This page has moved to a new address.

Il Papa di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia l’Eterno Candidato Sindaco: A Suo Sostegno Un’Accozzaglia di Partiti

Freebacoli: Il Papa di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia l’Eterno Candidato Sindaco: A Suo Sostegno Un’Accozzaglia di Partiti

martedì 3 aprile 2012

Il Papa di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia l’Eterno Candidato Sindaco: A Suo Sostegno Un’Accozzaglia di Partiti

image Il Centrosinistra punta alla vittoria delle elezioni amministrative e per Pozzuoli ripropone per la terza volta in dieci anni il nome di Vincenzo Figliolia: l’ex sindaco guidò il Consiglio Comunale sciolto per “infiltrazioni camorristica” nel non lontano 2005.

E’ stato finalmente ufficializzato, a poche ore dal fischio finale per la presentazione delle liste, il carrozzone democristiano-sinistroide che all’imminente tornata elettorale del prossimo maggio si presenta carico di volti noti, usurate alleanze, pochi progetti e guidato dal vero e proprio papa puteolano il cui nome, ossessivamente, rimbomba da anni dalle pareti del Municipio a quelle dei tribunali: Vincenzo Figliolia.

La Sua Giunta Sciolta Nel 2005 Per Infiltrazioni Camorristiche

Ex Margherita, oggi segretario cittadino del Partito Democratico, fu proclamato sindaco già nel 2001 dovendo poi lasciare la guida della vetusta Puteoli nell’anno 2005 (leggi qui sentenza TAR del 2006) quando, a seguito di un meticoloso lavoro della Commissione d’Accesso inviata dalla Prefettura di Napoli nel 2004, furono evidenziate delle connessioni tra l’attività del suo governo e la malavita organizzata cittadina, in quegli anni particolarmente attiva e spietata.

Connessioni che, oltre al primo cittadino, riguardavano anche l’attività di diversi consiglieri comunali, fedeli sia allora che oggi al volto di re Figliolia, indiscusso vertice del nuova ed incancrenita pseudo-sinistra che, nella speranza di ottenere il potere, mette all’asta (o, ancor meglio, sui banconi del “Mercato del Pesce” di Pozzuoli) gran parte dei propri valori e principi, svendendoli in cambio di alleanze con l’Unione di Centro, anch’essa sempre pronta a gettarsi sulla poppa dei papabili vincitori.

L’Unione di Centro Abbraccia Vincenzo Figliolia

Difatti, mentre soltanto l’anno scorso l’Udc combatteva l’armata guidata da Figliolia, ponendosi di riflesso al fianco del futuro sindaco Magliulo, oggi il partito di Casini (manifestando un’indubbia coerenza) si schiera dalla parte di colui che sino a qualche mese fa osteggiava.

image Mutamento irriguardoso verso l’intelligenza dei cittadini il quale, tenuto conto che in meno di un anno riuscirà a sostenere un programma proposto dal centro-destra ed uno dal centro-sinistra, permette però all’Udc (felicemente accolta dagli ex avversari) di sintetizzare ciò che oramai in molti asseriscono da tempo: tra Pd e Pdl (escludendo la “L” finale) non esiste alcun tipo di differenza.

Né nelle alleanze, che mutano solo a seconda dell’opportunità partitica ed elettorale, né tantomeno nei programmi, perché altrimenti non sarebbe possibile trasmigrare da una parte all’altra dell’arco istituzionale senza patire alcun tipo di contraddizione.

Un teatro surreale in cui ben s’inseriscono anche apparenti voci “fuori dal coro” le quali, dopo aver urlato ai quattro venti la propria posizione contro l’arrivo nel lido di Figliolia degli uomini di Casini, hanno poi tirato i remi in barca, assecondando le volontà dei potentati di turno.

