This page has moved to a new address.

Si Dimette un Consigliere del Centro Ittico, Schiano Perde Altri “Uomini di Fiducia”: Continua la Grande Fuga

Freebacoli: Si Dimette un Consigliere del Centro Ittico, Schiano Perde Altri “Uomini di Fiducia”: Continua la Grande Fuga

mercoledì 28 dicembre 2011

Si Dimette un Consigliere del Centro Ittico, Schiano Perde Altri “Uomini di Fiducia”: Continua la Grande Fuga

image Scossone natalizio al Centro Ittico Campano: si dimette Arturo Lubrano, uno dei tre componenti del Consiglio d’Amministrazione della società posseduta per il 99,97 dal Comune di Bacoli. Resta vuoto da giorni uno degli scranni da cui dovrebbe essere possibile amministrare più del 20% dell’intero territorio municipale.

E’ rimasta sinora sottaciuta nell’ombra la decisione dell’oramai ex consigliere d’amministrazione di abbandonare la sempre più barcollante nave del CIC, da tempo monitorata a debita distanza da organi inquirenti, stampa ed interesse politico-popolare.

Una decisione, presa e messa su carta già lo scorso 22 dicembre ed a cui potrebbero seguirne altre da parte dei restanti componenti del CdA, dovuta ad istituzionali “motivazioni di carattere personale”, che andranno di certo ad alimentare dubbi e le perplessità sul futuro di una struttura attualmente attanagliata da laghi inquinati, tanto degrado, impareggiabili possibilità di sviluppo, ed una lunga serie di aree date in concessione agli affittuari ancora privi di contratti aggiornati alle nuove tabelle votate in Consiglio Comunale dalla maggioranza Schiano.

Canoni di fitto, peraltro irrisori poiché similari agli appezzamenti terrieri sparsi lungo Castel Volturno, aspramente contestati da cittadini ed opposizione e su cui da diversi mesi è posta la lente d’ingrandimento della Direzione Distrettuale Antimafia, guidata dal sostituto procuratore Gloria Sanseverino.

Nuove Dimissioni Dopo Quelle di Agosto: E’ il Caos

E in tal senso le novelle dimissioni del Lubrano, dottore commercialista messo lì per espressa volontà di uno tra i più influenti consiglieri comunali del Popolo della Libertà, richiamano alla memoria quelle firmate dallo stesso soltanto cinque mesi fa. Ad accompagnarlo, lo scorso 5 agosto, furono anche gli altri due componenti del CdA, ovverosia il consigliere Enrico D’Abbrosca ed il presidente Daniele Perna, capofila della società succeduto a Raffaele Aragona nell’estate del 2010, nominato un anno e mezzo fa direttamente dal sindaco Ermanno Schiano in qualità di “proprio uomo di fiducia”.

Una scelta drastica, quella compiuta in un caldo pomeriggio d’inizio agosto, determinata (così come si evince anche dalle immagini sottostanti) dalle pressanti indagini che da diversi mesi la polizia giudiziaria stava conducendo sulle azioni ed i movimenti del Centro Ittico e che proprio il 5 agosto culminarono in un’inaspettata visita da parte delle forze investigative presso la sede centrale della società sita all’interno del Parco Vanvitelliano del Fusaro.

“Entro settembre dovranno essere stipulati diversi contratti di locazione e, per compiere questo lavoro, c’è bisogno di una serenità che al momento non abbiamo”, asseriva il presidente durante una successiva seduta di Consiglio Comunale.

Preoccupazioni rientrate appena dopo un mese quando, incassata la fiducia dal Consiglio Comunale, Perna e compagnia tornarono a sedere tra gli “scranni del potere” col mandato di redigere di lì a breve quegli stessi contratti per cui nutrivano tante perplessità.

Centro Ittico Senza Contratti: A Pagare è Solo il Popolo

image Poi però si è arrivati oramai a gennaio 2012 e, a conti fatti, di nuovi contratti non se ne vede neanche l’ombra poiché, a seguito delle indagini della DDA e motivata da una tremenda paura di infrangere la Legge, la combriccola di maggioranza ha deciso in data 12 agosto di dare indirizzo per inviare le Tabelle per i Canoni di Locazione al Tribunale di Napoli affinché lo stesso provveda a nominare un “Consulente Tecnico di Ufficio, di comprovata esperienza accademica, che individui i parametri tabellari da applicare per la determinazione dei canoni locativi relativi agli immobili di proprietà del Centro ittico Campano Spa”.

Un lavoro, pagato con i soldi della collettività, dettato da una deliberazione di Giunta dell’8 Settembre e che al momento non  ha sortito ancora alcun tipo di risultato determinando un ritardo, figlio di una politica timorosa e poco certa del proprio operato, che lascia vuote le Casse del Centro Ittico e permette a decine di strutture commerciali e balneari sparse tra Miliscola, Miseno ed il Fusaro di usufruire di immensi appezzamenti terrieri e di strutture (in parte del tutto abusive) per pochi migliaia, se non addirittura centinaia, di euro all’anno.

