione non denuncia alla procura della repubblica tutti questi inciuci?
Basta parlare e autocelebrarsi passa ai fatti.

 
Alle 9 dicembre 2011 23:22 , Blogger Freebacoli ha detto...

già ampiamente fatto.

 
Alle 9 dicembre 2011 23:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

E i risultati?

 
Alle 10 dicembre 2011 10:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

a,ma si parla di quel geometra che ha fatto fare prima abusivamente mezza Bacoli e adesso siede nel consiglio comunale?
io direi nn solo di abbattere le case abusive che nn servono,ma di arrestare anche i geometri che fecero i progetti!!!!!!
qualcuno sta venendo meno nelle gambe?????????

 
Alle 10 dicembre 2011 15:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bambola Assassinaa
Vorrei sottoporre alla Sua attenzione un fatto che viene lasciato a latere a marcire nel dimenticatoio pur rivestendo fondamentale importanza soprattutto in relazione all'attuale clima flegreo che vede i temporali degli abbattimenti al'ordine del giorno; la mia segnalazione non è mossa da alcuna strategia politica o da eventuali pseudo-interessi personali, questo voglio che sia chiaro, tuttavia non posso tollerare una mancanza di visibilità nei confronti di avvenimenti così plateali e palesi che andrebbero denunciati ancor prima del loro concepimento.
Già risulta inconcepibile ed anticostituzionale (nonché un vero cancro per la misera economia dei bacoloidi) identificare ed attribuire incarichi a determinate persone per svolgere funzioni pubbliche e politiche aventi responsabilità che in qualche modo possano interagire con gli interessi dello stesso incaricato!
Per farla breve, mi sembra che nel Comune di Bacoli i consiglieri debbano muoversi come pedine in funzione di determinati dogmi (il piacere di quello e di quell'altro, l'interesse del tale, ecc ecc).
Per essere ancora più precisi, sappiamo bene che sul Comune di Bacoli è stato eletto come consigliere il Geometra Luigi della Ragione che guarda caso si occupa di urbanistica in privato: ma vuoi vedere che questo non influisca?
Come aggravante c'e' da dire che, su 60000 abitanti del paese, al comune devono esserci più persone tra loro imparentate: trattasi di miracolo o profezia?
Com'e' che esiste anche un altro "Giggino della Ragione!"
Vabbe, bando alle polemiche voglio farvi riflettere… Secondo Lei, è giusto tutto questo?
Ma torniamo al motivo della presente segnalazione; pochi giorni fa è stata individuata la "Commissione Edilizia" del Comune di Bacoli. Ma vi pare che il ns caro Giggino della Ragione non ha portatpo in commissione qualcuno che potesse svolgere il ruolo pubblico senza subire influenze dall'esterno?
E chi se non meglio del suo collaboratore di ufficio, Antonio Scotto Di Luzio, che gli tiene tutte le pratiche edili all'ordine del giorno per svolgere un po' di lavoro nella legalità.
Allora ci vogliamo prendere in giro da soli? Oggi si parla anche di abbattimenti ed il sindaco dice che è solo la punta dell'iceberg… ma tutto questo a Lui gli è noto e gli fa anche comodo.

 
Alle 10 dicembre 2011 19:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Giulietti
Figurati!

 
Alle 11 dicembre 2011 00:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

samuele

Caro Josi come ti avevo anticipato all'inizio di questa tua avventura i
PARTITI FANNO SCHIFO (tutti) niente ci deve meravigliare, denunciare
sempre Sopratutto Le spartizioni in cui brilla sempre la sinistra cosi'
"è rappresentata" ed esercita 1 grande diritto democratico!!!!!!!! ma
vadano a farsi fottere

 
Alle 11 dicembre 2011 01:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Alain Sanfratello
non solo i soliti,vi sono anche quelli che sono clown vestiti da politici he usano frasi come questa.voi cittadini,noi della politica, noi faremo tutto il possibile,cercheremo di risolvere,ma che avete capito....voi politici che venite scelti dal popolo scendete in terra il vostro mandato e fare i nostri interessi e trovare soluzioni per difendere il bene comune.ieri alla torre saracena al Monte di procida si è cosumata un 'altra ingannevole manifestazione, che sfruttando le tragedie degli altri riempiono le sale per compiacere al politico di passaggio.ma mi domando è dico se voi che sedete al tavolo della politica venite trombati dall'elettorato...perchè insistete a voler stare sempre davanti al coro??

 
Alle 12 dicembre 2011 12:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

denuncia..denuncia..denuncia !!!
Continuate a denunciare tutto alla Procura della Repubblica !
E pubblicatelo con Manifesti Pubblici !

 
Alle 16 dicembre 2011 08:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

e giggino della ragione che hamesso in commissione il proprio collaboratore: il piccolo antonio? fate finta di nulla?

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page