This page has moved to a new address.

Problemi in Città, Ma La Casta Va in Ferie: I Politicanti Evitano Consiglio e Commissioni

Freebacoli: Problemi in Città, Ma La Casta Va in Ferie: I Politicanti Evitano Consiglio e Commissioni

martedì 9 agosto 2011

Problemi in Città, Ma La Casta Va in Ferie: I Politicanti Evitano Consiglio e Commissioni

image E’ il 21 luglio, ed in Consiglio Comunale si discute, celermente, del Centro Ittico Campano. Il sindaco e la sua maggioranza, dopo ben sette mesi di silenzio, si ostinano a non voler chiarire le posizioni di una quindicina di morosi. Nel corso dei mesi antecedenti alle elezioni, si era registrato un anomalo ammanco di cassa superiore a 150mila euro. Denaro liquido che, nelle tasche dell’intera popolazione locale, non è ancora ritornato.

La tensione aumenta di minuto in minuto ma dai banchi del potere ad ergersi, a mo' di barriera difensiva, è un muro di silenzio.

Tra i punti all’ordine del giorno, in fondo, si presenta anche un’interrogazione del Pd incentrata sui canoni del Cic e sulla consistenza dei crediti verso concessionari dei terreni di proprietà, per il 99,97%, del Comune di Bacoli.

“Facciamo un’inversione dell’ordine del giorno e discutiamo in prima istanza della questione”, propongono minoranza ed opposizione.

Ed a questo punto, posti sul baratro della figuraccia, il Popolo della Libertà cerca di conciliare trovando scuse per giustificare l’assoluta inattività pregressa. La tattica, consueta, è quella di prendere tempo: “Non ci sembra il caso di discutere adesso di questo tema. Non siamo per niente d’accordo. D’altronde proprio con il sindaco avevamo pensato di far partecipare all’assise, in qualità di rappresentante della società, anche il presidente del Centro Ittico Daniele Perna. Non invitarlo sarebbe scorretto”.

Il problema era la mancanza del presidente. Lo stesso che solo qualche giorno fa, con l’interno CdA, ha rassegnato le dimissioni.

Una melina arguta, costruita come dolce alibi, che boccia la proposta consiliare senza però frenare la voglia, alla presenza del poco pubblico del pomeriggio, di mostrare alla città i buoni propositi della casta di governo.

“Va bene attendiamo Perna ma – continua il Pd – il Consiglio va riconvocato a breve. Tra poco saremo ad agosto e, di questo passo, la problematica del Centro ittico si discuterà solamente a settembre inoltrato. Proponiamo di svolgere una nuova assise entro il 28 luglio, per non perder altro tempo”.

Lanciata la saetta “rovina ferie”, a rispondere è il primo cittadino: “Io ad agosto non vado in ferie. Mettetevi d’accordo. Il 28 luglio è una data accettabile”. Il teatro prosegue.

“Benissimo allora già nei prossimi giorni, preso atto che ci troviamo al 21 luglio, mi prodigherò per convocare una conferenza dei capigruppo per organizzare l’assise”, ribatte il presidente del Consiglio, lanciando un messaggio di disponibilità e voglia di lavorare, al sole, per il paese.

In assise si discute anche della problematica “polistirolo in mare”. La proposta di una parte dell’opposizione è quella di eliminarne la diffusione tra i mitilicultori ma, anche in questo caso, la risposta del potentato è chiara: “Stiamo lavorando alacremente per voi. Rimandiamo questa questione in commissione Demanio. Anzi, colgo l’occasione per invitare tutti a parteciparvi, ci saranno anche i rappresentanti di categoria. La data dei lavori è il 28 mattina”.

Il monologo non cambia: la proposta va avanti ed il Popolo della Libertà, rinviando tutto al 28 luglio, boccia senza remore.

E’ ancora il 21 luglio e dal Pdl, giunti alle ore 23:40, s’alza la bandiera bianca: “Siamo stanchi, vogliamo andare a casa. Tanto ci riaggiorneremo a breve quindi non c’è alcun problema”. In passato, per approvare ordini del giorno preconfezionati, la stessa maggioranza era giunta sino alle 2 di notte. Ora però è stanca e propone la sospensione che, ai voti, passa con il solo sostegno di chi siede alla destra del sindaco.

imageCala la notte e con essa s’alza l’attesa. Ad attendersi è la convocazione della conferenza dei capigruppo a cui, oltre al presidente dell’assise, partecipano i rappresentanti del Pdl, del Faro delle Libertà e del Partito Democratico. Le restanti forze, dopo esser state invitate nei primi mesi di amministrazione, sono state via via allontanate, per la serie: “chiu poc simm e chiu bell parimm” (meno ne siamo e meglio è).

Passa il 22, poi il 23, ancora il 24 e si giunge al 25. Ma della conferenza, tanto attesa, neanche l’ombra.

“Presidente ma la conferenza dei capigruppo? Come è andata?”, “Domani la convoco, aspetta un attimo, passa domani”.

Arriva il 26, vive e muore il 27, e passa anche il 28. La conferenza dei capigruppo si tiene soltanto nella tarda mattinata del 29 luglio. Un giorno dopo la data prefissata per l’assise consiliare. Forse, considerati i poteri taumaturgici di chi è votato dal popolo per servirlo, l’obiettivo è quello di tornare indietro nel tempo, sorprendendo tutto e tutti.

