This page has moved to a new address.

FOTO - Villa Comunale, Ecco lo Specchio della Città: Festa Patronale Tra Sporcizia e Recinzioni

Freebacoli: FOTO - Villa Comunale, Ecco lo Specchio della Città: Festa Patronale Tra Sporcizia e Recinzioni

giovedì 9 agosto 2012

FOTO - Villa Comunale, Ecco lo Specchio della Città: Festa Patronale Tra Sporcizia e Recinzioni

Da gioiello cittadino a luogo di monnezza e pericolo, la giunta Schiano riesce in una nuova impresa: villa comunale umiliata da uno stato di degrado difficilmente paragonabile ai tempi che furono.

Si era soliti, in passato, ascoltare in città un ridondante (quanto fondamentalmente giustificato) luogo comune che contrapponeva l'abbandono delle periferie al miglior stato di conservazione dello spazio simbolo della chiacchiera e dell'incontro locale.

Alle erbacce della pista di pattinaggio di Cuma si affiancava l'erbetta (stile campi da tennis in Wimbledon) della villa posta di fronte la Caserma dei carabinieri ed il Municipio; alla spazzatura del Parco Vanvitelliano del Fusaro veniva contrapposta la pulizia dei vialetti pubblici presenti nel grosso spiazzale adiacente l'area mercatale; alla puzza insopportabile del lago Fusaro si alternava il primo disinquinamento del "Maremorto".

Degrado-Centrismo

Una contrapposizione palese, che tutelava il centro del paese rispetto al resto della città, completamente annullata dall'amministrazione rappresentata dal primo cittadino baiese e dall'assessore al Verde Attrezzato, nonchè vicesindaco (o forse il vero sindaco), Michele Massa.

Maggiore cura per il Fusaro? Tutela e controlli a Cuma? Diserbamenti a Bellavista o allo Scalandrone?

Giammai.

Per sopprimere invidie e mugugni tutto si trasforma in un "cesso" (nel senso etimologico e per lo più siciliano, di "luogo appartato")

Il livellamento, purtroppo, anziché essere portato verso l'alto si è diretto velocemente, in modo aberrante, sin giù verso l'abisso più profondo.

Passando in tal modo dal "Bacoli-centrismo" al "Degrado-centrismo", in cui tutto viene gettato nell'immondezaio della vergognosa carenza di manutenzione straordinaria ed ordinaria.

Festa Patronale, Villa come un "Cesso"

Fatiscenza ancor più palese se, come mostrato dalle foto scattate qualche giorno fa, si presenta proprio nel periodo della festa patronale. In quella settimana, tra la fine di luglio e l'inizio di agosto, durante la quale Bacoli viene attraversata da qualche migliaio di cittadini giunti da più parti della Provincia di Napoli.

Ma tutto ciò non interessa a chi resta arroccato nelle segrete stanze della Casa Comunale per studiare unicamente l'equa (tra pochi intimi) divisione del territorio e di ciò che resta delle sue ricchezze. Da trasformare, come ultimo segmento dell'agire "politico" di questa terra, da beni pubblici in proprietà private.

Il risultato, con queste premesse, pare scontato.

Il "Giardino del Paese" è una ZTL

Al centro della villa campeggia un'area recintata da cartelli che, se si volesse seguire alla lettera il Codice della Strada, determinerebbero la nascita di una nuova ZTL. Un parcheggio nel bel mezzo di un "passeggio".

Zona vietata all'accesso di pedoni (e non si comprende bene se anche di autovetture) per via della mancata potatura dei rami di un albero.

Migliaia di persone in paese, e nessuno ha avuto l'accortenza (tra chi ha l'obbligo di guidare le sorti di questa terra) di programmare al meglio per l'evento dell'anno.

Più in là poi, soprattutto nel centro della villa, la carenza di bidoni per la spazzatura mostra a tutti spazzatura sparsa in ogni dove. Gettata in terra, ovviamente, priva di alcun tipo di differenziazione.

Il "paese della differenziata" mostratosi ai turisti come una pattumiera.

Un vanto, no?

I Bagni Pubblici, Simbolo del Paese

In conclusione, riprendendo il concetto sopraevidenziato di "cesso comune", l'analisi del reale si spegne proprio all'interno dei locali adibiti a "bagni pubblici", sistemati tra la "villa vecchia" e la "villa nuova".

Lì dove ragazzi e ragazzini chiesero, con petizione popolare, quantomeno una derattizzazione che mai, dopo mesi di richieste, è effettivamente arrivata.

Senza guardiani e controllori, nonostante la pianta dell'organico comunale li preveda, fa percepire la sua presenza anche a decine di metri di distanza per via del forte puzzo di liquame ed urina.

Nulla di anormale.

