This page has moved to a new address.

Storie dal Paese di Laringe, Lo Scalandrone Alza la Voce: "Noi Cittadini di Serie C" - FOTO

Freebacoli: Storie dal Paese di Laringe, Lo Scalandrone Alza la Voce: "Noi Cittadini di Serie C" - FOTO

venerdì 10 agosto 2012

Storie dal Paese di Laringe, Lo Scalandrone Alza la Voce: "Noi Cittadini di Serie C" - FOTO

Ci troviamo sulla Strada Provinciale Scalandrone, una frazione cittadina posta al confine di due Comuni flegrei ovvero Bacoli e Pozzuoli. 

Il motivo per il quale siamo qui, è la necessità di documentare una situazione che ha dell' inverosimile e che si protrae almeno dagli anni 80, periodo durante il quale un grezzo sentiero di campagna fu completamente trasformato in quella che oggi rappresenta una delle pochissime "vie di fuga" del paese .

A segnalarci le problematiche che andremo ad illustrarvi, sono stati alcuni Cittadini che abitano in zona, stanchi e contrariati dell' indifferenza della politica locale che puntualmente si presenta in quartiere - ci dicono - solo ed esclusivamente durante il periodo elettorale, mostrando un finto interesse alle istanze delle famiglie del posto ed una falsa sensibilità, per la quale ogni volta si recitano mille promesse senza riuscire però, a concretizzarne nemmeno mezza.

Una sfiducia quindi, che ha spinto i Cittadini a non recarsi più al Municipio di via Lungolago, sede istituzionale nella quale hanno cercato più volte di presentare le proprie richieste, essendo ricevuti puntualmente da bugiardi e incompetenti.

Lo Scalandrone peggio del FAR WEST

Primo fra tutti c'è il problema Sicurezza. I residenti lamentano la totale assenza delle Forze dell' Ordine durante le ore Notturne, fascia oraria durante la quale i ladri entrano in azione per forzare le serrature delle abitazioni e rapinarne il contenuto. 

Un clima di paura generale che ha costretto la maggior parte delle famiglie di quartiere a dotarsi di persiane di ferro, catenacci e sistemi antifurto. Senza contare che gli interessati vengono condizionati persino nell' atto di uscire di casa per svolgere le proprie faccende quotidiane, preferendo non allontanarsi dalle mura domestiche per troppo tempo.

<<...quì intorno è un continuo alternarsi di rumori e la situazione è diventata insostenibile - ci confida Maria, una giovane donna madre di due bambini - ci capita almeno due, tre volte a settimana di non riuscire a dormire la notte a causa di questi scalpicci cigolanti provenienti dall' esterno e che ci costringono ad alzarci dal letto per andare a controllare. Le nostre case sono circondate da vigneti e campagne isolate; non è quindi difficile immaginare come facciano questi briganti ad arrivare sino a noi. Io stessa ho avuto un furto nel Maggio 2009 e ci sono altri vicini che anche ultimamente hanno subito altri danni alle proprie abitazioni...>>

Ma i "ladri" non sarebbero gli unici a rappresentare il problema. Ad aggravare ulteriormente la situazione vi è anche la questione "viabilità stradale": marciapiedi e strisce pedonali inesistenti, cunette artificiali che si fanno attendere da anni ( e nel frattempo sono state installate solo delle bande sonore che non fanno altro che arrecare disturbo alla quiete pubblica ) e Vigili che arrivano in zona solo per dirigere il traffico nelle ore di punta del fine settimana, quando questa strada provinciale da pista automobilistica si trasforma in un groviglio interminabile di auto "imbottigliate". Sono queste le motivazioni che impossibilitano bambini e anziani a scendere in strada autonomamente e senza correre il rischio di essere investiti.

<<...un giorno arrivarono alcuni tecnici della provincia di Napoli pretendendo che gli pagassimo un imposta per l'accesso diretto in strada - afferma Carmine, un altro residente del luogo, raccontando alcuni aneddoti che ha vissuto in prima persona - e noi gli rispondemmo che solo quando l' arteria provinciale sarebbe stata messa adeguatamente in sicurezza avremmo potuto riparlarne! In un altro episodio invece, altri tecnici dell' Ente sopraggiunsero per progettare l'installazione del Gasdotto nel sottosuolo ma furono costretti ad abbandonare l'iniziativa poichè le loro cartografie erano in contrasto con la realtà dei fatti; dai documenti risultava che la strada doveva possedere anche dei marciapiedi quando invece quì non sono mai stati realizzati!...>>

Lo Scalandrone al Buio e senza Rete Fognaria

Altro dato sconcertante è l' assenza di illuminazione stradale i cui fari si fermano appena 150-200 mt. dal punto in cui sono state scattate le immagini in allegato. Come già detto in precedenza questo lembo di terra vive una situazione di estrema dicotomia tra i comuni di Bacoli e Pozzuoli. 

