This page has moved to a new address.

Stravince l'Astensionismo a Pozzuoli, In Ventimila Fuggono dalle Urne: Al Voto Soltanto il 65%

Freebacoli: Stravince l'Astensionismo a Pozzuoli, In Ventimila Fuggono dalle Urne: Al Voto Soltanto il 65%

domenica 6 maggio 2012

Stravince l'Astensionismo a Pozzuoli, In Ventimila Fuggono dalle Urne: Al Voto Soltanto il 65%

ORE 15:00 - A Pozzuoli vince per adesso il partito dell'astensionismo, soltanto il 65% si è recata alle urne: il dato è il più basso della Provincia e tra i più bassi d'Italia. 

Su 65mila cittadini aventi diritto al voto, solo 43mila sono accorsi alle urne mentre oltre 20mila hanno deciso di restare a casa.

 Un tracollo assoluto rispetto al dato dell'anno scorso ed anche nei confronti di quanto evincibile in Italia.

L'anno scorso a Pozzuoli si era raggiunto oltre il 71%.

In Italia la percentuale supera il 67%, ed in Campania si è sopra il 73%.

In Provincia invece si supera il 72%, con numerosi comuni che superano l'80% ed altri che sfiorano il 90%.

ORE 22:00 - Flop elettorale in terra puteolana nella serata di ieri dopo gli ultimi dati rilasciati dal Ministero dell'Interno: l'affluenza alle urne supera a malapena il 43%, registrando il dato peggiore di tutta la Provincia di Napoli. 


Gli elettori di Pozzuoli hanno, forse più di tutti in Italia e come non ma nel resto della storia flegrea, preferito restare a casa registrando una percentuale in assoluta controtendenza rispetto a quanto evincibile in altri comuni e su altri livelli.

In Italia, alle 22, la percentuale di elettori giunti alle urne è al 49% contro al 54% dello scorso anno. In Campania si è oltre il 52% rispetto all'ultimo 54%. In Provincia di Napoli si procede vicino al 51%, rispetto al 54% della passata annata. 

Da segnalare che sul dato napoletano pesa come un macigno la zavorra puteolana che con il suo 43%, rispetto al 46% dello scorso anno, è appunto il peggior Comune di tutti quelli partenopei chiamati alle urne. 

Imbarazzante il confronto con altre realtà alle 22:00, ovverosia alla chiusura delle urne per la giornata di domenica: Acerra è al 53%, Cardito al 58%, Iscia al 54%, Lettere e Pimonte vicino al 65%, Visciano al 67%.


ORE 19:00 - A Pozzuoli restano quasi tutti a casa, peggiora ancora il dato delle affluenze al voto: solo il 31,85% si è recato alle urne alle 19, palesando un dato controtendenza a quello provinciale (in aumento rispetto all'anno scorso) ed inferiore di 5% rispetto ai dati dell'ultima tornata elettorale puteolana.

E' tra le cifre più impetuose dell'intera Provincia di Napoli, della Campania e d'Italia quelle relative all'affluenza alle urne dei puteolani che, dopo il fallimento dell'ultima amministrazione Magliulo votata soltanto lo scorso anno e caduta qualche mese fa, hanno pensato di disertare le cabine elettorali.

Un trend in discesa che si distanzia di molto anche rispetto al 36,21%, e che quindi fa comprendere come siano oramai in migliaia i potenziali elettori che hanno voluto dare un segnale forte alla politica locale, sottraendole anche più rappresentanza democratica.

Tanto per tenere in considerazione altre percentuali è d'obbligo ricordare che in Italia la percentuale di elettori sfiora alle 19 il 38% (in lieve calo rispetto allo scorso anno); in Campania il 37 (in lieve aumento riseptto al passato); mentre in Provincia si avvicina al 36% (anche qui in lieve aumento rispetto al 2011).

Il 31% di Pozzuoli fa ancor di più rabbrividire se si considerano le percentuali di altri Comuni partenopei al voto: Cardito, Casamicciola, Ischia, Pimonte, Lettere superano tutte il 40%; Frattaminore Lacco Ameno e Tufino sono sopra la soglia del 45%; mentre Visciano sfiora addirittura il 50%.

Di tutti i Comuni napoletani al voto, Pozzuoli è il penultimo per numero di elettori giunti alle urne. Superato anche da Acerra (34%) e Barano d'Ischia (34%), riesce a superare soltanto Trecase che ristagna al 28%.


ORE 12:00 - Elezioni in Italia segnate, salvo rarissime eccezioni, da un diffuso ed evidente astensionismo: a Pozzuoli l'affluenza alle urne alle ore 12 si è fermata al 12,17% rispetto al 13,67% della scorsa tornata eletorale svoltasi l'anno scorso.

Un dato ampiamente annunciato, quello afferente all'astensionismo, che pone il comune puteolano al di sotto della media nazionale, di quella regionale e anche di quella provinciale.

Difatti, secondo i dati diffusi dal Ministero dell'Interno e che non tengono conto delle percentuali di Sicilia e Friuli Venezia Giulia, la percentuale nazionale è giunta al 13,06%. Numeri comunque molto bassi rispetto al 15,48% dell'anno scorso.

In Campania l'affluenza si è fermata, a quattro ore dall'apertura delle urne, al 12,90%. Dati comunque in ribasso rispetto al 14,97% di dodici mesi fa.

