This page has moved to a new address.

Lancio di Pietre in Stazione, Teppisti Vogliono Viaggiare Gratis: Minacciato Dipendente Sepsa

Freebacoli: Lancio di Pietre in Stazione, Teppisti Vogliono Viaggiare Gratis: Minacciato Dipendente Sepsa

martedì 26 giugno 2012

Lancio di Pietre in Stazione, Teppisti Vogliono Viaggiare Gratis: Minacciato Dipendente Sepsa

Minacce, botte e lancio di pietre al capolinea di Torregaveta: giovanissimi bagnanti si compattano in branco e scatenano il panico dinanzi ai tornelli della stazione Sepsa.

Litigano tra loro, vengono alle mani con commercianti della zona, intimidiscono capotreni e cercano di colpire cose e persone con sassi raccolti dai binari della ferrovia pubblica. Ennesimo episodio di violenza gratuita scatena le proteste dei cittadini e degli operatori commerciali di Torregaveta.

Teppisti allo sbaraglio, provenienti dal centro di Napoli, dopo aver trascorso una giornata sul litorale locale, hanno scatenato una vera e propria baraonda per evitare di pagare il biglietto, usufruendo in tal modo gratuitamente del servizio Cumana.

Bagnanti-Vandali: Il Biglietto è un Optional

Una volontà ben precisa, che oramai nell'area di periferia rappresenta una vera e propria costante visto che sono centinaia i ragazzi che, in particolar modo nel fine settimana, utilizzano qualsiasi mezzo utile per non pagare il biglietto da viaggio.

E quando non è possibile scavalcare le ringhiere o passare in quattro agli sportelli d'ingresso installati da qualche tempo anche al capolinea di Torregaveta, allora si da il via all'esplicita minaccia verso bigliettai e capotreni, per esigere l'apertura gratuita dei tornelli.

Proprio quello che è successo nel tardo pomeriggio di oggi, dinanzi agli occhi increduli di decine di pendolari in attesa di treni e pullman.

La Cronaca della Giornata

Intorno alle 18:30 un gruppo di giovanissimi, tra cui numerosi minorenni, allontanandosi in branco dal molo di frazione, in un primo momento ha litigato con un commerciante del posto e successivamente si è diretto verso gli sportelli d'accesso della stazione, forzandoli senza voler obliterare il biglietto.

Alle precisazioni dei dipendenti Sepsa, i teppisti rispondevano con offese ed ingiurie, minacciando più e più volte il bigliettaio ad aprire quantoprima gli sportelli. Pretesa che ha scatenato momenti di caos da cui sono usciti vincitori i ragazzi del branco che, tra urla e spintoni, si sono fatti largo accedendo all'interno della Cumana.

Il Lancio delle Pietre

Ma l'azione dei teppisti di giornata non si concludeva con il mancato pagamento del biglietto. Saliti in treno ed aperti i finestrini, al momento della partenza hanno lanciato verso i tornelli e l'area in cui prestava servizio il bigliettaio, delle grosse pietre precedentemente raccolte dai binari.

Fortunatamente, al momento del lancio, non era di passaggio alcun cittadino ed i vetri di "pre-filtraggio", poichè particolarmente spessi, hanno attenuito l'impatto senza riportare particolari lesioni.

Lavoratori Sepsa: "Noi, Sempre in Pericolo"

"E' impossibile lavorare in questo modo - commentano un gruppo di lavoratori Sepsa accorsi sul posto per dar man forte ai colleghi - siamo continuamente minacciati ed oramai esigere il pagamento del biglietto è quasi un'impresa. Quotidianamente siamo esposti ad azioni di questo tipo che possono determinare anche disagi ben più gravi sia per altri pendolari, che per i macchinari, che per noi stessi. Ci sentiamo assolutamente privi di sicurezza".

Polemica verbale, a cui seguirà una dettagliata relazione da parte del capostazione utile a mostrare alla dirigenza Sepsa lo stato in cui sono costretti a lavorare i propri operai, soprattuto in estate.

I Commercianti: "Torregaveta è un Inferno"

Non troppo differente è il commento dei commercianti che, convenendo con gli uomini in camicia azzurra, ribadiscono quanto già esposto attraverso una denuncia ben sei anni fa.

