This page has moved to a new address.

Pericolo di Frana, Politica e Forze dell’Ordine Si Macchiano di “Colpa Grave”: Via Panoramica è la Strada dell’Illegalità - VIDEO

Freebacoli: Pericolo di Frana, Politica e Forze dell’Ordine Si Macchiano di “Colpa Grave”: Via Panoramica è la Strada dell’Illegalità - VIDEO

lunedì 12 dicembre 2011

Pericolo di Frana, Politica e Forze dell’Ordine Si Macchiano di “Colpa Grave”: Via Panoramica è la Strada dell’Illegalità - VIDEO

image La Redazione di Freebacoli pubblica di seguito un video in cui si mostra la condizione di assoluta illegalità presente, in particolar modo nel corso dei fine settimana e durante le mensilità estive, presso via Panoramica, nel cuore caldo di Monte di Procida.

Area riservata da anni allo svago giovanile ed alla ristorazione del “sabato sera” che evidenzia condizioni di palese pericolo e degrado, non sanzionate e monitorate in alcun modo dagli organi competenti.

Dal video, realizzato lo scorso sabato (10.12.2011) e per cui sin da ora ci scusiamo per la qualità delle immagini, è possibile constatare la presenza di decine e decine di autoveicoli parcheggiati illegalmente proprio sopra i marciapiedi della strada provinciale, con la compiacenza di parcheggiatori abusivi che in cambio di qualche euro (o spesso di una tariffa fissa) aiutano l’autista a meglio posizionare il proprio veicolo al di sopra del passaggio pedonale.

Forze dell’Ordine ed Amministrazione Restano a Guardare

Uno stato di cose che, oltre a mettere a repentaglio l’incolumità dei cittadini impossibilitati ad utilizzare i marciapiedi lì presenti, viene velatamente tutelato da forze dell’ordine, macchina comunale e amministrazione locale che nulla fa per risolvere l’annosa criticità territoriale. Inerzia voluta che contribuisce al blocco del traffico, trasformando una strada panoramica a doppia corsia, in un vero e proprio imbuto assolutamente non attraversabile nei fine settimana estivi.

E pensare che soltanto pochi metri più in là, in prossimità della piazza centrale del piccolo Comune flegreo, la presenza di vigili urbani è imageassicurata spesso anche in notturna senza che però nessuno degli stessi si prodighi, o sia indirizzato, verso un’area oramai deturpata da una costante condizione di fatiscenza resa possibile da chi, per garantire gli interessi economici di pochi, lede la vivibilità di molti.

Scelta poco lungimirante che cozza con una realtà ricca di soluzioni alternative e, soprattutto, legali. Difatti, se lo stato di cose dovesse restare tale, amministrazione e commercianti potrebbero pensare di usufruire dei vasti terreni posti ai margini della strada provinciale, per farne delle aree di parcheggio trasparenti e capaci di eliminare qualsiasi tipo di problematica.

Pericolo di Frana: Locali in Zone R4

A ciò però si va ad aggiungere una criticità ben più grave e complessa su cui politica ed istituzioni da tempo immemore hanno deciso di non metter bocca nell’attesa che, un giorno o l’altro a seguito di un forte maltempo, si debba confrontare direttamente con una tragedia ampiamente annunciata.

Tutti i locali presenti in via Panoramica e posti “fronte mare”, risultano essere posizionati in un’area riconosciuta da Piano Regolatore con il nominativo di “Zona R4” che, per definizione normativa, è a particolare “rischio geomorfologico”.

Le “Colpe Gravi” dei Politici

Lì quelle strutture, come già segnalammo in un articolo pubblicato l’ultima estate a firma dell’attivista Antonio Sabatano (http://freebacoli.blogspot.com/2011/05/pericolo-frana-e-sosta-selvaggia.html), non dovrebbero proprio esserci.

Zone di notevole rischio idrogeologico su cui però si continua a far lavorare centinaia di persone e lungo le quali si consente a migliaia di cittadini (tra cui un numero non quantificabile di ragazzi) di trascorrere tranquillamente il sabato sera.

Come sarà tollerabile dinanzi ad una catastrofe (peraltro ampiamente annunciata dai dati di fatto), una tale miopia politica? Come un giorno l’attuale Presidente della Provincia Luigi Cesaro (accompagnato dal fidato consigliere Ermanno Schiano) ed il veterano Sindaco di Monte di Procida Franco Iannuzzi, potranno spiegare che si è preferito tutelare gli interessi economici del quotidiano senza tenere conto delle ripercussioni future che gli stessi avranno lungo l’intera costa montese?  imageCome possono ancora oggi, pur sapendo, macchiarsi di tale “colpa grave”?

La Proposta: Sviluppo Economico Tutelando Ambiente e Cittadini

Eppure basterebbe, preso atto anche delle numerose tragedie che hanno coinvolto in queste settimane decine di paesi del Nord e del Sud Italia, cominciare a predisporre un piano di “riposizionamento” utile per dislocare i numerosi locali lì presenti dall’altra parte della strada, ponendoli in una condizione di maggior serenità e, soprattutto, legalità.

