This page has moved to a new address.

Convegno Internazionale alla Casina Vanvitelliana: Studenti Francesi tra Cuma e Fusaro

Freebacoli: Convegno Internazionale alla Casina Vanvitelliana: Studenti Francesi tra Cuma e Fusaro

giovedì 4 ottobre 2012

Convegno Internazionale alla Casina Vanvitelliana: Studenti Francesi tra Cuma e Fusaro

Arte e Cultura si incontrano domani, Giovedì 4 Ottobre alle ore 9:30, nel suggestivo scenario della Casina Vanvitelliana del Fusaro, per dare vita ad un convegno dal titolo "Transgressions: Pensèe mèditerranèenne versus penser les Mèditerranèes" ( Trasgressioni: Pensiero Mediterraneo contro al Pensare Mediterraneo )

La giornata si svilupperà con un programma di studi con il quale si ha intenzione di evidenziare il fascino dell' influenza della cultura mediterranea all' interno dell' Unione Europea. Il seminario rappresenta l'inizio di una serie di interventi volti ad abolire barriere e confini internazionali, nonchè favorire la costituzione di uno spazio libero di confronto e scambio culturale tra soggetti provenienti dai diversi stati membri.

Un Meeting Internazionale

Il progetto, al quale parteciperanno gli esponenti di numerose Università Europee, è stato realizzato in collaborazione con il Gruppo di Ricerca internazionale "Transmed" dall' OFAJ di Berlino ( Office franco-allemand pour la Jenuesse ) dal Collège International de Philosophie di Parigi e dal Dipartimento di Filosofia “A. Aliotta” dell' Università Federico II di Napoli. Interverranno al convegno i professori Giuseppe Cacciatore, Franco Cassano dell' Universita A.Moro di Bari, e Markus Messling i quali, nel corso della giornata presenteranno anche la rivista "Civiltà Mediterranea 2012"

"...Un seminario internazionale di studi che collega il gruppo di ricerca della scuola italiana con quella francese – spiega il dott. Fabrizio Lo Monaco, relatore che aprirà il dibattito – abbiamo scelto Bacoli per il suo valore simbolico, culturale ed archeologico che ricopre all’interno dell’area mediterranea..."

Evento Culturale aperto al Pubblico

Oltre ai numerosi studenti universitari ( provenienti maggiormente dalla Facoltà di Lettere e Filosofia ), il seminario sarà aperto al pubblico e disponibile a chiunque voglia prendervi parte. Un' occasione quindi che oltre a costituire un raro momento di aggregazione culturale ( presenti in aula vi saranno anche studenti stranieri ), rappresenta anche un' iniziativa da incentivare affinchè lo speciale scenario archeologico e naturalistico di Bacoli possa diventare un polo di riferimento per eventi internazionali di questo tipo.

Ed è sempre dalla Francia che provengono gli archeologi del Centre Jean Bèrard che dal lontano 94 lavorano incessantemente nella vicina frazione di Cuma, grazie ai fondi investiti dal governo transalpino. Da oltre 20 anni infatti, i ricercatori sviluppano studi all' interno dei beni culturali di casa nostra, vantando uno staff di tecnici provenienti persino da Spagna e Giappone i quali oltre a rappresentare un emblematico esempio di sinergia internazionale, costituiscono un gruppo polispecialistico e composto non solo da archeologi, ma anche da chimici, fisici, architetti e geologi.

Archeologi transalpini

Senza contare che ogni anno nuovi studenti francesi laureandi e specializzandi nelle varie discipline sopra elencate vengono periodicamente inviati su territorio flegreo ( a spese del ministero dell' istruzione parigino ) per approfondire le proprie conoscenze e testare le nuove tecnologie che la scienza rinnova di volta in volta.

Tra l' altro vi ricordiamo, che tra le operazioni portate a termine proprio dagli studiosi in questione ( sinergicamente ad altri enti regionali ) vi sono proprio le scoperte di nuove necropoli a Cuma nello scorso mese di Agosto nonchè il recupero delle sculture risalenti al IX secolo a.C. esposte all' interno delle sale del Castello di Baia.

Un piccolo segnale che dimostra quanto questo territorio possa offrirci se solo si volesse, soprattutto politicamente, valorizzarlo nella giusta maniera.

M.Rosaria Schiano
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , , ,

3 Commenti:

Alle 4 ottobre 2012 11:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

assurdooo .. siete i primi da cui sento la notizia. ma che razza di modo è di organizzare dei meeting!!

 
Alle 4 ottobre 2012 15:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mario Capuano
come al solito una manifestazione cosi' importante la conosciamo 'solo' il giorno prima e meno male che c'e' free-bacoli. si perche' il comune si e' guardato bene dal farlo sapere agli 'ignari autoctoni' (ammesso che il comune ne sia al corrente). a questo si aggiunga che, alle 9,30 del mattino alla casina vanvitelliana 'a stento' ci sara' il custode! come tutte le manifestazioni 'da noi', anche questa e' destinata a fare 'fetecchia'. pensate se un evento del genere fosse impostato in modo piu'organizzato e di pomeriggio tardi! sarebbe una grande pubblicita' per noi poveretti! invece questi signori vengono, vedono,sfruttano, sporcano e nn restano nemmeno a mangiare e dormire....insomma un altro 'mordi e fuggi' questa volta piu' di lusso....AD MAJORA!

 
Alle 4 ottobre 2012 16:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

Antonio Scotto di Luzio

Siamo convinti che un evento culturale di così grande importanza non possa non attribuire prestigio al nostro patrimonio culturale!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page