This page has moved to a new address.

Operai in Galleria, Si Prova il Miracolo alla Sepsa: Tre Treni Entro Domenica

Freebacoli: Operai in Galleria, Si Prova il Miracolo alla Sepsa: Tre Treni Entro Domenica

venerdì 22 giugno 2012

Operai in Galleria, Si Prova il Miracolo alla Sepsa: Tre Treni Entro Domenica


Nuovo miracolo per il baraccone Sepsa, i dipendenti decidono di tornare al lavoro già da domani alle 6 del mattino per rimettere in sesto la galleria dell'Accadia tra Dazio e Gerolomini: si punta anche a risistemare il treno deragliato nel corso della settimana.

L'obiettivo è quello di riportare la situazione alla normalità entro l'inizio della prossima settimana, mettendo fine ai disagi arrecati in giornata come oggi in cui sulla tratta Montesanto-Torregaveta non è passato alcun treno.

E' in controtendenza rispetto agli ultimi avvicendamenti succedutesi in questi ultimi mesi, la notizia che arriva dalla Cumana dove gli operai di settore, dopo lo sciopero di quest'oggi e le carenze strutturali denunciate attraverso comunicati e manifestazioni pubbliche, con il sorger del sole della giornata di domani saranno già all'opera alla galleria che congiunge le stazioni di Dazio e Gerolomini. 

Disagi per Tutti

Un sospiro di sollievo per le migliaia di pendolari che usufruiscono del servizio, costretti alle navette per portare a termine il trasporto su rotaia, i quali già dalla giornata di domenica (massimo lunedì mattina) potrebbero compiere l'intera tratta Torregaveta-Montesanto senza esser costretti a nessuna "sosta forzata".

Normalità che di questi tempi vien percepita alla pari di una vittoria per chi, tra lavoratori ed utenti, è costretto a convivere con disagi di natura economica (per chi non percepisce stipendio) e di mobilità (per coloro che invece subiscono i ritardi).

 I Lavoratori: "Non Chiuderete la Cumana"

A ciò si aggiunge che i treni, attualmente quasi inesistenti sul percorso ferrato, con la fine degli scioperi ed i lavori di manutenzione straordinaria da effettuarsi al "nuovo macchinario", potrebbero diventare tre e quindi garantire un passaggio alle stazioni ogni venti minuti.

"Abbiamo compreso che l'obiettivo dai piani alti è quello di farci chiudere per dare spazio ai privati - commentano alcuni operai - ed è per questo che non resteremo a casa con le braccia incrociate. Senza stipendio e con ore di straordinario che molto probabilmente non verranno mai pagate, da domani saremo all'opera per garantire un minimo di normalità. Per assicurare un servizio pubblico che i dirigenti regionali vogliono chiaramente sopprimere".

Manifestazione Martedì a Santa Lucia

Primi passi in avanti a cui seguirà nella giornata di martedì un momento di mobilitazione nei pressi dei palazzi della Regione Campania dove i dipendenti Sepsa chiederanno spiegazioni sul futuro della società.

"Devono rispondere a noi e a tutti i pendolari. Ed è per questo che chiediamo a tutti coloro che non vogliono la morte di questo bene comune di partecipare a questa manifestazione, sostenendoci fattivamente unendosi a noi al presidio. E' una fase delicata per il trasporto in Campania. Restare a casa, dinanzi al pc, in attesa di buone notizie, non farà altro che agevolare chi vuole la scomparsa di questa società", asseriscono i dipendenti.

Il presidio avrà inizio martedì dalle ore 15, presso la sede della Regione Campania a Santa Lucia.


Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette:

8 Commenti:

Alle 22 giugno 2012 17:38 , Blogger Giancarlo Lucignano ha detto...

Non era assolutamente un elettrotreno nuovo in fase di collaudo. Sarei curioso di conoscere la persona che ha asserito questo. Il convoglio deragliato l'altra notte è uno dei pochi e vecchi etr superstiti che avevamo. I test in cui era impegnato, riguardavano le apparecchiature di segnalamento della linea, test che si ripetono periodicamente e fanno parte della normale manutenzione degli apparati di una ferrovia.
Che venga riaperta la tratta entro domenica, mi pare improbabile ma i miracoli, per chi ci crede, sono sempre possibili.

