This page has moved to a new address.

Controlli Serrati della Guardia Costiera, Il Comandante Visone Punta su Marina Grande e Casevecchie: Perlustrati Anche i Fondali

Freebacoli: Controlli Serrati della Guardia Costiera, Il Comandante Visone Punta su Marina Grande e Casevecchie: Perlustrati Anche i Fondali

venerdì 11 maggio 2012

Controlli Serrati della Guardia Costiera, Il Comandante Visone Punta su Marina Grande e Casevecchie: Perlustrati Anche i Fondali


Guardia Costiera al lavoro su tutto il territorio flegreo: numerosi controlli, segnalazioni e sequestri operati in questi giorni lungo il litorale di Bacoli.

Dal Poggio a Marina Grande, sino a raggiungere Casevecchie e Pennata, è questo l’iter che sta seguendo la LocaMare di Baia guidata dal comandante Antonio Visone, con l’obiettivo di ripristinare un clima di legalità laddove, soprattutto prima e durante il periodo estivo, sempre maggiori sono gli illeciti commessi da cittadini ed amministrazioni locali coscienti e silenti.

E così, dopo il documentato blitz svolto al Poggio con ilsequestro di cinque barche sistemate illecitamente in spiaggia, l’occhio dei “guardiani del mare” si è voltato su realtà ben più complesse come quelle di Casevecchie e Marina Grande.

Zero Legalità a Casevecchie: Comune Omissivo

Nella prima area ad essere prese di mira sono state le imbarcazioni ormeggiate in un’area pubblica (quella posta parallelamente al muro distrutto che dovrebbe dividere la strada dal mare, presso cui troppo spesso sono ormeggiati natanti di grosse dimensioni e di non residenti.

In più per quest’area c’è da segnalare l’assoluta inattivitàdel Comune di Bacoli che, commettendo una grave omissione d’atti d’ufficio, nonha provveduto ancora, nonostante le sollecitazione della Guardia Costieraavvenute lo scorso anno, ad effettuare una bonifica dei fondali.

Ed è quindi proprio sulla perlustrazione dei fondali marini che la LocaMare di Baia sta focalizzando la propria attenzione. Attraverso l’ausilio di una squadra di sommozzatori specializzati, gli uomini diretti da Visone hanno fotografato la condizione dei fondali marini di Casevecchie, del Poggio e pare, già nei prossimi giorni, anche a Marina Grande.

Marina Grande, Controllo dei Fondali e Barche in Spiaggia

L’obiettivo è quello di liberare il mare da presenze di corpi morti, rifiuti ingombranti ed imbarcazione desolatamente abbandonate a se stesse.

Località, quest’ultima, dove suono avvenute nuove operazioni atte a ripristinare la legalità.

Qui infatti, come ad esempio avvenuto anche all’insenatura del Poggio, è stato intimato ai proprietari di barche spiaggiate sull’arenile dall’inverno, di toglierle immediatamente, lasciando quindi la spiaggia libera per l’utilizzo estivo.

Molte di queste, poi repentinamente gettate in mare dai cittadini, erano sistemate in bella mostra proprio su via Ortensio.

Obiettivo Pennata

Ulteriori controlli potrebbero poi, di qui a breve, interessare anche la splendida costa di Pennata dove, in prossimità del campetto di beach soccer spesso utilizzati da giovani del posto, sono ammassate da anni numerose imbarcazioni, in parte anche coperte da vegetazione spontanea.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , ,

16 Commenti:

Alle 11 maggio 2012 13:02 , Anonymous Anonimo ha detto...

beh, era ora...adesso, oltre a (giustamente!) sanzionare piccoli natanti, e bagnanti con ombrellone, passiamo alle cose più serie : tutela della distanza obbligatoria delle imbarcazioni dalla riva; tutela delle zone protette (specialmente quella archeologica a marina grande, pressi centocamerelle); tutela dalle prepotenze degli ormeggiatori concessionari...basterebbe una punizione esemplare (multa, che quelli capiscono più una lezione in euro che le frustate!)a qualcuno di loro particolarmente virulento, e vedrete che ammaccherebbero tutti le recchie

 
Alle 11 maggio 2012 13:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Fabio Caputi va bene, ma se l'illegalità è andare a fare i bagni sulla scogliera del porticciolo di Miseno, non ci siamo proprio. La legalità è una buona cosa solo se ci sono leggi giuste da rispettare, a quelle ingiuste ci si deve ribellare! questa è l'essenza della democrazia. Far rispettare regole come questa è pura prevaricazione e perdita di tempo, con tutte le cose serie che ci sono da fare

 
Alle 11 maggio 2012 13:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

speriamo che col nuovo cambio di comando da quest'anno cambiano anche il modo e la FREQUENZA di fare i controlli, dando sicurezza e quella parvenza di legalità in passato troppo spesso negata. ben vengano i continui pattugliamenti della guardia costiera vi aspettiamo, sempre! antonio

 
Alle 11 maggio 2012 13:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

questo è un buon argomento, però va contestualizzato, per evitare astrattismi : dove la legalità non è mai stata rispettata, non si possono mortificare i primi sporadici segni di cambiamento con questioni sottili, si rischia di vanificare tutto e di ritornare alla totale inosservanza
colgo l'occasione per fart(c)i gli auguri di buon onomastico

 
Alle 11 maggio 2012 15:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Di Meo
finalmente qualcosa di bello

 
Alle 11 maggio 2012 15:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

sarebbe il caso di trovare il modo di far pervenire agli operatori della guardia costiera un segnale, una comunicazione, un qualcosa da cui possano capire, e, spero, gradire, il fatto che la stragrande maggioranza dei cittadini utenti del mare e della costa sono persone civili, pacifiche e rispettose, e felicissime del loro intervento...spero che almeno leggano questi post...alla via così !

