This page has moved to a new address.

VIDEO - Due Auto Incendiate nella Notte, Botti e Fiamme alla "Sella di Baia": Grave Ritardo dei Pompieri

Freebacoli: VIDEO - Due Auto Incendiate nella Notte, Botti e Fiamme alla "Sella di Baia": Grave Ritardo dei Pompieri

lunedì 23 luglio 2012

VIDEO - Due Auto Incendiate nella Notte, Botti e Fiamme alla "Sella di Baia": Grave Ritardo dei Pompieri

Due macchine in fiamme nel cuore della notte tra Baia ed il Fusaro, in via Terme Romane: il grave ritardo dei pompieri trasforma un piccolo incendio ad un cumulo di erbacce, nell'incenerimento di due autovetture.

Poteva concludersi in ben altro modo l'incendio scaturito poco prima dell'1:00 di stanotte presso la Sella di Baia, all'interno dello spiazzale distante pochi metri dal cancello d'ingresso delle "Terme di Baia".

Paura, apprensioni ed irreparabili danni a cose, certamente evitabili nel caso in cui fosse prontamente accorsa sul posto un'unità di pronto intervento che, dalle prime chiamate dei testimoni oculari della vicenda, ha impegato circa 30 minuti per raggiungere l'area interessata dalle fiamme e, di riflesso, da una spessa nube nera che rendeva l'aria irrespirabile.

La Cronaca dell'Incendio

Erano da poco passare le 00:45 quando ad andare in fiamme sono state delle erbacce poste ai margini della strada, tra il marciapiede della via scoscesa che dalla "Sella di Baia" porta verso i cantieri "infiniti" della nuova stazione baiese, ed un'aria di parcheggio incustodita posta difronte l'incrocio si cui confluiscono almeno tre strade cittadine.

Poche e sparute fiammelle che via via, approfittando dell'erba secca figlia dell'intenso caldo degli ultimi giorni, si facevano largo lungo il muro di cinta lì presente, coinvolgendo un albero e traformando le fiamme in un rogo difficilmente avvicinabile.

Uomo Cerca di Spegnere l'Incendio con un Estintore/1



Da questo momento in poi la notizia si diffondeva velocemente e più di qualcuno cercava di contattare i vigili del fuoco: ma il numero, senza alcuna giustificazione, era occupato. Il 115, numero d'emergenza, era irraggiungibile.

Due Auto Minacciate dalle Fiamme.

La situazione, già di per sè complicata, potrebbe di lì a breve trasformarsi in qualcosa di ben più grave: proprio lì vicino erano parcheggiate due autovetture, una Matiz color verde ed una Stilo color grigio.

Per questo motivo un temerario ristoratore di un pub della strada, decideva di "fare da sè", avvicinandosi all'incendio e domandolo attraverso l'utilizzo di un'estintore. Ma lo "strumento" era inadeguato ed il tentativo risultava essere del tutto vano.

I Pompieri Partono da Monteruscello

Intorno all' 1:03 i pompieri, sollecitati dai carabinieri di Pozzuoli, erano nuovamente raggiungibili, prendendo così atto di quanto stava avvenendo alla Sella di Baia. Di qui in poi partiva l'iter procedurale per smistare la prima "autobotte" disponibile verso l'area a rischio.

Era da poco passata l'1:00 di notte ed il mezzo di soccorso, per giungere a Bacoli, doveva partire da Monteruscello.

Intanto la situazione evolveva in peggio di minuto in minuto.

Prima Macchina Incendiata: Botti e Fumo Nero

Le fiamme, non domate, avvolgevano prima la parte posteriore della Matiz, poi le ruote, poi la fiancata sinistra e, in una decina di minuti, avvolgevano l'intera macchina. Combustione a cui seguivono botti e scoppi continui, ed una nube altamente tossica sempre più spessa e scura.

Difficile era poi la gestione del traffico veicolare che, in mancanza delle tardive forze di controllo (carabinieri, polizia), veniva coordinato alla "meno peggio" dai cittadini. L'incendio, col rischio di uno scoppio improvviso, non era difatti facilmente visibile, poichè nascosto in un angolo di una curva.

