This page has moved to a new address.

Freebacoli su Road TV Italia, Lotta alla Malapolitica: "La Criminalità è Anche nei Municipi" - VIDEO

Freebacoli: Freebacoli su Road TV Italia, Lotta alla Malapolitica: "La Criminalità è Anche nei Municipi" - VIDEO

lunedì 3 settembre 2012

Freebacoli su Road TV Italia, Lotta alla Malapolitica: "La Criminalità è Anche nei Municipi" - VIDEO

Una mattinata in "Rassegna Stampa" per raccontare le battaglie, le notizie, le proposte e le denunce quotidianamente portate avanti sul territorio dalla Redazione di Freebacoli.

E' on-line la prima puntata di "Lady in Naples...on the Lungomare", per la webtrasmissione di RoadTv Italia, realizzata nel fine settimana sul Lungomare di Napoli.

Nel “salotto pink” di Eliana Iuorio, tanti ospiti e tante sorprese, in una mattinata di riflessioni ed interviste.

Temi ed Intervistati 


Il Giornalista di “Freebacoli”, Josi Gerardo Della Ragione,  protagonista dello spazio riservato alla “Rassegna Stampa” della settimana; la food & wine writer del wine Blog “Luciano Pignataro”, nonchè sommelier: Marina Alaimo; il cantante Lucariello; Francesca Scognamiglio, Giornalista, press agent ed autrice del giallo glam “Gloss”; gli interventi di Antonio Petrazzuolo, direttore di Napoli Magazine e di Germano Bellavia, il nostro “Guido” di “Un posto al sole”…

Si è parlato, in uno scambio di opinioni ed informazioni durato circa mezz'ora, della nascita e storia dell'idea Freebacoli, per continuare a dibattere sui contributi pagati in ritardo alla "ragazze madre", la vendita e mancata manutenzione di scuole pubbliche, il degrado della Casina Vanvitelliana con una riflessione sul cattivo utilizzo dei finanziamenti europei, la problematica "spiagge" ed, infine, la costante presenza di amianto in strada non smaltito dal Comune di Bacoli.


Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

7 Commenti:

Alle 3 settembre 2012 19:18 , Anonymous Anonimo ha detto...

E ALLORA RIPETO, JOSI SINDACO SUBITO!!!!!

 
Alle 3 settembre 2012 20:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

SINDACO ERMANNO,CERTO CHE JOSI,TI STA DISTRUGENDO,FISICAMENTE E MENTAMENTE,POI SE CI METTIAMO PURE CARDAMURO,PIGNAZZELLA,SAVOIA,PORFILIO,ED INFINE,GEPPINO, STAI GIA A CASA SOLO CHE TU NON LO SAI,MA E COSI,CREDICI, RIGUARDATI LA SALUTE, TU CHE SEI MEDICO.

 
Alle 3 settembre 2012 22:07 , Anonymous Road Tv Italia ha detto...

Ottimo lavoro Josi e grazie per la tua partecipazione alla Rassegna stampa.
Un saluto
La redazione di Road Tv Italia

 
Alle 4 settembre 2012 02:04 , Anonymous Anonimo ha detto...

Lady in the city
Grazie a Josi Gerardo Della Ragione ed a tutti i Redattori di Freebacoli.
Siete sempre i benvenuti, sul Lungomare, con RoadTv Italia e Lady in the city!!!

 
Alle 4 settembre 2012 16:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

Assunta Costanzo
non pensavo che ci fossero ragazze madri in bacoli,pensavo erano tutte sante , e si come si comportavano le madri delle ragaze, a me mi additavano con disprezzo perché pensavano avevo fatto mio figlio volando siccome io viaggiavo ero una mo
della di moda e fotografica, non ero seria ,tutto il paese mi infelicitavano la vita e infelicitavano ai miei genitori, mentre io avevo un marito che loro non lo avevano visto ,dopo sposata in milano dovevamo venire in Bacoli allora eravamo molto inpegnati lui per il suo lavoro io per le sfilate a 8 mesi che aspettavo mio figlio mio marito entro' in ospedale per un controllo a un nervo da quel momento non usci piu',non trovavano niente tutto negativo le fecero una iniezione lombare lo rovinarono cosi' incomincio' il mio calvario da una clinica all' altra me lo paralizzarono la sua decenza in clinica per lunghi dieci anni e con tanto soffrire mori' comunque io in tutti quegli anni andavo con mio figlio a trovarlo alla clinica dove si trovava, io da quando mio marito entro' quel maledetto ospedale di Milano io continuavo a lavorare fino a 8 mesi di gravidanza sola partorita sola e andata avanti sola con mio figlio dovevo pagare l' affitto di casa eletricita comprare il latte a mio figlio i soldi scarseggiavano non potevo lavorare , andai alla providenza sociale se mi potevano aiutare per un po ' fino quando mi sistemavo ,loro mi risposero di malo modo he signo' chi ta fatto fare sposarti e fare un figlio!! mi rifiutarono l' aiuto per questo lo dovetti portare da mia madre, i bacolesi quando videro che io avevo un figlio da mia madre che poi ha avuto tutto l' amore del mondo da mio papa' di mia madre e fratelli.mi dispiace per le ragazze madri sarebbe ora che si danno da fare cercarsi un l' lavoro qualsiasi basta che sia onesto anche andare a trovare lavoro a pulire le stanze degli hotel la épiu' facile trovarlo é un lavoro come gli altri e onesto che possono crescere il loro bimbo
e non aspettare la divina providenza

sempre ho lavorato mai fermato, un giorno ho piantato tutto mi feci le valige con una macchina da cucire e partii per l' America per dare un futuro a mio figlio, patii all' avventura non sapevo cosa mi aspettava non sepevo l' inglese pero'
mi arrangiai conobbi una donna napoletana mi ospito' in casa sua in una settimana trovai lavoro in una sartoria siccome io ero diplomata in modelli e sapevo cucire , poi la sartoria chiuse andai a lavorare in alcune fabbriche anche pulire le case, venni in Italia mi portai mio figlio qua, per darle un futuro che ora tiene. intato mi sono pensionata, e vivo tranquilla io ringrazio DIO che mi ha dato la forza di fare tutto questo , ho fatto molti sacrifici, basta volere e riuscire a sopportare; la GENTE FURONO MOLTO INGIUSTO CON ME ,PER QUESTO C' E' IL DETTO NON SPUTARE IN CIELO CHE IN FACCIA TI VIENE!!!!!!!!!!!!!

 
Alle 4 settembre 2012 18:57 , Anonymous Riccardo Varriale ha detto...

Assunta ma la tua se è vera è una storia fantastica,complimenti,dovresti farti aiutare a scrivere un libro.

 
Alle 4 settembre 2012 22:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

ahahahhahahah giornalista , ma josi le proposte quale sono , ma perchè voi apparte distruggere sapete anche costruire ? io vedo solo che alzi la voce e pulisci gli arenili , cosa proponi tu ? non riesci neanche a fare opposizione in consiglio

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page