This page has moved to a new address.

Lido Abusivo in Spiaggia, Ma il Comune Non lo Abbatte: Sequestro dei Carabinieri al Centro Ittico

Freebacoli: Lido Abusivo in Spiaggia, Ma il Comune Non lo Abbatte: Sequestro dei Carabinieri al Centro Ittico

lunedì 18 giugno 2012

Lido Abusivo in Spiaggia, Ma il Comune Non lo Abbatte: Sequestro dei Carabinieri al Centro Ittico

Blitz dei carabinieri di Pozzuoli all'ufficio tecnico ed al ufficio commercio cittadino: sequestrato il lido Diana, in via Spiagge Romane.

Ennesimo caso di abusivismo edilizio in paese mette spalle al muro la malapolitica  locale, le inadempienze degli uffici amministrativi e il sempre più disastrato Centro Ittico Campano, società municipalizzata proprietaria dell'area data in concessione a terzi ed interessata dal sequestro giudiziario.

L'azione investigativa degli uomini in divisa, cominciata tempo fa e che riguarda l'intero territorio comunale, si è manifestata nel pomeriggio di sabato quando il Nucleo Operativo Radiomobile del Comando dei carabinieri di Pozzuoli ha messo a segno il sequestro della nota struttura balneare da tempo attiva sul territorio ed interessata da una nuova inaugurazione avvenuta nel fine settimana.

Oltre 200mq di Abusivismo Edilizio su Spiaggia

I carabinieri giunti sul posto hanno difatti riscontrato che la struttura del lido Diana, estesa per oltre 200 mq, era completamente abusiva, priva di licenza edilizia e carente di condoni.

A tutto ciò si aggiunge che proprio sull'immobile, pare almeno dal lontano 2006, pendeva anche un'ordinanza di demolizione mai messa in essere dal comune di Bacoli. Ente pubblico capace, nonostante le gravi inadempienze, prima di concedere e successivamenre di non ritirare le licenze commerciali per le attività, svolte per anni all'interno della struttura, di bar e ristorazione.

Una vicenda particolarmente complessa da illustrare nel dettaglio poichè, tenuto conto della realtà edilizia paesana, potrebbe essere omologa a tante altre strutture commerciali.

Lido Diana, Concessione del Centro Ittico

Il lido Diana, a cui da qualche giorno si era affiancato una nuova area denominata "Panorama Beach", è frutto di una concessione in arenile rilasciata dal Centro Ittico Campano, società municipalizzata che gestisce (con modalità più che sospette) il 20% ed oltre dell'intera Bacoli.

I concessionari dell'area, seguendo molto probabilmente un andazzo consueto per la zona, decisero di cementificare parte della zona costruendo una struttura al coperto pari (comprensiva di bagni e cucine) ad una superficie di oltre 200 metri quadrati.

Tutto ciò, ovviamente "fronte-mare", senza avere a proprio favore alcuna licenza edilizia. Una struttura abusiva, nata e "cresciuta" in modo illegale per finalità commerciali e quindi speculative, su una spiaggia pubblica e presso un'area di proprietà del comune di Bacoli.

Condono Non Applicale: le Colpe dei Tecnici

Condizione surreale a cui si cercò di porre rimedio presentando una "massa" di documenti all'ente, in occasione dell'ultimo condono del 2003. Sanatoria che non solo non era applicabile in Campania ma che, se anche fosse stata possibile in regione, non sarebbe stata in ogni caso utile per condonare un immobile sito in un'area satura di vincoli paesaggistici ed archittetonici.

Fatti oggettivi che però non scoraggiarono l'esperto tecnico firmatario della domanda di condono capace, per ignoranza o prepotenza, di far spendere una "massa" di denaro ai titolari della concessione e, di riflesso, di far aumentare le proprie speranze ed i propri investimenti in vista di una felice e prospera avventura imprenditoriale.

In ogni caso, presentata l'istanza e sempre senza licenza, i gestori del lido mantennero le licenze commerciali utili per portare avanti la propria attività garantendo, vista la particolare posizione urbanistica, lauti introiti sopratutto nel corso del periodo estivo.