I Dati in Provincia: Flop Pozzuoli

In Provincia di Napoli invece la percentuale è pari al 12,79 a fronte del 14,94 della scorsa tornata.

Ma l'allontanamento alle urne registrato a Pozzuoli è anche tra i più vistosi presenti in Provincia.

Dei 21 Comuni chiamati alle urne, solo 4 hanno cifre inferiori a quelle della città flegrea. Tra questi vi è però Barano d'Ischia che con il suo 9,88 aumenta, in controtendenza rispetto al dato tricolore, la stima passata del 9,37.

Restando sempre in Provincia di Napoli, è a dir poco sconcertante constatare l'allontanamento dai seggi dei cittadini di Acerra che, rispetto al 23,37% dell'ultima tornata paesana, ora alle ore 12:00 si fermano al 11,19%.

Sono invece Tufino e Visciano a rapprsentare un'eccellenza in Provincia visto che ambedue superano a mezzogiorno il 15% di affluenza.

Per saperne di più: CLICCA QUI


Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette:

11 Commenti:

Alle 6 maggio 2012 15:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

Marco Locascio
‎..magari chi ha fatto tardi Sabato sera non è che va a votare entro le 12 di Domenica no?..

 
Alle 6 maggio 2012 15:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

Procolo Conte
ANCORA C'E' GENTE CHE VA A VOTARE

 
Alle 6 maggio 2012 15:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

Carlo Sorrentino ma dove andate, allora non avete capito niente???

 
Alle 6 maggio 2012 15:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

Procolo Conte
POI DOMANI RICOMINCIANO A LAMENTARSI.......E BASTAAAAAAAAAAAAAAAA

 
Alle 6 maggio 2012 17:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gianni Urso
Facebookè il risultato delle incapacità amministrative degli ultimi anni.... meditate politici meditate!

 
Alle 6 maggio 2012 18:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ma cosa ci si aspettava? anzi il quasi 13% va di lusso.Dopo che hanno rinviato la legge sui rimborsi elettorali,si aspettavano anche che la gente andasse a votare?Ma spero che l'astensione sia altissima e che quei pochi che voteranno,votino per i nuovi gruppi o liste civiche che niente hanno a che vedere con i soliti partiti.
Devono convincersi a restituire i soldi presi e andare via che sia il 6 maggio 2012 la nuova liberazione dell'Italia dai partiti che pensano solo ai soldi.Come si è visto ci hanno portato al fallimento poi per mettere qualche pezza si sono fatti da parte chiamando i tecnici a fare scelte impopolari,certo una dimostrazione di vigliaccheria.Andate via e restituite il maltotto.

 
Alle 6 maggio 2012 20:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

Io non capisco da che parte sono le persone che hanno commentato prima di me. Il diritto al voto è un privilegio dei cittadini,perchè non usarlo? se volete fare qualcosa non votando,dovete andare in seggio a richiedere l'annullamento della vostra scheda,e non astenersi. Poi chi dice che è inutile votare tanto ci sono sempre gli stessi etc. vi ricordo che a Pozzuoli c'è il Movimento 5 Stelle,date fiducia ai vostri compaesani che diamine.

 
Alle 6 maggio 2012 21:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sara De Sintas
invece monterusciello era piena...oggi pomeriggio ancora più di stamattina...almeno nella zona della sezione che ho visitato..... se solo la metà di quelli che erano a votare si unisse alla lotta.....

 
Alle 7 maggio 2012 13:00 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il problema dell'astensionismo non è così semplice come si pensa la prima cosa è che alternativa c'è ai soliti noti,beh a Pozzuoli c'è il movimento 5 stelle che va benissimo ma dove non esiste un'alternativa valida i cittadini sono stufi di votare il meno peggio e si astengono,fermo restando che il voto in democrazia è un nostro diritto e va salvaguardato anche e soprattutto attraverso delle leggi elettorali chiare che permettano al cittadino effettivamente la possibilità di scegliere il proprio candidato,questo succede nelle votazioni per la scelta del Sindaco e non per l'elezione della Camera e del Senato dove i partiti scelgono i candidati da portare in parlamento.Comunque l'astensione o il cosiddetto voto di protesta espresso a favore di partiti minori o liste civiche,è un segnale che i cittadini danno ai soliti noti ai soliti partiti e leader,per non aver deciso subito la legge sul finanziamento ai partiti,per essersi nasacoti dietro al governo tecnico,per non aver stipulato l'accordo con la Svizzera per la tassazione dei capitali illegalmente esportati,e da cui si stima l'Italia possa ricavarne 35 miliardi,più della Germania,della Francia e Olanda,alla fine di questa tornata elettorale si deve sperare che ne prendano atto e finalmente tutti si facciano da parte.

 
Alle 7 maggio 2012 17:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

CHI SARA' IL NUOVO SINDACO DEI 2/3 DEI PUTEOLANI ?
CHI VINCE FIGLIOLIA O MONACO ?

 
Alle 8 maggio 2012 00:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ha vinto alla grande Figliolia.

Dato certo che non permette a nessuno d'aprire bocca.

Ha vinto con l'appoggio di chi voleva cambiare e sono rimasti a casa quel 15% che aveva scelto prima la destra.

le vere liste civiche si espresse senza mutamenti in corso d'opera.

Inizia il cambiamento, ora tocca a Bacoli.

Saluti Annina

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page