Pd e Pdl, Nessuna Differenza

Imbarazzante poi, spulciando tra le liste in appoggio a papa Figliolia, notare quanto stratificata sia la carrozza vincente che guiderà, si pensa per ben poco, la martoriata Pozzuoli satura di quesiti irrisolti sia per se stessa che (come per esempio la questione “Waterfront”) per i restanti Comuni del comprensorio flegreo, anch’esso altrettanto abbondante di ricchezze su cui poter scorazzare.

Si parte dal SeL, che soprattutto a livello nazionale ha sempre attaccato le posizioni dell’Unione di Centro, ad Idv, passando per i Verdi, una lista civica, il Pd e, come già detto, l’Udc.

Un groviglio che poco rassicura la città ed i Campi Flegrei tutti, non troppo dissimile alla baraonda che sostenne per pochi mesi l’ultimo governo guidato da Romano Prodi il quale fu capace, pur di battere l’odiato (soltanto a chiacchiere) Silvio Berlusconi, riuscì ad unire un baraccone che andava da Rifondazione Comunista sino a giungere all’Udeur di Mastella.

Il Caso dei Verdi, Con Loro un Ex Consigliere Pdl

Ma gli imbarazzi non terminano certo con il complicato matrimonio con lo “scudo crociato” (tra l’altro molto amato da Figliolia). Proprio nei giorni della presentazione delle liste, così come riportato dal quotidiano on-line “Pozzuoli Dice”, è scoppiato un nuovo caso all’interno dei Verdi.

Il partito ecologista, all’insaputa del suo coordinatore regionale Borrelli, aveva candidato come capolista l’ex consigliere del Popolo della Libertà Paolo Tozzi il quale, forse vista la trasmigrazione delle vacche “uddicciane”, aveva mal interpretato il sentimento del centrodestra locale, decidendo così di appoggiare gli ex avversari.

imageEnnesima vergogna che avrebbe spinto, lasciando perlomeno trasparire un minimo di decenza e coerenza, la segreteria regionale del partito ad abbandonare la competizione elettorale.

Filippo Monaco Con Pdl, Fli e Udeur

Dall’altro lato invece (per i nostalgici che ancora credono che esista una contrapposizione) s’evidenzia la candidatura di Filippo Monaco come esponente del centrodestra. In suo appoggio, oltre al Popolo della Libertà che pare abbia già data per certa la sconfitta elettorale (che in ogni caso saprà di vittoria) in terra puteolana, c’è il mitologico Udeur e, in modo clamoroso, “Futuro e Libertà” di Maione. Partito quest’ultimo, nato lo scorso anno per volontà del Presidente della Camera Gianfranco Fini, proprio in contrapposizione ai “berluscones”.

Un po' di Società Civile

Ai due baluardi, nemici-amici, s’aggiunge poi la lista civica guidata da Tito Fenocchio e le due espressioni politica supportate dalle candidature a sindaco di Emanuele Zanni, sostenuto dalla lista civica “Lista Civica Popolare per il Bene Comune” e da Federazione della Sinistra, e di Daniele Thomas Alessi per il Movimento 5 Stelle.

E mentre questi ultimi, nonostante le aspettative, hanno attraversato un anno di riflessione e di silenzio dopo il sufficiente risultato elettorale delle scorse amministrative, sono invece i candidati al Consiglio guidati da Zanni a presentare numerosi esponenti da sempre attivi nella società civile in difesa, tra le altre cose, dell’Acqua come Bene Comune e della cava del Castagnaro.

Ecco i Nomi dei Candidati tratto da “Pozzuoli Dice”

In conclusione, per non dimenticare, vi lasciamo con un articolo (con tanto di precisazione di Figliolia – leggi intervista) pubblicato lo scorso 30 Marzo 2011 dal “Fatto Quotidiano”, a firma di Nello Trocchia, che ripropone quanto precedentemente asserito sul “nefasto epilogo” che ebbe il “Figliolia I”, sciolto per infiltrazioni camorristiche.

