This page has moved to a new address.

Si Parla di Milioni Sperperati, Sindaco e Consiglieri Si Nascondono nei Bagni: Non C'è il Numero Legale ed il Consiglio Viene Sospeso

Freebacoli: Si Parla di Milioni Sperperati, Sindaco e Consiglieri Si Nascondono nei Bagni: Non C'è il Numero Legale ed il Consiglio Viene Sospeso

sabato 31 marzo 2012

Si Parla di Milioni Sperperati, Sindaco e Consiglieri Si Nascondono nei Bagni: Non C'è il Numero Legale ed il Consiglio Viene Sospeso

Si parla di valorizzazione e gestione dei beni archeologici, ma l'amministrazione abbandona l'aula richiudendosi nei bagni dell’Ostrichina: Consiglio Comunale sciolto per mancanza di numero legale.

Una schiera di rappresentanti di "governo", tra cui il sindaco ed i "potentati" della casta cittadina, decidono volontariamente di nascondersi tra le segrete stanze della sala Ostrichina del Parco Vanvitelliano del Fusaro, abbandonando gli scranni dell'assise civica, salvo poi rientrare in sala una volta sciolto il Consiglio Comunale.

Nascondino istituzionale e senile (poiché vi hanno partecipato individui da 40 ai 70 anni), forse senza precedenti nella storia di un Comune sempre più umiliato da chi dovrebbe dirigerlo, perpetuato con assoluta strafottenza sia dei richiami dell'opposizione che dei "timidi" appelli del Presidente del Consiglio Aniello Savoia, anch'egli inascoltato nonostante sia chiara espressione dell'attuale maggioranza di centrodestra.
 
Fondi POR, Milioni di Euro Spesi Senza Piani di Gestione

Lascia senza parole il comportamento assunto dalla maggioranza consiliare nel corso dell'ultima seduta di consiglio, tenutasi nella giornata di ieri, quando si è aperto il settimo punto all'ordine del giorno relativo ad "Interrogazione prot. 22524 del 25.7.2011 a nome dei consiglieri comunali SCHIAVO Adele e DELLA RAGIONE Josi Gerardo ad oggetto: “Fondi POR CAMPANIA 2000-2006. Stato dei lavori, collaudi, piani di gestione"".

Argomento delicatissimo per cui, prim'ancora di entrare nel merito dell'incommentabile comportamento assunto dai sostenitori dell'esecutivo alla guida della città, è utile soffermarsi su di una serie di aspetti preliminari che danno il senso della rilevanza che quest'amministrazione da al consiglio comunale e quindi alla stessa volontà popolare.

Otto Mesi Senza Risposta, Opposizione Non Tutelata

L'interrogazione, protocollata nel luglio 2011, viene dibattuta in assise soltanto a fine marzo 2012 a distanza di ben otto mesi dalla richiesta formale. Tutto ciò nonostante all'articolo 81 "Interrogazioni" del Regolamento del Consiglio si chiarisca che "il Sindaco risponde nella prima seduta utile da tenersi entro trenta giorni" dalla data di protocollo.

Fa nulla quindi che da 30 si sia passati a 240 giorni. E fa nulla anche che a far rispettare il Regolamento dovrebbe essere il Presidente del Consiglio Comunale, stipendiato dalla comunità locale per una cifra vicina ai 1000 euro, nonché supportato da un apposito ufficio arredato e attorniato da dipendenti comunali.

Mancanze lapalissiane, ancor più gravi se si considera che non rispondendo "a tempo debito" alle interrogazioni dell'opposizione non si fa altro che garantire l'inagibilità dell'assise rendendo quindi vano il lavoro di studio e di controllo dell'opposizione (i cui diritti dovrebbero essere tutelati sempre dal Presidente del Consiglio).

Delicatissimo era, tra l'altro, il tema trattato dall'interrogazione che puntava l'attenzione su "Stato dei lavori, collaudi, piani di gestione" dei svariati milioni di euro giunti in questa terra per garantire salvaguardia e messa a reddito del nostro patrimonio archeologico, ma che nella sostanza hanno assicurato soltanto degrado, speculazione, occasioni perdute e nessun posto di lavoro.

