This page has moved to a new address.

“Quatt Pret Vecchie”. Un Anno Dopo la Figuraccia Nazionale: I Beni Archeologici Non Sono Ancora una Risorsa - VIDEO

Freebacoli: “Quatt Pret Vecchie”. Un Anno Dopo la Figuraccia Nazionale: I Beni Archeologici Non Sono Ancora una Risorsa - VIDEO

lunedì 12 dicembre 2011

“Quatt Pret Vecchie”. Un Anno Dopo la Figuraccia Nazionale: I Beni Archeologici Non Sono Ancora una Risorsa - VIDEO

image Un paese povero ed in crisi profonda, nonostante sia ricco di innumerevoli possibilità di occupazione e quindi di rinascita economica e culturale: passa un altro anno di letargo per i beni archeologici del Comune di Bacoli.

A mancare, dopo l’indegno sperpero dei fondi erogati dalla Comunità Europea, sono ancora i piani di gestione di siti che, anziché essere inquadrati come volano di sviluppo per un territorio prostrato da decenni di cattiva politica, continuano a rappresentare una sorta di peso per l’intera comunità locale.

Una situazione di stallo perpetuo, per cui a nulla sembrano essere valse le figuracce in diretta nazionale rese possibili grazie alle riprese, tra gli altri, del TG1 (per ben due volte), di Anno Zero ed anche di Mi Manda Rai Tre, che sulla problematica “beni archeologici”, decise di dedicarci buona parte della propria trasmissione settimanale.

Attenzione mediatica, resa possibile grazie all’attivismo delle forme associative sane presenti sul territorio, figlia di una lunga serie di video realizzati anche dalla Redazione di Freebacoli tra cui, su tutti, spicca lo “spot parodia” pubblicato nel dicembre del 2009, realizzato in risposta alla mistificazione della realtà messa in essere dalla Regione Campania e che è stato visualizzato da più di 3850 utenti.

Per tale motivo, rimandando l’attenzione al video sottostante, intitolato “Quatt Pret Vecchie”, che ben esemplifica il nostro pensiero, si ribadiscono le gravissime responsabilità di Comune di Bacoli e di Soprintendenza dei Beni Archeologici, incapaci di trasformare una ricchezza dell’umanità in risorsa per tutti.

- “Quatt Pret Vecchie”. Bacoli, Un Anno Dopo la Figuraccia Nazionale -


Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

6 Commenti:

Alle 12 dicembre 2011 16:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gennaro Savio
povera Bacoli, povera Italia

 
Alle 12 dicembre 2011 16:51 , Blogger Freebacoli ha detto...

Vi invitiamo a guardare il video presente all'interno dell'articolo, che vuole realmente far notare come gli enti preposti non valorizzino realmente il patrimonio archeologico. Le immagini sono state realizzate a Bacoli, ma in altre cittadine campane, la situazione è pressoché la stessa. Concludiamo col dire che, se questi beni archeologici fossero realmente valorizzati, si aprirebbero, per molti giovani campani, degli sbocchi lavorativi assicurando loro, un lavoro onesto nella loro terra senza doversi trasferire oppure "campare alla giornata", guadagnandosi così un futuro dignitoso

 
Alle 12 dicembre 2011 16:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

Se è per questo l’album delle figurelle è già stato completato da tempo....Ma che qualcuno glielo spieghi che cos'è la Cultura!! che cos'è la Storia!! cerchino di interpretare il non-senso che hanno queste cose, anzicchè i poemi antichi, poichè certe iniziative servono solo per mettersi in mostra. E lo sviluppo del territorio dove lo mettiamo?? E l’economia ( quella del paese, non quella degli amministratori e della loro combriccola) come la facciamo girare?? che abbiamo concluso con un'evento dove dentro alle quattro pietre vecchie c'erano i soliti quattro pensionati di bacoli?? che tristezza....ma andate a fare un'altro mestiere...scusate lo sfogo ma non ne posso più della assoluta mancanza di preparazione di questa
amministrazione, sindaco in testa, ignoranti!! Un branco di asini incompetenti e presuntuosi che non sono stati in grado neanche di mettere un albero di natale e qualche luminaria. Triste Natale per i bambini bacolesi, niente addobbi, poveri bambini che cercheranno invano un benchè minimo segno che annunci le prossime festività ma niente, il paese è sprofondato nell' ateismo più bieco, hanno deciso che quest'anno il Santo Natale a Bacoli non arriverà. Niente atmosfera natalizia, niente vetrine del corso illuminate, niente Jingle Bells, neanche uno zampognaro, una Befana, un Santa Claus...Però se volete cari bambini potete sempre andarvi ad sentire un canto dell' Eneide, tanto è gratis, (paga il Comune) che non farà Natale, ma fa tanto cultura!! Chi è causa del suo mal pianga se stesso!! Cari bacolesi, ( mi rivolgo a quelli che li hanno votati) avete voluto la bicicletta e mo’ pedalate. Purtroppo non posso fare a meno di ricordare le parole dell’ ex sindaco Coppola quando diceva “Mi rimpiangerete”....
Aliasss al peggio non c’è mai fine!!
Buon Natale a tutti, comunque sia e comunque vada, pensate a mangiare il panettone mentre aspettiamo la prossima stagione estiva per ricominciare con i soliti problemi dell' estate a Bacoli..

 
Alle 12 dicembre 2011 17:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

Claudio Caputo
km è vero....cn tutto il "materiale che abbiamo potremmo vivere d "vero"turismo tutto l'anno,attirare nuovi turisti ma purtroppo nn è cosi'.......e nn c resta altro che emigrare

 
Alle 12 dicembre 2011 22:05 , Anonymous Antonio Carannante ha detto...

Ma quale turismo, la verità è che noi bacolesi (nessuno escluso ) abbiamo distrutto un patrimonio di storia e cultura, ognuno di noi ha fatto la sua parte nel distruggere depretare inquinare costruire abusivamente ecc ecc.
Ma per comodità e opportunismo diamo sempre la colpa ai politici, che NOI abbiamo votato, che NOI chiediamo favori e dispense, che NOI omaggiamo.
Un pò di coerenza e sana autocritica, siamo e siamo stati i peggiori abitanti che queste terre potevano augurarsi.

 
Alle 15 dicembre 2011 11:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

LA COLPA E' SOLO NOSTRA!!! CONTINUAMO A DETURPARE LA NOSTRA TERRA,CE LO MERITIAMO!
SI PENSA CHE TENENDO IN PIEDI ''QUATT PRET VEC CHIE'' SI RISOLVA TUTTO?E LE STRADE SCASSATE?I MEZZI DI TRASPORTO?LA MUNNEZZA?I MIEI NIPOTI DI 6 E 10 ANNI AMERICANI,SONO TORNATI A CASA CON UNA BELLA FOTO DA MOSTRARE AGLI AMICI ...UN MONUMENTO FATTO DI SPAZZATURA CON LA BANDIERA ITALIANA IN CIMA!!!MI FA UNA RABBIA TUTTO CIO'!!!IO PURTROPPO HO DECISO DI LASCIARE IL MIO PAESE 10 ANNI FA E NON LO SENTO PIU' MIO!!!BEI RICORDI!!!NON CI TORNERO' MAI PIU'.
ANTONIO ILLIANO

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page