Amministrazione da Record: Venti Mesi Fatti di Dimissioni a Catena

Tornando però all’aspetto politico-dimissionario, l’amministrazione in carica continua a fare incetta di “adii” o “fughe” di persone “di fiducia”.

In poco più di venti mesi, andando a memoria, tre assessori (Daniela Carro, Strato Teano e Gennaro Carannante) hanno abbandonato la Giunta; imagei consiglieri d’amministrazione ed il presidente del CIC (poi rientrati) hanno lasciato il CdA; qualche consigliere comunale ha abbandonato la propria commissione consiliare d’appartenenza; ingegneri hanno abbandonato la Commissione Edilizia senza neanche insediarsi; altri ancora hanno lasciato o sono stati cacciati (sino a poi ad essere affettuosamente richiamati) dal Popolo della Libertà; ed infine anche il sindaco Ermanno Schiano lo scorso 15 dicembre ha inviato alla Prefettura la propria lettera di dimissioni.

La medesima che, prima dei venti giorni canonici d’attesa, potrebbe essere ritirata già domani mattina.

D’altronde a Natale c’è chi scrive a Babbo Natale e chi invece si raccomanda speranzoso direttamente al Prefetto. Tanto in entrambi i casi ci si ritroverà difronte a testi ricchi di buone intenzione ma povere di verità.

Arturo Lubrano: Un Uomo, Un Record (di Serenità)

Per concludere, invece, non può non essere sottolineato il nuovo record da Guinness dei Primati fissato dal buon Arturo Lubrano: in soli quattro mesi (settembre-dicembre) è riuscito nell’ardua impresa di dimettersi, ritirare le dimissioni e dimettersi un’altra volta. 

Roba da veri “dirigenti sereni e di fiducia che sentono la fiducia di chi li amministra”.

Redazione Freebacoli
freebacol@ilive.it

Etichette: ,

6 Commenti:

Alle 28 dicembre 2011 19:00 , Anonymous Ospite ha detto...

Francesco Colletta la politica crolla !

 
Alle 28 dicembre 2011 23:58 , Anonymous Lorenzo ha detto...

Lorenzo Looz l' immagine della grande fuga è azzeccatissima

 
Alle 28 dicembre 2011 23:58 , Anonymous Roberto ha detto...

Roberto Della Ragione HANNO FALLITO : MANDIAMOLI A CASA !!!!!!!!!!!!!

 
Alle 29 dicembre 2011 09:56 , Anonymous zi'peppe ha detto...

la vasta porzione del territorio cittadino detenuta dal cic, e le sue potenzialità di sviluppo, sono cosa di fondamentale importanza, quindi serissima ; non altrettanto la banda di ricottari che indirettamente (amministrazione comunale) o direttamente(consiglio di amministrazione) cerca di spremere dalla succosa polpetta tutto il possibile e...quant'altro !
e, come sembra,  non sono buoni nemmeno a fottere come si deve : se si dovessero concretizzare tutte le turpi promesse fatte in campagna elettorale, per qualcuno si aprirebbe all'istante il portone di poggioreale ; ecco spiegato il frenetico passaggio della patata bollente, e la farsesche dimissioni (che puntualmente vengono ritirate)...ingenui e sciocchi elettori, fatevi capaci : vi hanno preso per il naso  ( o per altre parti del corpo!) 

 
Alle 29 dicembre 2011 11:23 , Anonymous Sciion ha detto...

samuele
Il fuggi fuggi è solo legato al fatto che il precedente consiglio del CIC GRAZIE ALLA INDIPENDENZA da partiti ha potuto stilare tabelle che sono armai (problemi per loro) un punto basilere ed insuperabile per i futuri contratti ;Questa mia affermazione riprende altre in cui spiegavo il concetto che ripeto :poiche' ci sono le tabelle di riferimento (ARAGONA) nussuno potra' piu' CLIENTIZZARE come ha fatto sia la sinistra sia la dastra . Buon Anno 

ssmuele guardascione xe cons. CIC

 
Alle 29 dicembre 2011 17:37 , Anonymous Bacolese ha detto...

sapevate che i topi abbandonano la nave prima che questa affondi.........................perquanto riguarda la gestione clientelare del centro Ittico mi chiedo "avranno veramente finito" l'ultima che si sono inventati è stata quella di passare i contratti morosi per migliaia di euro a prestanome nulla tenenti così da risparmiare il dovuto facendo un piccolo regalino ai "CAP' e LIGNAMM" questo sotto la regia occulta di qualche consigliere compiacente

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page