This page has moved to a new address.

Flop Controlli, Arrivano le Forze dell'Ordine Ma in Spiaggia è "Tutto in Regola" - VIDEO

Freebacoli: Flop Controlli, Arrivano le Forze dell'Ordine Ma in Spiaggia è "Tutto in Regola" - VIDEO

venerdì 13 luglio 2012

Flop Controlli, Arrivano le Forze dell'Ordine Ma in Spiaggia è "Tutto in Regola" - VIDEO

Poche ore di attesa ed aspettative per poi ripiombare in una realtà sempre più cupa, segnata da un'insolita normalità: nessuna irregolarità rinvenuta presso gli stabilimenti balneari di Miseno e Miliscola.

Torna a mani vuote il "pool" di forze dell'ordine che, nella mattinata di oggi, ha setacciato in lungo e in largo la litoranea bacolese alla ricerca di illeciti segnalati nelle settimane precedenti da semplici cittadini e dal Comitato "Spiagge Beni Comune - Area Flegrea".

Sul posto dalle 9, rappresentanti della Polizia Municipale e dei Carabinieri di Bacoli e della Guardia Costiera di stanza in Baia, hanno percorso tutto il tratto di spiaggia che dal promontorio di Miseno giunge sin presso Miliscola, bissando alle porte sia dei lidi privati che di quelli militari.

Tutto in Regola

Ma la vera novità, a differenza di quanto evincibile da foto e video scattati lo scorso sabato durante la manifestazione popolare in difesa delle "spiagge libere" e dei diritti di "lavoratori e bagnanti", è rappresentata dal fatto che al termine del sopralluogo non è stata effettuata alcuna contravvenzione.

Flash Mob in Spiaggia
III Parte



Tutti i concessionari rispettavano le basilari norme degli arenili, con la battigia libera da sdraio e ombreloni per i canonici 5 metri, senza paletti, con l'accesso gratuiro al mare e "quant'altro ancora".

In una giornata particolarmente soleggiata, con un buon numero di bagnanti in spiaggia nonostante l'acqua marina non cristallina, oramai arrivati nella parte centrale del mese di luglio. In piena estate.

Miseno e Miliscola, Paradiso della Legalità

A ciò si aggiunge che sono stati effettuati anche controlli di carattere amministrativo, relativi alle licenze ed alle concessioni stesse: anche lì "tutto in regola".

Uno scenario idilliaco, odierno paradiso della legalità, che brutalmente cozza con un andazzo (risaputo da tutti) ben differente e denunciato in ogni modo da chi da anni si batte per i diritti delle comunità su aree demaniali. Segnalato con forza anche al gruppo di carabinieri i quali, nel corso del flash mob della scorsa settimana, si resero conto dell'innumerevole quantità di illeciti commesse da chi "gestisce" una parte della pubblica spiaggia.

Flash Mob in Spiaggia
IV Parte



"Soffiata" o Inversione di Rotta

Due a questo punto risultano essere le motivazioni poste alla base del sostanziale flop della triade di controllo:
  •  I concessionari dei lidi (demaniali o militari), folgorati come San Paolo sulla strada per Damasco, hanno cominciato a rigare, rispettando tutte le norme del Regolamento Demaniale Marittimo
  • Il blitz "improvviso" è stato preceduto da qualche gravissima ed inaccettabile "soffiata" notturna utile per permettere a chi sino a poche prima marciva nell'illegalità, di mettere tutto (almeno superficialmente) in sesto, mostandosi così con disonvoltura dinanzi alle divise di controllo.

    Nudisti a Torregaveta: Portati in Caserma
Nel concludere, lasciando al lettore la possibilità di rispondere al quiz sovraesposto e procedendo verso una "irriverente" nota di folcore, c'è da segnalare come l'attività di sicurezza abbia in ogni caso proceduto a reprime un'infrazione presente in spiaggia (lontanto dal litorale di Miseno-Miliscola).

Difatti sulla battigia di Torregaveta i Carabanieri di Bacoli, contattati da cittadini presenti sul posto, hanno "catturato" e portato in caserma una coppia di bagnanti che mostravano alla platea marinara le proprie "nudità".

Privi di costume, godevano della verde e puzzolente acqua della zona, destando polemiche tra decine di bagnanti inviperiti.

Beh che dire: la repressione dell'illegalità, in paese, continua.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

49 Commenti:

Alle 13 luglio 2012 17:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

Loredana Cannas
nn ci posso credere.................