Umiliante Lettura del Cugino del Sindaco

Sempre richiamando alla memoria il regolamento, all'art. 82 si chiarisce che "Le risposte alle interrogazioni vengono date dal Sindaco o da un Assessore all’inizio della seduta, allo scopo fissata".

Bene. La risposta, dopo otto mesi, arriva alla fine della seduta di Consiglio e viene praticamente letta all'istante non dal sindaco o dall'assessore al ramo, bensì dal consigliere Porfirio Schiano.

Giovane rappresentante di Torregaveta, cugino del primo cittadino e verso cui lo stesso ha "girato" gran parte dei propri voti, costantemente silente all'interno del consesso civico, a cui viene dato l'arduo compito di leggere una decina di pagine "tecniche", di cui lo stesso era assolutamente all'oscuro sino ad un secondo prima della lettura.

Quindi su di un argomento di tale rilevanza, nonostante la presenza di un assessore delegato ai "Grandi Progetti", un altro ai "Beni Culturali", un consigliere delegato alla "Cultura" e la delega mantenuta dal sindaco sulla tematica "Consorzio", l'amministrazione decide di riferire in Consiglio facendo leggere delle "carte progettuali" su tutto ciò che doveva essere la "Bacoli dei sogni" e che invece non lo è.

L'Amministrazione Snobba la Questione:"Non Sappiamo Nulla"

E così dopo un'umiliante (per il "lettore") "tre quarti d'ora" di risposta raffazzonata (leggendo, senza comprendere, schede e cifre), ad essere emblematico è un dato: la risposta manca di numerosi progetti  cittadini finanziati con fondi POR, e, sopratutto, è carente dei piani di gestione.


Quesiti interessanti su cui però è impossibile ricevere risposta: "L'assessore Scotto di Vetta ha problemi di salute. Noi non sappiamo nulla", è la risposta giunta dalla Presidenza del Consiglio.

Toccato il fondo? Nient'affatto, bisogna ancora scavare.

Non C'è il Numero Legale, Ma il Presidente Resta in Silenzio: Mai Toccare i Padroni

Durante la "lectio squalidissima" dello "Schiano minore" gran parte dei consiglieri di maggioranza, ed anche di minoranza, decide di abbandonare l'emiciclo, per sistemarsi comodamente nelle segrete stanze della sala Ostrichina parlottando del più e del meno come vecchi amici al teatro.

Chiacchierata lunga e piacevole, che va avanti per più di mezz'ora: in aula manca il numero legale.
 
Ben dieci tra sindaco e consiglieri decidono di non entrare in assise dove, nonostante tutto, continua a svolgersi una seduta istituzionale di Consiglio.

L'art. 44 del Regolamento, recita: "In qualsiasi momento nel corso della seduta, si procede alla verifica del numero legale anche a richiesta di un solo consigliere". "Anche" e non "solo". La verifica potrebbe chiederla anche il Presidente, ma lui, nonostante dovrebbe rappresentare una figura neutrale, non lo fa.

Perché mai tirare le braghe ai padroni che gli concedono di portarsi a casa un lauto stipendio mensile, in cambio di silenzio, servitù assoluta e interventi "a comando"?

Dieci Consiglieri Non Entrano in Aula: Sciolta la Seduta

A questo punto è però il consigliere Josi Gerardo Della Ragione, dopo aver evidenziato l'impossibilità  di replicare allo "Schiano minore" in quanto né lui, né altri, per loro stessa ammissione, "nulla sanno sulla questio", a chiedere al negligente Presidente di verificare il numero legale, richiamando all'ordine un'amministrazione scellerata dedita al dominio e non alla rappresentanza.

Il Savoia del nuovo millennio invita perciò i "suoi" a sedersi, ma nessuno risponde. Potrebbe alzarsi dalla poltrona ed aprire la porta dietro cui si nascondono, ma decide di non farlo.   