"Non ci stancheremo mai di ripeterlo: Torregaveta si è trasformata nel Bronx. Dalle nostre parti non arrivano turisti, ma bande di teppisti che devastano il territorio. Siamo esasperati e chiediamo l'intervento delle autorità di controllo affinché possano presidiare questo che un tempo era un angolo di paradiso. Chi ha ancora il coraggio di dire che quest'orda di teppisti allo sbaraglio abbia qualcosa a che vedere con il tanto decantanto "turismo"?", continuano delusi gli operatori commerciali che hanno assistito alla scena.

"Invitiamo tutti i politici di questo paese a frequentare Torregaveta anche nel fine settimana. La nostra terra viene presa d' assalto e gli episodi di vandalismo e di teppismo sono all'ordine del giorno. Da parte nostra - concludono indignati - non sappiamo più a chi rivolgerci. A tutto ciò si aggiunge il degrado in cui è lasciata questa frazione, per via del lassismo amministrativo. Quello che è successo oggi è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Lavorare in civiltà si è trasformato in una chimera".
Le Colpe della Dirigenza Sepsa

Episodi inaccettabili da superare, oltre che con la presenza degli organi di sicurezza, anche e soprattuto attraverso la predisposizione di un servizio di trasporti adeguato che, con mezzi manutenuti, permetta un flusso regolare di percorrenza sia dei treni che dei pullman, dilazionando così nel tempo la mole di bagnanti-cittadini da trasportare.

Ma azioni concrete dovranno essere intraprese anche dall'amministrazione territoriale che lascio il proprio paese senza argini dinanzi all'assalto visibile durante la "bella stagione".

Solo così sarà possibile far diminuire i momenti di tensione, avendo l'opportunità di poter isolare gruppi di teppisti che, approfattando della folla in attesa, ha molte più possibilità di farla franca.

Triste è invece il destino a cui è stata destinata Torregaveta: da porta d'accesso del comprensorio Bacoli-Monte di Procida, a botola oscura, tra urla e fiamme, dell'Inferno danteso.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: ,

26 Commenti:

Alle 26 giugno 2012 22:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

Annamaria De Masi
Ci vogliono gli sceriffi

 
Alle 26 giugno 2012 22:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

John Titor
Invece di scrivere Far west scrivi criminali a torregaveta!!!!!!!!!!

 
Alle 26 giugno 2012 22:47 , Anonymous Erika Sorrentino ha detto...

Vorrei precisare che non sono SOLO i dipendenti Sepsa a dover affrontare situazioni di disagio indicibile, ma anche e soprattutto i pendolari. Io ero su un treno che, evidentemente, è arrivato DOPO il misfatto, e dunque non ho assistito. La situazione che mi sono ritrovata davanti è quella di un affollamento di persone che attendevano (alcune) l'autobus dalle 16.00 (saranno state circa le 19.30), perché, tra l'altro, l'autobus per il Monte di Procida era in avaria e quello per il Fusaro "doveva ancora arrivare da Agnano" [cit.]. Moltissime persone, tra cui anche persone anziane, hanno preferito farsela a piedi. Un dipendente che lì fuori intratteneva un nugolo di clienti indignati con le sue lamentele, incitava le genti a non fare più il biglietto, se si sentivano così indignate. Queste dichiarazioni fatte ai fini della disobbedienza civile (che io approvo, dall'alto dell'aver pagato 400 euro di abbonamento per un servizio da Quarto Mondo), possono essere armi a doppio taglio, perché stimolano anche la "disobbedienza incivile" di quei "tarzanielli", che giocano sulla situazione di crisi e disagio generale per fare ancor di più i loro porci comodi.

 
Alle 26 giugno 2012 22:50 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vincenzo della Ragione
via da bacoli queste me****

 
Alle 26 giugno 2012 22:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

...alle 18:40, al piano inferiore della stazione di Montesanto (zona biglietteria), c'era una guardia giurata con un cane pastore tedesco enorme...
...cominciare da questo, non potrebbe già significare qualcosa?...

 
Alle 26 giugno 2012 22:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

Franco Capasso
Questo è uno dei motivi per cui conviene sfogarsi attaccando il primo che ti capita a tiro!!!! E indovinate chi è?????

 
Alle 26 giugno 2012 22:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mi chiedo perchè il capostazione o i bigliettai non abbiano chiamato i carabinieri.
Dandola vinta a questi teppisti, che sono riusciti alla fine a viaggiare senza biglietto, questi cosa avranno capito? "Bene, cosi si fa..se facciamo casino e lanciamo le pietre non ci fanno pagare il biglietto. La prossima volta lo rifaremo."

