This page has moved to a new address.

Casina Vanvitelliana, Il Restauro Costò 2 Milioni di €: Oggi è Invasa dalla Muffa - FOTO

Freebacoli: Casina Vanvitelliana, Il Restauro Costò 2 Milioni di €: Oggi è Invasa dalla Muffa - FOTO

martedì 28 agosto 2012

Casina Vanvitelliana, Il Restauro Costò 2 Milioni di €: Oggi è Invasa dalla Muffa - FOTO

Mura screpolate ed umidità all'interno della Casina Vanvitelliana al lago Fusaro: gettati al vento, attraverso lavori assolutamente poco duraturi, circa 2 milioni di euro giunti dall'Unione Europea

Girano attraverso il noto giornale on-line del Corriere del Mezzogiorno, inserto meridionale del Corriere della Sera, le immagini di fatiscenza assoluta immortalate all'interno della celeberrima struttura presente all'interno del Parco Vanvitelliano, un vanto per l'omonima frazione della città di Bacoli.

A documentare la notizia, attraverso la solita e professionale puntualità, è il giornalista Antonio Cangiano, da tempo attivo (in particolar modo nei Campi Flegrei) per la salvaguardia del patrimonio artistico locale.

L'Articolo de "Il Corriere del Mezzogiorno"

"Muffa e umidità aggrediscono la casina Vanvitelliana al lago Fusaro, nel comune di Bacoli. Nel celebre casino di caccia appartenuto ai Borbone, e dove hanno soggiornato uomini illustri del passato, l’intonaco è a pezzi. A lanciare l’allarme l’associazione Freebacoli: “opportunità sprecata da Comune e Soprintendenza per le riqualificazioni rese possibili attraverso i finanziamenti europei".", scrive Cangiano come incipit di una lunga serie di foto all'interno di un articolo apparso in giornata sulla pagina web del quotidiano.


Nuovo scempio in grado di rendere bene l'agonizzante presente vissuto da una terra mantenuta male ed amministrata peggio.

Difatti, senza timore di smentita, è possibile asserire che la Casina Vanvitelliana rappresenti ad oggi lo specchio della triste realtà vissuta dalla città di Bacoli: meravigliosa e ricca di fascino ad uno sguardo superficiale, lascia però più qualche perplessità se ammirata con maggior scrupolo.

11 Milioni di Euro Arrivati per il Parco del Fusaro

Adagiata su di un lago inquinato e maleodorante, resta collegata alla terra ferma attraverso un ponte in legno a dir poco decrepito. Le foto scattate all'interno, poi, danno il senso dell'enorme opportunità sprecata da Comune e Soprintendenza per le riqualificazioni rese possibili attraverso i finanziamenti europei.

Con il solo POR Campania 2000/06, l'area del parco del Fusaro ha ricevuto sovvenzionamenti superiori ad 11 milioni di euro. Di questi circa 2 milioni sarebbero dovuti servire per il "Restauro della Casina Vanvitelliana".

Ma c'è di più.

Foto e Matrimoni Pagati a Peso d'Oro

Per celebrare matrimoni civili all'interno di questo sito, il Comune di Bacoli chiede il pagamento di una somma pari a 500 euro mentre, per le spose che volessero scattare foto presso il fatiscente Parco Vanvitelliano, l'imposta arriva sino ad euro 250.

Il tutto con la compiacenza sia dell'amministrazione comunale che di quella del Centro Ittico Campano, "spa" ad intero capitale municipale che proprio all'interno del parco ha i propri uffici amministrativi.

CLICCA QUI
per visualizzare le foto

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it


Etichette: ,

9 Commenti:

Alle 28 agosto 2012 08:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

Per vostra informazione vi spiego due tre cosette...

Forse non tutti si sono accorti che la casina si trova praticamente su un lago, circondata da acqua.
Dove c'è tanta acqua c'è tanta umidità.
Inoltre, non è neppure protetta dai venti provenienti dal mare... ricchi di salsedine, un ponente e il maestrale frequenti dalle nostre parti.

Quella formazione bianca che si vede nelle foto è una sorta di salsedine, non è la muffa nera di quando c'è una perdita per intenderci.

E non è per nulla grave, esteticamente può essere brutta, ma non è grave come una macchia nera.

Ti posso dire che a casa mia nonostante abbiamo passato sistemi per limitare l'umidità, asfalto dietro polistirolo... si forma sempre.

Ora, dico io, volete che nella casina completamente immersa nel lago non si formi.

 
Alle 28 agosto 2012 09:31 , Anonymous Peppe Perna ha detto...

Il grande recupero dei siti archeologici!!!L' ennesima brutta figura del Sindaco e della sua prediletta assessora!!!!BOCCIATE!!!!!!!!

 
Alle 28 agosto 2012 10:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

Chiediamo le dimissioni dell'Assessore ai beni culturali.Dimissioni Subito!

 
Alle 28 agosto 2012 11:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

Chiedo scusa sig. Perna,ma perchè è la prediletta del sindaco?

 
Alle 28 agosto 2012 12:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bisogna imbiancare solo, non è deterioramento, ci vuole una semplice rinfrescata!!!

Visto che parlate senza sapere quello che dite, vi aggiungo che essendo tutto bianco, si può imbiancare anche solo la zona interessata.

Ma fatemi il piacere, parlate tanto per parlare, è per questo che governerann osempre quelli... e voi sempre e solo a criticare a volte giustamente a volte stupidamente!!!

 
Alle 28 agosto 2012 12:19 , Anonymous sarah ha detto...

caro anonimo delle 8.42 che ci hai voluto spiegare due cosette, anzitutto oggi esistono dei sistemi, prodotti che ti isolano completamente dall'acqua, evidentemente i soldi stanziati dalla comunità europea son serviti a altro, facendo solo qualche pennellata qua e là il gioco è fatto... ecco perché oggi ci troviamo in queste condizioni, a Bacoli poi fate a gara a chi magna di più, che vergogna e pensare che avete ancora il coraggio di avere voce in capitolo, con la testa sotto terra doveste camminare

 
Alle 28 agosto 2012 12:31 , Anonymous Coordinamento delle Periferie (comitato di quartiere) ha detto...

PARCO VANVITELLIANO, GROTTE DELL'ACQUA, FOCE ROMANA: su questi siti, il 08/05/2012 la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei ha risposto alla nostra ultima denuncia di degrado e di sprechi. Ecco il link === https://www.facebook.com/media/set/?set=a.457542624291132.112488.100001061961628&type=1

 
Alle 28 agosto 2012 12:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Le cronache parlano chiaro: l'Italia è uno fra i Paesi dove si imbroglia di più sui finanziamenti europei (ricordate lo scandalo dei finti corsi nelle più disparate e inutili materie organizzati da associazioni che si costituivano e si dissolvevano come la nebbia in pochi giorni)... A questo punto mi chiedo se i 2 milioni siano stati interamente spesi per il restauro o se i lavori siano stati fatti in economia in modo da poterci fare la cresta... Se tutti i soldi ricevuti dalla Comunità Europea si spendessero davvero per le finalità per i quali vengono richiesti, avremmo meno strutture fatiscenti o con lavori lasciati a metà... (tipo piste ciclabili o passeggiate marine...)

 
Alle 28 agosto 2012 23:01 , Anonymous Anonimo ha detto...

Daniele Quaranta
che si sfratti subito la muffa.:))

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page