This page has moved to a new address.

"Falcone è un Perdente, Noi Siamo Perdenti. La Gente Deve Essere Arrabbiata", Il Regista Ferrara a Bacoli Attacca la Massoneria - VIDEO

Freebacoli: "Falcone è un Perdente, Noi Siamo Perdenti. La Gente Deve Essere Arrabbiata", Il Regista Ferrara a Bacoli Attacca la Massoneria - VIDEO

mercoledì 23 maggio 2012

"Falcone è un Perdente, Noi Siamo Perdenti. La Gente Deve Essere Arrabbiata", Il Regista Ferrara a Bacoli Attacca la Massoneria - VIDEO

Nella giornata della memoria, a vent'anni dal decesso del giudice Giovanni Falcone, si ripropone un intervento dell'unico evento pubblico sin ora organizzato in città per riflettere sulle stragi siciliani del '92 e gli sviluppi in relazione alla lotta alla mafia avvenuti in questo ventennio.

Al microfono il regista Giuseppe Ferrara (Clicca Qui),  autore nel 1993 (tra gli altri) del film "Giovanni Falcone", dedicato proprio al ricordo del magistrato palermitano.

"Giovanni Falcone ha perso, io ho perso. Dobbiamo tornare a casa molto arrabbiati. In questi vent'anni si è fatto troppo poco contro la mafia. Gravissime sono le responsabilità dei servizi segreti deviati e della massoneria. Da decenni siamo senza risposte. E' vero che la mafia prima o poi morirà. ma quanto ancora dobbiamo aspettare?".

L'Albero del Riccio Ricorda Falcone

Tuona il regista durante il convegno organizzato lo scorso 18 febbraio dall'associazione "L'Albero del Riccio" all'interno della sala dell'Ostrichina del parco Vanvitelliano del Fusaro e dal titolo "Ricordare per educare al futuro. Giovanni Falcone: legalità, valore morale".


Un'articolata manifestazione pubblica (Clicca Qui), organizzata dal mondo dell'associazionismo locale, a cui non era presente alcun amministratore locale in rappresentanza delle istituzioni della città di Bacoli, che s'erge come unico momento di riflessione e di analisi di un anniversario che il Comune flegreo ha deciso di non ricordare in alcun modo, riuscendo ancora una volta a "qualificare" al meglio le proprie azioni anche senza compierle.

Il Comune di Bacoli Tace Ancora

Un atteggiamento indegno ed irresponsabile, quello assunto dall'amministrazione locale, che segue il silenzio irriguardoso portato avanti nel corso delle ultime commemorazioni per la "Festa della Liberazione" del 25 aprile.

Anche se il vero dramma di tali vuoti, più che nella commemorazione istituzionale in sé, è rappresentato da mancanze ben più gravi che riguardano l'atteggiamento di un'amministrazione poco solerte nel consolidare con i fatti una realtà politica degna dell'anniversario che oggi si è andati a celebrare.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

5 Commenti:

Alle 24 maggio 2012 06:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

Guardate che questa Amministrazione non ha ricordato, in ordine cronologico, il 27 gennaio Giorno della Memoria, il 25 aprile Festa della Liberazione e tante altri eventi che rievocano momenti di antifascismo.
Invece, data l' estrazione politica ed il livello culturale dei suoi componenti (lascio a chi legge la possibilità di quantificarlo)ha ricordato, con un manifesto pubblico, il Giorno del Ricordo che si celebra il 10 febbraio. Peccato, però, che, sempre per la questione del livello culturale, in quella occasione hanno intitolato il Manifesto GIORNATA DELLA MEMORIA che, tutti sanno, si riferisce al dramma della Shoah e non a quello delle foibe (di cui, dimenticavo di dirlo, si è appropriata la destra fascista in mancanza di altro e con spirito strumentale in quanto gli assasinii di persone innocenti rappresenta un dramma collettivo e non di una sola parte). Questa è l'Ammistrazione che ci amministra (scusate il gioco di parole), anzi, per meglio dire, questo ne è solo un aspetto.

 
Alle 24 maggio 2012 08:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

Falcone non ha perso, anzi ha stravinto perchè ha scosso le coscienze della società civile.
Senza Falcone, Borsellino, Dalla Chiesa, Montana, Basile, Cassarà, Puglisi, Impastato, La Torre, Terranova, Scopelliti, Livatino e molti altri, allora si che saremmo stati tutti perdenti.
Leggete tutte le vittime di Cosa Nostra.
http://it.wikipedia.org/wiki/Vittime_di_Cosa_Nostra

 
Alle 24 maggio 2012 11:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

sono d'accordissimo con tutto quello che hai detto ma dire che la "destra fascista" si sia "appropriata" della tragedia delle foibe è un'inesattezza enorme. Vi prego non politicizziamo tutto, soprattutto momenti, giorni o ricorrenze come questi. Se avessero saputo che sarebbero serviti soltanto da appoggio per critiche politiche, allora sì che personaggi come Falcone e Borsellino si autodefinirebbero dei perdenti.
Ripeto: sono d'accordo con quello che dici, faccio solo un discorso di opportunità. Non mi sembra il caso di usare questi argomenti per muovere critiche politiche mirate, al massimo possono servire da parametro per misurare tutto quello che dovrebbe essere ma non è, in senso generale. D'altronde per muovere critiche come questa non c'è di certo bisogno di scomodare neanche il ricordo di Falcone, nè di Borsellino nè di tutto quello che hai citato tu.
Domenico Mazzella

 
Alle 25 maggio 2012 21:10 , Anonymous Anonimo ha detto...

Domenico il tuo commento è molto civile e misurato, però non è un mistero che sulla dolorosa questione delle foibe la destra si sia fiondata a corpo morto nel tentativo di ripulirsi la faccia e trovare un contrappeso propagandistico prima alla loro origine nazifascista e poi a tutta la storia mostruosa dello stragismo nero. Non a caso, il fenomeno è stato pompato e ingigantito (media, film tv, racconti, libri scolastici) da quando questo sfortunato paese ha avuto la sventura di trovarsi questi schifosi di fasci al governo.

per quanto riguarda l'utilizzo non strumentale di figure come Falcone, Borsellino, Cassarà, Giuliano ecc. hai ragione. Ma sarebbe ipocrita piegarsi a una logica bipartisan e di "concordia nazionale" e negare per questo motivo le origini e i legami mafiosi di questa destra (dell'urti, mangano, la raselli...) e ancor di più la mentalità mafioseggiante del pdl. Proprio qua poi, dove ermanno sta culo e camicia con quegli autentici banditi casalesi di cesaro e cosentino! scusami ma questo non si può negare
Tommy

 
Alle 25 maggio 2012 22:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

nel (perlatro ottimo) articolo di Freebacoli sembra quasi di cogliere una nota di rammarico per l'assenza di rappresentanti delle istituzioni comunali. Tanto meglio rispondo io!! cosa avrebbe potuto mai dire contro la criminalità un ermanno che va a braccetto con degni rappresentanti della malapolitica casalese quali il suo padrino cesaro, cosentino ecc? o una assessora alla cultura nota più che altro per i suoi post vanagloriosi e sgrammaticati su facebook? sarebbe stato come invitare pacciani a visitare un collegio femminile.

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page