This page has moved to a new address.

Miseno, Preoccupa la Stabilità della Scuola: I Carabinieri Indagano sui “Lavori Anti-Sismici”

Freebacoli: Miseno, Preoccupa la Stabilità della Scuola: I Carabinieri Indagano sui “Lavori Anti-Sismici”

mercoledì 10 agosto 2011

Miseno, Preoccupa la Stabilità della Scuola: I Carabinieri Indagano sui “Lavori Anti-Sismici”

image Una pressante attività degli organi di controllo mette sotto pressione l’intera macchina comunale: le indagini dei carabinieri virano decise verso la stabilità dei plessi scolastici comunali.

Sono delle settimane scorse gli ultimi accessi del Nucleo Operativo e Radiomobile del Comando dei Carabinieri di Pozzuoli che, da tempo, sta monitorando attentamente diversi aspetti della vita amministrativa e gestionale sia del Comune di Bacoli che del discusso Centro Ittico Campano.

Questa volta il tema centrale delle indagini si sarebbe spostato sulla stabilità di specifiche strutture scolastiche sparse sul territorio ed oggetto, attraverso la spesa di ingenti finanziamenti statali, di opere di messa in sicurezza e di riqualificazione generale.

Tra queste, ad aver destato l’attenzione del Nucleo Operativo vi è di certo la struttura sita in via Miseno occupata, nel corso del periodo estivo, dall’associazione Pro Handicap. La stessa che, sino a qualche anno fa, era utilizzata sia come scuola materna che come sede di classi di scuola elementare spostate poi, per lavori, verso il più grande e centrale plesso “Guglielmo Marconi”, in Bacoli.

Una struttura, quella misenate, che sino a quando era operativa a pieno regime garantiva una soddisfacente valvola di sfogo per i numerosi bambini residenti in Miseno e nella vicina Miliscola, riuscendo ad ospitare ben 140 alunni.

Ma nel febbraio del 2009 le cose cambiarono e per motivi di ristrutturazione la scuola elementare veniva chiusa, mentre la struttura adiacente sede di quella materna veniva lasciata aperta. Di lì seguirono le promesse, poi non mantenute, del Comune circa una repentina riapertura della struttura.

imageA preoccupare, a detta dell’Ufficio Tecnico locale, era la solidità dei solai non a norma, per la cui risistemazione si pensò di chiudere anche la limitrofa materna. Una decisione che determinò un settembre 2009 di fuoco lungo la litoranea più frequentata del paese: il sospetto, da parte di genitori e familiari degli alunni, era quello di una possibile compravendita del Comune, pronto a cedere la struttura a privati.

La scuola, donata dalla Marina Militare al Comune di Bacoli per farne un edificio scolastico, è difatti di proprietà dell’ente che decise, all’epoca, di tenerla chiusa in vista di lavori da finanziare.

Dall’interesse collettivo e degli uffici, risalente a due anni fa, la palla sembrerebbe essere passata proprio nelle mani degli organi inquirenti i quali, bussato alla porta del municipio di via Lungolago, tra le carte raccolte hanno richiesto copia di documenti afferenti proprio la stabilità dell’immobile.

Il motivo dell’interessamento sarebbe da ritrovare nella mancata esecuzione di lavori antisismici e quindi della mancanza di idonee strutture atte a fortificare lo scheletro strutturale del plesso scolastico.

Dal Comune, nonostante richieste e solleciti, si perpetua intanto una coltre di silenzio: gli scricchiolii di palazzo, che tanto preoccupano la casta al potere (non solo politica), questa volta potrebbero non riferirsi alla sola “Casa della Libertà”.

Redazione Freebacoli
freebcoli@live.it

Etichette:

2 Commenti:

Alle 11 agosto 2011 00:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Adele Schiavo
L'edificio,come è stato ben evidenziato nell'articolo è stato donato al comune esclusivamente per uso scolastico affinchè anche i bambini del misenate potessero avere un plesso a loro vicino.Se qualcuno tra rinvii di lavori e scuse varie pensa di fare un uso diverso della struttura magari con proggetti già pronti e che aspettano solo di essere attuati dovrà vedersela con una moltitudine di mamme pronte a fare battaglia che non sono affatto disposte a rinunciare ad un sacrosanto diritto per i propri figli.

 
Alle 11 agosto 2011 01:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

Loredana Marra
ancora con questa scusaaaa?????

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page