 “Purtroppo il Consiglio Comunale non si potrà tenere il giorno 28 – asserisce il buon presidente di pochi – non ci siamo riusciti. In più, troppi vanno in vacanza e non si è trovata la giusta coesione. Il prossimo Consiglio, per volontà mia e dei capigruppo, si terrà verso la metà di settembre”. Un mese e mezzo dopo la data decisa in assise.

Tutti al mare, anzi no. L’ultimo velo (più che pietoso) da stendere sul teatro politico cittadino è rappresentato dal vero baluardo di partecipazione e condivisione del bene pubblico: la mitica commissione Demanio.

La convocazione era fissata per le 11:00 del 28 luglio, ma alle 12:30 i lavori non hanno ancora preso inizio. Motivo? manca il numero legale. I cittadini ci sono, i mitilicultori anche, i dipendenti comunali non mancano ed una rappresentanza della Flegrea Lavoro è lì seduta da tempo. A non essere presenti, però, sono propri i consiglieri comunali. Quelli stessi che, con urla ed orazioni fantozziane, sostenevano con forza di rinviare la discussione “polistirolo” in commissione.

Su 5 consiglieri, ben 3 sono assenti. A mancare sono un consigliere del Pdl, uno del Pd, ed uno dell’Udc. Nominarli sarebbe troppo.

“E la commissione quando sarà riconvocata?”, “Oramai siamo ad agosto, peccato. Penso proprio che ci riaggiorneremo a settembre”, conclude mestamente il consigliere presente, presidente della commissione.

Il sole picchia forte e l’ombrellone è già sulle spalle, mentre il biglietto per le vacanze s’agita in saccoccia.

La città è in profonda difficoltà, ma i politicanti vanno ad abbronzarsi in tranquillità. Proprio come i colleghi della casta romana.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , , , ,

3 Commenti:

Alle 9 agosto 2011 18:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Rosaria Abbundo
Bacoli non è come Londra.....[un po' di sarcasmo verso i nostri amministratori...;)]

 
Alle 10 agosto 2011 09:34 , Anonymous Carlo Vigorito ha detto...

La NON Risposta sembra essere proprio una pratica diffusa. Eccone un esempio:

http://www.comune.bacoli.na.it/pdf/0201gc11.pdf

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE
N. 201 del 01.07.2011 ( primo luglio )

OGGETTO: Concorso per l’assunzione di nr. 10 Agenti di Polizia Municipale da assumere con contratto a tempo pieno e determinato per mesi quattro per le esigenze del periodo estivo – REVOCA procedura concorsuale.

Perchè ?

DATO ATTO
che la Nota del 09/02/2011 ( 9 febbraio ) e la Nota del 23/03/2011 ( 23 marzo ) Inoltrate dal Vice Segretario Generale Dr. Vincenzo Pedaci al
Ministero della Funzione Pubblica, tese a ricevere un conforto sulla legittimità della procedura di assunzione, SONO RIMASTE INEVASE e che, pertanto, NON è pervenuta all'Ente quella necessaria interpretazione istituzionale che chiarisse definitivamente gli aspetti problematici connessi alle facoltà assunzionali del Comune di Bacoli.

Brunetta, anche il Ministro, dunque, Non ha risposto all' amministrazione istante da Febbraio/Marzo scorso. ( i giornali locali chiaramente erano male informati nell' annunciarne la "Bocciatura" )

Ora tocca a:
Fornire altresì indirizzo al Comandante del Corpo della Polizia Municipale ed al Responsabile del Settore IV Economico
Finanziario di porre in essere gli atti di rispettiva competenza consequenziali al provvedimento di revoca della procedura concorsuale.

Nessun Bocciato; Tutti rimandati a Settembre.

Nel frattempo la riparazione. Quali gli atti di competenza: il Rimborso della Tassa del Concorso?

E anche:
Al via la cooperazione con la Protezione Civile Falco
La Città di Bacoli stipula un programma di collaborazione con l’associazione di volontariato di Protezione Civile Falco.
Con la delibera numero 221, firmata il 14 Luglio scorso, la Giunta comunale presieduta dal Sindaco Ermanno Schiano approva il piano per l’estate. <>.
E nonostante il coinvolgimento delle forze dell’ordine non si riesce a fronteggiare in maniera adeguata questa ricorrente problematica. L’Amministrazione comunale - sulla scorta della ventennale collaborazione della Protezione Civile Falco con l’Ente pubblico locale mostrando forte impegno, competenza e solidarietà - avvia così una cooperazione <>.

I vigili urbani di Bacoli stanno andando in pensione ( dopo il Maresciallo Della Ragione G. oggi arriva al traguardo la sig.ra Maresca L. e poi.. ); quest' estate niente potenziamento; ma almeno c'è la protezione civile Falco per la vibilità e la mobilità.

Carlo Vigorito

 
Alle 14 agosto 2011 03:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Altro che Carlo Vigorito, tu, Ciro N., ci hai rotto proprio u c****! Ma si propri nu psicopatico. Ma va a fatic°. Nun te la rit u mierc ca ia fa per forz u vigil. Tu, po', vuo' fa u vigil per nu fa nient...
Tu, in pratica, non ti vuoi guadagnare lo stipendio, ma la pensione, na rendita insomma, senza fa nu c****, o meglio na cosa a saje fa: u parassit e u riccuttar....com a tant dipendent pubblic ca penzan ca piglian u post hann vinbciut a sisal. Ma vai a lavorare, sul serio, però, e non ti mettere dalla mattina alla sera dietro al pc, su internet a vedè delibere e determine ca a te ti sta piglian a cap....., se nun già si partut....

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page