Traffico in Tilt

E così urla e e braccia alzate servivano per spingere automobilisti e centauri ad interompere la propria corsa e ad evitare di attraversare via Terme di Baia. Nello stesso tempo altri cittadini cercavano di domare l'incendio, inutilmente, gettandovi sopra secchi d'acqua.

Le Fiamme Avvolgono la Prima Macchina/2



Nulla però serviva per fermare il tempo ed accellerare l'arrivo dei pompieri. Dopo la prima macchina, ad andare a fuoco, era anche la fiancata destra della Stilo.

L'Arrivo dei Vigili del Fuoco
Si giungeva poi, tra l'incredulità dei presenti, sin oltre l'1:25 quando le sirene blu dell'"l'autobotte", giiungevano a destinazione fermando, tra qualche difficoltà a causa di ulteriori borri, l'espandersi del rogo.

Con loro, in concomitante ritardo, accorevano anche due autovetture dei carabinieri e, dopo qualche minuto, un'ambulanza.

La prima macchina era oramai del tutto incenerita, mentre la seconda riportava seri danni alla fiancata destra.


Resta però inaccettabile apprendere un dato inconfutabile: quasi trenta minuti per effettuare un intervento di prima necessità è un tempo assolutamente inadeuato per circostanze emergenziali.

Bacoli ha Bisogno di una Seria Postazione di Emergenza

Basterebbe difatti dire che, se i vigili del fuoco fossero giunti sul posto dopo 10 minuti dalla prima chiamata, entrambe le auto potevano essere facilmente sottratte alle fiamme.

Un dato su cui riflettere, che lancia un "sos" a cui dare risposte immediate. E' impossibile per un territorio come quello della città di Bacoli, dove gli incendi d'estate sono più che quotidiani (sopratutto in località via Spiagge Romane"), non avere un presidio costante di mezzi utili ad accorciare drasticamente i tempi di intervento.

In un paese devastato dalle fiamme, dove tra l'altro insiste in Miseno un lido interamente occupato proprio dai vigili del fuoco, si ha la necessità di provvedere a sistemare una seria unità di crisi che possa permettere, attraverso la prevenzione, di trarre conclusioni esatte dalla cronaca nera locale, evitando nel futuro prossimo ulteriori episodi del genere.

Non agire, lasciando cadere nuovamente il tutto nel limbo più oscuro, significherà assecondare una carenza di soccorsi che, anche dinanzi a lavoratori certamente validi ed attivi, apre falle incolmabili senza un'organizzazione seria e scupolosa capace di tenere effettivamente conto delle criticità territoriali.






Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

16 Commenti:

Alle 23 luglio 2012 07:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

Abbiamo necessariamente necessità che alcuni "servizi" di primaria utilità siano più vicini a noi. Vigili del fuoco, un punto di primo soccorso sanitario e non ultimo credo sia arrivato il momento di una caserma della polizia. Il territorio oramai è troppo vasto per i pochi Carabinieri della stazione di Bacoli.

 
Alle 23 luglio 2012 08:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

Scusate, ma i proprietari delle due auto dov'erano?

 
Alle 23 luglio 2012 09:26 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ylenia Giugno
Guarda nn ne parliamo...questa notte sn stata io a dare l'allarme ai vigili che ovviamente non hanno risposto per ben mezz'ora...poi ho provato con i carabinieri e dopo quasi 3/4 d'ora dall'inizio dell'incendio sn venuti i vigili del fuoco quando ormai le macchine erano completamente bruciate e che continuavano a scoppiare...si poteva evitare benissimo questa tragedia...

 
Alle 23 luglio 2012 09:44 , Blogger antonino ha detto...

Nei giorni scorsi è successo anche a me che il 115 risultasse irraggiungibile. Non vorrei che fosse una cattiva abitudine.
Il telefono ha squillato, si immette una segreteria telefonica per un intero minuto e poi cade la linea senza che nessuno abbia risposto. Il fatto non è stato sporadico: ho provato almeno quattro volte.
Voglio capire che di giorno il centralino sia intasato, ma all'una di notte non è possibile.

