This page has moved to a new address.

Ordinata Demolizione Case Abusive e il Sindaco si Dimette: Il “Fatto Quotidiano” Accende i Riflettori su Bacoli - VIDEO

Freebacoli: Ordinata Demolizione Case Abusive e il Sindaco si Dimette: Il “Fatto Quotidiano” Accende i Riflettori su Bacoli - VIDEO

domenica 18 dicembre 2011

Ordinata Demolizione Case Abusive e il Sindaco si Dimette: Il “Fatto Quotidiano” Accende i Riflettori su Bacoli - VIDEO

Si definisco “abusivi per necessità”. Sono i protagonisti della cosiddetta “edilizia spontanea”: 70mila persone che a Bacoli (Na) hanno deciso di procurarsi un tetto sulla testa con il tacito assenso delle istituzioni.

Dopo 20 anni, la Procura del capoluogo partenopeo ha rotto il silenzio e inviato le ruspe per l’abbattimento di due di queste abitazioni. Ma una volta arrivate, hanno dovuto affrontare l contestazione di una folla di tremila cittadini e soprattutto le dimissioni, per protesta, del sindaco. Un atto di solidarietà? Non solo, Bacoli infatti, è una città devastata dal cemento selvaggio.

E molti di loro temono, un giorno, di vedere tornare le ruspe per la loro abitazione perché “piuttosto che prendere in fitto un appartamento abusivo – spiegano – è tanto meglio costruirsene uno…spontaneamente”. 

Katiuscia Laneri e Vincenzo Iurillo
Il Fatto Quotidiano.it

Etichette: ,

9 Commenti:

Alle 18 dicembre 2011 23:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

Paese degli abusivi! Anche il fatto quotidiano. E vai!!!

 
Alle 19 dicembre 2011 08:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

Penso che sulla problematica abusivismo siamo ad un punto di non ritorno. Anche se a malincuore, bisognerebbe, purtroppo, derogare ancora una volta agli abbattimenti stabilendo però delle sanzioni equivalenti al valore della casa abusiva con pagamento rateizzato e previsione di ipoteca e sequestro in caso di mancato pagamento,e poi, una volta per tutte, con controlli a tappetto sempre, per 365 giorni all'anno, vigilare e non consentire proprio di mettere mano a manufatti abusivi, diversamente prevedere l'rresto immediato con condanna ad almeno 30 anni di carcere. La casa così detta di necessità, la deve procurare lo stato e i nostri politicanti, che invece hanno sfruttato l'onda lunga dell'abisivismo(oltre 20 anni) per procurarsi consenso elettorale e clienti a vita. Spero che le nostre popolazioni abbiano iniziato ad aprire gli occhi e a partecipare più attivamente alla vita politica delle nostre zone, lasciandosi alla spalle personaggi insulsi quali ermanno schiano a bacoli, iannuzzi a monte di procida e consiglieri annessi e connessi.
Buon Natale a tutti.

 
Alle 19 dicembre 2011 09:02 , Anonymous Anonimo ha detto...

il popolo troppo spesso parla senza cognizione di causa perche' si parla per far prendere aria alla bocca. io so solo che il sindaco e' una persona con una grande umanita' e che talvolta gestire delle situazioni e' impossibile!!!

 
Alle 19 dicembre 2011 10:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

Simone Scotto Di Carlo
Cmq, parlando da Bacolese, e osservando il fenomeno da Pinerolo, mi accorgo di un enorme errore di fondo: noi bacolesi avremmo dovuto già negli anni 70-80 quando iniziò il fenomeno dell'abusivismo di massa, mobilitarci in migliaia come in questi giorni per andare al Comune a chiedere un piano regolatore. Ora le cose sarebbero state diverse.

 
Alle 19 dicembre 2011 12:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

un piano regolatore avrebbe accontentato alcuni ma scontentato molti. Elettoralmente era una scelta negativa, chi avesse predisposto un piano regolatore avrebbe potuto avere problemi alle succesive elezioni...
La politica bacolese ha anticipato di 30 anni quello che è successo negli ultimi anni in Italia, meglio non fare che fare! ed oggi ci troviamo in questa situazione. Associazione a delinquere ai fini del reato di abusivismo edilizio, aggravato e continuato! Questo è il reato ascrivibile, prima o poi qualche Procura lo contesta.

 
Alle 19 dicembre 2011 15:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

Stasera alla fiaccolata ci saranno anche il Sindaco ( e i suoi predecessori ), gli assessori ( chi è quello del settore? ) e i consiglieri ( e quelli precedenti ) e i tecnici comunali?
Ermanno ritira le dimissioni!
Dopo il lungo servizio su rai uno che ha comunicato la sospensiva natalizia dell' ordinanza di demolizione, i cittadini di bacoli si attendono dal sindaco il ritiro delle sue dimissioni.
Solo così potrà onorare l' impegno contro il governo nazionale, regionale e provinciale e i tanti enti sovracomunali che opprimono il corretto sviluppo urbano del comune di bacoli, preso in diretta tv.
Ma se come avete scritto in altri articoli quanto comunicato venerdì non era vero, ancora di più riprendi la fascia tricolore e combatti per quanti ti hanno votato ed eletto sindaco.
Ti aspettiamo con la giunta, il consiglio, i tecnici del comune e il tricolore in processione stasera

 
Alle 19 dicembre 2011 21:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

ciao

 
Alle 19 dicembre 2011 22:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

mi dispiace ma tutte le abitazioni abusive devono essere abbattute dato che rappresentano un illecito. Queste persone invece di dare vita al fenomeno "dell'edilizia spontanea" potevano comprare una casa regolare pagando un mutuo o un affitto come fanno tante persone normali...

 
Alle 19 dicembre 2011 23:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ermanno mostra di avere veramente a cuore la tua città,rendi definitive le tue dimissioni.Solo così compirai un atto veramente politico.

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page