 
Alle 13 luglio 2012 17:26 , Anonymous Anonimo ha detto...

Tony del Gaudio
non è possibile

 
Alle 13 luglio 2012 17:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Tina Lucignano
pre...monizioni?

 
Alle 13 luglio 2012 17:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

evidentemente, nottetempo, tutti gestori sono stati folgorati da una scossa di legalità, rispetto delle regole e civiltà! Che vogliamo fare? Così è la vita! Quante cose accadono senza una spiegazione dimostrabile? Quanti di noi, inspiegabilmente, hanno denunciato a qualcosa solo in un determinato momento e non magari prima o..dopo? Quanti di noi hanno manifestato solo in determinate circostanze, svegliandosi da un letargo altrettanto... "inspiegabilmente"? C'è da essere contenti. Da stamattina a Bacoli si rispettano le normative che regolano la gestione degli stabilimenti balneari. Su con la vita! Finalmente!

 
Alle 13 luglio 2012 17:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

beh se li mettete in guardia con i flash mob che vi aspettate di diverso

 
Alle 13 luglio 2012 18:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ma perchè non è possible che i lidi siano in regola?
Non ho capito perchè si deve vedere il marcio su ogni argomento.

 
Alle 13 luglio 2012 18:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

Magna magna???

 
Alle 13 luglio 2012 18:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

A SI HANN0 TUTTI BAGNI CHIMICI E CABINE N0N IN MURATURA ?HAHAHA E C0ME MAI ESERCIT0 CRDD P0MPIERI AER0NAUTICA HANN0 RIFIUTAT0 L'APPLICAZI0NE DEGLI STESSI PREZZI DI CUI USUFRUISC0N0 I MILITARI AI CITTATII BAC0LESI UN LETTIN0 A N0I (5 EUR0) CI0E' 0CCUPAN0 LE N0STRE SPIAGGE S0N0 ESENTI DA TASSE PERCHE' 0VVIAMENTE RAPPRESENTAN0 L0 STAT0 E INCREMENTAN0 LE L0R0 TASCHE C0N I S0LDI DEI BAC0LESI VIST0 CHE I L0R0 AGGREGATI PAGAN0 60 EUR0 AL MESE (CABINA 0MBRELL0NE E DUE SDRAI0)E IL LETTIN0 1 50 (UN BAC0LESE SCHIFAT0 PR0PRI0) LA LEGGE SI APPLICA A TUTTI 0PPURE A NESSUN0 (VERG0GNA)

 
Alle 13 luglio 2012 18:24 , Anonymous Antonio Carannante ha detto...

La talpa è al Comando Vigili.

 
Alle 13 luglio 2012 18:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

LEGGETE L'ARTIC0L0 DI PAC0 SMART RIGUARDATI LE TARIFFE DEI LIDI MILITARI A N0I CITTADINI DI BAC0LI CHE SCANDAL00000

 
Alle 13 luglio 2012 18:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ben detto. Fànn tròpp burdèll!

 
Alle 13 luglio 2012 18:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma che sono tutti questi commenti di stupore? E' come (per esempio) se la Polizia Di Stato, i Carabinieri,la Guardia Di Finanza e la Polizia Postale prima di fare controlli su una banda di clonatori di carte di credito,si facessero precedere da una manifestazione di tutti coloro che sono stati truffati. Ma perchè i clonatori...non dovrebbero far sparire tutto? Facìt tròpp burdèll!

 
Alle 13 luglio 2012 18:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Giulietti
Drin drin drin

 
Alle 13 luglio 2012 19:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

"Nudisti e tutto in regola" ???? !!!!! ma che è ? la Svezia ? no no , qualcosa non quadra ....
Maria Pia

 
Alle 13 luglio 2012 19:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Perchè credo che quando son passati loro di freebacoli, giorni fa, non era tutto in regola. Cioè i lidi hanno deciso di mettersi in regola, rispettare la legge e sono stati "fortunati" che appena fatto ciò è arrivato il pugno della legge coi controlli! Che fortuna....

 
Alle 13 luglio 2012 19:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

Perchè non lo hanno mai fatto.
Non è mica il primo anno che si fa caos per il DIRITTO alla spiaggia!

 
Alle 13 luglio 2012 19:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

Flash Mob di solidarietà con i nudisti!

Tutti nudi a miseno!!!

 
Alle 13 luglio 2012 19:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Perchè non chiedete un sopralluogo tra sabato e domenica?
quando non è cattivo tempo!