Lo specchio del paese, senza eccessivi eufemismi, è proprio qui.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette:

14 Commenti:

Alle 10 agosto 2012 00:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mi trovo spesso in contraddizione con i vostri articoli che ritengo troppo di parte e talvolta inutilmente critici.
Però, bisogna anche dare a Cesare quel che è di Cesare:
il paese è veramente ridotto ad un cesso!
Non ho visto la Villa comunale ma
la maggioranza delle strade fuori da Bacoli centro
sono uno spettacolo di totale degrado ed incuria.
Erbacce e spazzatura ai bordi della strada,
sembra davvero un paese abbandonato a sé stesso.
Peccato!
Bacoli è un bel paese,
merita di essere amato e curato.

 
Alle 10 agosto 2012 01:08 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giuseppe Scotto
mi fa molto piacere che si sia affrontato l'argomento poichè il problema non è solo la mancanza di pulizia da parte degli addetti ai lavori ma sottolineo anche i ridicoli bidoncini per la raccolta dei rifiuti in strada che ormai sono inutil
izzabili perchè arrugginiti e sfondati, benchè istallati da meno di due anni, e che non vengono svuotati con la giusta frequenza, per cui quando si riempiono inevitabilmente i rifiuti finiscono a terra. sempre riguardo alla villa comunale non capisco come sia possibile permettere a decine di venditori abusivi di invadere la corsia lungo il lago e tutti gli spazi possibili, stendere la merce (il più delle volte contraffatta) senza che si prenda alcun provvedimento. in villa comunale, proprio di fronte alla sede del comune e alla caserma dei carabinieri a partire dal mese di giugno avviene una invasione di venditori abusivi che senza alcun permesso fanno letteralmente il comodo loro, posizionandosi sulle aiuole, istallando banchi di ogni genere di mercanzia e bivaccando fino a notte fonda. Non capisco proprio perchè si continua a far finta di niente e non si prendano provvedimenti. Di solito questi venditori aspettano che l'ultimo vigile se ne sia andato intorno alle 21.30 22.00 e poi scaricano macchine stracariche che parcheggiano lungo la villa, ovviamente senza pagare e in divieto di sosta, tanto la maggior parte di loro è straniera. Sono anni che và avanti questa storia e mi meraviglio molto che nessuno se ne sia mai accorto, possibile mai che nessun assessore o consigliere si sia mai trovato a passare davanti alla villa dopo le dieci di sera?? c'è qualcuno che ci marcia?? o che ci mangia??

 
Alle 10 agosto 2012 01:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mario Capuano
la nostra festa patronale nn ha 'niente' a che fare con il dramma che attraversiamo...! nn mischiamo 'la merda con il cioccolato!' sono due realta' distinte e separate........fortunatamente.....!

 
Alle 10 agosto 2012 02:28 , Anonymous Anonimo ha detto...

sono pienamente daccordo,ma il vero problema di questo paese sono i Bacolesi..........non lo amano davvero!!!

 
Alle 10 agosto 2012 07:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vedendo le foto non posso porre che una domanda,i bagni pubblici non erano custoditi o meglio esiste qualche dipendente Comunale che ne dovrebbe garantire il funzionamento?

 
Alle 10 agosto 2012 08:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

Festa patronale a parte,riprendo un aspetto già menzionato da chi mi ha preceduto:
MANCA UN NUMERO SUFFICIENTE DI BIDONCINI PER LA SPAZZATURA!
Sono pochissimi e mal distribuiti.
Con i miei figli mi trovo spesso in difficoltà.Sono educati e si guardano bene dal buttare ciò che non serve più a terra ma siamo costretti a spostarci di metri e metri, da dove stanno giocando,
per cercare un cestino.
METTETE LE PERSONE IN CONDIZIONI DI ESSERE INCIVILI anche quando non lo sono!
DISTRIBUITE PIU' CESTINI ALL'INTERNO DELLA VILLA!
LA gente VUOLE essere educata ma chi li amministra glielo impedisce!
E svuotate quei pochi che ci sono, incivili!

 
Alle 10 agosto 2012 08:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

La verità è che la gente è incivile, chi dovrebbe vigilare nn fa il proprio lavoro fino in fondo, le amministrazioni fanno finta di nn vedere e chi ci rimette sono le persone per bene......io abito nella Torre di Cappella e vi assicuro che la strada fa veramente schifo tra buche e dissesto del manto stradale alle buste di spazzatura lanciate ovunque per nn parlare di oggetti vari come ruote di auto o vecchie tv e chi più ne ha più ne metta......e il traffico????? Un continuo via vai di auto e motorini che corrono pensando di stare in qualche circuito da gare e che suonano quei stramaledetti clacson per tutta la lunghezza della strada in tutte le ore del giorno e della notte.....Ancora più ridicolo quando la strada si intasa di auto e si blocca perchè magari si infilano si infilano e si infilano pensando che la strada è a tre corsie o semplicemnete perchè nn sono in grado di fare una retromarcia.....io ci abito e la devo percorrere per forza ma chi nn ci abita e nn la conosce ma perchè nn vi fate il giro così nn rompete le p.....scusate lo sfogo ma ogni giorno vedo un paese bello come il nostro andare sempre più allo sfacelo e nn solo per colpa delle amministrazioni ma soprattutto per l'incuria e l'inciviltà di molti cittadini.....ma come si fa ad essere così maleducati e strafottenti su tutti e su tutto veramente nn lo capisco per me è inconcepibile.....basterebbe così poco.....Peccato!!!!!!