 
Alle 22 giugno 2012 20:33 , Blogger Peppe ha detto...

Scioperi indetti praticamente ogni 2 venerdì, treni ridotti in condizioni igieniche pietose, stazioni senza personale e paragonabili a discariche, incapacità assoluta di gestire un evento eccezionale come l'incidente dei giorni scorsi, prezzi di biglietti e abbonamenti aumentati senza un reale aumento della qualità del servizio, fasce orarie garantite durante sgli scioperi solo sulla carta (oggi sono stato abbandonato al mio destino a Montesanto), personale arrogante che crede di farci un favore quando invece è semplicemente il suo lavoro, personale che fa scendere le persone dal pullman dicendo che ne arriverà un altro dietro per poi essere beccato al deposito a vedere la partita dell'italia, sprechi a non finire anche in termini di risorse umane....Sono 3 giorni consecutivi (senza contare quanto già accade normalmente) che impiego 2\3 ore per andare a lavoro e lo stesso per il ritorno e che assisto a scene che nemmeno nei paesi più arretrati di questo mondo si vedono.

Io penso che possono avere tutte le ragioni del mondo per protestare e difendere i loro diritti, ma penso anche che bisogna farlo rispettando la collettività, dal momento che il lavoro che svolgono è di pubblica utilità. Invece c'è una totale mancanza di rispetto nei confronti di noi utenti lavoratori che paghiamo per usufruire di un servizio.

Perdonate lo sfogo, ma sono anni che si subiscono angherìe di questo tipo, e la cosa degenera sempre di più. Purtroppo mi arrabbio perchè noi utenti siamo impotenti perchè (stando a quanto mi diceva un avvocato, le denunce finiscono archiviate).
Personalmente ho provato a scrivere a De Magistris, al Ministero dei trasporti, a qualche giornale, a striscia la notizia, ma per ora non ho ricevuto nessuna risposta.

Non resta che sperare!

Giuseppe Scamardella

 
Alle 22 giugno 2012 23:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Scamardella, hai pienamente ragione!!!

 
Alle 23 giugno 2012 10:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Merone
MA KE RE...TIP ARMAGGEDON AHAHAAH

 
Alle 23 giugno 2012 12:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

queste sono cose nemmeno da 5to mondo, dirigenti e super responsabili ultra ben pagati, in una realtà diversa da questa, andrebbero a cercare l'elemosina fuori alla chiesa, quì restano ben saldi al loro posto, protetti da politici e politicanti e mai risponderanno della loro inefficienza.

 
Alle 23 giugno 2012 20:56 , Anonymous Anon ha detto...

io pago 5 euro al giorno per andare all'università ogni mattina e poi dovrei pure essere vittima dei loro scioperi o disservizi?Perchè?Perchè nn pagano il personale?Ma a me che cazzo me ne frega che non pagano il personale sono problemi loro lo pago io il personale tutti i giorni con i soldi del biglietto che puntualmente ogni mattina devo obliterare dal capotreno che con toni scontrosi si rompe pure di timbrarmelo! Ma andate tutti a fare in culo la SEPSA i politici il personale il capotreno mangiafranchi del cazzo!!!!

 
Alle 24 giugno 2012 01:09 , Blogger Peppe ha detto...

Purtroppo non ho esagerato, anzi....

 
Alle 24 giugno 2012 15:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

Anon ,sono Valeria,
e vorrei dirti che sbagli alla grande quando dici che "a te non te ne frega un cazzo se non pagano il personale".Perchè se loro non vengono pagati, non lavorano e se non lavorano i mezzi di trasporto non funzionano .E'il famoso "effetto domino".
Sono problemi di tutti.
Certo ,c'è una fetta di personale che non lavora bene 8anzi ,se ne frega ) ma c'è pure una fetta di personale che vorrebbe lavorare inj grazia di Dio e come si deve.
Questo che fai è uno sfogo (e lo comprendo) ma bisogna anche vedere il problema nel suo insieme.
Come dico sempre ,bisogna lamentarsi con chi impartisce gli ordini ,non con chi li esegue.

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page