This page has moved to a new address.

Il Comune Specula Anche Sui Morti, Spese Folli per le Lampade Votive: Chiesti 200mila € ai Bacolesi

Freebacoli: Il Comune Specula Anche Sui Morti, Spese Folli per le Lampade Votive: Chiesti 200mila € ai Bacolesi

domenica 5 agosto 2012

Il Comune Specula Anche Sui Morti, Spese Folli per le Lampade Votive: Chiesti 200mila € ai Bacolesi

Il Comune non ha soldi e la speculazione ai danni della popolazione coinvolge anche il cimitero comunale: costi folli per le lampade votive al cimitero di via Torre di Cappella.

A pagarli saranno, per un'elevata percentuale, i parenti dei deceduti che riposano in cimitero tra tombe, loculi e cappelle gentilizie.

Che il Bilancio comunale ristagnasse in una condizione di assoluta precarietà era un dato ben noto all'intera popolazione ed a tutti i consiglieri chiamati a votarlo in Assise. Ma da qui a pensare che lo stesso potesse spingere (e quindi giustificare) la Giunta a mettere le mani nelle tasche di chi abitualmente visita il cimitero bacolese, era veramente impensabile.

Ebbene, confermando un andazzo inconcepibile che nel corso degli anni ha trasformato il "camposanto" cittadino in una fontana da cui continuamente scorrono migliaia e migliaia di euro diretti verso i portafogli di esercenti privati, anche il Municipio di via Lungolago ha deciso di allungare le mani della riscossione puntando verso i "lumini cimiteriali".

Una Spesa Folle di 330mila euro

Opportunità proposta alla popolazione, individuata come "servizio a domanda individuale", per cui rappresentanti dell'Esecutivo e dirigenti pubblici hanno strutturato una modalità di pagamento e di definizione dei costi tanto imbarazzante quanto inverosimile.

Difatti basta leggere la delibera di Giunta n.175 del 9.7.2012 (votata da tutti i componenti della maggioranza) per comprendere come la compagnia guidata dal sindaco Ermanno Schiano preveda di spendere in un solo anno, per il servizio "lampade votiva", la cifra "fittizia" di ben 330mila euro.

Di questi, addirittura 200mila saranno posti sulle spalle della popolazione locale, per una copertura della somma pari al 60% del totale.

Ma a cosa serve tanto denaro? E' mai possibile prevedere di spendere oltre 600 milioni elle vecchie lire per far accendere e controllare i lumini al cimitero?

Un'enormità suddivisa, attraverso una sorta di business-plain, nei seguenti capitoli:
  • 285mila euro per il personale
  • 20mila euro per consumi elettrici
  • 25mila euro per acquisto di materiale
 Oltre Dieci Dipendenti per Accendere i "Lumini"
Messaggio abbastanza chiaro: il Comune di Bacoli spende (o almeno così asserisce) addirittura 285mila euro per pagare dipendenti addetti a questo specifico settore.

E se ogni addetto pubblico costa alla comunità 35/40mila euro all'anno, significa che circa otto stipendi pieni sono garantiti soltanto da questa somma. A ciò poi bisogna aggiungere che spesso vengono computate cifre forfettarie (afferenti a dipendenti che hanno più mansioni e quindi dedicano solo parte della giornata al cimitero) e per questo è da ritenersi che gli uomini interessati a questa specifica mansione superano la decina.

Tra i dieci ed i tredici dipendenti posti sul groppone della comunità cimiteriale.

Cifre del tutto sballate che, difficilmente, corrispondono alla realtà dei fatti ma che, d'altra parte parte, aprono uno scenario effettivamente sconcertante: ciò che si configurava come un semplice "servizio a domanda individuale" è stato trasformato in un'entrata fondamentale per la stabilità del Bilancio comunale.

Ed a confermare questa tesi sono gli stessi fautori del diabolico stratagemma.

Sindaco e Dirigenti Confermano la "Nuova Tassa"

"Non capisco le polemiche. Siamo in un periodo di forte crisi economica e non sappiamo come pagare i dipendenti. E' oramai una realtà che i servizi a domanda individuale sono indispensabili per la vita dell'ente comunale", ha asserito il primo cittadino in Consiglio rispondendno alle critiche dell'opposizione.

Senza dimenticare la relazione sottoscritta sia dai revisori dei conti che dal responsabile del settore economico dell'ente comunale, in cui si evince che la stabilità del Bilancio è garantita anche attraverso i servizi a domanda individuale (soprattuto quelli di "ormeggio" e "sosta a pagamento").

"Modus operandi", quello di speculare anche sui morti, che si è trasformato in una sorta di vessillo di battaglia per l'amministrazione Schiano che già con delibera di Giunta municipale n. 19 del 14.05.2010, aveva stra-aumentato la tariffa da pagare per la copertura dei costi delle operazioni di inumazione ed esumazioni che da 50 euro lievita sino a ben 200 euro.

Un cimitero trasformato, senza alcuna dignità, in banca d'oro e denaro.

Ecco quindi la linea guida seguita dalla maggioranza alla guida della città: depredare i vivi, tassare i morti.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette:

14 Commenti:

Alle 5 agosto 2012 14:22 , Anonymous Anonimo ha detto...