 
Alle 23 luglio 2012 10:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

se le sterpaglie, che lungo i marciapiedi di bacoli, crescono in abbondanza, quando non rimosse subito da chi di dovere provocano i problemi di cui si parla............. sindacoooooo, mo veng, dove sei????

 
Alle 23 luglio 2012 10:25 , Anonymous Alfonso ha detto...

Ecco cosa succede a voler tagliare indiscriminatamente le risorse ai servizi di pubblica utilità (sanità e sicurezza in primis). Magari a comporre il 115 da Bacoli nelle ore notturne risponde una sala operativa presidiata da un solo operatore che copre tutta la provincia di Napoli (se non addirittura la regione). Qualcuno ha provato a chiamare direttamente il distaccamento di Pozzuoli allo 081/5247340? Magari l'intervento sarebbe stato più celere.
Non dimentichiamo che sabato mattina l'intervento sulla Panoramica è stato più sollecito.
Piuttosto si sa quali siano state le cause dell'incendio, visto che ci troviamo nel paese dei fuochi d'artificio selvaggi?

 
Alle 23 luglio 2012 10:30 , Blogger freecappella ha detto...

Chiediamo all'amministrazione 3 cose: 1) Un primo soccorso visto che il piu vicino ospedale si trova a pozzuoli!
2)Una Questura della polizia visto che i carabinieri di bacoli sono pochi e non riescono a controllare tutto il paese
3)Uno stazionamento per i vigili del fuoco visto che si trova a monteruscello e come in questo caso non arrivono in tempo... e se si trattava di una casa in fiamme con persone dentro? che fine avrebbero fatto? !?

 
Alle 23 luglio 2012 10:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

I pompieri hanno tardato perchè stavano ancora spegnendo le fiamme a montegrillo ehehehehe

PAssatemi la battuta!

 
Alle 23 luglio 2012 10:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

1)Primo soccorso c'era. Bisognava protestare di più quando lo han tolto.
2)Ma perchè la questura la deve fare il sindaco?
3)Sarebbe troppo costoso e per fortuna è un esigenza rara. Quello su cui bisognerebbe puntare è la prevenzione, in termini di sicurezza impianti, informare sulle cose da evitare... Se ognuno avesse un piccolo estintore in casa, basterebbe in cucina a portata di mano.

Me

 
Alle 23 luglio 2012 11:13 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gervasio Illiano

ma soprattutto xke quando abbiamo chiamato i pompieri (e non solo una volta!!!) il numero era occupato???? meno male ke si tratta di numeri di emergenza

 
Alle 23 luglio 2012 11:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vincenzo
Xciò Folletto Pironti cmq con sti fuochi d'artificio hanno stressato...vorrei capire ogni santissima sera, cosa cavolo hanno da sparare??????????????fate pagare i danni al locale che ha sparato i fuochi!!!!!!!!111

 
Alle 23 luglio 2012 16:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mario Marino
e mo chi paga????

 
Alle 23 luglio 2012 16:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

Licenziate un po di vigili e dateci una stazione di carabinieri efficiente che funzioni anche di notte ,un autoambulanza e un automezzo dei pompieri per i primi soccorsi .E non vi giustificate sempre con la scusa ..Non ci pagano lo straordinario ...Diminuite le ore di servizio giornaliere e fate i turni di notte di 4 ore ..un sistema lo trovate volendo !!!..Bacoli di notte e abbandonata da tutti ..

 
Alle 23 luglio 2012 16:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

L'assenteismo e il menefreghismo di chi ha il posto fisso e lo stipendio sicuro .Come siamo ridotti povera italia tra l'altro pagati con i nostri contributi .l'italia l'unico paese piu' tassato al mondo ,e queste sono le conseguenze .

 
Alle 23 luglio 2012 19:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma pensate mentre scrivete???......

 
Alle 23 luglio 2012 19:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

Luisa Costigliola
QUESTO SCEMPIO QUANTI GIORNI RESTERà COSì???

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page