“IL FATTO QUOTIDIANO”

- Pozzuoli, il centrosinistra candida l’ex sindaco La sua giunta sciolta per camorra nel 2005 -

Una città dove da dieci anni si alternano sindaci a tempo e commissari. E’ il destino di Pozzuoli, comune in provincia di Napoli di oltre 80mila abitanti, in provincia di Napoli, attualmente gestito da un commissario prefettizio. L’ultimo sindaco, infatti, ha retto solo due anni e nel maggio scorso è stato sfiduciato. La città, uno scrigno di storia, ora si prepara a nuove elezioni. imageE il centrosinistra ha scelto di candidare Vincenzo Figliolia, segretario cittadino del Partito democratico, appoggiato da tutta la coalizione, anche Idv e Sel (ancora in dubbio la federazione della sinistra). Ha calato l’asso, insomma, visto che Figliola fu eletto sindaco già dieci anni fa. Solo che la sua esperienza si concluse nel 2005 con lo scioglimento per condizionamento mafioso dell’amministrazione comunale, seguito da due anni di commissariamento prefettizio. Figliolia si è ripresentato e ha messo al primo posto la lotta al crimine organizzato: “Dobbiamo ostacolare senza mezzi termini qualsiasi forma di criminalità organizzata, dalle illegalità quotidiane all’economia criminale sommersa”.

Ma torniamo al 2005. Nella relazione che ha portato all’azzeramento del Comune per camorra trova spazio anche la gestione del mercato ittico, il terzo in Italia, per la quale Figliolia è stato indagato. La sua vicenda processuale si è però chiusa nel 2008 con il suo totale proscioglimento. Diversa la questione relativa allo scioglimento per infiltrazioni mafiose del Comune. Contro quella decisione l’allora giunta provò la strada del ricorso (bocciato) nel 2006, dal tribunale amministrativo regionale della Campania, mentre il Consiglio di Stato, inizialmente chiamato a pronunciarsi sul caso, non è entrato nel merito per difetto di ricorso  (formalmente ‘cancellato dal ruolo’).

Lo scioglimento per mafia ha natura preventiva, una macchia politica che denuncia rapporti, ombre, contiguità e cammina parallelamente al percorso penale. A Pozzuoli la camorra ha la faccia di Gennaro Longobardi e Gaetano Beneduce. Nonostante il carcere duro, Longobardi ha mantenuto il suo feudo, stretto legami con i Quartesi di Salvatore Cerrone, e ha dato vita a una nuova alleanza con Luciano Sarno, uno dei capi dell’omonimo clan. Lo scorso giugno una mega operazione della distrettuale antimafia di Napoli, coordinata dai pm Antonello Ardituro, Gloria Sanseverino, Raffaela Capasso ha svelato il livello di infiltrazione della camorra puteolana e i rapporti non solo con la politica, ma anche con l’imprenditoria e con agenti infedeli delle forze dell’ordine. Sono finiti in carcere in 84. L’inchiesta racconta una trama fitta di relazioni tra organizzazioni criminali e apparati dello stato per il controllo di appalti e affari.

Nelle carte della procura viene menzionato anche un episodio relativo allo scioglimento per condizionamento camorristico del comune, che riguarda proprio l’attuale candidato del centrosinistra. Prima del 2001 e della sua elezione a sindaco, Figliolia (allora consigliere comunale) ha affidato, come amministratore di un centro commerciale, i servizi di pulizia parcheggio a una ditta riconducibile ad Antonio Cerrone o’ sferravecchio, un personaggio con un curriculum segnato da una sfilza di precedenti penali e fratello di Salvatore, detto Totore ‘o biondo, uno dei capi indiscussi della camorra puteolana. Una vicenda pienamente confermata nella sentenza del Tar che aggiungeva: “E’ verosimile, allora, individuare la ragione giustificativa dei considerevoli vantaggi economici, attribuiti – grazie alla particolare configurazione degli accordi in questione – dal sindaco Figliolia in favore della ditta, di pertinenza di C. A, nell’intenzione d’instaurare, prima, e mantenere, poi (grazie al rinnovo del contratto alle stesse condizioni del precedente, effettuato, si badi, quando già il ricorrente ricopriva la carica di primo cittadino), buoni rapporti con il medesimo C. A., quale personaggio di spicco della citata organizzazione delinquenziale, operante nel territorio puteolano”. Per cancellare ogni cosa, però, è bastata l’assoluzione di Figliolia per la vicenda del mercato ittico. E Pozzuoli guarda al futuro con i piedi saldamente ancorati al passato.