Una parte dei residenti del posto dunque, pur appartenendo al Comune puteolano ( per una differenza di pochi metri ) pagano regolarmente a quello bacolese le relative tasse per la Corrente Elettrica restanto ugualmente al buio. Imposte relative a servizi non erogati ma che i cittadini versano ugualmente.

Come ben si evince dalle foto, la strada in esame è priva di illuminazione e questo, come più volte denunciato dai nostri Articoli, rappresenta un vero e proprio pericolo mortale per la pubblica incolumità. 

Discorso ancor più scandaloso per l' imposta sull' Acqua. I residenti dello Scalandrone pagano il servizio per la rete fognaria pur non avendone una ma dovendosi "arrangiare" con un pozzo nero a tenuta stagna che annualmente viene svuotato da ditte specializzate.

Nel lontano 2009 una delegazione di cittadini del posto raccolsero finalmente tutte le istanze relative al quartiere per rivolgersi ai rappresentanti istituzionali di entrambi i Comuni: i politici bacolesi risposero che l'area ricadeva nella giurisdizione del comune di Pozzuoli, pertanto li liquidarono in fretta e furia con uno "scaricabarile" tipico di certi personaggi locali.

Dall' altra parte il Comune puteolano si ritrovava in periodo elettorale, per cui ci fu un interessamento momentaneo da parte di alcuni candidati che promisero una risoluzione del contenzioso con il comune nostrano che si rivelò essere l'ennesima menzogna per accaparrarsi voti e adesioni. 

Tutto ciò non ha fatto altro che creare confusione e amarezza negli animi delle persone che hanno preferito lasciare ogni aspettativa e rassegnarsi al degrado. 

La Redazione Freebacoli si impegna a fare luce sulla controversa questione onde garantire risposte precise a questi concittadini e ove possibile, sollecitare interventi concreti per la risoluzione delle problematiche relative a sicurezza, illuminazione stradale e rete fognaria.

M.Rosaria Schiano
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it


Etichette: , , ,

10 Commenti:

Alle 10 agosto 2012 21:38 , Anonymous Anonimo ha detto...

La Redazione Freebacoli si impegna a fare luce sulla controversa questione onde garantire risposte precise a questi concittadini e ove possibile, sollecitare interventi concreti per la risoluzione delle problematiche relative a sicurezza, illuminazione stradale e rete fognaria...
TUTTO LASCIA PRESUPPORRE DI ESSERE IN PROCINTO DI UNA NUOVA TORNATA ELETTORALE...ALTRE PROMESSE...ALTRI IMPEGNI...MA CREDO CHE OGGI COME OGGI CI SI RIESCE AD ACCAPARRARE TANTI VOTI NON CON LE PROMESSE NON MANTENUTE MA CON LA SINCERITA' E L' ONESTA'...DOTI QUASI COMPLETAMENTE INESISTENTI PER LA CATEGORIA "POLITICI"

 
Alle 11 agosto 2012 00:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vincenzo della Ragione
mo veng ...

 
Alle 11 agosto 2012 01:13 , Anonymous Anonimo ha detto...

FRANCESCA ILLIANO
MARIA, CARMINE E TANTI ALTRI CHE COME ME OGGI HANNO DECISO DI FAR SENTIRE LA PROPRIA VOCE.
VIVO DA SEMPRE SULLO SCALANDRONE E IL TEMPO PASSA MA LE PROBLEMATICHE SONO SEMPRE LE STESSE;STRADE BUIE, SISTEMA DI SICUREZZA INESISTENTE E TANTO ALTRO DA VOI BEN SOTTOLINEATO.AMO LA MIA TERRA E QUESTA ZONA IN PARTICOLARE CHE E' IL MIO LUOGO DI CRESCITA E DI RICORDI MA SENTO CONTINUAMENTE IL DEGRADO E LA "DIFFERENZA"...
EPPURE TU, MI RIVOLGO A TE, MIO CARO GEPPINO, QUANDO VIENI A BUSSARE ALLA MIA PORTA PER I VOTI,SEI SEMPRE PRONTO CON LA TUA SOLITA POESIA, FATTA DI BUONI PROPOSITI E INIZIATIVE CONVENIENTI.
MA ADESSO DICO BASTA! CI VEDREMO ALLA PROSSIMA CAMPAGNA ELETTORALE, PERCHE' CI VEDREMO SICURAMENTE, QUANDO DOVRAI FARTI I CONTI E NOTERAI CHE NON CI SARANNO PIU' I VOTI CHE HAI SEMPRE AVUTO DA ME E DALLA MIA FAMIGLIA.TROPPE COSE NON VANNO, DAL DEGRADO DELLO SCALANDRONE CON IL SUO BUIO, AL DEGRADO DELLA CULTURA CHE PRIMA SPLENDEVA MA CHE ORA E' ALTRETTANTO SCALANDRONICAMENTE BUIA!
BASTA VOTI!