Siamo un paese di magna magna... sarebbe ora che l'amministrazione si mettesse un po a dieta!!!
Enza

 
Alle 5 agosto 2012 14:46 , Anonymous carmela ciotola ha detto...

tutti questi dipendenti nel cimitero comunale, ma sosa fanno? io li vedo sempre fuori al cancello in attesa di una salma per disputarsi la mazzetta dei familiari, questo è l' unico lavoro che fanno per il resto basta guardarsi intorno.

 
Alle 5 agosto 2012 14:55 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bacolese caccia i soldi bacolese caccia i soldiii... bacolese caccia i soldi bacolese caccia i soldi...

 
Alle 5 agosto 2012 16:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mario Capuano
un idea di 'far- soldi' veramente.....illuminante!

 
Alle 5 agosto 2012 17:38 , Anonymous angelo nero ha detto...

boicottiamo le lampade votive e spendiamo quei soldi in azioni buone degne della memoria dei defunti!!!
amministratori smettetela di fare i ragionier Fantozzi della situazione e combattete seriamente l'evasione fiscale dei corpi produttivi locali (alias ristoranti).non ricordatevi di loro solo per le vostre campagne elettorali!!!!!!

 
Alle 5 agosto 2012 17:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

Viviana Romano
se propio uno ci tiene si potrebbe tornare al vecchio lumino e lasciare questi al buio illuminatevi gente.....

 
Alle 5 agosto 2012 17:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

LA dignità di un popolo calpestata da fantomatici sanguisughe che colpiscono alla schiena il popolo affamato. Ci sarebbero tutti gli ingredienti utili per dare qualche strattone e qualche calcio a chi dalla poltrona crede di poter comandare come qualcuno un tempo regnava sui popoli d?oriente e d'occidente. Non meravigliatevi miei cari dei Vs assessori amati poichè vergognatevi di più di chi (maggioranza del Consiglio) promettendo vi sta beneamatamente inc..... sostenendo Pulcinella e company

 
Alle 5 agosto 2012 18:21 , Anonymous . ha detto...

A Bacoli, forse non sanno che a Napoli c'è stata una maxi retata per gli "affari" correlati ai poveri defunti, speriamo che facciano "luce" anche a Bacoli.

 
Alle 5 agosto 2012 19:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

Pasquale Nicolella
Il Comune, invece di spremere i cittadini, dovrebbe controllare meglio la sosta selvaggia sul porto di Baia che pupula di parcheggiatori abusivi ecc.ù

 
Alle 5 agosto 2012 20:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vincenza Zannotti
é uno schifo totale speculare anche sui morti poi cè meraviglia quando si fà qualcosa tra vivi,tra vivisi specula sui morti travivi e vivi si specula ma dovevogliono arrivare?Almeno dai racconti di mio nonno prima cerano gli uomini ,UOMINI.esseri umani in pratica adesso non sò definirli ,non mi viene nessuna definizione nella mente .,forse è la mia mente che si rifiuta di tutto questo arrivarema dove non sò ,anche loro entreranno in quel fosso ,no ci ho ripensato è lamente di questi uominiche è malata ,malata dal profumo dei soldi ,che tristezza

 
Alle 6 agosto 2012 00:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

Meno due canoni, grazie Ermanno, io non rinnovo.
Diamo la risposta così.

 
Alle 6 agosto 2012 14:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

A questo punto non conviene neppure più morire ...che tristezza.
Valeria

 
Alle 6 agosto 2012 17:10 , Anonymous GIANLUCA SCHIANO ha detto...

Se aumenti il canone attuale di 37,00 euro all'anno, io non lo rinnovo più, a partire proprio dall'anno prossimo....
quindi, oltre a non guadagnare l'aumento, caro Sindaco, perdi pure i 37,00 euro annui attuali che, per quest'anno, ho, peraltro, da poco, pagato. Perderai "a Ciccil ed il panaro"...
e, poi, io, solo la corrente debbo pagare, nient'altro! Quindi, se è così, il contratto, chiederò di farlo direttamente con la società erogatrice del servizio di fornitura di energia elettrica. Perché, se è solo la corrente a 12 volt che io debbo pagare, lo devo fare tramite il Comune? Non mi piego! Faccio causa! Io voglio pagare direttamete all'Enel e non voglio dal Comune alcun altra prestazione. Né! Ermà, come la metti a nome?
Senza dimenticare che nella prossima campagna elettorale bastono te, i tuoi assessori e soprattutto i consiglieri che, con il loro voto, stanno approvando, di volta in volta, questi aumenti a danno dei cittadini; ti bastono proprio su tutti gli aumenti, dall'inizio alla fine, che hai fatto a danno dei nostri concittadini, caro Sindaco: a cominciare da quelli sui morti (poi, contatori dell'acqua, immissione in fogna, diritti di segreteria in materia urbanistica, addizionale sull'energia elettrica, spazzatura 2010 e 2011; I.M.U., ecc;).
In occasione della prossima campagna, gli aumenti di tasse, canoni, diritti, ecc., li sciorino in ogni comizio ed in ogni casa, uno ad uno; racconterò, ad uno ad uno, gli aumenti che tu ed il tuo vice avete fatto, senza vergogna, speculando finanche sui morti! Io, già in precedenza, ti ho fatto il manifesto....
devi vedere dopo che sono capace di fare...

 
Alle 6 agosto 2012 17:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Jeanpierre Stantina
non si puo neanche piu riposare in pace!!!!!!!!!!!!!!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page