This page has moved to a new address.

La Crisi Non Esiste, Spesi 10.000 Euro Per Potare 8 Alberi: Il Comune Ha 300 Dipendenti Ma Utilizza Solo Ditte Esterne

Freebacoli: La Crisi Non Esiste, Spesi 10.000 Euro Per Potare 8 Alberi: Il Comune Ha 300 Dipendenti Ma Utilizza Solo Ditte Esterne

lunedì 26 dicembre 2011

La Crisi Non Esiste, Spesi 10.000 Euro Per Potare 8 Alberi: Il Comune Ha 300 Dipendenti Ma Utilizza Solo Ditte Esterne

image La crisi mondiale risparmia le casse pubbliche del Comune di Bacoli: continuano senza sosta gli sperperi del denaro dei contribuenti. Spesi diecimila euro, in somma urgenza e quindi senza alcun bando di gara, per “la potatura di otto alberi d’alto fusto radicati sui marciapiedi di Viale Olimpico”.

E’ oramai di routine l’assoluta “nonchalance” con cui gli amministratori bacolesi si relazionano al misero budget della “cassiera municipale”. Quello che, a proprio piacimento, risulta essere vuoto in alcune circostanze e ricolmo di danaro da sperperare in utili occorrenze.

Un’abitudine malsana, su cui periodicamente poniamo i riflettori della notorietà proprio per dare risalto ai casi più eclatanti, che anche questa volta riguarda un atto amministrativo relativo alla degradata condizione in cui imperversa la ben nota Viale Olimpico, strada che collega il centro con le periferie del piccolo paese flegreo.

Arteria di notevole importanza per il traffico cittadino, prima lasciata nell’abbandono e poi, dopo l’atavica mancanza di manutenzione ordinaria, utilizzata da chi dovrebbe avere l’onere di governare la “cosa pubblica” come valvola di sfogo per l’investimento di cifre spropositate elargite a ditte “di fiducia”.

Cinque Milioni di Lire Per Potare Ogni Singolo Albero

E così capita che, dopo aver elargito circa 5mila euro per riverniciare la carreggiata cappellese, questa volta si punta direttamente agli storici alberi pubblici e ad assumersene la responsabilità è direttamente la Giunta Comunale. Organo esecutivo che, presieduto dal sindaco dimissionario Ermanno Schiano e con la sola assenza del solo assessore al Bilancio Vincenzo Salviati (che forse ha voluto non vedere con i propri occhi le conseguenze del nuovo sperpero locale), ha cercato di portare a termine l’ardua impresa di giustificare una spera di circa diecimila euro per la potatura di otto alberi.

Più di cinque milioni del Vecchio Conio, per ogni singolo “albero d’alto fusto”.

image Un intervento urgente utile per provvedere all’alleggerimento delle chiome ed eliminazione degli strobili (frutto a forma di cono delle conifere) per cui si è reso necessario un intervento di somma urgenza. “L'unica ditta che si è resa da subito disponibile – recita la delibera di Giunta dello scorso 13 dicembre – è stata la “ G.F. Service s.r.l.“ con sede in Bacoli alla via Mercato di Sabato 66, già ditta di fiducia dell’Ente e che, ricorrendo i motivi di indifferibilità ed urgenza, per l'eliminazione del pericolo e assicurare condizioni di normalità e sicurezza all' area interessata, si è provveduto ad affidare con Verbale di Somma Urgenza alla ditta “G.F. Service s.r.l. “ con sede in Bacoli alla Via Mercato di Sabato 66, in data 14/11/2011 i lavori per la messa in sicurezza degli alberi di che trattasi, per un importo complessivo presuntivo di € 10.000,00 oltre IVA”;

Per l’opera mastodontica (che forse aveva l’ardire di potare gli alberi dell’intera Foresta Amazzonica) è stato necessario “l’utilizzo di un autocarro allestito con piattaforma aerea d mt 30; autocarro attrezzato con gru per imbragare e calare a terra i rami più grossi evitando danni a cose e persone; attrezzatura trincia per sminuzzare il materiale; motoseghe” ed anche “due giardinieri potatori; due operatori movieri per regolamentare il traffico; due operatori automezzi e attrezzatura”.

Le Nostre Proposte: Evitare le Somme Urgenze Inutili ed Organizzare la Macchina Comunale

A tutto ciò va poi ad aggiungersi che il X Settore, area del personale comunale su cui insistono oltre sessanta dipendenti e che è deputata tra le altre cose al servizio di Giardinaggio e di Verde Attrezzato, secondo quanto trascritto dalla delibera firmata in epigrafe dal vicesindaco Michele Massa e dallo stesso responsabile del X Settore Giovanni capuano,“non ha avuto assegnato alcun capitolo di competenza per far fronte alla spesa”.

Come se poi, in un Comune che conta circa 300 dipendenti, non fosse possibile pensare di far funzionare le squadre che già si hanno a disposizione utilizzando al meglio quello che è il patrimonio pubblico posto al servizio della collettività, senza così far continuamente ricorso a ditte esterne, lavoratori del settore privato, e di riflesso all’esborso di somme ingenti che di riflesso vanno a depotenziare le casse comunali.

Perché in fin dei conti le grandi crisi sono determinate dai tanti piccoli sperperi che, sommati uno ad uno, creano quel mostruoso buco di cassa che affligge le economie del settore pubblico.

Ma, si sa, è sempre più semplice sperperare liberamente con le tasche altrui, senza poi sentire minimamente alcun tipo di disagio. Peccato che poi quelle tasche, a ben guardare, sono nient’altro che le nostre.

Reazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: ,

10 Commenti:

Alle 26 dicembre 2011 18:09 , Anonymous Ma ha detto...