 
Alle 13 luglio 2012 19:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

...vedi che sulla tastiera del pc c'è la lettera "O" tra la "I" e la "P", oltre allo 0 (zero)!!!

 
Alle 13 luglio 2012 19:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

BRAVI OBIETTIVO RAGGIUNTO !
VIVA LA PROTESTA E IL CONTROLLO DEMOCRATICO !
E' SERVITO A RAGGIUNGERE MAGGIORE LEGALITA' !
ORA CONTROLLATE CHE DURI !

 
Alle 13 luglio 2012 20:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Oltre alle illegalità per quanto riguarda le spiagge, vi siete chiesti come mai fuori alla miliscola ci sono tutte strisce bianche? secondo voi queste non sono agevolazioni fatte ai lidi? Invece noi bacolesi oltre a pagare 30 euro all'anno per il tagliandino al comune siamo anche multati se non parcheggiamo nella zona di nostra residenza. Quindi visto che a noi comuni cittadini nessuno ci agevola direi di evitare di pagare queste 30 euro. Sarebbe un bel danno economico per i nostri vigili che si divertono tanto a metterci le multe. Che bello.

 
Alle 13 luglio 2012 21:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Cleonice Rubinacci
Da domani i residenti non potranno accedere alla spiaggia dell'esercito!!! E' stata passata parola dai gestori

 
Alle 13 luglio 2012 21:26 , Anonymous Anonimo ha detto...

Viviana Romano
la cosa non mi meraviglia

 
Alle 13 luglio 2012 21:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

Raffaele Cardamuro
i canarini di paese??????

 
Alle 13 luglio 2012 21:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il Comitato Spiagge Beni Comuni, oggi venerdì 13 luglio, prende atto da fonti giornalistiche riguardo il blitz delle forze dell’ordine sui litorali Miseno-Miliscola, in merito alle irregolarità di alcuni lidi privati denunciate pubblicamente durante la mobilitazione di sabato 7 luglio.
Il Comitato, nell’attesa di verificare la veridicità e la modalità dell’intervento da parte delle forze dell’ordine, auspica (da tempo) e richiede alle autorità preposte di ristabilire il ripristino della normativa vigente che, su gran parte del litorale, non è rispettata, in particolar modo riguardo: la distanza di 5 metri dalla battigia e il libero ingresso ai lidi privati.
Il Comitato ha pronto un esposto in merito a quanto denunciato pubblicamente con l’intenzione di presentarlo a distanza di una settimana dalla mobilitazione del 7 luglio, nel caso in cui le forze preposte non fossero intervenute. Se confermato anche nelle modalità auspicate dal Comitato, l’intervento di oggi va nella giusta direzione di quanto rivendicato durante la manifestazione di sabato scorso.
Il Comitato sottolinea che la normativa deve essere rispettata su tutto il litorale flegreo ed invita le Autorità preposte a sopralluoghi ripetuti su tutto il litorale.
13/07/2012
Il Comitato Spiagge Beni Comuni Area Flegrea

 
Alle 13 luglio 2012 21:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

Nicola Di Fiore
Non credo nella "soffiata", ma semplicemente nel fatto che protestare ha indubbiamente la sua efficacia e che, consapevoli del probabile controllo a seguito della vostra denuncia, i gestori abbiano prudentemente rimesso lettini e ombrelloni a misura. Ottimo lavoro, non sminuite la vostra iniziativa. Che la forza sia con voi!

 
Alle 13 luglio 2012 21:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

Comitato Spiagge BeniComuni AreaFlegrea
Noi ci auspichiamo che sia tutto in regola, soprattutto dopo l'evento di sabato. Nn vogliamo assolutamente multare gli stabilimenti, non è il nostro obiettivo, vogliamo che sia tutto in regola. Speriamo che sia veramente così. Continueremo a controllare dal basso attraverso iniziative pubbliche.

 
Alle 13 luglio 2012 22:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

no rischiano il sabato e la domenica mica sono cretini che mettono i lettini sulla battigia dall lunedì al venerdi comunque a me fà piacere che nn siano stati stati multati

 
Alle 13 luglio 2012 22:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

Per me la soluzione è questa:
"...SOPRALLUOGHI RIPETUTI...!"
Altrimenti è tutto un bluff e i Carabinieri hanno solo
dovuto/voluto dare un contentino a tutti coloro che hanno partecipato alla Flash mob, così,tanto per mettersi a posto!
Se ci fosse veramente la volontà di fare rispettare la legge
LORO sanno come fare e certamente NON con i controlli annunciati e unatantum come quello di oggi!
Chist' ce pigliano pe fess'!