I presenti seduti in poltrona sono dieci, mentre altri nove si danno per dispersi nascondendosi dietro porte e pareti: il numero legale non c'è e la seduta è sciolta.

I "Senza Pudore" Mostrano il Volto

Ma il meglio (anzi, il peggio) deve ancora venire. Al fischio finale i consiglieri senza pudore, aprono le ante che li separavano dal "mondo istituzionale" e mostrano sfacciatamente il proprio volto.

Un pò come quando s'invitano i fenomeni da baraccone ad entrare all'interno di un circo, mostrando il proprio volto alle telecamere della Tv.

Chi erano? Quali sono i loro nomi?

Beh, non chiedete troppo ai nostri stomaci.

Basterà sapere che sono coloro che molti di voi, purtroppo, votano ininterrottamente da vent'anni, quelli che cambiano partito ogni due giorni, quelli che hanno ridotto questa città nelle condizioni in cui tutt'oggi si ritrova, quelli che non conoscono pudore.

I padroni indiscussi del reame bacolese, infastiditi dalle parole di chi li ferisce con carte e documenti alla meno, di chi li mette costantemente alla berlina, di chi si macchia del reato di "lesa maestà".

Loro non si arrenderanno mai. Noi, neppure.  

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

36 Commenti:

Alle 31 marzo 2012 13:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

TUTTI AL CESSO!

 
Alle 31 marzo 2012 13:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

Chi sono i consiglieri che non sono entrati? Si possono sapere i nomi?

 
Alle 31 marzo 2012 13:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

Io ero tra i pochi presenti alla fine del consiglio. Non sono sicuro di ricordarli tutti ma di certo c'era:

il sindaco, luigi della ragione, luigi carannante, antonio carannate, simone scotto, ciro mancino.

 
Alle 31 marzo 2012 13:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

ahahahahahhahhahah, ma va sempre peggiooooooooooooooooooooooo

 
Alle 31 marzo 2012 14:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

secondo me non ci sta niente da ridere. se ridiamo poi a lungo andare acceteremo queste cose come normali. mannaggia a miseria! ma comm s po fa?

 
Alle 31 marzo 2012 14:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

AnonimoMar 31, 2012 04:58 AM
Scusa allora c'era anche qualche consigliere della minoranza fuori?
Insomma,si possono sapere i nomi di chi ha disertato?

 
Alle 31 marzo 2012 17:14 , Anonymous Anonimo ha detto...

abbiamo gioito quando per la questione ''abbattimento'', il primo cittadino ha dato le dimissioni....pensavamo che fosse uno che finalmente ascoltasse la voce dei bacolesi, lesi da anni nei proppri sacrosanti diritti...e invece una delusione spettacolare...lui tra tanti...la stessa stoffa...la stessa ca..a,

 
Alle 31 marzo 2012 17:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

bravo...stessa ca..cca..ci sono i nostri giovani che cercano lavoro...ci sono laureati che stanno a spasso...e con questi bene pitenziali che abbiamo a disposizione loro cosa fanno??' mangnano..magnano...magnano....via tutti...ermanno...vergogna..

 
Alle 31 marzo 2012 18:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Aggiungiamo un altro nome. Adele Schiavo, stretta collaboratrice del consigliere Josi Gerardo Della Ragione, e addirittura cofirmataria della interrogazione sui Fondi POR in discussione, pochi minuti prima dell'inizio della discussione si è alzata e ha abbandonato i lavori dell'aula, contribuendo senz'altro alla mancanza successiva del numero legale.
Avete qualcosa da dire a proposito?

 
Alle 31 marzo 2012 18:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Azzurra Web Campi Flegrei
HAHAHAHAAH...

 
Alle 31 marzo 2012 18:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Azzurra Web Campi Flegrei
HAHAHAHAAH...