Riceviamo e pubblichiamo.

A nome e per conto del sig. Vincenzo Figliolia vogliate pubblicare quanto segue: Tenuto conto del particolare contesto temporale nel quale l’articolo è stato pubblicato, appare indispensabile specificare che, diversamente da quanto scritto, l’assoluzione del sig. Figliolia non ha riguardato la sola vicenda del mercato ittico, ma anche la sussistenza di elementi di prova che consentissero di ipotizzare rapporti di contiguità fra l’ex sindaco di Pozzuoli e soggetti legati alla criminalità organizzata ivi operante. Ed infatti, questi sono stati espressamente esclusi dal G.U.P. presso il Tribunale di Napoli in un ampio capitolo della motivazione della sentenza di proscioglimento emessa il 21 aprile 2008, e, quindi successivamente al provvedimento del TAR richiamato nell’articolo. Avv. Luigi De Vita

Redazione Freebacoli
freebacoli@live

26 Commenti:

Alle 3 aprile 2012 19:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Le Liste e le Coalizioni che si sono iscritte a partecipare alle prossime elezioni amministrative restituiscono scrupolosamente il clima di squallore e di opportunismo politico che occupa il cielo puteolano da oltre dieci anni.



Parlare di accoppiamenti incestuosi o di candidature ai limiti dell'indecenza aggiungerebbe solo folklore ad un problema che è più tragico che drammatico. Perché riguarda le nostre vite. I nostri padri e i nostri figli. Le nostre sorelle e le nostre madri.



Abbiamo atteso fino all'ultimo minuto, sostenuti dall'ottimismo della volontà, che qualche segnale, anche microscopico, di responsabilità civile, arrivasse per smentire il nostro pessimismo della ragione.

Ci siamo ritrovati con una “armata brancaleone” contro “gianni e pinotto”.



Il compianto Troisi avrebbe detto “non ci resta che piangere”.



Noi, di PozzuoliDecide”, che abbiamo sempre rifiutato i piagnistei auto consolatori, ci ritiriamo sull'Aventino. Quello Puteolano.



Ci rifiutiamo di essere protagonisti o comparse di una “foto di gruppo in un esterno” che rimanda l'atmosfera di una veglia funebre.



Il funerale ci sarà ma “PozzuoliDecide” ha un sogno. Esserne il cocchiere.



E non affrettatevi a chiamarci “qualunquisti”, VOI che animate la movida politico-affaristica e VOI finti benpensanti in poltrona, la nostra è una scelta meditata.

Non ci ritiriamo dallo scontro per mancanza di coraggio. E' che non potete essere VOI i nostri avversari.



Viviamo in mondi separati che non hanno nulla in comune, nemmeno una corda tesa sul vuoto sulla quale duellare.



Useremo il tempo dell'assenza per riflettere e lavorare, non contro di voi, ma per la nostra terra.

Con l'audace certezza che la fine della peste è più vicina di quanto immaginiate.



MPT Pozzuoli Decide

 
Alle 3 aprile 2012 19:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

CHE SQUALLORE

 
Alle 3 aprile 2012 20:02 , Blogger PlusUltra1988 ha detto...