 
Alle 13 luglio 2012 22:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

@nicola di fiore

...e col NOSTRO SPIRITO,
di civiltà, di legalità e di amore per il territorio!
Amen

 
Alle 13 luglio 2012 22:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Commento inutile

 
Alle 13 luglio 2012 23:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

MìChele Scotto Dì Carlo
be sicuramente un blitz pilotato... visto che hanno avuto il tempo di sistemare tutto e non oltrepassando il limite di 5 metri x il bagno asciuga.. be tutto un quadro di lontananza tra poco e agosto..e sicurament eandrebbero fatti controlli a sorpresa.. non sarebbe la stessa cosa,xke non rispettano le norme e regole,facendosi padroni

 
Alle 13 luglio 2012 23:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giacomo Perreca
carabinieri facitv nu tuff,e' megli

 
Alle 14 luglio 2012 00:14 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vorrei rammentare che si, è vero, in passato sono stati organizzati altri sit-in per il diritto alla spiaggia ma è altrettanto vero che i migliori risultati (1996 - 2001)si ottennero con dei veri e propri blitz condotti soltanto dai Carabinieri e dalla Guardia Costiera.

 
Alle 14 luglio 2012 01:35 , Anonymous vincenzo di meo ha detto...

prima di parlare cerca di capire di cosa stai parlando. sabato 7 i lidi non erano in regola, non rispettavano i 5 metri dalla battigia e la proprietaria del turistico solo dopo l'intervento dei carabinieri autorizzò il libero accesso a noi manifestanti. Ci sono i video, foto, nonchè la
presenza del maresciallo dei carabinieri che possono provare
tutto ciò

 
Alle 14 luglio 2012 01:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

Lucia de Cicco
dopo tutto quel clamore se lo aspettavano...no?

 
Alle 14 luglio 2012 09:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

Faccio una domanda all'anonimo del 13.07.2012 ore 18.09: Ma addò vai a ffà i bagni? Per fare l'affermazione che hai fatto devo pensare che tu ti rechi al Poggio, a Marina Grande o in un qualunque altro luogo che non sia il litorale Miseno Miliscola, perchè, in caso contrario dovresti recarti con urgenza da un bravo oculista!

 
Alle 14 luglio 2012 09:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

appunto era di sabato e nn erano in regola ma i controlli nn vanno nè il sabato nè la donenica (in qst gg cè il pienene)ora capisci

 
Alle 14 luglio 2012 09:17 , Anonymous Anonimo ha detto...

all' Anonimo13 luglio 2012 18:09. Ma addò camp? Certamnete non a Bacoli altrimenti non faresti questa affermazione.

 
Alle 14 luglio 2012 09:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mandate qualcuno a controllare oggi e domani.
E anche se il personale è tutto in regola.
Sui lidi "militari" ( sempre + civili ) certamente sì!

 
Alle 14 luglio 2012 11:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mi pare chiaro,i gestori hanno tolto tutto di mezzo prima che arrivassero i controlli.C'è stata dunque una soffiata.
Non poteva diventare ,quel lido, da marcio a paradiso così solo perchè i gestori si sono passati una mano sulla coscienza(che non hanno).
Per quanto riguarda il nudismo:sono d'accordo che li abbiano arrestati.Ci sono spiagge apposta per loro.
Al mare si va in costume da bagno ,non stanno mica a casa loro .
Valeria

 
Alle 14 luglio 2012 16:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vincenzo Panico
e cosa pensavate che facevano il proprio dovere non avete capito niente lunica cosa da fare casino ma poldarsi ke si risolva qualcosa cosi midispiace nn si risolve un be niente midispiace

 
Alle 14 luglio 2012 16:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Anna Masuottolo
ma è vero ke al lido esercito da oggi i residenti possono entrare pagando 3,50 euro?' mi sembra un ' assurditàààà!!

 
Alle 14 luglio 2012 17:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Antonio Otero
se la prendono sempre con gli indifesi.