Il Comune Deve Abbattere dal 2006, Na Non lo Fa

Tra il 2004 ed il 2006 arriva però il primo ALT dal Comune: la pratica di condono, come ampiamente preventivabile, viene bocciata dall'Ufficio Tecnico Comunale.

Per il bene adiacente la celeberrima "colonia Castaldo" l'ente pubblico conferma anche l'istanza d'abbattimento che, per chi non lo sapesse, ha effetto immediato. Tanto repentino che il Comune, che ha il dovere di applicare tale disposizione in caso di mancata autodemolizione da parte del proprietario, non la esegue.

E così l'ordinanza, per oltre sei anni ed almeno sino ad oggi, resta su carta passando da sindaco a commissario, da assessore a dirigente, mentre il lido Diana, con il silenzio poteri forti municipali, continua a fare cassa utilizzando l'immobile da abbattere. Il tutto, senza arrendersi.

Il Municipio Non Revoca Neanche le Licenze Commerciali

Impugna dinanzi agli organi giuridici competenti la bocciatura giunta dall'ufficio tecnico, vedendosela rigettare in ogni grado sino al 2011, quando anche il percorso in tribunale giunge al capolinea. Da segnalare c'è, anche in questo caso, un aspetto non di second'ordine: mai il giudice aveva deciso di sospendere l'ordinanza amministrativa d'abbattimento.

Il Comune poteva quindi ancora abbattere ma, senza alcuna giustificazione, non lo fa. Il Municipio doveva revocare le licenze commerciali ma, ancora una volta senza scusanti, non provvede e tace

E fa nulla che sia una struttura abusiva su suolo pubblico e direttamente in spiaggia. Fa nulla che l'immobile, in quanto privo di autorizzazioni, sia anche privo del certificato d'agibilità comunale. Il Comune continua ad essere inadempiente.

Ma l'incredibile vicenda, in questo paese dell'assurdo e del ridicolo, non è ancora giunta a conclusione.

Clamoroso, il CIC Rinnova Ancora la Concessione

Nonostante questo stato di cose, non più tardi di giovedì scorso il Centro Ittico Campano ha concesso il rinnovo di concessione del lido Diana. proprio a coloro che su un terreno di proprietà della collettività avevano continuato ad eserciatare, con l'omertoso silenzio del Comune, in locali privi di licenza e condono.

Episodio surreale, non troppo dissimile dallo scandalo "Curva" (Clicca Qui), in cui continua ad essere implicato (con un avviso di garanzia per abuso edilizio)  un rappresentante della Commissione Edilizia Comunale nominato dalla maggioranza guidata dal sindaco Ermanno Schiano e dai vari Simone Scotto e Luigi Della Ragione.

Bufera Giudiziaria Senza Fine

Il blitz dei carabinieri puteolani, coadiuvati dai colleghi di Bacoli, si è poi intensificato anche nella mattinata di oggi quando più di qualche rappresentante delle forze dell'ordine ha visitato Ufficio Tecnico ed Ufficio Commercio acquisendo ulteriore documentazione.

Una vera e propria bufera giudiziaria senza fine, tutta incentrata sul modo scellerato in cui amministrazioni, presidenti, sindaci, politicanti e dirigenti hanno affrontato e continuano ad affrontare la problematica "abusivismo".

Materia d'interessi e speculazioni, oggi trasformatasi in patata bollente per chi, dopo decenni di connivenze, vede svanire nel nulla la fiducia di "elettori-schiavi" e la pazienza della magistratura.

Altro che dissesto finanziario e debiti di bilancio: oggi a far paura sono le ruspe e le manette.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , , , ,

41 Commenti:

Alle 18 giugno 2012 22:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Giulietti
Ma quando?! E sempre troppo tardi

 
Alle 18 giugno 2012 22:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Carlo Di Palma
è uno schifo

 
Alle 18 giugno 2012 22:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sonia Cangemi
che schifo..............

 
Alle 18 giugno 2012 22:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

hhha incominciamo bene...............e uno..........

