This page has moved to a new address.

Salvatore Grande (PDL) Lascia Anche la Delega ai “Trasporti”, Ma Nessuno lo Pensa: E’ Record di Dimissioni

Freebacoli: Salvatore Grande (PDL) Lascia Anche la Delega ai “Trasporti”, Ma Nessuno lo Pensa: E’ Record di Dimissioni

lunedì 9 gennaio 2012

Salvatore Grande (PDL) Lascia Anche la Delega ai “Trasporti”, Ma Nessuno lo Pensa: E’ Record di Dimissioni

image Il consigliere Salvatore Grande si dimette dalla propria delega ai “Trasporti”: continua lo sgretolamento della maggioranza Schiano.

E’ un nuovo colpo quello inferto nella giornata di oggi da un componente interno all’amministrazione comunale, nominato nell’agosto 2010 dal sindaco Schiano per interessarsi della questione “Trasporti”, tema caldo ricco d’insoddisfazioni sia per la cittadinanza che per la stessa classe politica locale.

D’altronde sono ben noti i disagi propri della viabilità bacolese e i continui malfunzionamenti del “servizio pubblico su gomma e su rotaia” che, seppur inseriti in un discorso di tipo regionale, non hanno tratto alcun tipo di giovamento dallo sprone comunale. Basti pensare, tra le tante cose, che lungo le strade cittadine, a fronte delle numerose e ripetute promesse di Grande anche nel corso dell’era Coppola, continuano a mancare anche le pensiline per le fermate dei pullman. Una latitanza a dir poco eclatante soprattutto in periferia.

Un impegno, quello della delega, assunto circa un anno e mezzo fa e che veniva reso possibile soltanto dopo le dimissioni dell’assessore Strato Teano, uscito dall’esecutivo dopo le gravi accuse espresse dal consigliere Geppino Laringe in Consiglio Comunale, rivolte al sindaco ed allo stesso Popolo della Libertà, in cui il consigliere anziano epitetava come “Gent cà s vò magnà tutt cos” i suoi colleghi di banco.

Le Ragioni del Trasformista un Tempo PD ed ora PDL

“Egregio signor Sindaco, come è noto, con suo decreto dell’agosto 2010, ho ricevuto la delega per lo specifico incarico di collaborazione nella complessa problematica dei trasporti locali. In tutti questi anni ho cercato di onorare al meglio il mandato conferitomi dall’amministrazione nell’interesse della collettività”, image asserisce Grande in una nota ufficiale ricordando i suoi trascorsi con l’amministrazione Coppola quando, passato dalle liste civiche al Partito Democratico, sosteneva l’amministrazione “senza se e senza ma”, addirittura fino alla fine del mandato consacrata soltanto dalle dimissioni in tronco dell’allora giunta comunale.

“Ho anche redatto un nuovo piano di trasporto pubblico su gomma con l’ausilio della Prima Commissione Permanente che deve essere solo attuato. Impegni professionali e familiari mi impediscono di poter assolvere ancora a tale gravoso compito e per questo motivo, pur ringraziandola per la fiducia accordatami, mi vedo a costretto a rassegnare le dimissioni”, conclude il consigliere autocelebrativo che, in circa due anni di amministrazione, è già alla seconda dimissione consecutiva.

Salvatore Grande, Il Principe delle Dimissioni

Poche settimane fa aveva deciso di abbandonare anche la neo-costituente Commissione Ambiente, in cui si era fatto eleggere soltanto qualche mese prima dai colleghi dell’assise. Un malessere evidente che potrebbe essere dettato da forti malumori interni ad una maggioranza sempre più allo sfascio. Forse, secondo quanto appreso in questo caso da mere voci di corridoio, in questo caso ad aver creato una spaccatura sarebbe stato il “toto-dimissioni” che ha lasciato sulle spine lo pseudo-centrodestra locale sino a 48 prima dal possibile “ritorno alle urne”.

Difatti è oramai da tempo che il Popolo della Libertà continua a perdere pezzi per la strada senza che però nessuno decida mai di rinunciare alla comoda poltrona di consigliere comunale, ma preferendo disfarsi soltanto di “onorificenze accessorie” e perlopiù “futili”.

image Un modo di fare tipicamente provinciale, supportato dalle oramai ridondanti “motivazioni di carattere personale” utilizzate dai bimbi in grembiulino al primo giorno di scuola, utile per minare delle crepe sparse lungo le mura del palazzo del potere, senza però abbandonare in alcun modo il ricco tavolo politico della maggioranza di governo.

Il Rimpianto per Non Aver Raggiunto la Presidenza del Consiglio

Infine, focalizzando nuovamente l’attenzione sul “caso Salvatore Grande”, consigliere trasformista eletto nel corso dell’ultima tornata 2010 tra le fila del Popolo della Libertà, non ha mai nascosto i propri forti malumori per la mancata nomina alla presidenza del Consiglio Comunale. Titolo ambito, perché oltre ad una maggiore visibilità riesce a garantire uno stipendio di circa 1000 euro al mese, racimolato senza fare alcunché d’impegnativo, negato all’ex componente del Partito Democratico per ragioni di “peso elettorale”.

Ciò che però, a prescindere dalla situazione particolare, resta scolpito nel marmo è un dato oggettivo: questi primi due anni di amministrazione, oltre al quasi totale vuoto politico-gestionale, saranno ricordati come “gli anni delle dimissioni” dove tutti, chi prima e chi dopo, alzarono silenziosamente (mai ossimoro fu tanto indicato) la voce utilizzando le armi della “carta bollata” e delle “problematiche familiari”.

Redazione Freebacoli
freebacoli@Live.it

Etichette: ,

2 Commenti:

Alle 9 gennaio 2012 23:23 , Anonymous Ospite ha detto...

Roberto Del Gaudio - sì è vero, hitler èun pezzo di merda, ma sempre meglio lui che clinton.

 
Alle 11 gennaio 2012 17:57 , Anonymous Armingar ha detto...

IL TRASFORMISMO DI QUESTI POLITICUCCI NON MI MERAVIGLIA, MA SOLO CHI E' SENZA PECCATO PUO SCAGLIARE PIETRE....
IL CONSIGLIERE IN QUESTIONE E' UN BURRATTINO SENZA FILI,IN QUESTO MERDOSO PAESE I PUPARI SONO SEMPRE GLI STESSI E QUANDO NON CI SONO HANNO DEGNI SOSTITUTI,IL RESTO E' CONTORNO,PROBABILMENTE AL COMUNE C'E' ANCHE QUALCHE BUONA PERSONA ,(CI STA PER FARE LA TESTA DI LEGNO),GRANDE VOLEVA SOLO ESSERE "GRANDE" MA E' UNA DELLE PERSONE PIU' DERISE DA PARTE DEI SUOI STESSI COLLEGHI,OGNI TANTO IL CONTENTINO (PERCHE' PORTA VOTI) E POI GIU' A RIDERE,VIENE CALCOLATO COME IL 2 NELLA BRISCOLA(NON SOLO LUI ANCHE ALTRI CONSIGLIERI ED ASSESSORI) I PUPARI HANNO UN MOTTO " I SCIEM NON DEVONO STARE DA SOLI" PER UNA PARVENZA DI LEGALITA',
IO DICO CHE E' UN BENE CHE IL PAESE SIA PIENO DI STRONZI,AVANTI COSI',WWW IL CENTRO ITTICO TARANTINO

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page