This page has moved to a new address.

Non C’è Benzina, I Pullman Restano Fermi Tutta la Giornata: La SEPSA Lascia a Piedi Migliaia di Passeggeri

Freebacoli: Non C’è Benzina, I Pullman Restano Fermi Tutta la Giornata: La SEPSA Lascia a Piedi Migliaia di Passeggeri

sabato 10 dicembre 2011

Non C’è Benzina, I Pullman Restano Fermi Tutta la Giornata: La SEPSA Lascia a Piedi Migliaia di Passeggeri

image Manca la benzina ed i pullman restano fermi al palo: ancora disservizi per il trasporto pubblico su gomma.

Non c’è pace per gli operai e gli utenti SEPSA che, oramai quotidianamente, vivono episodi ben lontani dalla normalità. Si va dal mancato pagamento degli stipendi, che costringe allo sciopero gli autisti nella speranza di vedersi recapitare i soldi con cui sopravvivere, sino a giungere a rallentamenti, disfunzioni e, addirittura, mancanza di benzina all’interno dei serbatoi.

E così capita, come avvenuto nel corso di tutta la giornata di oggi, che a poter scendere in strada siano stati soltanto pochi pullman che non sono riusciti a coprire l’intero orario normalmente previsto dal trasporto su gomma.

Tutti Fermi al Palo: Sarà un 2012 di Sofferenza

Sia ad Agnano che a Torregaveta la stragrande maggioranza di autobus è stata impossibilitata ad essere attivata per via della mancanza di rifornimento, non garantito dalla società a partecipazione regionale che non aveva liquidità per inviare del denaro con cui pagare i benzinai.

Un intoppo di non poco conto, che ha lasciato per ore migliaia di passeggeri ad aspettare in prossimità delle “fermate”, che si ripete nuovamente dopo quello similare verificatosi alla fine di novembre e che non può far altro che riproporre in tutta la sua drammaticità il problema del trasporto pubblico che, dalla strada alle rotaie, sarà di gran lunga ridimensionato nel corso del prossimo anno.

Per passeggeri, cittadini ed operai del settore si attende quindi un 2012 di sofferenza e di difesa dei propri diritti.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette:

14 Commenti:

Alle 10 dicembre 2011 19:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

Maria Pia Colandrea
‎......ma non fu presentato un progetto sulla trasformazione della stazione di torregaveta...??? supermegagalattico??? ed ora nn abbiamo i soldi per la benzina ?? e chi pagò quel progetto ??

 
Alle 10 dicembre 2011 20:14 , Blogger Sasà ha detto...

Incominciamo a fare i biglietti e vedete che si risolve tutto! ;) Noi abitualmente prendiamo i trasporti pubblici senza obliterare quel misero biglietto! Poi ci lamentiamo che non abbiamo un servizio efficace!

 
Alle 10 dicembre 2011 20:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

Maria Rosaria Carannante
siamo alla fine!!!!! mo ci devono solo mancare i viveri!!!!

 
Alle 10 dicembre 2011 20:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sergio Travi
Ah, ecco perché stasera ho atteso un'ora e mezza, per poi rinunciare, il bus per Napoli...

 
Alle 10 dicembre 2011 20:17 , Anonymous Anonimo ha detto...

Domenico Lucci
bhà..

 
Alle 10 dicembre 2011 21:00 , Blogger Vincenzo ha detto...

Sempre peggio i trasporti pubblici. QUesto è l'ennesimo regalo della dirigenza e conseguenza di decenni di sprechi e pessima gestione. RIngraziateli tutti anche quelli che non ci sono piu

 
Alle 10 dicembre 2011 21:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

Romi Costigliola
questo è scandaloso!

 
Alle 10 dicembre 2011 23:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giovanni Lombardi
tanto per chiarire a che cosa siamo.. e quelli pensano a spremere ancora qualcosa... e a privatizzare

 
Alle 11 dicembre 2011 00:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

Movimento Cinque Stelle
che roba.le aziende sono un colabrodo di denaro pubblico

 
Alle 11 dicembre 2011 07:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

non c'è benzina per i pullman????? ottimo!!!
speriamo che non ci sia nemmeno per le auto...Così si cammina tutti a piedi...Così facciamo due cose buone :la prima si fa del bene alla nostra salute,la seconda al nostro pianeta!!

 
Alle 11 dicembre 2011 15:29 , Blogger puteoli_s ha detto...

Perchè non riduciamo lo stipendio ai Dirigenti in primis e ai lavoratori Sepsa, meglio pagati, di tutti gli enti e comprano il carburante ?

 
Alle 11 dicembre 2011 15:35 , Blogger puteoli_s ha detto...

Perchè' non riduciamo lo stipendio ai Dirigenti in Primis e poi ai dipendenti EAV_SEPSA, meglio pagati di tutti i settori, e comprano il carburante per noi poveri utenti.
Dissevizi continui, ritardi negli orari e corse saltate, autisti arroganti senza nessun controllo, come più gli aggrada sugli orari e itinerari, mentre nessuno controlla

 
Alle 11 dicembre 2011 18:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

decenni or sono (purtroppo!), per lunghi anni sono stato una vittima della sepsa...quante volte il pulman mi ha lasciato per strada, durante le ultime corse notturne ! spesso, saltava corse, o non rispettava le fermate...ormai, come se fosse una cosa normale, rischiavamo di essere investiti da qualche automobile, sbracciandoci in mezzo alla strada per costringere l'autobus a fermarsi
come risposta ad eventuali proteste, ottenevamo risposte sprezzanti e derisorie, nel migliore dei casi, e prepotenti vaffan...quando l'autista era scocciato...poi capii chi gli dava tanta boria : la sepsa era un feudo socialista, inteso nel senso di "craxiano", e chi vi era stato assunto tramite calcione politico, riteneva di aver raggiunto il suo posticino nella casta...ma, a forza di sprechi e malagestione, sarà finita la zezzenella
l'altro giorno, dopo anni, ho ripreso la cumana per andare a montesanto : comodissima, in tre quarti d'ora si giunge in centro napoli senza stress di auto e parcheggio...solo, non la lavano da anni, è fetente ed inzivosa più che mai...viceversa, la freccia rossa na-mi è una sciccheria, e si paga cara...ma una via di mezzo, non sarebbe possibile ? o i socialisti, ed i loro discendenti berluschini, si sono veramente mangiato tutto ?

 
Alle 11 dicembre 2011 19:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

Raffaele Pugliese
La gente tende sempre a risparmiare soldi. Se ci fossero maggiori controlli vedi che le persone, i ragazzi che fanno i furbi iniziano a fare anche loro i biglietti.

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page