This page has moved to a new address.

"Abusi ed Evasione" alla Grotta della Dragonara: Parte da Miseno la Denuncia alla Procura

Freebacoli: "Abusi ed Evasione" alla Grotta della Dragonara: Parte da Miseno la Denuncia alla Procura

mercoledì 8 agosto 2012

"Abusi ed Evasione" alla Grotta della Dragonara: Parte da Miseno la Denuncia alla Procura

Sito archeologico misenate assediato da "locali utilizzati come abitazioni, prive di autorizzazioni per l’agibilità ed abitabilità": cittadini denunciano gli abusi perpetuati alla "Dragonara".

E' con un atto ufficiale che un residente di Bacoli, stanco dello stato di degrado in cui viene lasciata una tra le aree più caraterristiche dei Campi Flegrei, ha deciso di denunciare quanto avviene presso la Grotta della Dragonara, riportata alla luce dopo lauti finanziamenti giunti dalla Comunità Europea.
"Ho inoltrato via fax questa denuncia alle autorità competenti - scrive un cittadino, firmandosi - e volevo chiedere se poteva essere pubblicata sul vostro blog sperando che anche questo ulteriore passaggio abbia un effetto positivo, anche di sprono per le altre persone".

I Fatti: "A Rischio la Quiete Pubblica"

Dall'atto protocollato, che si riporta integralmente di seguito, si denuncia "la presenza, in via Dragonara  a ridosso dell’importantissimo sito archeologico “grotta della Dragonara”, di persone che mettono a repentaglio la quiete pubblica".

Nello specifico si evince inoltre come "tali persone occupano dei locali “bassi”, utilizzati come abitazioni, prive di autorizzazioni per l’agibilità ed abitabilità e norme igienico sanitarie. Questi locali  vengono fittati, nel periodo estivo in “nero” senza i dovuti permessi, evadendo il fisco ed i dovuti controlli sull’identità degli occupanti, a discapito della sicurezza collettiva,  e di tutte quelle strutture ricettive e private che lavorano duramente nel rispetto della legalità per portare persone raccomandabili sul nostro territorio. Le condizioni invivibili di questi locali contribuiscono a rendere molto nervose le persone che attualmente le occupano e che già si manifestano con atteggiamenti incivili".

Accuse gravi, che fanno trasparire un modus operandi poco solerte da parte degli organi di controllo, indirizzate lo scorso 3 agosto all'attenzione della Procura della Repubblica di Napoli, della Polizia Municipale locale, dei Carabinieri di Bacoli, e della Guardia di Finanza Brigata Baia.

E proprio per questo che il cittadino firmatario chiede: "l’intervento immediato delle forze dell’ordine affinchè vengano fatte  rispettare le leggi vigenti a tutela della dei diritti e delle  libertà civili, nel rispetto delle norme italiane onde evitare pericoli pubblici per onesti cittadini ed evasioni fiscali nei confronti dello stato".

Dragonara, Oltre 1 Milione di Euro per il Restauro

Denunce ancor più pesanti se si considera la storia del sito archeologico e la mole di fondi europei utilizzati per ristrutturarlo dopo anni di lavoro. La Grotta della Dragonara, suggestiva vasta cavità era nota in età medievale come il Bagno del Finocchio, per le abbondanti coltivazioni di quest’ortaggio. 

Si tratta, in realtà, dell’ingresso a una grande cisterna costruita in età augustea, è interamente scavata nel tufo, rivestita di cocciopesto idraulico. La presenza di una fonte d’acqua dolce nota in età medievale fa pensare che questa alimentasse in parte il grande invaso.

La cisterna ha pianta suddivisa in cinque navate da dodici imponenti pilastri che ne sostenevano la volta a botte. Originariamente l’ingresso era possibile dall’alto attraverso tre aperture; le grandi vasche impermeabilizzate, che permettevano la decantazione delle acque piovane prima che entrassero nella cisterna, sono state in seguito utilizzate come sepolture. Questa struttura idraulica era forse anch’essa al servizio della flotta o dell’adiacente villa di Lucullo, che una fonte antica ricorda posta sul colle a guardare «da un lato il mare di Sicilia e dall’altro il Tirreno».

