This page has moved to a new address.

"Faro di Cuma" in Spiagge Romane, Da Anni è un Bordello a Luci Rosse - FOTO

Freebacoli: "Faro di Cuma" in Spiagge Romane, Da Anni è un Bordello a Luci Rosse - FOTO

sabato 8 settembre 2012

"Faro di Cuma" in Spiagge Romane, Da Anni è un Bordello a Luci Rosse - FOTO

Da sito archeologico, a "bordello" del nuovo millennio trascurato dall'intero panorama istituzionale: dimenticato, sulla spiaggia di Cuma, il patrimonio archeologico dei Campi Flegrei.

"Turismo hot" lungo le Spiagge Romane, tra mare inquinato e macchia meditteranea calpestata da incuria e roghi estivi.

Tra sabbia, detriti e rovi il cosiddetto antico faro di Cuma, è stato trasformato in una sorta di bordello all'aperto utilizzato, anziché per finalità turistico-ricettive, per meri scopi si svago e baldoria visibili (da anni) anche alla luce del sole nel corso delle calde giornate estive.

E' una nuova segnalazione del giornalista Antonio Cangiano, diffusa dall'edizione on-line del Corriere del Mezzogiorno (inserto del Corriere della Sera), a riportare luce sullo stato di fatiscenza in cui viene lasciato il patrimonio culturale di una terra mortificata da chi non è in grado di amministrarla.

Il Porto Antico Utilizzato come "Bordello"

Alle foto scattate sul posto dal reporter partenopeo, da tempo attivo per la salvaguardia del patrimonio archeologico di Napoli e dei Campi Flegrei, segue la denuncia del gruppo "Freebacoli".


CLICCA QUI per guardare tutte le foto


"In gran parte interrato per il fenomeno del bradisismo, il faro di Cuma - scrive Cangiano dalle pagine del "Corriere" - è una preziosa testimonianza dei porti dell’antica Kyme, ancora sconosciuti. Dionisio di Alicarnasso, ricordando il ritorno di Aristodemo dopo la vittoria di Aricia sugli Etruschi del 505 a.C., afferma che «entrò con le navi nei porti di Cuma» e ciò potrebbe far supporre che Cuma disponesse di più di un porto. Parzialmente nascosto da un fitto bosco, al confine con l'area dunare, la specola, databile all'ultimo quarto del I sec. a. C., è alta circa otto metri. Da studi recenti potrebbe rappresentare un piccolo faro di segnalazione posto presso il canale d'entrata al porto".

Istituzioni Assenti

Gravissime in tal senso risultano essere le responsabilità dei Comuni di Bacoli e Pozzuoli e della Soprintendenza, che, pur conoscendo appieno la situazione, non fanno un bel nulla per modificarla.

Difatti, sebbene sollecitati dai cittadini per la presenza di illegalità diffusa e vere e proprie orge in pieno giorno organizzate proprio sui resti archeologici, gli enti istituzionali tacciono in modo irresponsabile.

Tra l'altro il sito, in buona parte ancora da scoprire, giace in un'area assolutamente degradata.

La struttura, dalle Spiagge Romane, affaccia su di una spiaggia vuota, un mare inquinato, la foce insabbiata del lago Fusaro, e le dune della macchia meditteranea devastate negli anni da rifiuti ed incendi.

Redazione Freebacoli
Freebacoli@live.it

Etichette: ,

7 Commenti:

Alle 8 settembre 2012 11:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

Wanda Ranieri
bisognerebbe fare tante condivisioni perche' tutti, amici degli amici, possano vedere e far vergognare chi di dovere!!!!!!!!!!!!!

 
Alle 8 settembre 2012 13:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ghino di Tacco

Viva l'UNESCO !!!

 
Alle 8 settembre 2012 16:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

Mario Capuano
LA SOPRINTENDENZA.......IO LA CHIAMEREI A QUESTO PUNTO LA......SOTTOINTENDENZA!, E FACCIO UNO 'SCONTO' ENORME A QUESTI SIGNORI?

 
Alle 8 settembre 2012 17:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bordello non è corretto... li mica si paga, non è mica una casa di appuntamento? O almeno non ho mai sentito una cosa simile!!!

Quello è più che altro un "parco dell'amore" ehehehhe

Organizziamoci, io dico che un paio di sere a settimana armati di torce andiamo tutti li su, una passeggiata. Sai come scappano tutti, sopratutto chi riconosce parenti e amici!

 
Alle 9 settembre 2012 10:50 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vincenzo Panico
ke vergogna...

 
Alle 10 settembre 2012 22:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

e vogliamo parlare del faro a miseno...un bordello...se ci fossero più controlli...ma purtroppo i carabinieri di bacoli sanno solo stare dietro unaa scrivania...eheeheh..

 
Alle 11 settembre 2012 11:56 , Anonymous Anonimo ha detto...

guardone !!!!!!! ahahhahahahahhahah ì la verità piacerebbe appartarti lì ma non vai perchè ti manca la donna!!!!

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page