 
Alle 11 maggio 2012 16:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

gia ma come al solito e come ogni anno la guardia costiera se la prende solo con i poveri residenti che come sempre non contano nulla, mentre ai concessionari che mettono barche dappertutto, ben oltre le loro concessioni non li controllano nemmeno, i lidi balneari che mettono corde in riva al mare quelli no non li controllano, chissa perchè ? booooo ( corruzzione )

 
Alle 11 maggio 2012 17:52 , Anonymous Alfonso ha detto...

Speriamo che questi controlli non siano soltanto un fuoco di paglia e che siano costanti e che possano anche interessare la spiaggia di Miseno e Miliscola per il rispetto scrupoloso delle concessioni e con la punizione esemplare degli "sgarri"

 
Alle 11 maggio 2012 22:00 , Anonymous Anonimo ha detto...

CONTINUATE COSI'.NON DIMENTICATE DI FAR RIMUOVERE ANCHE LE BARCHE PARCHEGGIATE ABUSIVAMENTE IN LOCALITA' DRAGONARA, SOTTRAGGONO GRAN PARTE DI QUEL PO' DI ARENILE LIBERO CHE E'ANCORA RIMASTO.....

 
Alle 11 maggio 2012 22:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

W il comandante Alborino

 
Alle 13 maggio 2012 18:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

La CP farebbe bene a controllare in prima istanza gli ormeggiatori "regolari" che sono i primi ad appropriarsi di spazi che non gli spettano.

 
Alle 14 maggio 2012 08:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

verissimo, sacrosanto : questi brutti ceffi, di mare non capiscono una mazza, non lo rispettano e non rispettano neanche il prossimo; infrangono quotidianamente decine di leggi , oltre che al regolamento del loro contratto di concessione, abusando della connivenza degli organi comunali preposti : ma una concessione non può essere ritirata dal comune quando si evidenziano palesemente gravi irregolarità ?
e la guardia di finanza, controlla mai i lauti pagamenti in nero effettuati dai diportisti ? e l'inail, verifica mai le condizioni di sfruttamento del lavoro, spesso minorile, non inquadrato nè assicurato, che gli ormeggiatori praticano spensieratamente? come mai la flegrea lavoro, per gestire posti barca rispettando la legge, accumula perdite, e gli ormeggiatori ostentano lussuosi suv nuovi fiammanti, e sono in grado di costruire (abusivamente, ovvio!) case che usano ed affittano ?

 
Alle 15 maggio 2012 10:02 , Anonymous Anonimo ha detto...

Credo che la corsa affrettata a fare denunce a raffica non sia l’unica ed efficace soluzione ai problemi di questo paese. Bisogna prima vedere dov è il vero problema: notiamo ad esempio la soluzione dell’amministrazione per quanto riguarda l’ormeggio stanziale delle imbarcazioni mediante un semplice ancoraggio, che altro non fa che lasciarle alla deriva e danneggiare ancor di più i fondali; senza dimenticare poi la pessima ricostruzione del ponte di attracco di Marina Grande ha fatto sì che le correnti marine, non avendo più la circolazione naturale, ha distrutto le spiagge circostanti lasciando ai fruitori spazi dimezzati per la balneazione. Quanto alla gestione stagionale delle spiagge, vorrei ricordare che i residenti di Via Ortenzio ogni anno nel mese di maggio, si dedicano alla pulizia e allo sgombero della spiaggia prima della stagione estiva, lasciando al Comune solo il compito di prelevare i rifiuti raccolti (seguiranno a breve foto che testimoniano quanto fatto negli anni scorsi). Le altre osservazioni le lascio ai residenti delle zone costiere di Bacoli e non a chi non le vive e non ne fruisce affatto, vantandosi solo di aver solo incitato a controlli alla cieca.
Un abitante di Via Ortenzio

 
Alle 15 maggio 2012 11:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

è vero che le denunce, da sole, hanno un effetto molto limitato, rispetto a quello ottenuto da chi è d'esempio civile agli altri ; quindi, va riconosciuto il giusto merito ai cittadini di via ortenzio, ma anche a tutti gli altri residenti lungo i litorali, che anche individualmente si rimboccano le maniche e prestano la loro opera di volontariato civile per tutelare un patrimonio naturale che forse non tutti comprendono di possedere e meritano.
d'altra parte, queste iniziative avrebbero molto più successo, se le autorità preposte provvedessero con le opportune e previste azioni, a ricordare agli...sbadati la necessità di rispettare le regole ; anche perchè, ritengo, la cura del litorale, e la gestione dei natanti dei residenti, evidenziano come bacoli, per quanto circondata dal mare, non abbia tradizioni marinaresce, a differenza di pozzuoli, bensì campagnole ; questo spiega per buona parte le soluzioni balorde ed improvvisate che ci inventiamo per ormeggio e ricovero delle nostre barchette...in ogni paesino della liguria, tutti hanno dove ormeggiare e ricoverare per l'inverno la propria barchetta, nel rispetto reciproco, ed il comune provvede a costruire e manutenere lo scivolo pubblico...
problemi più grossi, invece, vanno ben oltre le possibilità della buona volontà individuale, mi riferisco al molo di recente costruzione a marina grande, ma ne parliamo la prossima volta

 
Alle 18 maggio 2012 18:27 , Anonymous Anonimo ha detto...

Gentilmente si può chiedere al comandante Antonio Visone delle Locamare di Baia se anche la spiaggia di Torregaveta e di sua competenza?

 
Alle 19 maggio 2012 09:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

in ogni caso, circomare pozzuoli, organo superiore che dirige locamare baia, ha competenza fino a tutto il litorale domizio

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page