 
Alle 31 marzo 2012 18:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Roberto Della Ragione
L'INCONSISTENZA PROGRAMMATICA E L'ARROGANZA QUOTIDIANA DELL'AMMINISTRAZIONE PDL DI BACOLI E' DAVVERO DISARMANTE ...... INTERROGATI PIU' VOLTE SU PROBLEMI DI ORDINARIA AMMINISTRAZIONE, SI NASCONDONO DIETRO LO SCUDO DELLA (PRESUNTA) SUPREMAZI...A NUMERICA IN CONSIGLIO COMUNALE. MA ORAMAI VENGONO QUOTIDIANAMENTE SMASCHERATI E SBUGIARDATI SENZA UN BRICIOLO DI DIGNITA' !!!!!!!!! IN QUESTI ULTIMI 2 ANNI, MENTRE BACOLI LANGUIVA NEL PIU' TRISTE ABBANDONO (MAI RAVVISATO A MEMORIA DI BACOLESE) IL SINDACO PDL DI BACOLI (E LA SUA CRICCA POLITICA) IMMOBILIZZA L'AGIBILITA' DEMOCRATICA DEL CONSIGLIO COMUNALE, ALZANDO IL (SOLITO) MURO DI GOMMA INDIFFERENTE E SPREZZANTE ............ HANNO FALLITO : MANDIAMOLI A CASA !!!!!!!!!! BACOLI MERITA DI PIU' !!!!!!

 
Alle 31 marzo 2012 18:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

se si ripresentano, li rivoteremo. Questo meritiamo

 
Alle 31 marzo 2012 18:50 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sergio Travi
Ma non provano un minimo di scuorno quando si guardano allo specchio? Quaquaraquà...

 
Alle 31 marzo 2012 20:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ciò che puntualmente è stato descritto in cronaca è semplicemente vergognoso.Si capisce che ci sono state continue violazioni alle regole del Consiglio Comunale,e chi preposto a farle rispettare,pare non esserne capace probabilmente per poca esperienza.Certamente possiamo dire di aver toccato il fondo da sempre è il peggior consiglio comunale mai riunito nella storia del Comune di Bacoli,ed è un vero peccato perchè Bacoli ha tante potenzialità soprattutto nel campo del turismo,e soprattutto se si riuscisse a far capire agli imprenditori attualmente concessionari che il loro modo di far turismo fa guadagnare poco a loro ed a tutto il paese,con pochi interventi e qualche buona idea si potrebbe sviluppare un turismo stanziale da far invidia alla costiera Amalfitana,o al litorale adriatico(Rimini e Riccione per intenderci)invece amministrazioni scadenti e poco capaci di interloquire con gli imprenditori della zona stanno riducendo questo paese alla stregua di Licola degli anni settanta.
Che delusione!!!!!

 
Alle 31 marzo 2012 21:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

che indecenza...

 
Alle 31 marzo 2012 21:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma chi deve guadagnare sono sempre gli stessi...quelli che hanno esteso il loro potere in tutto il paese e che non si toglieranno mai di mezzo...e il sindaco consiglieri assessori ci camminano a braccetto con questi tipi...e allora signori in cosa speriamo....

 
Alle 31 marzo 2012 21:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

che delusione..sono stati capaci di ridurre un paese cosi bello, una costa che ci invidiavano, siti archeologici unici al mondo..lo hanno ridotto una merda!!! il bello è che ogni successore di sindaco è piu corrotto e piu incapace del predecessore....li abbiamo votati?? e adesso co sto cavolo li mandiamo via!!

 
Alle 31 marzo 2012 22:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

stai zitto nazista(non la dimentichiamo la svastica sulla t-shirt e le poesie nazifasciste), provocatore,ingrato resta in religioso silenzio , ex vice sindaco con coppola ma che parli a fare stai zitto

 
Alle 31 marzo 2012 22:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

vorrei vedere josi e la sua clack in maggioranza voglio proprio vedere cosa faranno per bacoli questi falsi moralisti a contatto stretto con la .........................................................................................................................ura

 
Alle 1 aprile 2012 02:41 , Blogger Freebacoli ha detto...