 
Alle 18 giugno 2012 22:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Scannapieco Michelangelo
a bacoli si abbatte solo la casa dei cardamuro e carannante tutto il resto AMNSTIA ...due pesi e due misure ERMANNO VERGOGNATI

 
Alle 18 giugno 2012 22:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

Buonasera a tutti,
Purtroppo e sempre piu evidente che LA LEGGE NON E UGUALE PER TUTTI, sempre di piu si evince che le amministrazioni, i funzionari, i tecnici, sono onnipotenti anche dinanzi alla legge la quale beffarda nei confronti degli onesti cittadini i quali subiscono inermi le prepotenze e le angherie di questi signori si ritrovano a dover procacciare piaceri per ottenere quello che gli spetta.
Egregi magistrati, egregia procura della repubica date alla cittadinanza tutta l'esempio altrimenti vergognatevi tutte le volte che incontrate le persone comune che hanno la sfortuna di trovarsi sulla vostra strada.
Cordiali saluti

 
Alle 18 giugno 2012 22:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vergognarsi è poco ...DEVONO ANDARE TUTTI I GALERA ca'sti senza pall' manc' nu juorn resistn

 
Alle 18 giugno 2012 22:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

e vai vai ..che il "carrettone" sta arrivando....!!!!

 
Alle 18 giugno 2012 23:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

i santi protettori fanno acqua da tutte le parti

 
Alle 18 giugno 2012 23:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma la pratica per la sanatoria chi l'ha presentata il famoso ingegnere o il famoso geometra ???

 
Alle 18 giugno 2012 23:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

LE SIGARETTE COSTANO MOLTO CARE ..VA BENE SOLO IL TABACCO...VE LI MANDIAMO NOI DA TORREGAVETA A POGGI POGGI..NATURALMENTE GRATIS


CONTE PROCOLO

 
Alle 19 giugno 2012 00:14 , Anonymous Anonimo ha detto...

E' tutta una catena di questa mala politica. Chi è il ragioniere del CIC? Chi sono i fiscalisti dei grandi evasori che non pagano le tasse e che hanno creato una situazione che porta al dissesto?La magistratura deve esaminare tutte queste situazioni

 
Alle 19 giugno 2012 01:39 , Anonymous IL GIUSTIZIERE ha detto...

"BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA N. 7 DEL 30 GENNAIO 2012:
DECRETO ASSESSORILE N. 15 DEL 23/01/2012

A.G.C. 13 Turismo e Beni Culturali
Settore 1 Sviluppo e promozione turismo
Oggetto dell'Atto:
L.R. 07/2005, ART. 7, COMMA 2 - CANCELLAZIONE DALL'ALBO REGIONALE DELLE
PRO LOCO DELL'ASSOCIAZIONE DENOMINATA " PRO LOCO BAIA " CON SEDE NEL
COMUNE DI BACOLI (NA)
L’ASSESSORE
PREMESSO CHE
ai sensi dell’art. 1 della L. R. n. 7 del 15/02/2005 “Modifica della Legge Regionale 9/11/1974
n. 61, avente ad oggetto l’istituzione dell’Albo Regionale delle associazioni pro loco”, la Regione
Campania valorizza il ruolo delle Associazioni Pro Loco nelle diverse ed autonome espressioni culturali
e riconosce il valore sociale di tali associazioni liberamente costituite e delle loro attività come
espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo; riconosce, inoltre, nel quadro della
valorizzazione turistica della Campania il ruolo delle Associazioni Pro Loco per la custodia e la
promozione dei valori naturali e artistici di ogni località e per il raggiungimento degli obiettivi sociali del
turismo attraverso la partecipazione popolare;
ai sensi dell’art. 2 della succitata L R n. 7 del 15/02/2005, è istituito presso l'Assessorato al
Turismo della Regione Campania l’Albo Regionale delle Associazioni Pro Loco;
CONSIDERATO CHE
l'Associazione Pro Loco denominata PRO LOCO BAIA, con sede nel comune di Bacoli, è
iscritta con numero di posizione NA 4 all'Albo Regionale delle Associazioni Pro Loco, approvato con
Decreto Dirigenziale n. 183 del 31/05/2011;
l’art. 7 della L.R. 07/2005, al comma 1, prevede che “Le associazioni pro loco iscritte all’albo
regionale presentano alle strutture turistiche locali di competenza entro il 30 aprile di ogni anno idonea
documentazione comprovante l’attività svolta al fine di consentire la verifica agli organi ispettivi”;
il comma 2, del medesimo art. 7, recita: “se le associazioni non presentano la
documentazione di cui al comma 1 per due anni consecutivi, l’assessore regionale al turismo, su
proposta delle strutture turistiche locali e sentito il rispettivo comitato provinciale dell’UNPLI, emana il
provvedimento di cancellazione dall’albo con la perdita dei benefici di cui alla presente legge”;
TENUTO CONTO CHE
l'E.P.T. di Napoli con propria deliberazione n. 98 del 6/10/2011 ha proposto, ai sensi dell’art 7 –
comma 2 della L.R. 7/2005, la cancellazione dall’Albo Regionale dell' associazione Pro Loco denominata
PRO LOCO BAIA attestando, tra l'altro, l’avvenuta notifica dell'avvio del procedimento di cancellazione
e l'assenza di contenzioso in atto, riferiti all'associazione Pro Loco medesima;
il Comitato Provinciale UNPLI di Napoli con nota prot. n. 11/2011 del 27/09/2011, ha espresso
parere favorevole alla cancellazione dall’Albo Regionale della surrichiamata associazione Pro Loco;
RITENUTO
di dover provvedere, ai sensi dell’art. 7 - comma 2 della L.R. n. 7/2005, alla cancellazione della
PRO LOCO BAIA dall’Albo Regionale delle Associazioni Pro Loco della Campania;
VISTE
- la L.R. 7/2005;
- la L.R. 61/1974;
- l’art. 41 comma 27 della L. R. n. 1/2008;
- la legge 241/90 e s.m.i;
Alla stregua dell’istruttoria compiuta dal Settore Sviluppo e Promozione Turismo, delle risultanze e degli
atti tutti richiamati nelle premesse, costituenti istruttoria a tutti gli effetti di legge, nonché
dell’espressa dichiarazione di regolarità resa dal Dirigente del Settore,