 
Alle 11 agosto 2012 15:44 , Anonymous Anonimo ha detto...

Li avete votati??? E ADESSO PEDALATE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 
Alle 11 agosto 2012 16:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Piena solidarietà alle persone dello scalandrone sulla questione "ladri, viabilità e quant'altro. Spero che al più presto riescano ad avere un serio contributo da parte delle istituzioni. L'unica cosa che mi chiedo, una persona che abita in zona, si è sempre vantata di avere impianti di riscaldamento e acqua calda GRATIS è vero? Se la risposta è si, anche in questo caso le istituzioni dovrebbero provvedere considerando che in zona abita anche un noto personaggio politico. Se non è vero mi scuso per la sbagliata informazione.

 
Alle 11 agosto 2012 20:10 , Anonymous Alfonso ha detto...

Se ho capito bene quello che vuoi dire penso che tu abbia fatto un pò di confusione.
E'vero che molti abitanti dello Scalandrone hanno acqua calda e riscaldamento gratis ma di questo non devono ringraziare il noto personaggio politico di cui parli ma Madre Natura (geotermia).

 
Alle 11 agosto 2012 23:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

C'è un consigliere della zona che viene eletgto puntualmente e con una messe di voti esagerata,cosa vi promette ma soprattutto evidentemente mantiene le promesse per cui ogni volta viene premiato.Poi invece si scopre che le promesse per l'ennesima volta non le ha mantenute.Allora una volta per tutte punitelo non lo votate più,puntate sui giovani sul rinnovamento.

 
Alle 12 agosto 2012 10:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Per geotermia si intende la disciplina della geologia che studia l'insieme dei fenomeni naturali coinvolti nella produzione e nel trasferimento di calore proveniente dall'interno della Terra. In senso lato il concetto può essere esteso anche nello studio degli altri pianeti. Questo calore naturale può essere sfruttato per ottenere energia, nello specifico chiamata energia geotermica. Il termine geotermia viene spesso utilizzato per indicare lo sfruttamento dell'energia geotermica. Dall'inizio del novecento l'Italia sfrutta il calore della Terra per produrre energia elettrica tramite la realizzazione di centrali elettriche geotermiche capaci di sfruttare la forza del vapore.
TUTTO QUESTO PROCEDIMENTO DOVREBBE ESSERE MESSO A DISPOSIZIONE DI TUTTI E NON DI POCHI ELETTI.
GLI ABITANTI DELLO SCALANDRONE NON SO CHI DEVONO RINGRAZIARE SICURAMENTE GLI ALTRI CITTADINI BACOLESI CHE PAGANO ACQUA LUCE RISCALDAMENTO E QUANT'ALTRO.

 
Alle 12 agosto 2012 18:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

ma per il comune esistete tutti o siete sempre quei pochi soli e bistrattati????

 
Alle 13 agosto 2012 11:44 , Anonymous Alfonso ha detto...

Da quello che scrivi penso che tu non sia di Bacoli o quanto meno non conosca lo Scalandrone.
Nel sottosuolo della collina dello Scalandrone, soprattutto nel versante che guarda Pozzuoli, ci sono delle vene di acqua calda abbastanza superficiali (a poche decine di metri di profondità) già conosciute e sfruttate dagli antichi romani (vedi Stufe di Nerone ancora oggi funzionanti).
Agli inizi degli anni 80 L'AGIP impiantò sullo Scalandrone un campo mofete per studiare la possibilità di sfruttare questa geotermia per la produzione di energia elettrica a similitudine di Larderello in Toscana.
Al termine del periodo di studi però il campo venne chiuso ed il progetto abbandonato perchè lo sfrutamento della geotermia del luogo venne ritenuto economicamente non conveniente.
Gli abitanti della zona però sfruttano in proprio questa geotermia scavando dei pozzi per usare l'acqua calda superficiale per riscaldare le proprie case e per la produzione di acqua calda ad uso sanitario.
Non esiste dunque sullo Scalandrone alcuna centrale geotermica pagata con le nostre bollette e sfruttata soltanto dgli abitanti della zona.
Spero di averti chiarito le idee per quello che riguarda la questione riscaldamento.
Restano veri purtroppom tutti gli altri problemi descritti dall'articolo.

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page