Questo articolo è uno schifo! Per completezza d'informazione dovreste dire anche che il Sig. Figliolia ha subito un regolare processo dal quale è stato completamente ASSOLTO. Inoltre vorrei ricordare che lo scioglimento per mafia di una giunta è un atto amministrativo fatto dal Ministero, senza che vengano valutati i fatti o che vi sia un processo, è una misura cautelare, non un processo con sentenza.
Lo so che vi fa aumentare le statistiche dei lettori sparare titoli sensazionalistici e populisti, ma abbiate almeno la decenza di salvare la forma e descrivere TUTTI i fatti e non solo quelli che vi fanno fare la figura dei paladini della legge e degli unici puri e casti in un mondo di lebbrosi.
Per completezza di informazione vi lascio dei link sulla notizia che volete nascondere.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/04/22/pozzuoli-assoluzione-per-ex-sindaco.html

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/campania/politica/articoli/2008/04_Aprile/22/figliolia_assolto.shtml

http://www.metropolisweb.it/Notizie/Campania/Cronaca/comuni_assolto_ex_sindaco_pozzuoli_figliolia.aspx

http://archivio.denaro.it/VisArticolo.aspx/VisArticolo.aspx?IdArt=533195&KeyW=

http://www.casertanews.it/casertanews_servizi.asp?action=stampanotizia&art_id=20080422074026&

 
Alle 3 aprile 2012 20:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

Nata vota Figliolia!

 
Alle 3 aprile 2012 20:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

Leaquile Pozzuoli
E' tutt' na pastetta !

 
Alle 3 aprile 2012 20:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sergio Travi
Bruttissimo articolo. La situazione politica di Pozzuoli è vergognosa e Figliolia e chi lo sostiene può essere criticato per mille e una ragione (per non dire di Monaco, i cui "salti della quaglia" politici vengono ignorati) ma la lotta politica è cosa diversa dalle informazioni parziali e dal fango. Questa volta, mi spiace, vi dovreste un po' vergognare anche voi.

 
Alle 3 aprile 2012 20:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

sign. travi si vede che non conosce la situazione di pozzuoli, il mio comune dovrebbe essere commissariato ogni giorno..la notizia è parziale perche la magistratura se la è presa solo con figliolia.
ca è tutta una minestra

 
Alle 3 aprile 2012 21:42 , Anonymous NOI RE(SI)STIAMO...CON FIGLIOLIA E UDC ha detto...

- VIVA LA COERENZA -

Pozzuoli ha bisogno di una coalizione elettorale credibile, che assuma l'obbiettivo del “bene comune”, che punti espressamente al governo come strumento di positiva trasformazione della città. Le forze politiche protagoniste dell'opposizione degli scorsi mesi, nelle Istituzioni e in città, hanno una grande responsabilità: provare a vincere, per cambiare le cose. L'unione tra forze politiche e territoriali, pur tra loro diverse, può avvenire solo sui programmi: vivibilità quotidiana, lotta alla camorra, risanamento e riqualificazione dei quartieri e delle periferie, tutela del territorio, integrazione sociale, valorizzazione delle risorse umane locali. A questi bisogni vanno individuate risposte nuove e moderne, che affrontino le grandi questioni legate al progetto Waterfront, al compendio Porto-Rione Terra, al patrimonio pubblico abitativo e immobiliare, alle ricchezze paesaggistiche, con il coinvolgimento e la partecipazione delle categorie produttive e del tessuto sano cittadino. La garanzia per l'attuazione di un tale programma di rinnovamento è la coerenza. Riteniamo che l'obbiettivo di allargare la coalizione di centro-sinistra non possa tradursi nell'imbarcare i “soliti noti” (ex consiglieri in cerca di ri-collocazione) o chi ha sostenuto fino all'ultimo l'ex Giunta Magliulo senza mai prenderne le distanze, né prima né dopo lo scioglimento, come il partito “Udc”. Gli “invisibili” devono restare dall'altra parte. I poteri forti devono essere individuati come nemici della città, in quanto portatori di interessi particolari e non collettivi. Non è una questione “ideologica”, ma politica: il percorso del “bene comune”, intrapreso a partire dalla campagna elettorale del 2011, deve essere arricchito e non pregiudicato. Lo sforzo di allargare l'alleanza va invece rivolto alle sensibilità e alle competenze dell'associazionismo locale e di chi era contro Magliulo.

 
Alle 3 aprile 2012 21:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bernardo Mele
Tranne poche eccezioni si sono formate a Pozzuoli le liste della vergogna.
certe candidature più che politica le definirei una schifezza che non mi aspettavo da chi dice di voler difendere il territorio. Per fortuna ci sono gli anticorpi che hanno "sospeso" lo scempio.

