This page has moved to a new address.

Il Ticket di Coppola Colpisce Ancora, Bacoli Risarcisce 5000 Euro: La Tassa Estiva è un “Morto Che Parla”

Freebacoli: Il Ticket di Coppola Colpisce Ancora, Bacoli Risarcisce 5000 Euro: La Tassa Estiva è un “Morto Che Parla”

mercoledì 2 novembre 2011

Il Ticket di Coppola Colpisce Ancora, Bacoli Risarcisce 5000 Euro: La Tassa Estiva è un “Morto Che Parla”

imageIl Comune di Bacoli risarcisce ancora.

Non è il simpatico titolo dell’ultimo film di Fantozzi, ma purtroppo una realtà che persiste nel nostro territorio. In una situazione dove il governo centrale ha fatto i tagli, il denaro scarseggia ed il Comune è costretto a vendere il suo patrimonio immobiliare per pagare le rate dei mutui di cui si è fatto carico, persistono ancora episodi di spreco di denaro e di cattiva gestione di fondi pubblici.

Infatti, sfogliando tra le pubblicazioni rese note sul sito ufficiale del Comune, risalta subito agli occhi una deliberazione di Giunta Comunale avente come oggetto il seguente “Accordo transattivo per revoca aggiudicazione appalto fornitura e manutenzione apparecchiature per il monitoraggio ed il controllo dell’area interessata dalle misure della ZTL”.

Parliamoci chiaro, una frase non immediatamente comprensibile ai più. Ma proprio per questo motivo è interessante raccontarne i contenuti.

Il Ticket Sorvegliato dalla Videosorveglianza

Si apprende infatti da tale deliberazione che nel mese di maggio del 2009 la Giunta Comunale aveva fornito indicazioni agli uffici comunali per l’istituzione e la gestione di una ZTL (Zona a Traffico Limitato) per le località di Miseno e Miliscola, e che a tal proposito era stato bandito un concorso per la fornitura a noleggio e manutenzione di due videocamere per il monitoraggio ed il controllo delle aree interessate alle misure della suddetta ZTL.

L’aggiudicazione di tale bando, in favore del prezzo più basso, fu ottenuta dalla “P&P Automazione e sicurezza F.lli Pesce” con un offerta di € 51.500,00 oltre I.V.A. per l’istallazione dell’apparecchiatura di sorveglianza.

Il Clamoroso Dietrofront e il Ricorso di Parte

Tuttavia nel mese di ottobre successivo, quindi a soli sei mesi di distanza dal bando, la fornitura delle videocamere di sorveglianza fu sospesa “in considerazione del fatto che l’Amministrazione poteva ritenere di avviare successivamente il sistema di controllo agli accessi della ZTL” e anche perché “l’Amministrazione Comunale allo stato attuale intende realizzare, oltre all’impianto di controllo degli accessi alla ZTL, anche un impianto di videosorveglianza territoriale ed a tal proposito aveva provveduto prima ad inoltrare e poi (inspiegabilmente ndr) a revocare, la richiesta di preventivo alla stessa “F.lli Pesce” per la realizzazione degli impianti”.

Morale della favola?

imageLo studio legale della società “F.lli Pesce” ha diffidato il Comune di Bacoli in quanto “risultano violate le regole di correttezza e buona fede nell’indizione ed espletamento della gara d’appalto”, il quale ha espresso la sua disponibilità a risarcire la società per una misura pari al 10% del valore economico dell’offerta di € 51.500,00.

La Cittadinanza Paga Ancora per l’Incapacità della Sua Amministrazione

Il Comune è costretto quindi a pagare un risarcimento alla ditta appaltatrice pari a 5 mila euro, per aver violato gli accordi contrattuali dell’affidamento dei lavori, poi annullati.

I cittadini di riflesso si accollano ancora una volta l’ennesima gestione “disattenta”, usando un eufemismo, dell’Amministrazione.

La cifra non è esagerata, questo è vero. Ma è vero anche che, magari con la dovuta attenzione, 5 mila euro sarebbero potuti essere investiti per fornire un vero servizio ai cittadini, o per la manutenzione delle strade, o per un’analisi accurata delle acque lacustri, o per l’illuminazione, assente in alcune frazioni della città.

Ed invece, per l’ennesima volta, è la popolazione a dover coprire l’ennesimo fallimento di chi Bacoli la governa da più di un decennio.

Antonio Giordano
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

6 Commenti:

Alle 2 novembre 2011 15:40 , Blogger Simo ha detto...

E' una vergogna e un dispiacere immenso, sia per chi, come me, ha conosciuto da poco questi magnifici luoghi e li ama, sia per chi ci è nato e non si darà mai pace.

 
Alle 2 novembre 2011 16:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il TROMBONE non si smentisce mai....

 
Alle 2 novembre 2011 18:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

semp p colp i chillu ***** i coppola

 
Alle 2 novembre 2011 18:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gino Quartese
SEMPRE X COLPA DI QUEL ***** DI COPPOLA

 
Alle 2 novembre 2011 18:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

Come al solito notizie stravolte con molteplici finalità!!!! Notizie giuste,ma divulgate in modo da creare confusione.
La delibera del maggio 2009 era un indirizzo di verifica,per valutare la fattibilità,poi la giunta Coppola è finita a giugno 2009 (DOPO UN MESE DALLA DELIBERA), giunge il Commissario ed il bando viene pubblicato durante il commissariamento. Tutto il resto è aria fritta!!!

 
Alle 2 novembre 2011 23:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

avete voglia ad arzigogolare, il lugubre saltimbanco a cui incautamente abbiamo (avete!) messo la pazziella in mano, ancora per anni si farà ricordare dolorosamente...e pensare che qualche sprovveduto si ostina a dire "...si, però, quando c'era lui..." !!!
ma la cosa più bella (e bacoloide!) è che oggi amministrano proprio i suoi cumparielli pulcini !

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page