Dalla Villa di Lucullo ai "Bassi" Denunciati

In seguito sarebbe stata inglobata nella villa, come testimoniano i resti di peschiere e ninfei, perché la Piscina Mirabilis, l’altra grande cisterna collocata non lontano, era già sufficiente a soddisfare il fabbisogno dei marinai.

Dalla villa di Lucullo, noto esponente politico imperiale all'epoca di Silla nel I sec A.C., a ritrovo di "bassi" discutibili e saturi ci cittadini alla ricerca di relax.
Dai "fasti imperiali" ai "nefasti anni del nuovo millennio": un baratro senza fondo possibile da risalire soltanto attraverso una sana coscientizzazione popolare.

Che parta dall'indignazione e la denuncia e giunga alla valorizzazione ed alla proposta.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it


La Denuncia

All’attenzione della Procura della Repubblica di Napoli,Centro Direzionale Via Grimaldi IS. E/5 - 80143 - Napoli tel 0812236111

Al Ten.Col. Marialba Leone (Comando Vigili Urbani di Bacoli Via Gaetano De Rosa 125,  80070 – Bacoli Tel: 
081/855.32.91
        081/523.40.57
Fax: 081/523.40.40
 
Al comando Carabinieri di Bacoli, via lungolago 8,  80070 Bacoli (NA),        Tel: 081/5235752     081/5234121

Al comando della Guardia di Finanza Brigata Baia
Via Scotto D’Aniello 14, 80070 BACOLI (NA) Tel: 0818687078

Io sottoscritto ************** residente in Bacoli in *************,  con la presente,

DENUNCIO

La presenza, in via Dragonara da n°44 a salire (Bacoli) a ridosso dell’importantissimo sito archeologico “grotta della Dragonara”,  di persone che mettono a repentaglio la quiete pubblica, tali persone  occupano dei locali “bassi”,utilizzati come abitazioni, prive di autorizzazioni per l’agibilità ed abitabilità e norme igienico sanitarie. Questi locali  vengono fittati, nel periodo estivo in “nero” senza i dovuti permessi, evadendo il fisco ed i dovuti controlli sull’identità degli occupanti, a discapito della sicurezza collettiva,  e di tutte quelle strutture ricettive e private che lavorano duramente nel rispetto della legalità per portare persone raccomandabili sul nostro territorio. Le condizioni invivibili di questi locali contribuiscono a rendere molto nervose le persone che attualmente le occupano e che già si manifestano con atteggiamenti incivili.

Per tanto,

CHIEDO

l’Intervento immediato delle forze dell’ordine affinchè vengano fatte  rispettare le leggi vigenti a tutela della dei diritti e delle  libertà civili, nel rispetto  delle norme italiane onde evitare pericoli pubblici per onesti cittadini ed evasioni fiscali nei confronti dello stato.

*************

Etichette: , ,

6 Commenti:

Alle 8 agosto 2012 17:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

CHE UOMO!
Vorrei avere la millesima parte del tuo coraggio
(perchè a Bacoli ce ne vuole di coraggio)!

 
Alle 8 agosto 2012 20:10 , Anonymous Anonimo ha detto...

TUTTO VERO Lì SOPRA è UNO SCHIFO...

STENDONO I PANNI SULLA GROTTA DELLA DRAGONARA VERGOGNOSO

LA COMANDANTE SI PRESENTERA' SUL LUOGO A FARE IL SUO DOVERE ?

 
Alle 8 agosto 2012 23:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

La attendiamo con ansia!
Qui nessuno la accuserà di aver male interpretato un'ordinanza!
Ma scommettiamo che non viene?
Dottoressa, le possiamo offrire un caffè?

 
Alle 9 agosto 2012 15:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

Quanta obiettività... quanta coerenza...
Non so se essere emozionato o disturbato...
In fondo la Dragonara con gli schiamazzi c'entra come un cavolo con la nutella...
Se un teppista scippa una turista a Piazza del Plebiscito... certo che l'articolo necessariamente deve vertere sullo scempio artistico perpetrato...
Credibilità alle stelle amici... Opportuna una regolata, credo...

 
Alle 10 agosto 2012 08:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

Non ho capito una parola di quello che hai scritto!

 
Alle 10 agosto 2012 12:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

Finanza, BRIGATA BAIA sul luogo!!! Una sfilza di verbali, ora tocca al comune fare il suo, se mai lo farà!!!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page