Perché lo sviluppo economico di un paese non può fare a meno del rispetto dell’ambiente in cui si vive e, soprattutto, della salvaguardia della popolazione che si ha l’onore e l’onere di rappresentare e tutelare.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

Etichette: , , , ,

6 Commenti:

Alle 13 dicembre 2011 08:31 , Anonymous antonio sabatano ha detto...

la zona R4 di cui si parla fu oggetto nel passato di sgombero immediato facendo rientrare tutte le attività commerciali all'interno della cava Lubrano. Se ben ricordo...........e la mente non mi inganna fu fatta un'ordinanza ad horas per lo sgombero............però molto probabilmente poichè entravano in gioco interessi di amici o parenti di politici il tutto rimase bloccato.....nonostante ci si gioca con la vita delle persone.......dimenticavo....la cosa è a conoscenza sia dell'attuale maggioranza che dell'attuale opposizione che all'epoca era maggioranza..........traete voi le somme......si aspetta una catastrofe?

 
Alle 13 dicembre 2011 09:06 , Anonymous Anonimo ha detto...

Premesso che il problema rilevato è decisamente scottante, e che la soluzione proposta (spostamento dei locali dall'altro lato della strada) è l'uovo di cristoforo colombo che nessuno vuole rompere, c'è da dire che i locali presenti sulla panoramica insisono su superfici di proprietà della famiglia Lubrano tra cui cìè anche la moglie di Domenico Scotto di Carlo, ex assessore e attuale consigliere di maggioranza, e per le quali i su detti locali pagano un canone di locazione. Anche i terreni che attualmente vengono adibiti a parcheggi che sono abusivi e a a pagamento senza che i parcheggiatori versino un euro allo stato, sono di proprietà (la maggior parte) della famiglia Lubrano. Quindi immaginate in quale situazione difficile si trova e si troverebbe il sindaco se volesse mettere mano a una procedura di esproprio oppure di chiusura dei locali. Ed infine, al caro Sabatano pongo una domanda: Ma davvero crede di essere il duro e puro, cavaliere senza macchia e senza paura? Non è che anche lui ha qualche piccolo peccatuccio che fa finta di dimenticare?

 
Alle 13 dicembre 2011 13:16 , Anonymous Anonimo ha detto...

Chi è senza peccato scagli la prima pietra.
Chi ne ha qualcuno da nascondere la scagli e ritiri la mano.
Chi ne ha tanti, faccia finta di niente.

 
Alle 13 dicembre 2011 13:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vincenzo Pugliese
per la serie se viene una pioggia pesante rischiano di cadersene giu loro, i ristoranti e tutti quelli che ci stanno dentro??

 
Alle 13 dicembre 2011 22:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

salve a tutti,
il problema è sempre lo stesso, o si vede il bicchiere mezzo vuoto o lo si vede mezzo pieno!
Ma... difficile sbrogliare la matassa!
Solo quando il bicchiere sarà frantumi e senza acqua alcuna allora forse ci accorgeremo e ci emozioneremo e ci indigneremo e poi... e poi ce ne dimenticheremo.. come al solito!

Questa è la cultura che ci portiamo dietro, anzi dentro, che ci fa sempre nascondere dietro al proprio dito senza mai decidere.

La proposta è bella ma non balla, la denuncia sdegna ma non indigna più nessuno.

ci siamo cosi abituati che se pur piovesse merda ci tapperemmo il naso aprendo la bocca!

Delusione e disillusione che ci pervade e ci vede frustrati , disarmati davanti a tanta ingiustizia e iniquità.

Dateci dentro ragazzi, date vita a movimenti, ad associazioni, date fuoco alle idee e alle parole può essere che la massa si ridesti dal torpore che l'avvolge.

Un cittadino Montese

 
Alle 14 dicembre 2011 07:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Bravi..le auto a via panoramica sono uno scandalo, ci voleva freebacoli per mettere questo scandalo in prima pagina....di notte pericolo per la circolazione.....fate chiudere i locali....tutti

 

Posta un commento

Il Decalogo dei Commenti, ovvero.. Piccole Regole per un Vivere Civile:

1 - Se il tuo commento non viene pubblicato in maniera subitanea, ATTENDI. Possibile che la Redazione non sia online.

2 - Se scrivi parolacce, ingiurie, offese, se imprechi, se auguri strane morti e il tuo commento non viene pubblicato, NON STUPIRTI

- Corollario al punto 2 - Continuare a offendere la Redazione non aumenterà le possibilità di pubblicazione del commento

3 - Se ti lanci, da anonimo, in una sorta di denuncia verso terzi, accusando questo o quello di associazione a delinquere e/o di altri misfatti e il tuo commento non viene pubblicato, NON MERAVIGLIARTI. Puntare il dito contro la Redazione accusandola di omertà o di connivenza è, ti sembrerà strano, inappropriato. Noi ci assumiamo la piena responsabilità di ogni parola pubblicata, mettendo, SEMPRE, i nostri nomi e cognomi… tu?

4 - Se esprimi un concetto non c’è bisogno di altri mille commenti per avvalorarlo. Soprattutto se ti fingi ogni volta una persona diversa.

5 - Firmare un commento, segno di civiltà e responsabilità verso le proprie opinioni, è sempre cosa gradita. A maggior ragione se corrisponde alla tua vera identità

SE AVETE PROBLEMI NELL'INSERIRE I VOSTRI COMMENTI, INVIATELI A: freebacoli@live.it

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page