This page has moved to a new address.

Ex Liceo di Miseno, Continua il Tugurio per i Dipendenti: Distrutta la “Casa del Custode” - FOTO

Freebacoli: Ex Liceo di Miseno, Continua il Tugurio per i Dipendenti: Distrutta la “Casa del Custode” - FOTO

mercoledì 3 agosto 2011

Ex Liceo di Miseno, Continua il Tugurio per i Dipendenti: Distrutta la “Casa del Custode” - FOTO

Foto4225 Sono passati ben dieci anni, si era nel 2001, da quando centinaia di ragazzi, per lo più locali, frequentarono per l’ultimo anno l’ex liceo scientifico sito a via Miseno.

Beh, altri tempi.

Si perché quella sede aveva ben poco che potesse avvicinarsi ad una scuola in quanto le aule non erano a norma: tra queste alcune le venivano chiamate le aule- pullman data la volumetria stretta e lunga oppure “tuguri – catacombe”, considerata la poca luce che le illuminava.

La palestra, sempre ricca di tornei, era quella presente ancora oggi: un campo all’aperto di ‘pallavolo’ compreso tra due palme, nel campo s’intende, e la presenza costante, a mo di ultras, di una folta schiera costituita da professori e da bidelli ( Liberato, Giustino..), nonché dal custode Peppino. Bei ricordi.

Dopo il trasferimento del Liceo scientifico ex Majorana da Miseno alla nuovissima sede posta a Torregaveta, dotata di ogni confort, parcheggio, palestra, auditorium, sala computer, ascensore, l’ex sede dopo qualche anno di abbandono fu occupata dal Comune di Bacoli ed all’interno vi fu collocato l’ufficio tecnico, demanio e l’archivio.

Foto4230 Ad oggi tra le due strutture è sempre presente l’ex casa del custode dove stette li con la propria famiglia per anni.

Attualmente, a distanza di dieci anni la situazione dell’ex casa del custode è peggiorata, abbandonata al degrado ed all’incuria col tetto sfondato e con persiane divelte.

Roba da ricchi potersi permettere un’immobile di 50 mq (e forse più) abbandonato a se stesso. Una cosa tanto indecente quanto indecorosa per il Comune di Bacoli per varie motivazioni: con un bilancio dell’ente più che deficitario, che si regge solo per la vendita di beni immobili per pagare spese correnti e rate di mutuo, anziché ristrutturare il sito e farlo usufruire come centro sociale di ritrovo per ragazzi, diversamente abili, centro anziani, lo si lascia nell’incuria più totale.

Ora l’immobile, pur se costruito con materiali ‘poveri’, è presente tra due uffici sotto gli occhi di tutti, dipendenti e caposettore costretti a lavorare in condizioni di fatiscenza conclamata, ed anche a tutti gli amministratori, senza che nessuno di loro si ponesse il problema.

Foto4213Ad oggi l’incapacità delle amministrazioni è lampante e sotto gli occhi di tutti. Si pensa solo a stipulare contratti di locazioni per adibire detti locali a centri anziani invece di investire sui propri immobili e per giunta capita anche che alcuni locali ( vedi centro anziani Baia ) di proprietà di qualche dipendente dello stesso ente, siano presi in affitto dal Comune di Bacoli (per centinaia di euro al mese).

La struttura è esistente, il controllo è assicurato ma a mancare, come spesso accade, è la volontà governativa e la solerzia politica di chi, anziché valorizzare il proprio, svende a se stesso beni della collettività.

PS: Si prega ai cari lettori di non pensar male e di non usare il detto del caro primo cittadino Iannuzzi, per giunta suggerito dal suo ambito maestro Giulio Andreotti, e cioè “a volte a pensar male si indovina”.

Dario Perreca
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it


Clicca Qui Per Visualizzare altre Immagini della Struttura

Etichette: , , , ,

11 Commenti:

Alle 3 agosto 2011 16:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

non sono d'accordo: riattare e rendere agibile a tutti la casa del custode costerebbe una cifra non giustificata. molto meglio destinare questi soldi -se ci fossero- a migliorare strutture già esistenti

 
Alle 3 agosto 2011 16:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Peppino o custode!!
Facci occupare, peppino facci occupare!!

 
Alle 3 agosto 2011 16:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ciao Anonimno primo ma come puoi dire una cosa del genere? cioè abbiamo un ufficio pseudo comunale e lo dobbiamo lasciare in questo stato di degradp? contento tu....ma secondo voi per apparare la situazione la situazione là dentro quanto ci vorrebbe??
secondo me se si prevede un utilizzo delle associazioni tutte, potrebbero contribuire anche loro con una piccola quota!

 
Alle 3 agosto 2011 16:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

caro anonimo, la casetta è costruita in legno, è inservibile. ci sarebbe da buttare tutto giù e ricostruire da zero. e metterla a norma, con scivoli per diversamente abili ecc. il tutto per farne poi cosa? una sede di che? scommetto che se si facesse una cosa del genere, subito comparirebbero pagine e pagine di freebacoli contro "lo spreco di denaro pubblico", "i soliti inciuci, i soliti noti ecc"

 
Alle 3 agosto 2011 16:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

la casa è vergognosamente in abbandono.
metteteci giovani e associazioni! così come dovevate fare al cafè letterarioooooooooooo

 
Alle 3 agosto 2011 16:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Giulietti
È la giusta rappresentazione dell'uff tecnico

 
Alle 3 agosto 2011 17:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

Michele Amirante
Ho avuto il piacere di frequentare il liceo a Miseno per due anni e mezzo... E nel leggere l'articolo sono riaffiorati nostalgici ricordi di quei tempi e di come si stesse meglio quando si stava peggio ...

 
Alle 3 agosto 2011 17:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

Si stava meglio perchè, restando confinati in battaglie studentesche (per lo più locali) non si aveva piena consapevolezza e coscienza di quello che avveniva in quello stesso comune dove, ora e allora, si sopravvive a stento

 
Alle 3 agosto 2011 17:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

Michele Amirante
Sicuramente ma non solo questo... il luogo angusto e la mancanza dei più elementari servizi avevano creato una "comunità" tra studenti, docenti e personale... e nonostante tutto, sorsero esperienze indimenticabili come la biblioteca del prof. Balzano, la settimana creativa, le okkupazioni (Fabrizio Sioux Grko)... un qualcosa che non si dimentica :-D

 
Alle 3 agosto 2011 17:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Valentina De Cicco
Il mio liceoooo!!!!!!!!! Sigh!

 
Alle 4 agosto 2011 15:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Paco Angeloni
bhaaaaaaaaaaaaaaaa

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page