Giuseppe Costagliola
vergognatevi

 
Alle 26 dicembre 2011 18:10 , Anonymous Ma ha detto...

Vincenzo Pugliese
manc na motosega s'accattano li e la fanno usare a uno dei 300 stipendiati? pur a ditt estern anna chiammà??

 
Alle 26 dicembre 2011 19:30 , Anonymous Angelotiano ha detto...

speriamo che abbiano la coscienza di non tornare sui loro passi e ritirare le dimissioni!
la cosa ke mi rende più triste èke non vedo persone capaci e oneste ne a destra ne a sinistra capaci di guidare un amministrazione problematica come quella di Bacoli!
spero ke josi con il suo movimento sia da apripista a qualcosa di proficuo per la collettività!

 
Alle 27 dicembre 2011 00:37 , Anonymous Anonimo ha detto...

Dionilla Pettinari Gnam Gnam!!!!Tutti pappano!!!

 
Alle 27 dicembre 2011 00:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

Francesco Alboretti E
PER FORTUNA CHE NO VA IN VACANZE SIETE IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER I
CITTADINI DEI CAMPI FLEGREI GRAZIE PER INFORMAZIONI GIORNALIERE GRAZIE
ANCORA PER TUTTO LE INFORMAZIONE QUOTIDIANE ANCOR GRAZIE E BUONE FESTE

 
Alle 27 dicembre 2011 00:41 , Anonymous Ospite ha detto...

Marianna Race glielo facevo gratis se me lo kiedevano così ne ricavavo pure la legna per il camino :D

 
Alle 27 dicembre 2011 09:25 , Anonymous mario ha detto...

AVETE PROVATO A CHIEDERE UN PEZZO DI LEGNA....................si sono rifiutati di darlo.................................sapete di chi è la legna che viene tagliata??? e dei contribuenti bacolesi che pagano per il lavoro svolto, lavoro che come avete letto è moltomolto ben pagato e non credo sia scritto da nessuna parte che il materiale risultato dal taglio spetti alla ditta appaltatrice del lavoro, nei paesi dove non ci sono i FESSI come quà il taglio degli alberi resta a disposizione dei cittadini che vogliono utilizzarlo come credono.....INFORMATEVI E RECLAMATE PRESSO l'URP del comune. M.M.    

 
Alle 27 dicembre 2011 22:45 , Anonymous Leonida ha detto...

Scusate, ma non ho il tempo per leggere per intero l'articolo, cio' che mi chiedo e' :il comune e' dotato di un servizio giardini? oppure quei dipendenti si occupano solo di tenere in ordine i giardini dei vip del paese? con i miei occhi ho visto l'automezzo comunale potare un albero in proprieta' privata. Che strano i favori li fanno privatizzando le infrastrutture pubbliche, mentre se sibtratta di lavorare ... avanti con la spesa

 
Alle 28 dicembre 2011 12:56 , Anonymous Agrotecnico ha detto...

Leggendo sia l'articolo sia l'atto sul sito del comune, resto sbalordito non tanto dallo sperpero, ma dalla profusa e insistente ignoranza in materia! Mi spiego meglio, e lo dico da Agrotecnico ma soprattutto da cittadino onesto e lavoratore. Come mai un ente pubblico non è attento alle nuove tecniche che permettono di salvaguardare le casse proprie?
Incominciamo a dire che i giardinieri dovrebbero tutti e dico tutti avere dei requisiti minimi, e il primo è quello di essere diplomati nel settore, e non solo essere parenti di...o diplomato al bar sotto casa! L'ente pubblico conosce l'esistenza del Tree Climbing??? con questa tecnica il costo sarebbe stato del 50% in meno!!  M non è possibile... perché la DITTA interpellata è una ditta fidata..e le altre??? vorrei proprio vedere chi sono i proprietari...sicuramente oneste persone e lavoratori, ma quando si hanno troppi legami e per troppi anni si fa subito a cascare nel favoritismo politico...in questo caso!
Vorrei che il titolare dell'articolo approfondisse meglio chi ha effettuato le potature, e se ha i requisiti, perché in caso contrario sarebbe grave, gravissimo, un motosega in mano a operatori che non sanno quello che fanno e non conoscono nemmeno il principio base delle potature, le conseguenze le conosciamo bene...vedi l'albero caduto ad Arco Felice nei pressi della Chiesa di S.Luca...1 MORTO... si poteva evitare se solo gli enti si degnassero di assumere personale con qualifiche e aggiornarli 2 volte all'anno. VERGOGNA! 
Bacoli potrebbe essere una macchina che darebbe lavoro a tutti i suoi abitanti, se solo si smettesse di vendersi per un pugno di cozze!
Saluti

 
Alle 28 dicembre 2011 13:03 , Anonymous Avv.Indignato ha detto...

Leonida...ben detto.
Al Fusaro una nota avvocatessa di Bacoli ha acquistato un terreno da pochi anni con rudere annesso, sta effettuando dei lavori di pulizia delle sterpaglie, indovina chi è venuto a lavorarci dentro la sua proprietà??? Dipendenti comunali...si dipendenti comunali... Triplo reato... doppia attività, che per un pubblico è una offesa a noi onesti cittadini, da lavoro a personale non qualificato... perché li conosco e non lo sono e perlopiù evasore/ri di tasse..tutto in nero...e automezzi comunali...
Vergona!
Inoltre sta effettuando dei lavori per la recinzione ( nuovi muri) senza che gli operai o la ditta avessero un minimo di protezione...sequestrategli tutto...e cancellatela dall'albo degli avvocati...
la prossima volta arriveranno fotografie!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page