This page has moved to a new address.

Vince il "Celluvale", I Cittadini Riciclano Cellulari e Donano 85 € al Comune

Freebacoli: Vince il "Celluvale", I Cittadini Riciclano Cellulari e Donano 85 € al Comune

lunedì 8 ottobre 2012

Vince il "Celluvale", I Cittadini Riciclano Cellulari e Donano 85 € al Comune

Vi proponiamo l’intervista a Gerardo Taglianetti responsabile commerciale dell’azienda ilcelluvale.it che si è occupata del ritiro e del riparo dei cellulari raccolti grazie all’aiuto di voi lettori e dei vari commercianti.

Quando e dove nasce la sua azienda e di cosa si occupa?

La nostra azienda nasce a Salerno nel 2009 e si occupa del recupero di vecchi cellulari. L’azienda permette a chiunque di vendere il proprio cellulare usato, anche rotto, il quale viene riparato e rivenduto a sua volta. La nostra è una piccola realtà che lavora non solo su tutto il territorio nazionale, ma anche all’estero. Infatti i cellulari raccolti, che in italia la moda ha messo da parte, vengono rivenduti a prezzi modici ai paesi in via di sviluppo, come l’Europa dell’est o Sud America.

L'Attività dell'Azienda


La vostra azienda ha risentito della crisi, oppure molti clienti hanno cellulari più economici?

Purtroppo la nostra azienda ha risentito della Crisi e anche per noi c’è stato un calo delle vendite, però la crisi ha reso i clienti più attenti, i quali ci hanno pensato due volte prima di comprarsi un nuovo cellulare, infatti sono aumentate di molto le richieste di riparazioni non solo per gli smartphone ma anche per i cellulari più economici. Quindi in molti hanno scelto la soluzione più virtuosa evitando la rottamazione e a volte la soluzione peggiore di tutte, quella di gettare un vecchio cellulare nella spazzatura.


Ci sono altre associazioni che hanno intrapreso la nostra stessa iniziativa?

Si le onlus, i comitati, le associazioni che hanno intrapreso questa iniziativa sono davvero tanti e provengo da ogni parte di Italia, questo è dovuto principalmente al nuovo tipo di mentalità che giorno dopo giorno cresce in Italia  ovvero quella del rispetto dell’ambiente. La quale permette non solo di aiutarlo, ma anche di guadagnare un piccola somma che alle associazione che hanno diverse spese da affrontare non può che aiutarle.


Una Risposta Concreta a Chi Non Ascolta le Nostre Proposte


In che modo le aziende possono collaborare con voi?

Tutti i negozianti di telefonia mobile possono collaborare con i modi elencati sul nostro sito
http://www.ilcelluvale.it/affiliati.php?sub_section=negozianti , adesso la collaborazione del tipo celluvalepoint altro non è che un metodo alternativo alla piattaforma online , grazie alla quale possono raccogliere vecchi cellulari e ricevere una parte del guadagno totale e più visibilità a costo zero.

Si pubblica quindi di seguito la fattura, di cui è stata beneficiaria il Comune di Bacoli, per una cifra di 85 euro. Denaro raccolto, senza alcuna spesa, "riciclando" soltanto un centinaio di cellulari, per un servizio reso attivo per qualche settimana.

Immaginate quindi di quanto potrebbero lievitari gli introiti se il Municipio, attraverso l'amministrazione Schiano, il X Settore e la Flegrea Lavoro, cominciasse realmente a vivere il rifiuto come un guadagno reale per la collettività e, di riflesso, uno sgravio sulla TARSU di ogni contribuente.

Clicca sull'Immagine per Ingrandirla



Antonio Carannante
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

5 Commenti:

Alle 8 ottobre 2012 17:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

cosa dire di più
BRAVI!!

 
Alle 8 ottobre 2012 18:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

antonio scotto di luzio

Viva Mario Monti e le sue leggi di finanza pubblica!!!

 
Alle 8 ottobre 2012 20:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

Complimenti!!

 
Alle 9 ottobre 2012 22:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mony Scotto
perché non è già assai quello che mangia il comune dobbiamo pure rottamare vecchi cellulari per donare soldi a loro ?!

 
Alle 10 ottobre 2012 11:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

I soldi saranno destinati sempre per migliorare la raccolta differenziata. Antonio carannante

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page