 
Alle 3 aprile 2012 21:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bernardo Mele
Questa sinistra non è piu il luogo sociale e politico degli ideali di emancipazione,eguaglianza,giustizia sociale.

 
Alle 3 aprile 2012 22:48 , Anonymous nostalgico della rossa Pozzuoli ha detto...

Articolo fazioso e di parte per varie ragioni:
il transfuga Monaco ed il magliuliano Fenocchio vengono solo accennati giusto per confermare l'equazione << PD = PD meno L >> senza però raccontarne la storia ...
l'ex sindaco Figliolia è stato assoluto: sbattere un vecchio articolo del Foglio Quotidiano serve solo a buttare fango sulla coalizione;
l'alleanza tra UDC e centro-sinistra invece è più ché reale. Questo connubio, più volte ripetuto per dare credito all'equazione << PD = PD meno L >>, è una scellerata verità ma chi è stato il responsabile? La dirigenza PD sicuramente ma dovrebbe rifletterci anche Zanni che invece di andare in solitaria giusto per testimoniare la falce e martello, avrebbe potuto con le cosiddette << voci fuori dal coro >> (vedi SEL ed altri) spostare il baricentro della coalizione a sinistra facendo andare altrove lo zompettante Marrandino;
l'equazione << PD = PD meno L >> può anche starci ma dipende dal punto di vista. Da quello di una sinistra marxista-leninista indubbiamente tutti i partiti borghesi si equivalgono nello spartirsi le istituzioni capitaliste da abbattere con la violenza rivoluzionaria del proletariato. Non è questo il caso di Pozzuoli né dell'articolo che trasmette una certa visione anti-politica e qualunquista degna dei grillini puteolani che non a caso si sono dileguati;
il “riceviamo e pubblichiamo” è di Figliolia o di qualcuno che per parla per lui ? Attenzione a non scherzare in campagna elettorale con queste cose ...

 
Alle 3 aprile 2012 22:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

Possibile che con tutta la gente per bene che esiste a Pozzuoli e dintorni non ci sia un nome diverso pulito da candidare? Anche per cambiare e per facce nuove nella politica.... Michele da roma

 
Alle 3 aprile 2012 22:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

Carmine Autuori
Cara redazione freebacoli,vorrei dirvi per correttezza che allo stesso modo in cui si ricorda lo scioglimento del consiglio comunale, bisognerebbe dire per onestà intellettuale ed anche per senso di giustizia, che, per quella faccenda, figliolia è stato prosciolto senza ricevere neanche un rinvio a giudizio.. Per quanto riguarda l'udc, quest'ultimo è un partito di frontiera che si pone al centro del sistema politico e valuta di volta in volta, non solo a pozzuoli, ma anche in altre realtà, dove collocarsi. Anche a livello nazionale si discute tanto sulla sua collocazione Capisco che il tema dell' incoerenza è un argomento forte e di facile presa tra la gente, però bisogna dire che le coalizioni si formano intorno ad un programma prima delle elezioni e ogni partito pone davanti al giudizio dei cittadini anche le sue scelte strategiche. Vedremo se gli elettori dell'udc le condivideranno o meno Che ne sapete voi qual'è il pensiero di chi vota udc. E se fossero gii stessi elettori che, davanti allo sfaccio di questo centrodestra, preferiscono che il loro partito stia nel centrosinistra? Vedremo, lasciamo giudicare la gente

 
Alle 3 aprile 2012 22:57 , Anonymous Anonimo ha detto...

Antonio Salzano
Mentre si decide chi si deve vergognare, Pozzuoli si avvia verso un altro commissiaramento grazie alla grande discontinuità col passato a destra e a sinistra. Complimenti!