 
Alle 19 giugno 2012 01:40 , Anonymous IL GIUSTIZIERE ha detto...

DECRETA
Per le motivazioni espresse in narrativa e che qui si intendono integralmente riportate:
1) di disporre la cancellazione dall’Albo Regionale delle Associazioni Pro Loco della
Associazione denominata “Pro Loco Baia”, numero di posizione NA 4, con sede nel
comune di Bacoli (NA);
2) di trasmettere il presente Decreto al Settore Sviluppo e Promozione Turismo, per gli
adempimenti di conseguenza per la cancellazione dall’Albo, al Settore Stampa,
Documentazione e Informazione per la pubblicazione sul B.U.R.C. ed al Settore AA.GG. della
Presidenza e Collegamenti con gli Assessori per conoscenza.
Avv. Giuseppe De Mita"

 
Alle 19 giugno 2012 01:41 , Anonymous IL GIUSTIZIERE ha detto...

P.S.: questo per rispondere al marito della Rodriguez che, SORPRENDENTEMENTE, durante l'ultimo consiglio comunale, CON BARBARO CORAGGIO, si è permesso - mi hanno detto - di chiamare bugiardo Josi per aver giustamente riferito, anticipandone un probabile articolo sul blog, che la Pro Loco Baia è stata definitivamente cancellata dalla Regione Campania dall'albo delle pro loco. L'atto pubblicato più sopra è la prova di quanto affermato da Josi e fa comprendere, in realtà, chi fosse il mentitore! Ipocrita!
Chi si permetterà, dunque, di inoltrare, d'ora in avanti, a qualsiaisi titolo, istanze(richiesta di contributi o finanziamenti, autorizzazioni per spettacoli estivi, esposizioni, mostre, mercatini, feste, allocazioni di stand o gazebi, gestione della spiaggia di Baia, ecc.) presso Enti pubblici territoriali (Comune, Provincia , Regione) a nome della pro loco Baia, sarà, sul presupposto della falsità di quanto millantato, immediatamente denunziato all'Autorità Giudiziaria per falso.
"Donna avvisata, è mezza salvata".....

