This page has moved to a new address.

Spiagge di Bacoli, Lezione di Civiltà dal Liceo "Seneca" e Scuola Media "Paolo di Tarso"

Freebacoli: Spiagge di Bacoli, Lezione di Civiltà dal Liceo "Seneca" e Scuola Media "Paolo di Tarso"

domenica 7 ottobre 2012

Spiagge di Bacoli, Lezione di Civiltà dal Liceo "Seneca" e Scuola Media "Paolo di Tarso"

Anche quest’anno è tornata l’iniziativa di volontariato ambientale “PULIAMO IL MONDO” , organizzata da Legambiente, che nella regione Campania e in tutta Italia ha visto l’impegno di molti giovani.

 ”Puliamo il mondo vuole ripartire dalle scuole” spiega Vanessa Pallucchi, responsabile del settore scuola Legambiente; è importante infatti sensibilizzare i ragazzi sul tema dei rifiuti e sull’importanza della raccolta differenziata. 

Lo scorso 29 settembre, i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Paolo di Tarso, quelli del Liceo scientifico Lucio Anneo Seneca ed altri giovani volontari, insieme ai loro Docenti e alla SpA Flegrea Lavoro, sono stati impegnati nella pulizia della spiaggia di Marina Grande di Bacoli.

I Giovani per Tutelare l'Ambiente

La prima impressione di chi ha visto i volontari all’opera è che i giovani sono consapevoli del fatto che bisogna salvaguardare l’ambiente che ci circonda, curarlo e rispettarlo e sono pure esperti, tranne qualcuno più giovane o maldestro, nel differenziare i rifiuti. 

Premesso che sono i piccoli gesti che contano e che ognuno nel suo piccolo può contribuire alla realizzazione di qualcosa di più grande, è opportuno pure essere coinvolgenti educatori, promotori in prima persona, affinché la raccolta dei rifiuti diventi da cittadinanza attiva, rispetto quotidiano dell'ambiente, gesto culturale, non eccezione, ma regola.

Spiaggia Fatta di Rifiuti

Raccolti i pezzi grossi di plastica vetro e quant’altro, ciò che ha lasciato più preoccupati è l’immane groviglio di sabbia e piccoli rifiuti sminuzzati, molto difficili da raccogliere e per di più non riciclabili e che, pur avendo riempito due camioncini di rifiuti, gli ingombranti, le cicche, i retine per cozze e molto altro ancora, “regnavano” (e chi lo sa ancora per quanto) sulla spiaggia. 

C’è da dire che la disinformazione e l’ignoranza rispetto ai danni che i rifiuti arrecano all’ambiente non mancano: sarà solo questa la causa del degrado ambientale?

Alessia Chiocca
Attivista Legambiente

Etichette: , , ,

3 Commenti:

Alle 7 ottobre 2012 12:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ma se le spiagge sono dei privati perchè non le puliscono loro e una bella multa .Se ne aprofitano perche ci sono persone che si rimboccano le maniche e puliscono loro senza un centesimo bacoli sta in brutte acque

 
Alle 7 ottobre 2012 15:13 , Anonymous Anonimo ha detto...

Io spero che la grande lezione che han dato, l'abbiano capita anche loro.

Mi spiego. Nei grandi eventi simili, lodevoli, c'è un grande spirito e voglia di fare, molti partecipano e puliscono e sudano e faticano.

Il vero problema è nella quotidianetà, sta nel mettere in tasca il fazzolettino sporco, nel non sputare la gomma, nel non gettare il mozzicone ovunque...

Voi dite che i ragazzi del liceo l'hanno capita la lezione, è servita questa cosa? Io vi dico fatevi un giro in orario di pausa, all'apertura, alla chiusura... e vediamo dove sono i fazzolettini, le carte delle pizzette... e l centinaia di mozziconi.

Lo so sono scoraggiato, perchè la pigrizia e la "dolcezza" di certe cattive abitudini, credo che siano impossibili da superare per la maggioranza delle persone.

Vi propongo un sondaggio a voi fumatori, un sondaggio silenzioso, nel senso che la risposta la dovete dare a voi per coerenza, per non esserei ipocriti. Il mozzicone dove lo gettate?
La gomma da masticare?
Il fazzolettino?
Pensateci e non rispondete... così quando vi troverete a pulire il mondo capirete che in un anno gettate almeno 5x365 mozziconi...più di 1500 immagginateli in una busta, praticamente è come se una volta all'anno gettaste per strada un sacchetto di spazzatura.

 
Alle 24 ottobre 2012 23:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

La verita' e' che ci si aspetta che tutto lo facciano gli altri perche'si e' convinti che un piccolo gesto da persona rispettosa di se e degli altri non cambi il mondo...questo e' quello che mi sento ripetere quando con la voce soffocata dalla rabbia litigo con gli zoticoni che buttano spazzatura non differenziata in comuni diversi dal proprio...

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page