 
Alle 26 giugno 2012 22:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Giulietti
I turisti vanno coccolati

 
Alle 26 giugno 2012 22:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

Daniele Quaranta
si creiamo dei bunker inespugnabili.In un paese civile basta chiamare la polizia.

 
Alle 26 giugno 2012 23:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giovanna Bolognino
Sono d accordo con te caro franco

 
Alle 26 giugno 2012 23:18 , Anonymous Anonimo ha detto...

Biagio Alvarez Fiumicelli
Ecco volete l estate e questo vi meritate.....

 
Alle 26 giugno 2012 23:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

John Titor
Il problema è che poi tutti guardano senza difendere il proprio paese e le persone che lavorano x noi...Scandaloso!!!!!

 
Alle 26 giugno 2012 23:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

John Titor
Il problema è che poi tutti guardano senza difendere il proprio paese e le persone che lavorano x noi...Scandaloso!!!!!

 
Alle 26 giugno 2012 23:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

John Titor
é grave la cosa...

 
Alle 26 giugno 2012 23:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Erminia Casillo
qui ci vorrebbero più controlli, ci vorrebbero le guardie giurate o addirittura la polizia!!

 
Alle 26 giugno 2012 23:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Antonio Coppola
anche se il servizio è pessimo, il Biglietto VA FATTO, non smetterò mai di ripeterlo, il biglietto obliterato ci da il diritto di protestare, e lamentarci, loro saranno anche dei fannulloni, e i loro dirigenti inetti e incapaci, ma questo possiamo dirlo solo con in tasca abbonamenti e biglietti convalidati , senza, a mio avviso, non abbiamo il diritto di lamentarci, (riferito a chi viaggia senza, non a chi no viaggia)

 
Alle 26 giugno 2012 23:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

il turismo della camorra............napoli è un paradiso(ERA)abitato da diavoli........abbiamo perso IL DIRITTO AL MARE(Inquinato),abbiamo perso il diritto DI PASSEGGGIARE SU UNA SPIAGGIA(tutto privato),abbiamo perso il DIRITTO AL SONNO(musica,botti,gentaglia),abbiamo perso il diritto SPOSTARCI TRANQUILLAMENTE,ABBIAMO PERSO IL DIRITTO DI STARE TRANQUILLI A CASA NOSTRA,visto che questa immondizia di gente viene a derubare,a sporcare,a delinquere........

 
Alle 27 giugno 2012 08:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ragazzi basta semplicemente chiamare la polizia o i carabinieri.. a parte il fatto del biglietto che oramai, veramente non si sa più cosa dire.. ma questa gentaglia di m**** che viene da napoli a rompere qua, può essere raddrizzata soltanto mettendo un'auto dei carabinieri o della polizia comunale (meglio i primi) vicino la stazione, in modo tale da aiutare sia i lavoratori della SEPSA a far obliterare i biglietti sia ad evitare questi atteggiamenti ridicoli, di persone che in fondo valgono meno di zero e che soltanto vedendo mezza sirena, si comporterebbero come dei bravi bambini all'asilo, zitti e muti in mezzo ai banchetti!

 
Alle 27 giugno 2012 11:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

hai presente i quartieri dove vivono questi turisti??????sai quanto se ne fregano dei cc,hanno tutte le famiglie già in carcere.....bleah.....geantaccia

 
Alle 27 giugno 2012 16:59 , Anonymous Ciro Ceneri ha detto...