 
Alle 14 luglio 2012 19:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Scotto d'Aniello Giustino
Da "Controlacrisi org" :SONO un bene comune, ma costituiscono un affare privato. Anche se appartengono giuridicamente allo Stato, e quindi a tutti i cittadini, le spiagge italiane vengono sfruttate - sul piano ambientale ed economico - da 30 mila aziende titolari delle concessioni demaniali con un esercito di 600 mila operatori, compresi quelli dell'indotto.
Dal 2001 a oggi, gli stabilimenti sono più che raddoppiati, passando da 5.368 a circa 12 mila, fino a occupare 900 chilometri di costa: un quarto di quella adatta alla balneazione, su un totale di ottomila chilometri. In pratica, uno ogni 350 metri, per un'estensione complessiva che arriva a 18 milioni di metri quadrati. A fronte di oneri concessori nell'ordine dei 130 milioni di euro all'anno a favore dell'erario, il fatturato di questa "industria delle spiagge" varia dai 2,5 miliardi dichiarati dai gestori (i contribuenti italiani più "poveri", con una media di 13.600 euro a testa) ad almeno uno di più stimato dalla Guardia di Finanza, per raggiungere i 6-8 ipotizzati da alcuni esponenti ambientalisti.
È contro lo sfruttamento intensivo di questo patrimonio pubblico che il Wwf diffonderà oggi un nuovo dossier, presso la Riserva naturale delle Cesine, in Puglia, sulla costa salentina.

 
Alle 14 luglio 2012 19:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Contemporaneamente, inizieranno i lavori di bonifica e rimozione dei rifiuti stratificati da anni lungo l'arenile, al confine dell'area. In poche settimane, la spiaggia tornerà così al suo originario splendore. "Questa è una giornata importante che ci permette di ringraziare tutti gli italiani, gli amici e i partner che hanno contribuito alla campagna "Un mare di Oasi per te", presentando il risultato concreto della loro partecipazione", dice Gaetano Benedetto, direttore delle Politiche ambientali dell'associazione. E ora il Wwf chiede di condividere con la Regione e gli altri enti locali un progetto di manutenzione costante, per garantire la bellezza e la vivibilità della spiaggia.
Un fenomeno particolarmente allarmante riguarda la progressiva scomparsa delle dune di sabbia, "costruite" nel tempo dall'azione del vento e invase ormai dalle file di ombrelloni e sedie a sdraio, dai chioschi, dai campetti di calcio o beach-volley. Nell'ultimo mezzo secolo, si sono ridotte da una lunghezza complessiva di 1.200 chilometri a circa 700. Ma quelle ancora "attive", in grado cioè di svolgere la loro funzione naturale di barriera protettiva, coprono appena 140 chilometri.
In un periplo ideale della Penisola, il Wwf presenta un check-up generale delle spiagge nelle quindici regioni costiere italiane. L'associazione ambientalista ha accertato così che nella maggior parte dei casi non è stata stabilita neppure una percentuale minima di arenile da riservare alla libera balneazione. Anche la "fascia protetta" di cinque metri dalla battigia molto spesso è più affollata di una strada dello shopping e diventa quindi impraticabile.
La Regione più virtuosa risulta la Puglia, con una quota di spiagge libere pari al 60 per cento del litorale, comprese però le foci dei fiumi e le infrastrutture, come i porti. Altrove, si aggira intorno al 20-25 per cento. Ma in genere la competenza viene delegata ai Comuni e ognuno si regola come crede. Qui manca il Piano paesaggistico regionale, lì non esistono norme né programmi specifici per la tutela delle coste. In questo bailamme, c'è perfino chi propone in Parlamento di estendere le concessioni demaniali da 20 anni a 50, con il rischio di favorire così la trasformazione di strutture stagionali in impianti fissi o addirittura in edifici, stimolando un'ulteriore cementificazione del litorale. Eppure, dal 2006 una direttiva comunitaria sulla circolazione dei servizi - che prende nome dal politico ed economista olandese Frederik Bolkestein - impone la modifica di questi contratti con lo Stato, in base alle regole della concorrenza. Evidentemente, una spiaggia assegnata in concessione a un privato per mezzo secolo non sarà mai più pubblica né tantomeno libera.

 
Alle 15 luglio 2012 10:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giusy Monica
ma poi xkè intervengono i carabinieri di Pozzuoli???...quelli di Bacoli "puzzano"??...mmm..sconcertata...da queste forze dell ordine..che poi tanto ordine nn fanno nel nostro paese...ikiskif!!

 
Alle 15 luglio 2012 13:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

se il bagno del lido è sequestrato, domando, dove posso..?

 
Alle 15 luglio 2012 18:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

A mare!
Credimi, nessuno noterà la differenza!
Uno st...zo in meno, uno st...zo in più,
sempre m..da è, sarà in buona compagnia!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page