This page has moved to a new address.

Le "Pile Usate" Sono Una Ricchezza, Ma Bacoli Paga 400Mila € (Con l'Umido) Per Smaltirle

Freebacoli: Le "Pile Usate" Sono Una Ricchezza, Ma Bacoli Paga 400Mila € (Con l'Umido) Per Smaltirle

lunedì 16 luglio 2012

Le "Pile Usate" Sono Una Ricchezza, Ma Bacoli Paga 400Mila € (Con l'Umido) Per Smaltirle

Qualche giorno fa vedendo sul sito del comune di Bacoli le varie determine che riguardassero la raccolta differenziata, una in particola mi ha colpito: quella del 27 Marzo 2012 

Atto ufficiale in cui si può leggere che alla ditta trincone: “Che con determina n. 445 del 06.06.11 è stata incrementata la spesa per lo smaltimento della frazione organica (umido) e nel contempo è stato affidato un ulteriore incarico per il servizio di ricezione smaltimento delle pile ad uso domestico fuori uso cod.cer. 200133, per una somma complessiva di € 400.000,00”. 

Tale enorme cifra è valida sia per lo smaltimento dell’umido, sia per i farmaci scaduti, che per quello delle pile. Quindi per queste ultime potrebbe essere stato speso tanto un euro quanto una cifra molto più grande: ma dal sito del Comune, e dalla determina, non ci è dato saperlo.

Inoltre sempre vedendo il sito del Comune, si evince come abbiamo raccolto solo nel mese di maggio 460kg di rifiuti che  in un anno saranno circa 5 tonnellate e mezzo. Ma dico io il paese che vanta una differenziata che va all’80% (e nei prossimi mesi chissà anche 120%), deve ancora paga per poter smaltire i propri rifiuti?!

I Rifiuti Sono una Ricchezza: Tranne a Bacoli

Quando i rifiuti sono una vera e propria ricchezza che abbiamo, che dovremmo vendere o per lo meno che potremmo smaltire a costo zero come già si fa (grazie a segnalazioni della cittadinanza attiva) per carta cartone, olio esausto e indumenti usati.

Inoltre come si può leggere dal sito www.pileportatili.it, il ritiro per tale consorzio è gratuito, mentre noi da furbi abbiamo scelto di pagare.

Ciò che dico non è un capriccio personale, ma ahimè (visto i tempi che corrono) è un lusso, un costo eccessivo ed inutile, che non possiamo permetterci e dobbiamo ricorrere al più presto ai ripari.

Infatti la nostra amministrazione che ha avuto l’abilità di affermare in città la differenziata, ha dovuto spendere anche 2 milioni di euro in più per portarla a termine. Un costo che da qui ai prossimi anni non possiamo permetterci: siamo nel pieno di una crisi economica, non abbiamo rispettato i patti di stabilità, e nei prossimi anni in Italia e certamente anche a Bacoli ci sarà solo da piangere.

Vendere e Non Pagare

Quindi noi di Freebacoli chiediamo all’amministrazione maggiore chiarezza e trasperanza, rivedendo tutte le determine sul tema "rifiuti" e cercando, dove è possibile, di vendere (e non addirittura pagare) i prodotti della raccolta rifiuti.

Ovviamente ciò è bello da dire ma è difficile da fare, in quanto è importante anche la qualità del rifiuto che andiamo a conferire che dovrà inevitabilmente migliorare. E poi bisogna anche evitare di commettere errori nella differenziata in quanto ciò che non viene riciclato verrà mandato in discarica sempre a nostre spese.

L'Esempio dei Cellulari

Noi di Freebacoli già ci siamo riusciti nel nostro piccolo con la raccolta cellulari attraverso cui in un mese, grazie all’aiuto dei commercianti che hanno ospitato i nostri contenitori, costruiti con vecchi scatoli di scarpe a costo zero, abbiamo raccolto più di 100 cellulari per un guadagno di tot euro, che riverseremo nelle casse del Comune di Bacoli.

Senza considerare che la ditta per lo smaltimento ha ritirato i telefonini a loro spese.

E se facesse così anche il Comune per tutti i prodotti della raccolta differenziata? Ovviamente non ci sarebbero grossi guadagni dato che bisognerà comunque pagare gli operatori ecologici, le spese legate ai trasporti etc etc.

Diminuire i Costi, Diminuire la Tarsu

Ma farebbe dimuire i costi di spesa in una maniera incredibile, permettendo di fare qualcosa di unico in un periodo di crisi come questo: ridurre i costi e di conseguenza abbassare la Tarsu per i singoli cittadini e commercianti virtuosi.

Noi di Freebacoli un'idea semplice ma essenziale l’abbiamo data, ora bisogna percorrere questa strada prima che sia troppo tardi.

Il baratro è vicino o, forse, ci siamo già dentro.

Antonio Carannante
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: ,

2 Commenti:

Alle 16 luglio 2012 11:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma voi davvero volete che il comune risparmia?
ma se risparmia, e non spende soldi, comm addà fa pò u PUORK del X piano?
Nui tnimm nu PUORK a crescere
Già sè fatt ciuoppl ciuoppl
simm u paes ri fess

 
Alle 16 luglio 2012 13:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

I rifiuti devono essere una ricchezza non una spesa!!! by antonio carannante

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page