 
Alle 10 agosto 2012 09:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vedendo le foto non posso porre che una domanda,i bagni pubblici non erano custoditi o meglio esiste qualche dipendente Comunale che ne dovrebbe garantire il funzionamento?

 
Alle 10 agosto 2012 11:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

Pedro Iker Pietrangeli
ormai il bagno della mia attività è diventato il bagno pubblico; i cestini della mia attività hanno surrogato i cestini (pochissimi) presenti in villa...

 
Alle 10 agosto 2012 11:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

IN COMPENSO IL VICE SINDACO,E L'ASSESSORE GRANDE SI SONO PREOCCUPATI DI CHIAMARE I VIGLI PER FAR CACCIARE DEI VENDITORI AMBULANTI DALLA VILLA CHE PER L'OCCASIONE DELLA FESTA VOLEVANO GUADAGNARSI QUALCOSA DI SOLDI. BRAVI

 
Alle 10 agosto 2012 14:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il comune dovrebbe provvedere a mettere i cestini pubblici per l'indifferenziata..un cittadino che deve buttare una cicca o una cartaccia ha difficoltà .Non c'è un cestino sono rarissimi e per conseguenza sempre pieni.Concordo con molti comunque ,i cittadini bacolesi, come pure voi però sottolineo ,non amano il proprio paese.Non sporcherebbero ne sparlerebbero continuamente male di Bacoli se lo amassero .Amate la vostra terra ,tenetela pulita ed esaltate le sue bellezze .Questo paese è uno splendore ricco di bellezze naturali ,monumenti,spiagge .Siate intelligenti sfruttate le risorse già esistenti ,siete dei fortunati.
O Patatern da il pane a chi non tiene i denti.A mannagg bum bam.

 
Alle 10 agosto 2012 16:30 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giusto per restare in argomento,non è solo la villa comunale a essere un "cesso" guardate la piazza di baia, le strade cittadine tutte sui bordi giacciono quintali di immondizie, ho visto di rado passare la macchina spazzatrice, credetemi è ridicolo e sono soldi spesi male, perchè? perchè la macchina pulisce il bordo della strada ma chiaramente non sale sul marciapiedi, quindi così ottieni il bordo della strada pulito ma il marciapiedi sporco.
Io mi domando e dico non sarebbe più giusto far passare la macchina spazzatrice insieme ad un operatore ecologico sul marciapiede che spazza per farlo raccogliere alla macchina?
NO, PERCHE' SAREBBERO SOLDI SPESI BENE E COSI' NON VA'.

 
Alle 11 agosto 2012 23:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

il problema dei cestini l'ho notato anche io,la sera della processione con un popolazione enorme per le strade i pochi cestini erano colmi e non vi era alcun addetto che provvedesse a svuotarli.Tra la flegrea lavoro e l'ufficio visibilità del Comune abbiamo una taskforce delle pulizie,ma di fatto siamo diventati uno dei paesi più sporchi dell'area flegrea.E' vero prima si prediligeva maggiore attenzione al centro rispetto alle periferie,ora è una sporcizia totale.Per fare un esempio nella villetta di Cappella situata ad angolo tra Mercato di Sabato e via Tito,vi sono rifiuti speciali (amianto) abbandonati da mesi(segnalazione fatta a suo tempo anche da Freebacoli)l'amianto fu recintato ed avvolto in carta ,il problema che quel piccolo recinto è diventato una piccola discarica dove si butta di tutto da fili elettrici a calcinacci,attualmente anche otto pneumatici per auto,nonchè centinaia di bottiglie di liquore e birra vuote e spesso rotte e i cocci disseminati ovunque,per completare rifiuti di pesce eventualmente lasciati li da qualche venditore ambulante,naturalmente quest'ultimo con il sole va in putrefazione,e conseguente profumazione ambient.E questo è solo un esempio di ciò che si trova sul territorio di Bacoli.

 
Alle 15 agosto 2012 13:38 , Anonymous Riccardo Varriale ha detto...

Se non ci sono cestini nessuno ha comunque il diritto di gettare carte o altro a terra.

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page