 
Alle 19 giugno 2012 07:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

vogliamo i nomi degli amministratori, dei ragionieri e dei revisori dei conti degli ultimi anni del comune, della flegrea lavoro e del centro ittico!
anzi devono venire in consiglio a spiegarci i loro bilanci!
consiglieri della ragione e schiavo, si può fare questa "convocazione"?

 
Alle 19 giugno 2012 08:26 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma il sindaco in consiglio comunale non aveva detto che avrebbe abbattuto tutte le costruzioni avvenute durante il suo mandato? L'ennesima parola non mantenuta, se ne deve andare a casa

 
Alle 19 giugno 2012 08:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Tiziana Perreca
Messi bene.........

 
Alle 19 giugno 2012 08:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

la spiaggia romana è vergognosa. fino ad un anno fa non la conoscevo. l'anno scorso andai con il mio fidanzato a passeggiare e superai anche la foce. su quella parte di spiaggia c'erano delle persone che correvano con i cavalli. la nostra presenza non era gradita e ce lo fecero capire semplicemente guardandoci con insistenza...

 
Alle 19 giugno 2012 09:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma no, che avete capito...belèn si riferiva alla pro-loco di bahia...

 
Alle 19 giugno 2012 09:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

alcuni di loro già sono in consiglio comunale non c'è bisogno di convocarli

 
Alle 19 giugno 2012 09:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma quindi la concessione che hanno dato alla spiaggia di Baia è irregolare?

 
Alle 19 giugno 2012 09:43 , Blogger puteoli_s ha detto...

Ma quando, ci sarà , una retata generale , in questo comune amministrato con Lobby affaristica privata , tipo Berlusconiano.La giustizia arriva Tardi e colpirà ben poco.
Le protezioni ormai sono massoniche per tutti gli amministratori.

 
Alle 19 giugno 2012 11:17 , Anonymous Anonimo ha detto...

BACOLI TUTTA è nelle mani della CAMORRA DELL'HINTERLAND,SVEGLIATEVI!TERRITORIO DI CONQUISTA,BAR,LOCALI IRREGOLARI,MUSICA ALTA,FUOCHI D'ARTIFICIO,BALDORIA,CAOS,ESTORSIONI,PARCHEGGIO ABUSIVO,DROGA è DIVENTATA LA DISNEYLAND LA BACOLANDIA DEL MALAFFARE,X I DIVERTIMENTI DELLA GENTE DI CAMORRA.......

il piano è completo:colletti bianchi e camorra hanno deciso che questa zona doveva attirare questo "turismo"spregevole in tutti i sensi,hanno inquinato le acque,le spiagge,beni archeologici devastati,viviamo su un territorio marcio,dove manco un kamikaze penserebbe di passare l'ultimo giorno della sua vita,.........secondo voi I TURISTI QUELLI VERI VERREBBERO QUA?qualche pazzo,qualche malinformato,qualche disgraziato.e allora l'unico target che può attrarre questa zona è il turismo CAFONE DELLA CAMORRA,quello terra terra........SVEGLIA,LA CAMORRA è INTORNO A NOI!

 
Alle 19 giugno 2012 12:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

La concessione sarà data dalla Regione Campania al Comune di Bacoli, non certo alla pseudo pro loco di Baia.
Pini, qualora agisse diversamente e cioè desse qualsiasi tipo di concessione alla pro loco, andrebbe, questa volta, direttamente in gattabuia.

 
Alle 19 giugno 2012 12:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Infatti, I TURISTI, QUELLI VERI non sanno neanche che esistiamo... lo sa solo la feccia del circondario napoletano e casertano

 
Alle 19 giugno 2012 13:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

E gli altri?
possono essere convocati oppure no?

 
Alle 19 giugno 2012 13:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

Quando si dice... chi figl e chi figliastr.

 
Alle 19 giugno 2012 16:57 , Anonymous Anonimo ha detto...

finalmente , uno scheletro è uscito dall'armadio!!!! Ma quando vedremo tutto l'ossario che nascondono sti politicanti da quattro soldi????? è poco.... ma spero sia l'inizio di una lunga serie.....che li porterà dritto dritto a PoggiPoggi.......delinquenti!!!!!!!e poi abbattete le case di necessità?????? Vergogna Vergogna Vergogna!!!!!!

