This page has moved to a new address.

VIDEO - Pullman, La Situazione è Disperata. Intervista ai Lavoratori di Agnano

Freebacoli: VIDEO - Pullman, La Situazione è Disperata. Intervista ai Lavoratori di Agnano

sabato 17 novembre 2012

VIDEO - Pullman, La Situazione è Disperata. Intervista ai Lavoratori di Agnano

Tanta rabbia, molta esasperazione. Lo sconcerto dei lavoratori EavBus si legge negli occhi di ogni singolo dipendente in protesta, di ognuno di quelli seduti in attesa di risposte, di tutti quelli che non vedono alcun spiraglio per il proprio futuro.

Il fallimento, arrivato come un fulmine a ciel sereno per chi già era pronto per ritirare lo stipendio, ha prima scatenato e poi miseramente abbattuto operai di un servizio pubblico da tempo in rovina. Da troppi anni mandato allo sfacelo da chi, insignito del ruolo da dirigente e con le tasche piene di denaro, ha speculato sui bisogni collettivi per dare sfogo alle proprie ambizioni personale.

Il tutto sulle spalle dei pendolari e sulle sorti di 1300 famiglie di lavoratori.

Eav, Debito da 500 Milioni di Euro

“Chiedo che si accertino al più presto le responsabilità nell’incredibile vicenda che ha portato all’emanazione di una sentenza di fallimento dell’Eavbus in contumacia, ossia senza che la stessa azienda si sia difesa in tribunale. Una questione gravissima, che rischia di vanificare del tutto il lungo e complesso lavoro che la Regione stava portando avanti per risolvere la crisi, e dare un futuro certo ai lavoratori e ancor più ai servizi di trasporto su gomma per i cittadini.”, è quanto ha dichiarato l’assessore ai Trasporti e Viabilità della Regione Campania Sergio Vetrella.

Eppure una soluzione era stata trovata. Un nuovo fondo milionario sbloccato dopo una nuova mobilitazione alle pendici del palazzo del potere. Quello della Regione Campania.

Intervista allo Stabilimento di Agnano


“Non sono certo io – sottolinea l’assessore regionale – che ho fatto lievitare l’esposizione finanziaria del gruppo Eav fino a una clamorosa voragine di circa 500 milioni di euro. Non è stato certo Sergio Vetrella a moltiplicare a dismisura e con stipendi e benefit da favola i dirigenti delle tre aziende e della holding, a non pagare i contributi dovuti per legge all’Inps per i lavoratori, a creare un consorzio per la bigliettazione integrata che ogni anno accumulava perdite per 18 milioni di euro, a fare consulenze inutili e costose agli amici degli amici e, nel caso di alcuni amministratori, persino a se stessi".



Ma, ci si chiede, se l'assessore regionale è a conoscenza di queste chiare malversazione, perchè  non le ha denunciate mesi addietro alle autorità competenti?


La Filiera Istituzionale, Solo uno Spot

Accuse durissime a cui fa da contraltare una totale assenza politica della tanto decantata "filiera istituzionale" che, ad esempio, a detta dell'ex quadrilatero Pdl flegreo, doveva permettere al territorio ardente di poter avere evidenti agevolazioni nel rapporto con Provincia, Regione e, di riflesso, Eav.

Basterebbe pensare ai paroloni stesi al sole in campagna elettorale da Ermanno Schiano a Bacoli o Franco Iannuzzi a Monte di Procida. Oggi entrambi, così come confermato dagli stessi lavoratori calati nel dramma della vicina disoccupazione, assolutamente assenti per dare sostegno alla causa del trasporto pubblico.

E la filiera? Inestistente, mai esistita.

Lavoratori e Pendolari: Uniamoci

Ecco perché ripartire da questo vuoto, in difesa del diritto alla mobilità, significa dare forza ad una nuova e finalmente concreta filiera di mobilitazione popolare che coinvolga all'unisono lavoratori e pendolari. La guerra tra poveri, servirà soltanto a nascondere soltanto le inefficenze di chi non ha saputo realmente rappresentare e tutelare i diritti della collettività.

Ognuno può (anzi deve) dare il proprio contributo. In caso contrario si farà il gioco di chi ha ordito la distruzione del settore pubblico.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette:

9 Commenti:

Alle 17 novembre 2012 18:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Solidarietà ai lavoratori e ai pendolari.
Oggi a Bacoli mi è capitato di vedere circolare in almeno 5 occasioni i pullman della EAV BUS.
Come mai?

 
Alle 17 novembre 2012 19:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

PER CHI LEGGE IN QUESTI GIORNI UNA DELEGAZZIONE DEL COMUNE PRESIEDUTA DAL CONS.RE SALVATORE GRANDE SI E RECATA PRESSO LA DIREZZIONE EAV

 
Alle 17 novembre 2012 20:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

Massimo Fiorentino
...una cosa è certa,che se continuiamo di questo passo non solo noi altri lavoratori del gruppo EAV,e vorrei saper a cosa è servita la scissione/cessione di ramo d'Azienda se poi vediamo e sentiamo del dramma che stanno vivendo i nostri colleghi del BUS,(ne approfitto per esprimere la mia piena solidariètà),ma anche gli utenti subiranno,ma che di fatto già subiscono,ripercursioni gravissime sia economiche che di organizzazione della vita.....!Mi viene spontanea una provocazione:tra poco è tempo di campagna elettorale e del voto(vabbè che già non cè voglia,ne di sentire,ne andarci),ma ci pensate,e fatevi due conti,se con i 1300 del settore Auto,i circa 2400 ferro,metti in più i nostri familiari,parenti,amici e affini,e i viaggiatori e via via gradi di parentela loro.....,minacciassimo di non andare a votare,di quanti voti si priverebbe la politica Campana e Nazionale?Par na strunzat,...ma intanto.....Noi abbiamo diritto al lavoro e il popolo alla mobilità.

 
Alle 17 novembre 2012 20:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

SALVATORE GRANDE? AHAHAHAHAHA
E' ANCORA CONSIGLIERE?

 
Alle 17 novembre 2012 22:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

"Il fallimento è arrivato come un fulmine a ciel sereno"??? Il cielo minacciava tempesta da anni! E poi come fa ad essere un fulmine a ciel sereno se il servizio era "da tempo in rovina"??? Mah

 
Alle 17 novembre 2012 22:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

Giusto il commento di Vetrella.
Ma allora ci spiegasse chi ha messo quel Roberto Pepe a capo dell'Eavbus. Secondo quanto riportato da Il Mattino sembra che sia lui il responsabile di quanto è accaduto, perché sebbene gli sia stata notificata l'istanza di fallimento non ha provveduto a costituirsi in giudizio per opporvisi. Può una persona del genere guidare un'azienda pubblica?

 
Alle 18 novembre 2012 10:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

PIATTO APPETIBILE PER I PRIVATI CHE FANNO I SERVIZI CON MENO SOLDI.CHE SIGNIFICA BISOGNA PROVVEDERE HA UN RAMO DEL FITTO DI AZIENDA PAROLE DELLA REGIONE QUALCUNO ME LO PUO SPIEGARE.

 
Alle 18 novembre 2012 13:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

DIPENDENTE DELL EAV BUS SCOMETTIAMO A CHI SARA AFFIDATO IL SERVIZIO ADESSO AD UN AZIENDA PUBBLICA O A UN PRIVATO COME ALL ACMS QUALòCUNO CHE CAPISCE DI TRASPORTI GIA SE NE E FATTA UN IDEA.

 
Alle 18 novembre 2012 14:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma perchè e stato eletto nelle liste del comune di bacoli??

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page