 
Alle 4 aprile 2012 00:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sergio Travi
Perfetto. Allora si faccia informazione e battaglia politica, basata sui problemi e sui programmi. Criticando le proposte altrui e avanzandone altre. Ma articoli del genere, che non servono a nulla, lasciamoli ai Belpietro e ai Sallusti e chi per loro.

 
Alle 4 aprile 2012 00:44 , Anonymous ogni figlio..lia è bell a mamma soia ha detto...

ah, e allora nascondiamo la verità

 
Alle 4 aprile 2012 00:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

POZZUOLI DICE, CON TRINCONE, MANCO IL CONSIGLIERE...E QUANDO I MOVIMENTI SI SFALDANO INVECE DI DIRE LA VERITÀ...FINGETE DI FUGGIRE SULL'AVENTINO....3-4 SCRITTORI DI FACEBOOK DI POZZUOLI CHE PENSAVANO DI FARE LE ELEZIONI COSÌ PEKKÈ PAREVANO BELLI....PURTROPPO LA LOTTA È UN'ALTRA COSA

 
Alle 4 aprile 2012 08:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gualtiero Walter Bisogni
EVVIVA LA COERANZA DI CHI SI PROFESSA ORGANO DI INFORMAZIONE INDIPENDENTE. APOLITICO E APARTITICO.
Se per primi ci si mette in piazza dand vita ad un'informaziome malata come poi si possono vestire i panni dei censori.
NON C'E' PEGGIOR SORDO DI QUELLO CHE NON VUOL SENTIRE!
E FREE BACOLI E' IL PEGGIOR SORDO CHE IO ABBIA MAI INCONTRATO IN OLTRE MEZZO SECOLO DI ATTIVITA' GIORNALISTICA.

 
Alle 4 aprile 2012 09:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

...evidentemente, il più pulito aspirante alla candidatura...ha la rogna !

 
Alle 4 aprile 2012 09:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

...qui ci vuole urgentemente un "vate" che rinnovi un accorato "appello per pozzuoli"...

 
Alle 4 aprile 2012 09:13 , Anonymous Anonimo ha detto...

figliolia uscì immacolato dall'indagine sulle infiltrazioni mafiose nel comune di pozzuoli...precedentemente mi sembra (se avete notizie più precise, correggetemi, l'avvenimento mi fu riferito anni fa da un esponente politico, all'epoca in rotta con lui, oggi avvinghiato nello stesso partito) patteggiò per un altra piccola grana giudiziaria (niente di politico), quindi il suo...imene giudiziario-politico è stato ricostruito...ma sul serio non avevate di meglio ?!?

 
Alle 4 aprile 2012 10:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vedremo...pozzuoli è una città non più degna di tale nome...per colpa di politici incapaci e burattini...Scommetto che questa nuova tornata elettorale partorirà una nuova giunta frutto di un compromesso instabile che al primo colpo si scardinerà...Auguri Flegrei!!!

 
Alle 4 aprile 2012 16:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

Luciana Dente
Questi dureranno meno dei loro predecessori

 
Alle 5 aprile 2012 14:17 , Anonymous Anonimo ha detto...

Luisa Chiariello
mio dio!!!

 
Alle 7 aprile 2012 13:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Avete veramente un gran coraggio....a scriverre certe cose....poi spiegherà ai "poveri" cittadini puteolani come condurra avanti la macchina comunale il Sig. Figliolia.
Ci sono quasi 300 candidati a supporto di tale coalizione...quindi dovrà scendere a compromessi?
Come farà a portare avanti un buon governo della cosa pubblica? Quanti SIGNOROTTI dovrà accontentare? Buona fortuna.

 
Alle 19 aprile 2012 17:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

QUELLO CHE NON CONDIVIDO è IL FATTO CHE ALCUNI ELETTORI L'ANNO SCORSO ERANO TUTTI CONTRO FIGLIOLIA E QUEST'ANNO SONO CON, PUR AVENDO DETTO PESTE E CORNA! DOVREBBERO ESSERE SVERGOGNATI E VERGOGNARSI. VIVA L'IDEALISMO, PERCHE' DOVREMMO ESSERE COERENTI.

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page