 
Alle 19 giugno 2012 17:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

Dai tempo al tempo che la brancata branca leone a poggi poggi va!!!

 
Alle 19 giugno 2012 18:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

e noi li scorteremo con fischi e pernacchie

 
Alle 19 giugno 2012 20:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

E' vero abbattono solo le case dei più deboli.
L' Oblio a Miseno ha costruito tre ville più i depositi su un terreno demaniale e mica gli hanno detto qualcosa??
NO perchè porta parecchi voti....

 
Alle 19 giugno 2012 21:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

MO OLTR A GALER A'NN METTER....PUR MAN A SACCA.................HAHAHAAAAAAAA

 
Alle 19 giugno 2012 22:04 , Anonymous Michele capuano da roma ha detto...

Leggendo i vari commenti devo dire che mi viene dentro un senso di rabbia e tristezza per il bel paese che ricordavo e che invece immagino oramai in mano ai gruppi di camorra che da tempo hanno investito in zona per ripulire i loro guadagni...infatti in zona oltre a piccoli caso non vi e' mai stata la paura di agguati ed uccisioni proprio per evitare che gli occhi dei media e delle autorita' si posassero sul paese...e questo ha permesso alle autorita' comunali di sguazzarci anche loro facendo i propri comodi . E finche' potranno non avremo scelta ...continueranno imperterriti

 
Alle 19 giugno 2012 22:17 , Anonymous Anonimo ha detto...

e se andate al Comune,fanno pure i finti tonti, pensano che le notizie non si diffondano...!! pensano che non sappiamo che stanno pieni di MERDA...e questo è solo la punta dell' icerberg ...che sta per arrivare!!! ...hanno voluto rompere le giarretelle....??? e mo si attaccano alle sbarre...!!! e quella faccia di provolone insipito del sindaco...(sindaco poi ... il comandate Schettino e nu grand'omm, un signore a confronto)disse pure che il problema dell'abusivismo riguardava solo una minoranza di Bacoli..e che purtroppo dovevano pagare perchè commesso un reato...!!! ADESSO VEDIAMO SE L'ABUSIVISMO RIGUARDA SOLO POCHI DISGRAZIATI, disgraziati perchè in quella merda di comune non ci avevano mai messo piede prima ...se non per pagare ici, tasse dovute e condoni ..poi bocciati da queste latrine viventi !!!

 
Alle 20 giugno 2012 03:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ma la sorella del sindaco è anche lei una povera disgraziata o mi sbaglio ????

 
Alle 20 giugno 2012 12:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

per voi e bello far abbatere un lido dopo tanti sacrifici se a bacoli i permessi non li danno non e colpa di questa povera gente

 
Alle 20 giugno 2012 17:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ermà, ma p-ché a sor-t, poij, a cas abusiv (che se fatt 'ncomp all'astic ru studio tuojo poc iuorn prim ca tu m-ttiv man com Sin-c) nun ce le vuttat ancor 'nterr? Ma com t p-rmiett i cià vuttà 'nderr primm all'at? A stess cos val pur si tu, p-llat pov-r gent, vigliaccamente, miett a magistratur a miez!

 
Alle 21 giugno 2012 13:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

A che si vuole alludere?
Ma lo sapete che state parlando di due LUMINARI DELLE MATERIE TECNICO-SCIENTIFICHE?
Le loro competenze e conoscenze della materia fa impallidire i più affermati professionisti del Sud Italia ed anche del Nord Italia.
E' SOLO UN CASO FORTUITO CHE IL LORO LAVORO SI SVOLGE SOLO E SEMPRE A BACOLI. Anche perchè come escono fuori paese ti viene detto ....ma a chi cavolo ti sei rivolto.... uno che a stento riesce a mettere tre parole in dialetto bacolese una dietro l'altra?

 
Alle 22 giugno 2012 09:43 , Anonymous giacchino ha detto...

a decidere è la procura no il sindaco e vistoche avete coraggio non firmatevi anonimi mettete i nomi e andate a denuncare

 
Alle 25 giugno 2012 14:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

E quando hanno abbattuto le case aró stevn i padrun ró LID abusiv ???

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page