Visti i lavori dell'assise nessuno poteva neanche immaginare che si potesse arrivare alla discussione del punto numero 7 all'odg. Il precedente abbandono di Schiavo non è quindi addebitabile alla questio dell'interrogazione ma a vicende personali. In ogni caso non è in discussione la mancanza di numero legale ma l'assoluta strafottenza di chi ha volutamente attendere nei bagni per far sciogliere la seduta.

 
Alle 1 aprile 2012 10:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

questi falsi moralisti come tu li chiami...magari saranno ugualmente una delusione...ma questi ''veri'' moralisti di adesso meriterebbero la ghigliottina per quello che stanno procurando la paese!!!

 
Alle 1 aprile 2012 11:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

la morale non esiste più....esiste la corruzione, e dove c'è denaro c'è corruzione...i fondi arrivano ma si perdono per strada...e noi saremo sempre più delusi e i nostri giovani andranno via da questo paese di m...a...la qui le persone immorale a continuare a fare i loro porci comodi...

 
Alle 1 aprile 2012 12:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

con queste notizie false tendenziose e capziose date un immagine cosi distorta della realta che non fa altro alimentare tensione sociale .vergognatevi free bacoli

 
Alle 1 aprile 2012 15:50 , Anonymous Anonimo ha detto...

azz, i meglio...!

 
Alle 1 aprile 2012 15:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma lascialo perdere, gli dai una importanza che non avrà mai

 
Alle 1 aprile 2012 15:57 , Anonymous Anonimo ha detto...

nascosti nel cesso ?!?...mannaggia, che grande occasione persa : un giro di chiave dall'esterno, e poi la si butta via (la chiave)...

 
Alle 1 aprile 2012 17:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mimmo Tiseo
FORSE dovevano meglio contare il malloppo !!

 
Alle 2 aprile 2012 09:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

quali erano gli argomenti di discussione al consiglio comunale sospeso ?
di quali si è parlato e quando si riprenderanno gli altri ?
non è possibile vedere le registrazioni ?
se, come si scrive, ci sono violazioni regolamentari, non ci sono sanzioni regolamentari e amministrative per gli inadempienti ?
LA PROSSIMA OCCASIONE UTILE PER MANDARLI A CASA ?
come si fà tecnicamente per far cadere il governo locale ?

 
Alle 2 aprile 2012 09:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

LA VERITA' VI FA MALE ............... ROSICATE-ROSICATE ............. FORZA ROBERTO !

 
Alle 2 aprile 2012 09:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

Nessuno ha ascoltato in Consiglio le motivazioni personali che hanno portato la Schiavo ad abbandonare il Consiglio comunale nel quale è stata eletta per partecipare. E poi non mi sembvra trascurabile il fatto che Lei era anche firmataria delle interrogazioni che erano in programma. E comunque mi sembra risibile la vostra posizione circa l'inimmaginabile arrivo del punto numero 7 dell'Odg. In Consiglio si sta fino alla fine se no si perde il "diritto" di poter criticare gli altri.

 
Alle 2 aprile 2012 15:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

e bacoli muore !!!!

 
Alle 3 aprile 2012 12:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

Peppe Giardino
GIUSTO!Anonimo Apr2,12:07, facciamoci sentire il fiato sul collo a questi masnadieri. Organizziamo un comitato di salute pubblica supportato da tecnici,avvocati,ecc. gente onesta che non china il capo di fronte a questi disonesti pagati con i nostri soldi.

 
Alle 4 aprile 2012 11:11 , Blogger Freebacoli ha detto...

Il Consigliere Salvatore Grande mi chiede di precisare, ed io volentieri lo faccio, che sia lui che il Consigliere Esposito erano assenti, per motivi personali, fin dall'inizio e quindi non hanno partecipato alla fuga nei bagni.
Alessandro Parisi

 
Alle 4 aprile 2012 22:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

quelle di Roberto sono pure verita' ! il resto è noia ...............

 
Alle 6 aprile 2012 09:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

...e cioè, erano nei cessi ben prima dell'inizio dei lavori ? quale tempestività, che lungimiranza ! d'altra parte, dei due non è che si noti tanto l'assenza...

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page