...personalmente credo che ci troviamo di fronte ad un problema sociale molto serio ...lunedì scorso (25/6) mi sono ritrovato con la mia auto nei pressi dello stazionamento autobus del fusaro e la mia auto come tante è stata bersagliata con il pallone ...da una parte c'era un ragazzo che alzava la palla dall'altro chi la schiacciava ...facendo una gara ...con il caldo e con la rabbia di tutte le illegalità che devo e dobbiamo subire ...ho reagito solo contro tutti ...avrebbero potuto massacrarmi ...ma mi hanno chiesto scusa ...lavoro a Napoli e tutti i giorni vedo bambini che purtroppo sopravvivono ....ci sono famiglie che vivono di stenti e molti di questi sono i loro figli ....sono ragazzi scoppiati ...non condivido le loro azioni ....anzi ....ma non credo che una pattuglia di viglili carabinieri o plizia possa fare molto ...qui occorrono delle LEGGI SPECIALI ...sono contrario al Ticket adottato dall' ex Sindaco Coppola, ma sicuramente è necessario un VERO PIANO TRAFFICO CHE REGOLI L'AFFLUSSO DI PERSONE E MEZZI VS. BACOLI E MONTE DI PROCIDA, perchè oramai siamo stretti in una morsa di folla ed auto...dobbiamo adottare le stesse limitazioni delle vicine isole ....occorre limitare numericamente detto afflusso ...SOPRATTUTTO OCCORRE CHE LA POLITICA ANTEPONGA GLI INTERESSI DEI CITTADINI A QUELLI DEI LIDI E DELLE ATTIVITA' DI RISTORAZIONE ...."UN SOGNO" ......quanto a quei ragazzi se lo Stato non prende provvedimenti per il loro recupero ....AVREMO UN NUMERO CRESCENTE DI AFFILIATI ALLA CAMORRA.

 
Alle 27 giugno 2012 21:59 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ma scusate,perchè non sono state avvertite le forze dell'ordine?visto che il tempo a disposizione c'è stato.Questa sorta di impunità certamente non depone bene,per cui possiamo aspettarci qualche altra replica.Ci vogliono punizioni esemplari,bisognava bloccare il treno e portarli tutti in galera anche se per una sola notte,a molti avrebbe fatto bene.
Cari teppistelli aprite le orecchie ascoltate,qui non vi volgiamo,qui vogliamo la gente educata.

 
Alle 28 giugno 2012 10:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

a me non fanno pena come fanno a te,NESSUNO HA DETTO AI GENITORI CHE A 14 ANNI SENZA LAVORO E SENZA FUTURO SI FACCIANO FIGLI COSì COME GLI ANIMALI.....A 23 HANNO GIà 40 FIGLI,E DA CHI LO VOGLIONO......UNA SOCIETà CHE NON PROGREDISCE è XKè NON VUOLE.I FIGLI SI FANNO ON LA COSCIENZA DI FARLI E DI SAPERLI MANTENERE ED EDUCARE...MA A NAPOLI C'è LA CULTURA PEZZENTE DELLA CAMORRA,FARE FIGLI SECONDO ALCUNI è UNA RICCHEZZA...X ME FARE FIGLI IN QUELLO STATO è POVERTà.E CHE SE LA PIANGESSERO LORO LA LORO MISERIA.

 
Alle 28 giugno 2012 12:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ma xkè qst vandali non si stanno a casa loro e fanno i bagni nelle vasche

 
Alle 28 giugno 2012 14:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

Questi sono i classici Bimbiminkia.Che si fanno forti dinnanzi a chi cala la testa per paura.
Purtroppo la maggior parte di loro sono minorenni e non puoi nemmeno mettergli le mani addosso.
Ci vorrebbero gli schiaffoni ;prima ai genitori e poi ai loro figli!
Valeria che schifa a morte questa categoria di ragazzini.

 
Alle 29 giugno 2012 23:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

se fossero dei fannulloni i treni rimarrebbero fermi!!! Invece, guarda un pò questi treni camminano sempre, anche quando non dovrebbero, per tante ragioni, vuoi perchè rotti, vuoi perche non idonei alla marcia, vuoi perche i tarzanielli cafoni incivili li fanno fermare o li finiscono di rompere. Come fate ad affermare cose cosi false? ma li avete degli occhi per osservare ed un cervello per ragionare? o parlate per sentito dire e dite cose tanto per dirle? dare dei fannulloni a chi tra mille problemi ogni santo giorno dalle 4 alle 23 fa andare questi treni avanti e indietro ininterrottamente, anche quando sono in ritardo e fanno disservizio e veramente fuori luogo.
Se poi, un lavoratore nella sua sosta che gli spetta di diritto non può nemmeno prendersi un caffè o mangiarsi un panino o leggersi un giornale allora andate a quel paese e prendetevi il taxi o fatevela a piedi. ( per il tipo di lavoro solo nelle soste si possono fare certe cose non certo mentre si guida un treno)

 
Alle 19 luglio 2012 14:58 , Anonymous Stefano ha detto...

scrivi veramente male

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page